giovedì 13 dicembre 2012

Vorrei strozzare una gnoma...



Oggi ho bisogno di consolazioni da mamma. 
La gnoma, oramai quasi quattordicenne, in terza media, infila tra una serie di buoni voti dei risultati orribili, rovinandosi tutto in quasi tutte le materie. 
Sostanzialmente non ha voglia di far fatica, di fare quella temibile e assurda fatica di darsi da fare, per il gusto di fare bene. 
Poi ovviamente arranca per recuperare, per sistemare. Ma non c'è nulla da fare, se la sua testolina bacata non capisce che con un certo tipo di lavoro e di cura ottiene risultati, non potrà altro che condannarsi a questo modo di affrontare le cose irrequieto, caotico e confusionario. Facendo il doppio della fatica, di quella fatica che non vuole fare. 
Le ho provate tutte: aiuti, consigli, regole. Presenza costante, presenza distante ma con un occhio sulle cose. Mi sono sciroppata capitoli di scienze all'ora di dormire per aiutarla a ripetere. Mi sono scervellata per capire teoremi di geometria per darle una mano. Le ho chiesto ogni giorno se aveva fatto tutto e se l'aveva fatto bene. Le ho lasciato autonomia, cercando la giusta misura tra l'esserci e non sostituirmi a lei. Tra lasciarle spazio e controllo. Le ho parlato tanto, le ho parlato poco.
Ma poi oggi torna a casa in una valle di lacrime perchè ha preso un altro votaccio in un'interrogazione, per cui lei non aveva fatto nulla. Insomma non ha studiato per nulla, perchè "non sapevo che interrogava!" Povera principessa dei miei stivali.
Ora sono arrabbiata nera. Furiosa. E preoccupata per una preoccupazione che lei non vede. 
Per ora è ai ferri corti e vivrà un bel periodo "senza"....senza cellulare, senza pc, senza.....
Ma voi come fate con i vostri adolescenti che adolesciano bellamente?
Ma voi come intervenite? Cosa dite? 
Aiutate una gallina che vuole strozzare una gnoma, please.

FARFALLE E CAVOLFIORE AL CURRY CON NORI E NOCI



per 5\6 persone:

500 gr di farfalle al kamut
1 cavolfiore bianco
1 cucchiaino di curry
1 cucchiaino di alga nori in fiocchi
10 noci
olio extravergine d'oliva
sale marino integrale

Pulire e lavare il cavolfiore, riducendolo in pezzi piccoli. Cuocere al vapore per 15 minuti. Nel frattempo preparare al dente la pasta.
Una volta cotta scaldare nel wok 3\4 cucchiai di olio extravergine d'oliva, saltare per qualche minuto i cavolfiori e poi unirvi la pasta, girando continuamente. Sciogliere il curry in un poco di acqua e versare sulla pasta, una volta assorbita condire con alga nori* in fiocchi e noci spezzettate. 

*Alga nori: con un elevato contenuto di proteine e vitamine, tra cui A(in dosi paragonabili a quello delle carote), B e C (la quantità della C è una volta e mezza quella dell'arancia). Lo scarso contenuto di iodio e sodio fanno della nori un'alga adatta a quasi tutti e che si può mangiare più frequentemente, anche grazie al suo gusto delicato e leggero. Grazie alla taurina riduce il tasso di colesterolo nel sangue e rende più efficace il lavoro del fegato. Favorisce l'eliminazione di accumuli e grassi. E' ricca di sali minerali come zinco, manganese, rame e selenio, tutti fondamentali per il buon funzionamento del nostro metabolismo. E' l'alga che si usa per il sushi, ma la si trova anche in fiocchi



Per Salutiamoci di dicembre con il cavol(fiore) ospitato da Mirco. E voi che cavolo fate?

