giovedì 12 settembre 2013

Passaggi che si incontrano



Questa mattina, sopra la mia testa, autunno ha incontrato estate.
Hanno parlato un po', forse deciso qualcosa.
"Io mi prendo per ora mattina e sera, tu continua a scaldare il cuore degli uccelli, per portare giù i canti del cielo."
"Andrò via piano, lentamente...arriverò più tardi, ma accarezzerò ancora visi e capelli, solo sarò un po'più delicata. Darò forza agli ultimi fiori per diventare frutti. Ma tu dovrai parlare con le foglie, spiegare loro il perchè."
"Sussurrerò loro come fare per cambiarsi d'abito, per diventare prima meraviglia e poi briciole, dove trovare la forza per guardarsi dentro, per conoscere la terra."
E io, un po' sgomenta, stavo là sotto e sapevo che in fondo è ineluttabile.

FOCACCIA PUGLIESE A LENTA LIEVITAZIONE


100 gr di pasta madre
500 gr di semola di grano duro
1 batata
sale
fiordisale
olio extravergine d'oliva
pomodorini


Sbucciare la batata e lessarla in acqua bollente per circa 15 minuti fino a che sarà morbida. Lasciarla raffreddare e frullarla per ridurla in purea.
Sciogliere la pasta madre in un pochino di acqua tiepida, insieme ad un cucchiaino di malto d'orzo, quindi unire la semola, la patata e acqua quanto basta per formare una pasta molto morbida e appiccicosa. A metà lavorazione unire il sale e 3 cucchiai di olio. Impastare a lungo  e metterla a lievitare in frigo per circa 20\24 ore.
Togliere la pasta dal frigo e lasciarla a temperatura ambiente per circa 2 ore, quindi stenderla in una teglia unta di olio extravergine d'oliva, stendere con le mani bagnate la pasta. Lasciare coperta con un canovaccio fino al raddoppio (circa 5 ore).
Tagliare i pomodorini. Distribuire sulla superficie insieme a qualche grano di fiordisale. Versare a giro altro olio extravergine d'oliva
Infornare a 250° in forno ventilato per circa 20 minuti fino a doratura.


Sono golosa di semola, mi piace come si lavora, come lievita, la morbidezza rustica che regala.  La semola di grano duro che preferisco è quella del Senatore Capelli. Quest'estate ogni week end eravamo via e questa focaccia partiva con noi. Preferisco usare la batata quando la trovo. Ovviamente si può sostituire con una classica patata.

Con questa focaccia partecipo a Panissimo, evento creato da Barbara e Sandra che ospita l'edizione di Settembre.

15 commenti:

  1. Cara Lo, quanto mi piace leggerti. Oggi mi hai emozionato!
    La focaccia poi, è una bomba! Baci :)

    RispondiElimina
  2. Hai detto bene, "passaggi", perché le stagioni da quattro che dovrebbero essere ne sono rimaste due...con relativi cambiamenti repentini e indesiderati!
    Molto democratico l'incontro, per la suddivisione (equa) della giornata, certamente loro hanno saputo mettersi d'accordo.

    Ciao Lo, a presto!

    RispondiElimina
  3. La batata l'ho vista al bio e ci ho pure pensato... poi l'ho lasciata lì perché sono un'indecisa. La pasta madre... be', sto finalmente leggendo come si fa perché mi sono decisa a farla seriamente. Non come la prima volta che ho abbandonato subito. Mi ricordo che anni fa andava tantissimo di moda tra i blogger, e ovunque era un gran parlare di lei. E sono contenta perché la "mania" per gli ingredienti genuini è una bella cosa :)
    Baci baci

    RispondiElimina
  4. Mi sono innamorata di questa focaccia tantissimi anni fa durante una vacanza in Puglia, ma sopratutto dopo aver gustato quella fatta dalle famiglie e non quella dei fornai. Mi sono fatta spiegare nei dettagli il procedimento e gli ingredienti, al rientro avevo provato immediatamente, ma il risultato non mi aveva soddisfatto..... è arrivato il momento di riprovarci, mi piace l'idea della Batata e cercerò di trovarla per provare questa ricettina!!!! :-)

    RispondiElimina
  5. Io invece la mattina ansdando a lavoro in bicicletta con quel vento che fischia giù dalla montagna e mi taglia in diagonale la cervicale ... invece di questo vorrei tanto incontrare la tua focaccia focacciosa a metà strada °_°

    RispondiElimina
  6. O_O Sotto questo incontro di estate e autunno ammiro la tua creazione placando gli istinti avidi di prenderla a morsi! ^_^ Spettacolare!

    RispondiElimina
  7. Cara Lo tutto bene , sempre buoni propositi ogni volta che cambia stagione ....ti abbraccio forte dalla casa sullalbero

    RispondiElimina
  8. io sono quasi contenta che estate lasci il posto ad autunno..... così soffice e caldo. stagione bellissima per pensare e ... camminare!
    grazie amica mia, grazie

    RispondiElimina
  9. Ahahah!!! E io che pensavo che batata fosse un errore di battitura!!!Ciao Lo, la tua focaccia dev'essere buonissima. Io adoro l'estate, il sole, il mare...e la focaccia da portare dappertutto. Kissesssssss

    RispondiElimina
  10. la lentezza giova nel viaggio ma anche in cucina :-)

    RispondiElimina
  11. stagione che avanza va beh pazienza addio quasi estate, bella quella focaccia lenta ma di gran gusto

    RispondiElimina
  12. Questo paesaggio l'ho incontrato molto di recente, sono appena tornata dalla val d'Itria e sono di metà materna di origine pugliese! Questa focaccia mi fa impazzire, ne ho pubblicata anch'io una versione come focaccia mamma (dato che ho preso da lei la ricetta... più o meno, anche perché vado a ricordo).
    Dovrei provare a rifarla con la semola come la tua e poi ti dirò (ma chissà quando, ora sono sotto un'ondata di superlavoro).
    ;)

    RispondiElimina