martedì 26 marzo 2013

Si...viaggiare.....


Io vorrei proprio partire. Avrei bisogna di vivere dentro al verbo andare. Avrei bisogno di ridurre il mio spazio vitale nel piccolo parallelepipedo del nostro nano-camperino e di vivere in stretto contatto fra le zampe dei miei cani, gli abbracci del galletto e i baci della gnoma. Avrei bisogno di vivere lenta, lenta. Di pensare al girovagare, con i piedi e con la testa. Di lasciare sospendere i pensieri fra fette di cielo che non conosco. Di annusare erba di prati che iniziano a rinascere.
Non fa nulla se piove. Se il cielo continua a bussare sulla testa. Non ho voglia di un riparo troppo comodo e troppo grande.
Ma dello spazio tendente all'infinito piccolo e probabilmente al proporzionalmente umido.
Qui vedo i semi di un prossimo futuro germogliare e annuso l'effervescenza dei preparativi. E per essere pronta voglio creare il mio personalissimo stato di pausa.

LA COLOMBA A LIEVITAZIONE NATURALE VEGAN E SENZA ZUCCHERO



per il poolish:
120 gr di pasta madre
120 gr di farina di farro integrale
150 gr di acqua

per l'impasto:

450 gr di farina di farro integrale
50 gr di fecola di patate
20 gr di semi di lino
100 gr di mandorle spelate
125 gr di yogurt di soia naturale
1 cucchiaino di sale
3 cucchiai di olio extravergine d'oliva
100 ml di latte di soia
1 mela e 1 arancia o in alternativa succo di mela
80 gr di uvetta
1 limone
1\2 cucchiaino di vaniglia
1 cucchiaino di polvere d'arancia
50 gr di canditi al malto

per la copertura:
2 cucchiai di malto di riso
80 gr di mandorle spelate
1 cucchiaio di acqua

La sera precedente preparare il poolish:
- sciogliere la pasta madre nell'acqua e unire la farina fino ad avere un impasto molto morbido, metterlo in una ciotola, coprirlo e farlo riposare tutta la notte

La mattina successiva:
- ridurre a farina i semi di lino, con l'aiuto di un tritatutto o di un macina caffè
- ridurre a farina anche le mandorle
- lasciare in ammollo l'uvetta in acqua tiepida, sciacquarla e frullarla con il latte di soia
- centrifugare una mela e un'arancia
- tritare a coltello i canditi
- aggiungere al poolish la farina di farro, la fecola di patate, le mandorle tritate, i semi in polvere, il sale, lo yogurt, 3 cucchiai di olio evo, l'uvetta frullata, la polvere d'arancia, la buccia del limone, la vaniglia, il sale e i canditi tritati
- unire quindi il succo centrifugato quanto basta per ottenere un impasto morbido ed elastico,
- lavorare a lungo l'impasto fino ad averlo incordato,
- mettere l'impasto nello stampo e porre a lievitare per circa 5  ore in luogo tiepido, l'impasto a fine lievitatura deve gonfiarsi fino ad arrivare al bordo dello stampo o meglio ancora superarlo di poco.
- scaldare il forno con funzione ventilato a 180°, mettere un pentolino d'acqua nella parte bassa del forno e infornare per circa 45 minuti
- lasciare raffreddare su una griglia

Per la copertura:
- tritare a coltello le mandorle bianche
- tostare la granella in una padella per pochi minuti
-  unire un cucchiaio di malto e scaldare a fiamma bassa per farlo sciogliere
- versare la miscela ottenuta sulla colomba

Non ci credevo neppure io che poi mi mettevo a fare la colomba. Ma alla fine l'idea mi punzecchiava dentro fino a prendere forma. Poi dovevo usare i canditi al malto preparati in pieno inverno secondo la ricetta che si trova da Daria. Insomma quest'anno la colomba veg e senza zucchero ha un gusto molto molto tradizionale. Potete usare anche farina di frumento, magari una semi-integrale. Tenete d'occhio i liquidi, potrebbe assorbire in modo diverso. E fare il poolish è davvero un'ideona: da una forza all'impasto grande. 
Porto questa colomba al pranzo di Pasqua veg organizzato dalla  splendida Ale.

.

Incrociate le dita per me e per la mia voglia di partire? Insomma....Pasqua con chi vuoi!!!

24 commenti:

  1. Anch'io avrei davvero voglia di partire, di staccarmi da una realtà pesante e gravida di incognite, ma per ora mi accontento di partire con la fantasia. Deve essere buonissima la tua colomba vegana, brava!!

    RispondiElimina
  2. Lo che bellezza, bellissima la tua versione, con le mandorle tritate e senza zucchero! Il poolish è ormai indispensabile per me, così la lievitazione risulta più leggera, digeribile e soffice.
    Grazie per la ricetta!!! ^_^

    RispondiElimina
  3. Bella bella la tua colomba... quest'anno sono stata pigra per farla... pensare che l'anno scorso colombavo alla grande! :-) Ma quasi quasi provo la tua anzichè rifare la mia...

