mercoledì 7 novembre 2012

Solo grazia dal cielo

056

Piano piano mi avvolgo in me stessa. E il solito periodo del solito autunno.
Quello che sempre stride con le forze che mi contraddistinguono. 
Forse ho perso del tempo passato a sciogliermi nella linfa dei fiori. 
Il ritmo del cuore, l'irrompere del respiro appare stonato, credevo con il fuori, invece è con me.
Dentro mi reclino in me stessa e mi lascio andare.
Poi come folgori, nel grigio che mi addormenta, fiamme di rosso fuoco.
Le foglie stanno lì, in silenzio. In una notte decidono di colorare il mondo.
Ho provato a rivolgere pensieri all'universo.
Sentivo riecheggiare la mia domanda tra le nuvole, quasi come non fosse mia la voce e ho trovato le risposte nelle pieghe della giornata.
Dentro allo squillo del telefono o come pensiero improvviso. 
O come battito del cuore.
Ora è solo grazia del cielo.

SGONFIOTTI DOLCI ALLA ZUCCA E ALLE CASTAGNE

001

per la pasta:
200 gr di farina di farro integrale
60 gr di pasta di nocciole
succo di mela
sale
semi di papavero
1 cucchiaino di malto
acqua

per il ripieno:
1\2 zucca
150 gr di castagne lesse
1 bastoncino di cannella
50 gr di uva passa
succo di mele
sale

012

Impastare la farina con la pasta di nocciole, un pizzico di sale e il succo di mele necessario per ottenere una palla di pasta morbida ed elastica che lasceremo riposare.
Nel frattempo pulire la zucca, eliminando semi e buccia e tagliarla a cubetti. Cuocerla con mezzo bicchiere di succo di mela, il bastoncino di cannella, l'uva passa e un pizzico di sale.
Quando sarà morbida frullarla con il frullatore ad immersione e unire le castagne tritate grossolanamente.
Riprendere la pasta, stenderla su una superficie infarinata in una sfoglia sottile e con un tagliapasta di cm 9 formare dei dischi.
Riporre un cucchiaio scarso di ripieno in una metà del disco, spennellare i bordi con un po' di acqua e chiudere a mezzaluna.
Sciogliere il malto nell'acqua e spennellare tutti gli sgonfiotti, passarli nei semi di sesamo e metterli su una teglia da forno.
Cuocere a forno ventilato a 200° per 15 minuti e fino a doratura.


Per Salutiamoci con la zucca ospitato da Dealma
Dei dolcetti davvero gratificanti, la pasta è una rielaborazione di una proposta dello Chef Giovanni Allegro fatta durante il corso che avevo frequentato a primavera presso Cascina Rosa. Mentre il ripieno è nato da solo. 
Uno tira l'altro. Parola di bau!

PicMonkey Collage

35 commenti:

  1. Wow, che belli!!!! Fantastiche le foto con il cane che li tiene d'occhio.... ;)Grazie Lo!
    Dealma

    RispondiElimina
  2. Lo, ma sai che non vedo il link alla pagina di Salutiamoci? Magari sono io stordita, ma dai un'occhiata. :)

    RispondiElimina
  3. Bello! Mi piace, "le foglie giallo-rosse che in una notte decidono di colorare il mondo" , perché l'autunno è vita, stagione preparatoria di quelle a seguire...
    Ciao, buona serata con i tuoi dolcetti golosi!

    RispondiElimina
  4. le orecchie del cane sono fantastiche....e che belli questi sgonfiotti con la pasta di nocciole!
    francesca

    RispondiElimina
  5. Gli sgonfiotti sono bellissimi ed il nome mi piace un sacco...
    Io trovo sempre la Vita in tutti questi colori e questa Vita... Adoro le foglie secche che si staccano dagli alberi, il cielo sempre incerto e brontolone ed il vento furioso... In tutto questo si trovano sempre delle risposte a tante domande e la giusta serenità per fare un grande respiro e cominciare la giornata ❤

    Camiria

    RispondiElimina
  6. Ciccina, questo mese partecipo anche io! Prometto! :*

    RispondiElimina
  7. Sono una golosa non pentita! Grazie delle idee, da quando vivo in Cina ho bisogno di ricette che mi riportino saltuariamente in patria, almeno con il gusto!
    Piacere di averti incontrata, bellissimo blog.
    Simona

    RispondiElimina
  8. Adoro i tuoi post.... spesso condivido i tuoi stati d'animo, è un tuffo dentro se stessi.....
    Che dire dei sgonfiotti.... il cuore caldo, appagante e coccoloso... fantastici!!!!! ♥

    RispondiElimina
  9. Tesoro l`autunno é cosi....lento e malinconico ma a volte è bello lasciarsi coccolare da questa stagione e chiudersi anche un po in se stessi...poi ci sono i tuoi meravigliosi sgonfiotti a tirarci su!!! Baci, Imma

    RispondiElimina
  10. strepitosi questi sgonfiotti Lo!
    Sto iniziando coi miei genitori in merito al discorso alimentare...ma piano....molto piano...è dura, vista l'età e le idee radicate.
    Ma anche solo un passettino per me è già qualcosa.....
    Bacio e grazie

    RispondiElimina
  11. E' un piacere passare da queste parti:-)
    Ti abbraccio Lo e prendo uno dei tuoi sgonfiotti, come m'ispirano!!!

    RispondiElimina
  12. Poesia e autunno, nelle parole e nel piatto. Grazie!

