martedì 29 ottobre 2013

Strano questo autunno


Strano questo autunno.
Si tiene solo il colore, gioca con l'apparenza: per il resto fa di testa sua.
E' caldo, ma il caldo non si intona con il grigio. Stanno male insieme.
Un po' come il rosso con il rosa: non si possono stare a vedere. 
Ci vorrebbe il sole che brilla, che regala luce. 
Allora tutti saremmo a dire: "Un autunno così non si è mai visto."
E invece siamo qui che ci muoviamo adagio, un po' istupiditi, un po' intristiti. 
E giochiamo ancora con i maglioncini di cotone.
Che per altro, insieme a tutto il resto, non asciugano mai.
Cerchi di asciugarli con gli occhi, ma non funziona.
Strano questo autunno.
Ci fa contare le gocce di pioggia che cadono nelle pozzanghere.
Mi fa accendere la radio per non stare sola. Mi fa voglia di partire.

CREMA DI CIME DI RAPA E PEPERONCINO CON FARINATA CROCCANTE


olio extravergine d'oliva
aglio
1 batata
1 mazzo di cime di rapa fresche
2 cm alga wakame
30 gr di farina di riso
sale marino integrale
1 peperoncino fresco
1 c per persona di miso di riso

2 fette di farinata di ceci avanzata

Scaldare un cucchiaio di olio evo con uno spicchio d'aglio.
Unire una batata tagliata a pezzi e un pizzico di sale marino integrale.
Aggiungere le cime di rape lavate e tagliate e un poco di alga wakame ammollata e tritata.
Unire 30 gr di farina di riso integrale sciolta in poca acqua fredda.
Cuocere per circa 15\20 minuti. Durante gli ultimi 5 minuti unire il peperoncino fresco.
Frullare e trasformare in crema.
Prendere un poco della crema calda e stemperare il miso di riso (1 c. per persona) e unire alla zuppa mescolando bene. Tagliare a quadrotti due fette di farinata e saltare in olio extravergine caldo fino a quando non saranno croccanti.
Usarli per decorare la crema

Una zuppa è quello che ci vuole, scalda quando si ha freddo. Anche il peperoncino ci vuole, accende l'energia. Il rosso contrasta il grigio. E io ho una gran voglia di energia per godermi tutte le attività che abbiamo preparato per i corsi di novembre, corsi che hanno già un leggero gusto natalizio.

Per dare cremosità ho usata una batata...no non ho scritto sbagliato...
La batata è il tubero della Ipomoea batatas e appartiene alla famiglia delle Convolvulaceae. Originaria  dell'America del Sud,ha una storia di quasi 5000 anni. Grazie a Cristoforo Colombo venne importata in Europa e in Asia.
Quando la trovo coltivata in Italia la prendo e me la gusto, perchè ha una ricchezza nutritiva davvero notevole: ricca di fibre, calcio e fosforo,  contiene anche vitamina A, vitamina C ed è  antiossidante grazie alla ricchezza di flavonoidi.
Ha un sapore dolce, ma che non si impone e potete tranquillamente usarla in tutte le ricette che prevedono la patata o la zucca.
Per altre info qui.

21 commenti:

  1. Mi piace...molto! La farinata tra la zupa non l'ho mai provata...perchè non avanza mai a costo di ingozzarsi ...ma pensandoci è una genialata!

    RispondiElimina
  2. ora anche la batata: dove la trovo io la batata?
    bella sei!
    baci grossi
    Sandra

    RispondiElimina
  3. amo i piatti semlici, senza troppe retese di complicatezza...
    dai gusti anche un po' "vecchi" se vogliamo

    RispondiElimina
  4. Adoro la farinata!!!! La batata la mangiamo spesso, da noi si chiama boniato e ci faccio di tutto. Pensa che qui a Girona ci fanno anche dei dolcetti tipici proprio durante questi giorni….
    Bello il tuo corso di cucina naturale!!! Buon divertimento :)
    Baci
    Dani

    RispondiElimina
  5. Sai che..c'ho giusto la farinata avanzata di ieri sera?! :D mi sa che...;)

    RispondiElimina
  6. è vero un autunno che qui da noi sembra una primavera estiva se consideri che fino alla scorsa Domenica ancora si andava a mare(non io ben inteso) complimenti per questa ricetta molto particolare.
    bacio

    RispondiElimina
  7. non me lo dire, a Roma siamo ancora a mezzemaniche, ogni giorno è una sudata, voglio un bell'autunno frescolino, umido e pieno di colori, invece di questa triste fine estate afosa...adoro le tue ricette vegetariane, sono sane e insieme piene di gusto, e poi le cime di rapa io le metterei dappertutto!

    RispondiElimina
  8. si è proprio strano questo autunno, oggi è 31 ottobre e di giorni ancora vado in giro in maniche corte e sandali, ottima la tua ricetta, la provo!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. Insolito davvero questo autunno, in me aumenta l'incertezza sulle cose da fare. Sulla bontà della tua zuppa non ci piove, è una vera coccola da regalarsi:)

    RispondiElimina
  10. un autunno strano decisamente caldo, spero no faccio un inverno freddissimo ma almeno avrò questa fantastica zuppa a farmi compagnia

    RispondiElimina
  11. Ecco non ho mai utilizzato la batata (sembra di avere il raffreddore!) devo provare :-)
    Baci

    RispondiElimina
  12. La batata rossa di Agrilatina l'ho provata diverse volte, arrostita, in chips, in insalata e in purea, mi piace tanto il suo colore!
    Golosa questa vellutata, piccantina e rustica, come piace a me. E la farifrittata ci va a cecio!
    ;)

    RispondiElimina
  13. verissimo! il rosa con il rosso nun se po' vedè!!!! è esattamente il quadretto reso colore di questo periodo! mi consolo con questa meravigliosa zuppetta, ecco sì!

    RispondiElimina
  14. La farinata saltata in padella! Sei un genio del male ;-) Il tupi te ne sarà infinitamente grato...

    RispondiElimina
  15. Hai proprio ragione, la zuppa è quello che ci vuole per chiudere con dolcezza una lunga giornata..... mi piace questa vesione con batata e cime di rapa..... sfiziosa ;.)

    RispondiElimina
  16. stranissimo anche da queste parti con caldo e sole da andare a mare, ma l'atmosfera è quella della tristezza autunnale
    :*
    Cla

    RispondiElimina
  17. molto interessante questa ricetta con le alghe che fanno benissimo

    RispondiElimina
  18. i tuoi post mi stupiscono sempre, le tue ricette sono originalissime! buon week end!

    RispondiElimina
  19. I absolutely love your blog and find most of your post's to be
    what precisely I'm looking for. Would you offer guest
    writers to write content in your case? I wouldn't mind creating
    a post or elaborating on a number of the subjects you write about
    here. Again, awesome web site!

    my web blog :: heated cat house canada

    RispondiElimina
  20. Younger children should not be exposed to violence or inappropriate
    content. Children can absorb a lot of information from video games and most just love the excitement
    of playing them. The majority of games include audio sections in their menus.


    my site - clash of clans hack

    RispondiElimina