lunedì 13 agosto 2012

Senza conclusione


Mi capita raramente di avere un tempo così. Prevalentemente tutto mio. Senza orari, senza impegni. Quasi sola. L'estate piena e il nostro programma vacanza controcorrente mi aiutano. E ho questo poco tempo solo mio. In cui vorrei infilarci dentro quello che vorrei fare e che accantono o che infilo in qualche bandolo di tempo avanzato o che faccio di corsa per fare altro.
Vorrei che il tempo solo mio durasse il doppio, una giornata di 24 ore dove ho la carica per resistere a tutte le ore in più.
Vorrei cucinare e sperimentare. Vorrei leggere libri frivoli e leggeri. Vorrei studiare opere dense e curate. Vorrei tradurre dal tedesco. Vorrei lavorare a maglia. Vorrei camminare tanto.
Vorrei, ma già mi perdo in nuvole color panna di pensieri che perdono la chiarezza e mi lasciano sospesa. Mentre il mio tempo corre veloce.
Per fare quello che voglio, ho bisogno del contorno e allora devo sistemare casa, perchè sembra che nel fine settimana ci siamo divertiti a sparare bengala nel salotto. E già penso alle lavatrici, al vetro della doccia da passare con l'acido citrico per farlo brillare, alle tende da lavare....
Ohi ohi cos'è? Sano senso di colpa al femminile che in qualche modo aggiusta la mia lunga fila dei vorrei? O una genetica incapacità gallinesca di essere efficiente ed efficace nello stesso momento?
...
E ora mi manca la conclusione di una testa sospesa per un tempo che è solo suo, ma che già sfugge. Chiudo il computer e se nulla mi distrae, forse approderò ai miei aghi da maglia, forse no....

KANTEN DI PESCHE


1\2 litro di succo di mele non zuccherato
1 cucchiaino e mezzo di polvere di agar agar
2 pesche
1 manciata di uvetta
1 manciata di pinoli

Portare ad ebollizione il succo di mela, tenendone da parte un quantitativo pari ad una tazzina di caffè. Sciogliere l'agar agar nel succo di mele avanzato per evitare la formazione di grumi e versare il composto nel liquido bollente. Mescolare bene e cuocere per altri 7 minuti. Nel frattempo lavare, tagliare a pezzetti le pesche e mescolarle con pinoli e uvetta. Distribuire la frutta in alcuni stampini e ricoprirli con il succo di mele caldo. Lasciare raffreddare e poi riporre in frigo.

Ecco un dolcetto fresco, leggero che davvero con questo caldo è una gioia. Un dolce che non è godurioso, ma è legato più alle note del piacere. Senza zucchero, solo frutta. Potete provarlo con qualsiasi altro genere di frutta. Il nome viene dato proprio dall'uso dell'agar-agar, un'alga che in Giappone viene chiamata kanten. Vi consiglio davvero di cercare nei negozi di alimentazione naturale questo gelatificante 100% vegetale, che è insapore, ma nello stesso tempo è ricco di minerali. Siccome viene assorbito in minima parte dall'organismo è anche poco calorico. Regala delle belle gelatine solide, che non si sciolgono. Funziona solo se fatto bollire. 
Porto il mio Kanten a Bri per il nostro Salutiamoci. E voi che pesca fate?


18 commenti:

  1. Ti capisco, anche la mia estate è così! Buonissima ricetta :-)

    RispondiElimina
  2. Non farti distrarre dai sensi di colpi ...è la tua estate fai quello che desideri e ...poi è più bello il vetro della doccia "vissuto".
    Non conoscevo questo nome, dessert fruttoso e salutare!

    RispondiElimina
  3. bella questa tua lista di "vorrei" mi ci ritrovo perfettamente, tranne che gli aghi e la maglia che anche se mi piace non inizio perché poi so' che non finisco e sarebbe un'accumulo di cose già iniziate e non finite, hai ragione vorrei anch'io 24 ore solo per me certe (più di certe) volte...un'abbraccio!

    ahh, sento il profumo fino a qui...delle tue pesche!







    RispondiElimina
  4. Mamma come mi ritrovo in quello che hai detto......e un dolcetto davvero sfizioso!!!!

    RispondiElimina
  5. Hai fatto centro!!!!!!! mi rispecchio totalmente nell tue considerazione sul tempo che vorrei!!!! e quando mi ritrovo ad averlo rimango in cucina......
    Anche il tuo dolcetto mi rispecchia totalmente, ho una vera e propria passione per l'agar agar, la definisco la mia polverina magica :-) complimenti..... una super ricetta

    RispondiElimina
  6. Ogni tanto é così bello lasciare spazio solo al tempo che scorre.....
    ;-) un bacio

    RispondiElimina
  7. Io sono ancora a lavoro!
    Andro` in vacanza a fine agosto e ....mi immagino momenti cosi`!
    bello il dolcetto!
    francesca

    RispondiElimina
  8. Io vorrei come te taanto tempo solo per me, per infilarci le cose che mi fanno stare bene, e le persone che amo.Ma rinrazio il cielo di queste vacanze che mi hanno un poco permesso di realizzare questi vorrei.
    Ecco, il Kanten lo farò, è una delle poche cose che non mi fa troppo caldo qui in città!
    Bacione

    RispondiElimina
  9. Anch'io vorrei dilatare il tempo per infilarci dentro tutto quello che mi si affaccia in mente e a cui accosto un verbo al futuro e vorrei che i vorrei non fossero così spesso guastati dal contingente (leggi: lavatrici, ferro da stiro, pavimenti da lavare e rilavare).
    Un abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. brava , brava!...,bè io cerco un po' del mio tempo che per ora proprio non c'è....

    RispondiElimina
  11. Ok, sono qui alle 8.58 che leggo e che scuoto il capo in senso affermativo: u-g-u-a-l-e! Ma sai che cosa faccio io adesso? Me ne vado nella mia piscinetta e mi faccio un bagno, i sensi di colpa e il bengala in cucina mi aspetteranno per una mezzoretta..... bello il tuo kanten di pesche, mi fa venire l'acquolina... son qui con uno yogurt di soia condito con orzo.... capirai! caio topina a presto!!!!
    p.s.: niente sensi di colpa, per agosto niente senzi di colpa... ci si pensa a settembre, prometti.

    RispondiElimina
  12. ok...tutti dobbiamo promettere a Sandra per agosto niente sensi di colpa per nessuno...
    un grazie a tutti :)

    RispondiElimina
  13. No niente sensi di colpa.
    Io piano piano sono arrivata, cioè la vita è arrivata da sola.
    I ragazzi crescono e sono impegnati, vitali, spumeggianti
    Escono e portano con se il brusio, i passetti veloci, la musica a tutto ballin, le voci squillanti, l'eco…
    Io resto seduta assaporando questo silenzio così tanto desiderato.
    Mangio in terrazza da sola, gustandomi il tramonto sul lago e la mia compagnia.
    Tantissime volte non faccio proprio niente, resto lì seduta a guardare, sognare, immaginare.
    E se c'è Flo assaporiamo il silenzio delizioso in due, godendo della reciproca silenziosa compagnia.
    Grazie per questa freschezza golosa e trasparente.
    Mi piace moltissimo!
    Baciusss
    brii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Bri...hai davvero ragione ...con tutta la tua intensità

      Elimina
  14. vista come è bella la valle d'ayas un invito a rilassarti in modo totale

    RispondiElimina