giovedì 3 ottobre 2013

Cani sciolti



Sono piccole incrinature, quelle che in qualche modo graffiano il cuore. Sono stupita di come sia quasi automatico per l'essere umano presentarsi in modo sgradevole. Forse il peso è maggiore nel paese in cui viviamo. 
Siamo cani sciolti, che vogliamo un padre cattivo che ci tradisca e che ci comandi. Che vogliamo avere regole per sputarci sopra e sentirci forti.
Che giriamo troppo in fretta la testa dall'altra parte, che ci accontentiamo di grandi manifesti per responsabilizzare una tragedia.
Basta che non ci tocchi, basta che non ci riguardi.
Grandi sceneggiatori di psicodrammi inconcludenti, basta non occuparsi della realtà.


AZUKI E ZUCCA 



200 gr di azuki già cotti
300 gr di zucca
2 carote
1 cipolla
1 piccolo gambo di sedano
olio extravergine d'oliva
prezzemolo
sale marino integrale
shoyu

Pulire e tritare le carote, la cipolla e il sedano.
Scaldare un wok con 1 cucchiaio di olio evo, aggiungere le carote e un pizzico di sale e saltare per un minuto. Fare lo stesso con la cipolla e poi con il sedano.
Unire infine la zucca, il pizzico di sale e saltare tutto ancora per due minuti.
Unire gli azuki e un mestolo del loro brodo (oppure di acqua) e proseguire la cottura con coperchio chiuso e fiamma bassa per circa 20 minuti.
Una volta cotto, a fuoco spento condire con lo shoyu e prezzemolo fresco tritato.

Un'altra ricetta che prende ispirazione dal libro Cucina Etica ed. Sonda  e che decisamente riesce a dare un tono di colore alle giornate grigie di questo inizio autunno. Oltre al colore regala anche quel buon sapore di dolce, non quello stucchevole che ci fa sempre sentire che manca un pezzo, ma quello avvolgente che ci può accompagnare per un tempo lungo. Gli azuki sono piccoli fagioli rossi, equilibrati e salutari. Che non c'entrano nulla con la soia. Io li ho accompagnati con una polenta gialla fatta senza girare

23 commenti:

  1. E' vero. Siamo dei gran commedianti.
    Però questa polentina, con gli azuki (che mi fan tanto bene ai reni), forse ci potrà regalare un po' di "buon" equilibrio e riportarci coi piedi per terra ;-)

    RispondiElimina
  2. Le tue parole mi fanno pensare ... Ma la tua ricetta la voglio di sicuro provare! Per combinazione ho fagioli rossi lessati (non azuki) che dici posso sperimentare lo stesso? Cambierà di tanto?

    RispondiElimina
  3. Troppo spesso "parole di circostanza " e troppo pococ cuore nei confronti del mondo,

    RispondiElimina
  4. riflessione forte, tanto vera e attuale.
    A proposito della tua ricetta...sai che gli azuki non li conosco?!
    Un bacio amica mia

    RispondiElimina
  5. Difficile imprimere il mio pensiero su questo piatto splendido.... Le tue parole, la tua critica, il tuo pensiero sono forti e importanti. E ti ammiro per questo.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Condivido i tuoi pensieri...
    Per fortuna che questo piatto li riscalda un po'... buonissimo!

    RispondiElimina
  7. tesoro sei fantastica! ed anche questo piatto e questi colori!!! uhhh che buoni gli azukiiiii!!! :)

    RispondiElimina
  8. Un gustosissimo abbinamento, perfetto da ora e per tutta la stagione invernale che arrivera (purtroppo) anche se sinceramente io lo gusterei anche in piena estate :-D

    RispondiElimina
  9. facciamo di tutto per non vedere la realtà, ognuno nel nostro piccolo. razza bastarda l'h.sapiens sapiens.
    gli azuki li adoro e cammino spesso spesso!
    baci donna meravigliosa
    Sandra

    RispondiElimina
  10. Parole sacrosante, Lo. Pare che il nostro motto ( e ci metto dentro tutti) sia "Basta che non ci riguardi e che possiamo fare la parte degli spettatori", è triste, ma corrisponde a verità.
    Piatto autunnale, piatto ricco, piatto salutare, ci piace.
    Buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Come sono vere le tue parole Lo.. purtroppo! indifferenza.. menefreghismo... In fondo.. basta che non sia successo a noi no??? Che tristezza.. :-(..:-(.. ti abbraccio

    RispondiElimina
  12. Col cuore a pezzi per Lampedusa evito qualsiasi commento...
    Un abbraccio grande, mi faccio coccolare dal tuo piatto.

    RispondiElimina
  13. Parole amare che condivido, si fatica a tenere sveglia la coscienza.
    Il piatto, invece, è una coccola, perfetta per questo cambio di stagione. Un abbraccio :)








    RispondiElimina
  14. cara Lo,
    verissime parole quelle hai scritto!
    viviamo in una società menefreghista, ipocrita ed egoista purtroppo!
    è sempre un piacere passare nel tuo blog!
    quel posto con la fontana lo conosco :-) bei ricordi mi ritornano in mente :-)
    invece le ricette etniche scarseggiano nella mia cucina e dovrò provvedere a colmare perché sono fatte con ingredienti salutari :-)
    un bacio Carla

    RispondiElimina
  15. Gli azuki con la polenta non li ho mai provati, proprio fusion :-)

    RispondiElimina
  16. che bella reflessione anche la foto della baviera non è casuale :-)

    RispondiElimina
  17. ..non li ho ancora provati questi fagioli. Gli stufati di legumi piacciono molto anche a me, proprio oggi per pranzo ne ho preparato uno accompagnato con il basmati.
    buona domenica :)
    Sissa

    RispondiElimina
  18. Ci fai sempre riflettere, ma apprezzo che questo avvenga pensando anche un po' alla zucca ...

    RispondiElimina
  19. Ma quante belle cose mi insegni, non conoscevo affatto questi fagioli! Menomale che ci sei tu... e Google ;)
    Un super abbraccio cuginetta pennuta :*

    RispondiElimina
  20. akuki e zucca un ottimo abbinamento

    RispondiElimina
  21. una gustosa ricettina autunnale, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

  22. Quando si dice “comfort food”… :)
    ristoranti roma http://restaau.it/Search/City/ristoranti-roma.html

    RispondiElimina