AGGIORNAMENTO DEL 09\09\2013: questa ricetta partecipa a Salutiamoci ospitato da Sabrina di Les Madeleines di Proust




32 commenti:

  1. Looooo...che tasto mi tocchi mia cara!
    Io non so più come fare...come la faccio la sbaglio.
    Ultimamente sto prendendo la piega del non intervenire verbalmente...a fatica e con uno sforzo immenso, guardo e vigilo da lontano...a volte la lingua prude, ma cerco di tenermela in mezzo ai denti. Si, perchè io sono quella buona, che cerca sempre di far ragionare, di aiutare, di medicare...ma non va bene neanche così.
    E allora taccio...faccia da sola!
    Vedo che non aiutandola costantemente si dà da fare di più...le tocca.
    I castighi fioccano spesso da me. Forse sono troppo dura...ma credo che a questa età debbano capire che ci sono comunque dei doveri e delle regole da rispettare: noi abbiamo i nostri impegni, lavorativi e non, lei ha quello di andare a scuola e di costruirsi il futuro, punto.
    Come è dura amica mia...ti capisco quando dici che vorresti strozzarla, anche a me capita almeno dieci volte al giorno ultimamente di perdere la pazienza...
    Ti abbraccio e mando un bacio alla dolce gnoma rossa!

    RispondiElimina
  2. Lo, non è facile fare capire ad un adolescente che studiare e studiare bene è importante per il suo di bene, se questo concetto non le appartiene di suo, devi cercare di instillarglielo, a costo di essere ripetitiva e di romperle le scatole. Provando magari a fare leva sulla sua autostima, sul fatto che ti fidi di lei e che sei sicura che la prossima volta non risuccederà. Farai breccia, già il fatto che è tornata a casa in una valle di lacrime e non fregandosene del brutto voto significa che ci tiene e questo significa qualcosa.
    Bacioni e sappi che adoriamo la pasta col cavolfiore.
    SAbrina&Luca

    RispondiElimina
  3. Cara Lo, problemi simili ho io con il mio figlio , ormai diciassettenne. Dall'anno scorso li sto dietro ,parlandoli fino alla nausea. Con le buone ...non va bene ,con le punizioni peggio. Dio, quanto è difficile. L'anno scorso e' stato bocciato e questo'anno non ha incominciato bene per niente. Fa un passo in avanti ..due in dietro ..ci trasciniamo cosi da settembre. E poi fa tante assenze . Sa che ha sbagliato … ha ammesso . Ha detto che cambierà quest’anno...ma io ancoro non vedo un vero cambiamento:-( Se perde anche quest'anno ,non potrà più iscriversi al istituto alberghiero che frequenta.
    Unica soluzione … continuare a stargli dietro e parlandoli come hai fatto fino adesso.
    Invitante le tue farfalle.
    baci e buona serata!

    RispondiElimina
  4. Lo.... non disperare. io nn ho figli ma ho una sorella piu piccola di 6 anni che ci ha fatto disperare. Alle superiori io le facevo "ripetizioni" e mia madre impazziva e mio padre sbraitava... e lei diceva che matematica nn si deve studiare, punto. Alla fine, tra alti e bassi ha superato le superiori e oggi all'università, dove studia cio che le piace, ha praticamente la media del 29.5 e prende borse di studio su borse di studio... io do sempre questa testimonianza alle mamme/sorelle disperate! ti consola?

    RispondiElimina
  5. Devono essere davvero saporite queste farfalle!!!!! E per fortuna i miei figli sono ancora piccoli!!!! Non saprei che consigli darti!!!!

    RispondiElimina
  6. ciao Lo, purtroppo non ho consigli da darti, ma tieni duro! È un'età difficile... in tutti questi anni che ti seguo la gnoma è davvero cresciuta e ormai tanto gnoma non lo è più...
    A presto!
    Silvia

    RispondiElimina
  7. Lo, penso che tu faccia già esattamente quello che va fatto, ma non mollare e falle prendere coscienza dei suoi insuccessi chiedendole del loro perchè e soprattutto con quali modi e fatti pratici pensa di affrontarli. Non le suggerire regole o modi li deve trovare lei e fartene partecipe, tu stai a guardare e fai leva sulla sua capacità di farcela e di essere soddisfatta di se stessa. A volte devono toccare il fondo come si suol dire per rimettersi in carreggiata, tieni duro!
    Io dell'alga nori non riesco nemmeno a sentirne l'dore, ma con il curry invece ci vado a nozze, dovrò mediare, bacio!