    RispondiElimina
  13. Mentre io amo così appassionatamente le castagne e la sua farina, mio marito non può neanche sentirle nominare. Però son convinta che se facessi questi sgonfiotti, si ricrederebbe. Avevo voglia di castagnaccio, adesso ho cambiato idea. Ti mando un bacio, Pat

    RispondiElimina
  14. L'autunno é strano, evoca malinconia e pesanti bilanci di vita, poi all'improvviso ti premia con i suoi colori splendidi e penetranti, quasi come se volesse dirti "su, non importa, il peggio é passato". Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  15. "Ovunque proteggi la Grazia che c'è in te"......
    http://www.youtube.com/watch?v=r_tZ2Z5Wcg4

    RispondiElimina
  16. Devono essere buoni.. particolare sia la pasta.. che il ripieno!!!! baci :-)

    RispondiElimina
  17. ritmo.. ritmo... gallinella, l'autunno è troppo noioso, non assecondarlo arruffa le penne e fatti un balletto ^____^

    dolcetti molto alternativi, mi incuriosiscono .......la pasta di nocciole come la si ottiene? o la si compra?

    P.S. mi devi ancora schiarire le idee sulla misura di Rocco!!!

    RispondiElimina
  18. Cara la mia Lo, consolimoci coi colori!
    E questi sgonfiotti mi pare un buon modo per cominciare!
    bacione

    RispondiElimina
  19. Dealma sistemato grazie ;)

    Grazie Sirio :)

    Francesca hai ragione è un cane dalle orecchie deliziose :)

    Cami la tua bella energia positiva mi fa bene....ma dici che gli sgonfiotti non sgonfiottano? ;)

    Stefi sarebbe proprio bello bello :)

    Simona grazie a te e benvenuta in questo pollaio

    Feli come sei carina....ti abbraccio

    Imma mi piacerebbe almeno una settima intera per chiudermi in me stessa :)

    Simo come sono contenta...ricordati che sono qui se vuoi parlarne baciotto

    Mari prendi tutti gli sgonfiotti che vuoi :)

    Note...grazie a te :)

    Patty qui le castagne non prevalgono regalano solo una nota cremosa e dolce, al massimo per non identificarle le puoi tritare fini fini. Mi prendo il bacio :)

    Tzu hai proprio ragione un abbraccione

    Grazie Annarita è magnifica

    Grazie Claudia smuacks

    Martissima non mi far ridere...ahaha per la pasta di nocciole puoi ottenerla se hai un buon robot perchè basta frullarle fino a quando tirano fuori il loro olio e diventano crema oppure puoi comprarla ma controlla senza zucchero :)

    Saretta forzaaaaaaaaa!

    RispondiElimina
  20. deliziosi questi dolcetti, voglio provare a farli, segno la ricetta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  21. Sicuramente te l'ho già detto, ma ho un'adorazione per i tuoi dolci senza zucchero!!!!

    RispondiElimina
  22. questi dolcetti me li immagino con un gusto davvero intenso ed appagante, ideali con una tazzona di tè speziato.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  23. Pasta di nocciole, zucca e castagne lette tutte nella stessa ricetta mi hanno fatto venire l'acquolina..che meraviglia!

    RispondiElimina
  24. Ma hai notato che la forma degli sgonfiotti è uguale alle orecchie del Bau?
    Sarà un caso? Credo che tutti e due siano dolcissimi...
    Un saluto fiammeggiante.

    RispondiElimina
  25. È tutta x te la mia energia ❤
    Eh no gli sgonfiotti non sgonfiottano, sono la coccola giusta ;)

    Camiria

    RispondiElimina
  26. Che ricetta meravigliosa ma dopo un preludio simile nn poteva essere diverso.. Appena torno preparo qualcosina per te, un abbraccio stretto♥

    RispondiElimina
  27. Ciao Lo, gli sgonfiotti sono meravigliosi.
    Trovo i tuoi scritti eterei, svolazzanti e mistici....li adoro...e anche gli sgonfiotti. Vorrei tanto abitarti vicina, sarei sempre a casa tua, alla fine saresti costretta a mandarmi via come si fa con i bambini.... un bacio tesoro, buon fine settimana!
    Sandra

    RispondiElimina
  28. che gran bell'abbinamento zucca e castagne oltre che essere della stessa stagione hanno la stessa versalità nel dolce e nel salato

    RispondiElimina
  29. I tuoi dolci hanno un'aria deliziosa, da provare!
    Silvia

    RispondiElimina
  30. coccolosi questi sgonfiotti!! me li segno subito!

    RispondiElimina
  31. ciao Lo, scusa se ti rompo le scatole qui ma... le tue spiegazioni per creare un link da un'immagine non mi sono bastate... te l'avevo detto che sono particolarmente imbranata! Quando io premo "inserisci link" con Blogger mi si aprono due campi, uno per "testo da visualizzare" e l'altro per "url a cui portare". L'indirizzo copiato va nel secondo campo, ma nel primo posso solo inserire delle parole, non mi accetta un'immagine... Ma devo forse partire da qualche altra parte?!

    RispondiElimina
  32. Silvia e se provi ...mi fai sapere?

    Arianna..ma grazie :)

    Xcesca infatti sono corsa a prendermi una bella scatolina di yogatea :)...che buono

    Katiusca in effetti :)

    Spirulina...sarà per quello che è nata questa attrazione fatale? un abbraccio

    Libera ti aspetto :)

    Sandra vorrei tanto abitarti vicina pure io...sai che leggerezza :)

    Carmine hai proprio ragione :)

    Grazie Silvia

    Bene Sara :)

    Acquaviva tutto risolto :)

    RispondiElimina
  33. Le parole di questo tuo post danno uno scossone a questo pomeriggio dai colori torbidi!
    Questi sgonfiotti hanno il loro perchè! dannazione se ce l'hanno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Cesca un abbraccio di colore

      Elimina