    RispondiElimina
  4. Lo, sei troppo brava !!!! Belli i tuoi pensieri e sicuramente ottima la tua colomba vegana.
    Buona Pasqua. Un abbraccio.
    Virginia

    RispondiElimina
  5. E' perfetta la tua colomba vegan ! Anch'io vorrei tanto partire!!!
    Incrocio le dita..per te e anche per me!
    bacio..e buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Oddio Lo, a chi lo dici..... io vorrei proprio partire e non tornare certi giorni, che poi sono tanti.... ma come si fa? bah....

    RispondiElimina
  7. certo mia carissima "lenta" amica, Pasqua con chi vuoi: parti, questo è un ordine, partite tutti, galletto gnoma e cani e gatti. andate lontani o vicini, l'importante è partire... io lo faccio sognando, viaggio sempre io, tutti i giorni!
    colomba strepitosa, niente da dire, la vorrei solo assaggiare!
    un bacio e buon viaggio!
    Sandra

    RispondiElimina
  8. hai fatto un bellissimo e condiviso elogio alla lentezza ed alla libertà, ciao Marina

    RispondiElimina
  9. E se sentì questa necessità prendi e parti... Riprenditi il tuo tempo e non dimenticarti la colomba ;) indispensabile per la prima colazione della mattina ^_^

    RispondiElimina
  10. Mi piace il tuo nano_camperino, un vezzeggiativo che rende familiare un indiscusso mezzo per l'autonimia-del-girovagare, e che contemporaneamente "obbliga" a stare stretti stretti....bellissimo!

    Viva la libertà cara Lo, sempre e comunque.

    A presto.

    RispondiElimina
  11. Bellissimo post. Mi incantano le tue parole. E che sia un bell'andare Lo, te lo scrivo con le dita incrociate :)
    Ricetta deliziosa, come sempre :) A presto!

    RispondiElimina
  12. Ho la soluzione, sali in groppa aa questa goduriosa colomba come fosse il cane de La Storia Infinita e lasciati portare ovunque :)

    RispondiElimina
  13. Mi piace molto la tua definizione di "vivere nel verbo andare", Mi ci riconosco, è mia per natura e formazione. E vedere "andare" tante persone senza poterlo farlo io spesso quanto vorrei, mi affatica e mi fa scalpitare sotto la scrivania.
    Usi le parole come un pennello.
    Un abbraccio forte e Buona Pasqua di cuore.
    Pat

    RispondiElimina
  14. sarei davvero curiosa di assaggiarla, buona Pasqua, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. Buon andare a voi , anche con la pioggia , col profumo del vento ed ogni nuovo filo d'erba .un augurio sincero.

    RispondiElimina
  16. Come sempre è un incanto leggerti... oltre che gustoso!!
    Un abbraccio grande Lollina

    RispondiElimina
  17. Come ti capisco... anch'io vorrei viaggiare, adoro leggerti mi ci ritrovo pienamente :-) Che dire di questa fantastica colomba!!!! come vorrei poterla assaggiare è strepitosa...... ♥ Auguri carissima, ti auguro una serena Pasqua e un bel viaggio.... anche tra le mura di casa propria è possibile...

    RispondiElimina
  18. complimenti, la tua colomba è favolosa, e gli ingredienti sono sani e genuini..bravissima! ti auguro una Buona Pasqua, un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. buona pasqua fatta CARA ottima ideala colomba vegan

    RispondiElimina
  20. per fare una buona colomba ci vuole tempo lentezza, ottimi gli ingredienti

    RispondiElimina
  21. Geillis....avevamo bisogno tutti nel pollaio di staccare...di andare a fare niente ma da un'altra parte :)...quando non si può si viaggia con la testa...

    Ale grazie a te :)

    Daria ...ma io arrivo a fare la colomba solo perchè riesco a vincere la pigrizia che mi parte a Natale per il panettone ;)

    Virginia grazie ti do un bacio

    Nico ci sei riuscita? Io si ...umidamente :)

    Sere...si prende un camperino e metà problema risolto...poi però rimane il ritorno

    Sandra..hai visto partita e tornata...e ho respirato un po' della tua aria

    Grazie Marina :)

    Cami...la colomba è venuta con noi...per le merende :)

    Leonardo si viva la libertà.......

    Letissia si è stato un bell'andare....ogni attimo ci chiedevamo l'uno con l'altro "stai bene?" e la risposta era si

    Cesca il problema è dei cani...quelli se la magnano in volo :)

    Patty.....ma tu permetti i sogni agli altri

    Grazie Silvia

    Caty e con il tuo augurio è stato un magnifico andare...

    Grazie dolcissima Ele

    Cara Feli grazie!!! Io però sono andata ci andavano troppo strette le mura di casa ora ... un bacio

    Grazie Sara un abbraccio

    Elisabetta ma dai.....non esageriamo :) un abbraccione

    Note di cucina....il bello dello standbyme è staccarlo :)

    Grazie Cocò ;)

    Carmine....hai ragione è un agire paziente :)

    RispondiElimina
  22. Ciao, è davvero bello questo post, ed anche il tuo blog!
    Ti seguo con piacere. Se ti va, passa a trovarmi :)
    Ti aspetto qui
    http://elefantest89.blogspot.it/

    RispondiElimina
  23. Evitando le buche più dure...

    RispondiElimina