    RispondiElimina
  8. Lo, cara mi sento quasi male all'idea che le piccole cresceranno e diventeranno 14 enni... mi ricordo chiaramente di me (meglio perdermi che trovarmi) e cielo.. io non ho tutta questa pazienza!
    domani non mi lamenterò più dei pannolini da cambiare...almeno questo lo so gestire.
    per il resto, in bocca al lupo con la gnoma!
    bacioni ficoeuva

    RispondiElimina
  9. Il titolo del tuo post mi ha incuriosita parecchio! Già ti immaginavo a correre tra i boschi rincorrendo una gnoma malefica che si nascondeva tra un fungo e una pigna…e invece…come dici? E’ andata proprio così??? ;))
    Purtroppo non posso darti la mia visione della cose in qualità di madre perché è un ruolo a me sconosciuto. Posso parlarti solo da figlia: io a scuola andavo bene, non ho mai dato problemi, ero responsabile e non frequentavo cattive compagnie … ma litigavamo lo stesso :D
    Quindi per i litigi consolati, se non sarebbe oggi sarebbe sicuramente domani!!!
    Appoggio in pieno le tua tecnica dei SENZA, “ai miei tempi” ai teenager l’unica cosa che si poteva togliere era il motorino o la paghetta…altro non c’era, invece ora ci sono mille possibilità di ricatto ;)
    L’alga nori se non all’epoca in cui mi abbuffavo inconsciamente di sushi non l’ho mai mangiata. Ultimamente sono in periodo wakame…ma meglio la varietà! Grazie per tutte le informazioni!

    RispondiElimina
  10. per prima, le farfalle sono deliziose, bisognerà che provi queste alghe, ne parlate tutte con entusiasmo! Per secondo: rassegnati, la mia nel pagellino ha 5 materie con il 5 (fra cui educazione fisica...ma come cappero si puo' fare ad avere 5 in educazione fisica mi domando io?) ma...."mamma che rompi! a latino ho preso 7 nell'ultimo compito e sono a posto, a storia ho preso 8, a matematica 6 e 1/2 e a inglese 7... è vecchio quel pagellino"....capito? in fin dei conti hanno sempre ragione loro. Noi le abbiamo detto solo una cosa: da qui a febbraio, chiusura del quadrimestre, se non rimedia quel che deve e se non porta a casa voti DEGNI della sua intelligenza partiremo con il SENZA. dato che loro pensano di essere grandi bisogna responsabilizzarli e poi, infierire... ma non mi piace infierire e non mi piace punire. Preferisco parlare (troppo a detta di lei) Fai leva sul suo amor proprio, fagli presente che siccome è una gnoma intelligente deve tener di conto di questo regalo che la vita gli ha fatto e sfruttarlo al massimo... ma non è facile, ci vuole un fegato grosso come una casa caria la mia gallinnella con istinti omicidi....mandala da me la gnoma, la sistemo io!!!
    tvb gallinella bella, coraggio!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. baci grossi alla gnoma affranta e distrutta dall'interrogazione, tutti baci sulla testa!!!!

      Elimina
  11. è difficile da dire, la voglia di strozzargli viene, un po è l'età non sono bambini non sono adulti, c'è bisogno di darli una prospettiva futura di quello che fanno, non vedono obiettivi, bisogna stimorargli anche con metodi coercitivi, la carota e il bastone almeno con i miei ha funzionato

    RispondiElimina
  12. oh mamma mia, non sono ancora arrivata a quella fase, quindi sto cercando di godermi della età dei miei figli prima che ci arrivino... in bocca al lupo. la pasta, invece, sembra molto buona ma alla portata anche di negati in cucina come me!

    RispondiElimina
  13. Ma Loooooooo, ma perchè non me l'hai detto subito!!
    Arrivavo al volo!!
    :-))

    Amor le farfalle, il cavolfiore, il curry e le noci..mi manca la nori, prima o poi mi devo decidere prenderla per provare!!

