giovedì 6 marzo 2014

Tentazioni da killer


Un po' di tempo fa mi è successa una cosa strana. Ero al super e mi ero acquistata un nuovo fiammante coltello da pane.
Alla cassa la commessa aveva bisogno di liberarsi di un peso. E mi ha spiegato, con estrema serietà, che non avrei dovuto prendere quel coltello con la leggerezza con cui lo stavo facendo. Quello era a tutti gli effetti un'arma e io avrei dovuto chiedere un permesso\autorizzazione per circolare.
Quando le ho fatto notare che l'avevo semplicemente preso al reparto cucina e che avevo intenzione di affettare il pane, lei è rimasta per pochi attimi in silenzio, fissandomi come si può fissare una poveraccia che non capisce. E, posando il mio coltello del pane in un angolino, era tornata a spiegarmi che era pericoloso, che certo l'avevo preso per il pane, ma che nessuno avrebbe potuto impedirmi di usarlo in un modo diverso.
Mi ha spiegato che non potevo mostrarlo liberamente e mi ha guardato con occhi torvi, così sussurrando ho chiesto: "Mi da un sacchetto in mater-bi?"
Sono quasi certa di non avere una faccia da killer, a volte sono persa nei miei pensieri, ma in linea di massima cerco di andare in giro con un sorriso.
Sono quasi certa che non ero nel mezzo di una brutta giornata e di aver salutato con gentilezza la cassiera.
Lei alla fine del conto mi ha passato il coltello che ho prontamente nascosto nel sacchetto.
Nei giorni successivi sono nate in me queste ipotesi:
A. la cassiera aveva mangiato pesante o fumato qualcosa di buono
B. io non mi rendo conto di quale faccia porto in giro
C. la cassiera voleva trasformarmi in un mostro
D. ...

PAN BRIOCHE ALLA MARMELLATA


500 g di farina tipo 2
20 gdi amido di mais
150 g di pasta madre non rinfrescata
50 g di succo di limone
160 g di latte di avena
125 g di succo di mela concentrato
70 g di olio extravergine d'oliva delicato
1 c di vaniglia in polvere
1 c di sale marino integrale
marmellata alle ciliegie senza zucchero

Sciogliere la pasta madre nel succo di limone e in poco latte vegetale.
Unire la farina, l'amido e iniziare ad impastare. Unire il succo di mela concentrato e continuare a lavorare, aggiungendo il latte vegetale avanzato un poco alla volta, fino a farlo assorbire tutto.
Bisogna ottenere un impasto morbido, elastico e asciutto.
Continuare ad impastare, aggiungendo un cucchiaio di olio alla volta facendola assorbire tutto ogni volta.
Finito l'olio, unire il sale e lavorare a lungo.
A questo punto mettere l'impasto in frigo per 15 ore e quando l'ho si  riprende lasciarlo a temperatura ambiente per due ore.
Stendere l'impasto in una sfoglia, spalmare la marmellata, arrotolare su sè stesso e adagiarlo in uno stampo da plumcake.
Coprire con pellicola e lasciare lievitare fino a quando manca circa 1 cm al bordo.
A casa mia le temperature non sono ancora alte e ci ha impiegato circa 9 ore.
Cuocere a 180° per 45 minuti in forno statico.

Lavorare sugli impasti dolci lievitati vegan, usando farine non raffinate e solo dolcificanti naturali per quanto mi riguarda è una sfida.
Devi conoscere l'impasto, devi capire come ogni cosa agisce e si comporta quando diventa parte del tutto. Devi sapere quali sono gli effetti di un ingrediente e scoprire come sostituirli.
Ho iniziato a studiare il fiordilatte dei Fables e a fare delle prove. Sono arrivata ad una prima proposta che ha funzionato, ma potevo fare di più. 


Grazie ad un lungo e istruttivo confronto con Claudio in cui abbiamo analizzato ingrediente per ingrediente, abbiamo formulato una nuova versione, che però nella pratica era troppo sbilanciata e non andava. Alla fine, facendo tesoro di tutte le spiegazioni generosamente e pazientemente regalate da Claudio, uomo super logico e ferreo, a me, gallina illogica e svampata, ho miscelato le due versione per semplificare la prima e per arrivare a questa che mi ha davvero soddisfatto.
E poco prima di impastare ho letto questo illuminante post di Aldo: un altro maestro con i lievitati e ci ho provato subito!
Ringrazio questi maestri con il cuore.