    Gnomaaaaa,stai leggendo???
    Ripeto quello che dicevo agli amici dei miei figli..
    "una settimana a casa mia!!"
    :-DD
    Faceva rigare dritto chiunque!

    Mi scuso con tutte quelle che hanno scritto prima di me, ma io sono per la linea dura.
    I no aiutano crescere, i nostri ragazzi hanno bisogno di regole da seguire.
    Io ho tirato su i miei 4 con con pugno di ferro.
    Ero esigente, dura, severa e dicevo prima di no e poi forse.
    So che magari sembro cattiva, ma se non mi imponevo, in 4 mi avrebbero fatto fuori!
    :-)
    Non dovete avere paura dire di no o essere dure, ci mettono alla prova già da piccoli e siamo noi mettere in chiaro che..
    "questa è casa mia e qui comando iooooo"

    A parte gli scherzi, so che non è facile.
    Ci sono passata.
    Ho pianto e mi sono disperata, ma non ho mai mollato.
    Oggi Erik ha 28, Niki 27, Gokki 24 e Sofi 20.
    Sono adulti e sono delle brave persone.
    A me basta questo, questo mi ripaga tutti gli anni di stress, di ansia, di preoccupazione, di disperazione.
    Tieni duro, non mollare!!
    Un fortissimo abbraccio solidale multiplo.
    baciusss
    briii



    RispondiElimina
  14. Posso solo dire che ti capisco, anche troppo bene. Il fatto è che tutto quello che stai facendo va bene, davvero, proprio perché provi tante cose. Solo che ce ne accorgiamo dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che mi sembra ieri quando ero ancora adolescente, ma sento il problema molto vicino... Non so darti consigli da mamma, ma come non-più-adolescente-da-non-troppo direi che un po' di linea dura è la scelta migliore. A quell'età l'unico compito vero e proprio che si ha è studiare e bisogna farlo, poi logicamente non si può avere super voti ovunque, ma l'impegno ci deve essere. Almeno secondo me :-)

      Adoooooro le farfalle, è il mio formato di pasta preferito, e ultimamente metterei la nori ovunque! :-)

      Elimina
  15. oh dio con 4 figli che posso dire, che ogni figlio è diverso non c'è un metodo uguale per tutti, con ogniuno di loro ho dovuto adoperare un metodo diverso, nella scuola vanno stimolati a fare di più, sono distratti, fortunatamente sono molto competitivi fra di loro e se uno va male, gli altri lo prendono in giro e quindi per orgoglio si danno da fare.
    Anche quando diventano grandi vanno seguiti e stimolati e anche spinti a volte verso dei risultati che sono alla loro portata me che gli sembrano irragiungibili.
    Pc, cellulare, internet, nuoto ci sono ma gli possono essere anche tolte, importante è fargli capire che nulla e scontato e che le cose bisogna meritarsele sempre.
    Spiegargli sempre parlargli molto e anche qualche volta fare la faccia dura, serve anche quello, anche se magari ci viene da ridere.

    RispondiElimina
  16. se piange vuol dire che le dispiace, perciò forse non serve toglierle il cellulare, ma farla riflettere...
    PS la pasta è molto appetitosa!! :p

    RispondiElimina
  17. cara amica...
    io per esperienza diretta non posso ancora consigliarti, con il settenne sono alle prese con i suoi 'no' continui però ... posso dirti che ricordo che anche io in terza media ebbi un 'calo' ... per la prima volta portai a casa delle 'sufficienze' e ... apriti cielo, erano abituati ai miei voti perfetti, quell'episodio però non mi spronò a fare meglio, anzi il contrario...io sono sicura che tu stai facendo tutto ciò che è nelle tue possibilità, con i figli non ci sono prove generali, succede tutto 'in diretta' e allora è facile sbagliare perchè dominare l'istinto della nostra 'razionalità' è difficile ... forse dovremmo tener conto di più della nostra adelescenza, anche se i tempi sono cambiati, lo so è un luogo comunissimo ma è la maledetta realtà...io credo che la gnoma si renderà ben presto conto, come è già successo, che avere dei brutti voti e non studiare non la farà sentire più ganza e più grande...tu ... continua così che sei perfetta ... però trattieniti dagli strozzamenti :)
    tvb
    dida
    p.s. e abbracciala da parte mia!