Partecipo alla raccolta di Daria Integralmente: troverete fantastiche proposte dove vengono utilizzate solo farine naturali e non raffinate!

25 commenti:

  1. Molto molto buono.. sai che anche io feci una cosa simile senza uova??? dovrò provare con la pastamadre.. che all'epoca non avevo.. smack

    RispondiElimina
  2. E' il caso di dire "che storia!" Confermo: non hai la faccia da killer ;-) e non serve nemmeno la "licenza di uccidere" per questo dolce visto come è fatto! :-)
    Prendo nota di tutto e sperimenterò, ho molti coltelli da pane in casa... ;-)

    RispondiElimina
  3. Salvata questa bella ricetta! Ma... se non trovo latte d'avena, posso sostituirlo, ad esempio con quello di mandorla (che non so se trovo senza zucchero) o latte di soia alla vaniglia? O di riso al cioccolato? (aaaa scusa, ma secondo te cos'è meglio?) E il nettare di mela può andare? Qui i supermercati non sono molto forniti... secondo te l'ha sostituzione degli ingredienti può compromettere il risultato?

    RispondiElimina
  4. Ma che storia! Ottimo il tuo pan-brioche, la mia versione del Fior di latte è il Fior D'aria, ormai super collaudato... riesce sempre morbissimo e di una leggerezza unica, infatti è il dolce che le bimbe mi chiedono di più (anche per i compleanni): e pensare che lo faccio senza zucchero! ;-)
    PS: logicamente questo rotolo è ben accetto anche nella raccolta integralmente se ti va... ;-)

    RispondiElimina
  5. Che bel pan brioche!
    Risalendo alla storia del coltello, colonna sonora direttamente da "Psycho". Essendo stata tu la protagonista della vicenda è comprensibile che tu ti faccia alcune domande, ma secondo me "il film" ce l'aveva in testa la cassiera, a prescindere dalla tua espressione e dal tuo modo di porti. Io propenderei per la "A", qualsiasi cosa abbia assunto, era presa assai male!

    RispondiElimina
  6. fortissima la foto,sembra la copertina di un nuovo libro della Cornwell!!
    delizioso :)

    RispondiElimina
  7. Ma davvero Claudia? Anche tu con farine non raffinate, senza latticini, senza soia, senza zucchero? wowww vero che è una bella complicata alchimia?

    Eva! Benvenuta :D Puoi sostituirlo con tutto quello che mi hai detto...sapendo che il latte di soia sarà più grasso e via via fino al succo di mela sarà solo liquido...cambierà pochino la consistenza ma nemmeno troppo. Per esempio il secondo che vedi..quello con le pallette era fatto con latte di mandorle senza zucchero! Che si trova! Fammi sapere se ci provi e grazie

    Cì...eh meno male che c'è chi testimonia che non ho la faccia da killer....è stato troppo divertente inciampare nelle fantasie della cassiera :D ho proprio voglia di vedere cosa farai con la tua pasta madre e quei coltelli ;)

    Daria vengo a curiosare il tuo fior d'aria....avevo bisogno di partire da zero per essere più consapevole e quindi ho ragionato un po'...davvero posso partecipare...pensavo che con la semintegrale non era ok!!

    Grazie Mirtilla :D

    Cincia eheh si davvero era una tipa strana....per poi fare tutti quei discorsi sul lavoro...magari non aveva digerito... 0__o

    RispondiElimina
  8. Non era in sé in quel momento... infatti poi ci ha ripensato.

    RispondiElimina
  9. uhsignur questa è nuova!
    Na roba del genere non mi era mai capitata....
    ...forse era lei ad avere dei problemi, non credi?!
    baci cara e pensa sempre che il mondo è bello perchè vario...o avariato, bah...
    strepitoso il tuo pandolce!

    RispondiElimina
  10. Diciamo che la cassiera ha dei problemini......cmq questo pan brioche è delizioso, anche per la prima colazione;)

    RispondiElimina
  11. Secondo me aveva fumato, ma qualcosa di non troppo buono! :D

    RispondiElimina
  12. MI piace tantissimo questo splendido Pan brioche... domenica lo faccio a Fausto, una variante alla focaccia dolce per colazione!!!! ps secondo me la commessa aveva fumato....

    RispondiElimina
  13. Mi piacciono tanto queste ricettine!:D
    http://duecuoriinpadella.blogspot.it/

    RispondiElimina
  14. Secondo me la cassiera guarda troppo CSI ;)
    stupendo questo pan brioche integrale!!! :)

    RispondiElimina
  15. Anche secondo me la cassiera vede troppa TV, e già si vedeva piagnucolare davanti alla telecamera intervistata dal giornalista di turno: "Ve lo giuro, io l'avevo avvertita...ma lei non mi ha ascoltato! Se lo avesse fatto a quest'ora il PanBrioche sarebbe ancora tra noi!" Sigh! Ciao!

    RispondiElimina
  16. Magnifica l'alveolatura, davvero sfizioso questo tuo pan brioche!
    Riguardo alla cassiera, secondo sta di fuori completamente!!!

    RispondiElimina
  17. Mi ha fatto sorridere. La cassiera vede decisamente troppa tv! Il tuo pan brioche è fantastico. Anch'io sto sperimentando vari impasti sugar-free. Dici che con il lievito di birra è fattibile? La pasta madre non è il mio forte. Buona settimana Lo!

    RispondiElimina
  18. D.
    Come é il detto ?
    La gatta della dispensa quello che fa pensa
    Tradotto: la cassiera é una serial killer
    Quindi cara Lo cambia super ;)

    RispondiElimina
  19. Mi hai atto ridere di gusto, io non ti conosco, ho visto il tuo viso durante la mia fugace apparizione su fb ma non ricordo nel tuo sguardo qualcosa di così inquietante da temere per la mia incolumità... Hai ragione, secondo me, la cassiera o vede troppa televisione o deve cambiare la "merce" ;-) Bacione.Nel dubbio io spezzerò il tuo pane con le mani :-D

    RispondiElimina
  20. che divertente, per me aveva paura che lo usavi su di lei, la migliore difesa è l'attacco ha pensato :-)))

    RispondiElimina
  21. LOL... tu l'unica cosa che riesci a fare con quel coltello e questo post è farmi ammazzare dalle risate!!!
    Tranquilla, evidentemente la commessa era ossessionata dai coltelli da cucina! :D

    RispondiElimina
  22. hai l'aria da serial killer..... LO!!! sicuramente la cassiera si era alzata con il piedi sbagliato o si era fumato qualcosa di veramente buono! perfetti i tuoi esperimenti.,..... ciao tesoro mio!
    Sandra

    RispondiElimina
  23. oddio Lo, secondo me é tutte queste notizie negative che circolano in tv e in ogni ora a far sviare il cervello della gente, certo é una storiella davvero singolare questa della cassiera...mhaaa!!!
    parliamo d'altro, questo tuo pan brioche fantastico, ma finché non trovo il succo concentrato di mele :p, comunque ho capito che se voglio perfezionarmi in lievitata é da te che devo venire a cogliere suggerimenti ed anche dal tuo amico Aldo!!! ti abbraccio

    RispondiElimina
  24. Sono morta dal ridere leggendolo :)))))))
    Io voto l'ipotesi A !

    RispondiElimina
  25. Gianna...che tipa!
    Simo a me ha fatto ridere...ero sicura di aver preso quel coltello solo per il pane ;)
    Pamy....eh si!!!
    Stefi...forse :D
    Feli mi dici come ti sei trovata? :*
    grazie Alexandra
    Terry è vero ...è un'altra opzione
    Oddio Spirulina...un caso mediatico!!!
    Grazie Letissia ....che bello che hai osservato l'alveolatura :*
    Silvia scusami per il ritardo....certo che è fattibile con lievito di birra!!!
    LUbyyyyyyyy pauuuuura!!!
    Libera...giuro sono buona!!!! Puoi portarti il tuo coltello da casa però...armi pari!!!
    Gunther io non ci avevo pensato fino a quel momento...
    Danda...chissà che esperienze ha avuto nella nostra tranquilla cittadina di provincia :D
    Sandra ciao tesora
    Pat si era fatta un filmone...dal titolo La vegana che uccide con il coltello da pane!!! E grazie per le belle parole
    Erika....era persa!!! :D

    RispondiElimina