    RispondiElimina
  18. Con il cavolo, broccolo, cavolini di Bruxelles e loro cugini mi conquisti!!!! questa pasta è favolosa e l'aggiunta della nori la rende particolamente gustosa e saporita...... ottima, no di più, favolosa!!!!!!!11 :-)

    RispondiElimina
  19. Che fare? Anche la mia "piccola" ha la stessa età della tua gnoma e ogni tanto inciampa da qualche parte. Castighi e punizioni non posso darne perchè non esce con amici, non ama mandare sms etc. per quanto riguarda il pc ha giá la regola di usarlo 1 ora al giorno da suddividere come vuole. L'ultima volta che è successo il fattaccio ci siamo sedute a tavola con fogli e matita e abbiamo fatto un bel piano di lavoro. in breve in ogni giorno ci sono due ore da dedicare a compiti e studio. Devo dire che sta funzionando e per lei ormai è diventata la regola!
    In bocca al lupo
    Francesca

    RispondiElimina
  20. Ciao, ma che belli i tuoi cavolfiori curry e farfalle. E che commovente il tuo sfogo sulla gnoma, i libri e il cellulare. Non capisco niente di bambini ma vedrai che tra 10 anni sorriderai di questo periodo così incerto. Magari sarà una che studierà un sacco nella sua vita: sta solo trovando come fare. Certe volte mettiamo il freno a mano sulle situazioni veramente importanti per noi e l'eta' è indifferente. Forse ti dirà Grazie per averla lasciata un periodo "senza-senza", cellulare, Pc.... fai anche senza TV: tutta salute e chiarezza! Un abbraccio. ib

    RispondiElimina
  21. mamma mia! Allora non sono sola nella tempesta degli ormoni preadolescenziali, la contestazione selvaggia, la nefasta influenza di amiche del cuore oche nel cervello e nel corpo, malesseri di ogni genere e lacrime a fiotti!!! ma pare che alla fine ci sia la luce!!! Insomma, anche per loro non deve essere facile Crescere e trovare se stessi, e noi non possiamo fare altro che sperare che si facciano il meno male possibile ... baci

    RispondiElimina
  22. la ricetta è davvero gustosa! i tuoi problemi sono comuni a tante mamme e penso che una soluzione precisa non ci sia, anche io ricorro a al proibizionismo! Diciamo che il metodo "chi è causa del suo mal pianga se stesso" è quello che utilizzo più spesso ma non è mai facile, però responsabilizzare i figli e far capire loro che dovranno pagare le conseguenze del poco studio per ora funziona. Anche io ho avuto il mio periodo di adolescente un pò svogliata, ma i miei genitori mi hanno fatto capire la differenza tra una buona carriera scolastica e una bocciatura facendomi andare ad aiutare in fabbrica da uno zio, dove ho capito che studiando avrei avuto qualche scelta in più per un futuro migliore e ci sono riuscita. Anche se oggi purtroppo nemmeno un diploma garantisce un posto di lavoro sicuro!Ti auguro di trovare presto una soluzione.

    RispondiElimina
  23. Ah Ah! povera gnoma :) non ho figli quindi non so come ci si debba comportare in questi casi, comunque leggere le vostre "avventure" mi piace un sacco...così come non posso non farti i complimenti per la pasta col cavolfiore e curry...una certezza! un abbraccio forte, a gallina e gnoma!

    RispondiElimina
  24. Uh! Non essendo mamma non ho consigli ma un sacco di sostegno morale se mai possa servire.
    Complimenti per la ricetta che proverò al più presto e alla foto dei vulcani dell'Auvergne (e io che pensavo di essere l'unica italiana ad averli visitati...)
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  25. La bellissima gnoma rossa sta attraversando un brutto momento, stalle vicina anche se non vuole ascoltarti! Io penso che se piange per il pessimo voto, vuol dire che in fondo le importa. Prova a farla studiare per un periodo con una persona estranea, qlcn che dà lezioni private per intenderci, in modo che abbia degli orari definiti dedicati allo studio e, soprattutto, infondile fiducia.
    Tanti baci a entrambe. Ti rubo la ricetta e la foto:troooppo bella!!!

    RispondiElimina
  26. Parto dalla belissima foto di quel paradiso dove vorrei correre ora, poi la gnoma, che dire? Io non saprei dare consigli, per questa vita niente figli/e ma mi sa che io assomiglio alla tua gnoma, e l'avrai capito proprio dal mio modo "confusionario" di fare, interagire ecc. Certo che non ho un termine di paragone perchè nessuno mi è stato né vicino, né distante né ha avuto l'attenzione che hai avuto e hai tu ma credo che nel suo caso sia sempicemente adolescenza, quell'età straordinaria ma difficile, l'età dei mutamenti, aspetta che abbia "cambiato pelle" e cghissà che bella sorpresa... Un abbraccio ♥

    RispondiElimina
  27. Intanto mi pappo quelle spendide farfalle prima che volino via, devono essere di un buono speciale ed unico.

    Per quanto riguarda la gnoma non posso aiutarti perché non ho figli, ma avendo 26 anni e avendo superato l'eta adolescenziale e scolastica posso dirti che è tutto normale. E' l'età in cui si ha voglia di fare e di non fare, voglia di sentirsi già grandi senza dove adempiere a quelle "pallose" regole che la mamma e la scuola ci impone (nella testa di un'adolescente ci sono proprio questi pensieri), la voglia di uscire e di non studiare, di divertirsi con gli amici a chiacchierare e passeggiare ma non studiare... La paura anche di non farcela, nonostante si abbia studiato, e trovarsi all'interrogazione ammutoliti per paura di dire stupidaggini! Il timore di non farcela o l'eccessiva sicurezza!
    Insomma un bel caos e un bel mix, ma non disperarti, è bene che tu sia presente ma è anche bene che tu le faccia pesare i suoi fallimenti ma che anzi la sproni a fare di meglio ma senza eccessiva presenza nei suoi studi e nei suoi spazi.. Deve imparare a fare da sola, sta andando incontro alla crescita e maturazione è giusto che si impegni da sola e che magari sia lei a chiederti un tuo supporto se ne sente il bisogno.

    ps. Io ti ho parlato da adolescente, da quello che vivevo io alla mia età, poi ovviamente sei tu la mamma e sai tu cosa sia giusto o sbagliato! ^_^

    RispondiElimina
  28. non conosco questa alga, ma mi vado subito a documentare, buon Natale, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  29. Quante parole, quanti punti di vista. Quanta forza e quanta vicinanza. Ringrazio tutti. Chi mi ha parlato da mamma, chi da adolescente, chi da papà, chi da amica\o.
    Ero indecisa dopo aver scritto se cliccare sul tasto "pubblica". Temevo di essere noiosa e invece ho fatto la cosa migliore. Riconoscersi nelle vostre parole, non sentirsi per forza sbagliata, vedere nuove strade. Ho preso da ciascuno di voi una sfumatura e continuo a svolazzare intorno a questa gnoma, aspettando, osservando e guardando. Ora dopo la sfuriata e il tempo della parola e dell'ascolto. Ma il passo successivo sarà quello ancora dopo: quello della resistenza.
    Vi abbraccio con tutta la forza

    RispondiElimina
  30. a questa età c'è poco da fare, ormai ...
    queste sono piccole difficoltà che le aiutano a crescere, prendendo autonomia, capendo che ottengono in misura di ciò che fanno ...
    Noi abbiamo già fatto, abbiamo seminato e ora guardiamo le nostre piantine come crescono, standogli vicino. Vediamo se abbiamo seminato bene, se gli abbiamo dato gli strumenti giusti per affrontare la vita!
    Lo auguro ad entrambe.

    RispondiElimina