giovedì 17 maggio 2012

Gioco di vento



Il vento ha soffiato forte, così forte da dover correre in giardino e mettere in salvo i fiori più delicati, far coraggio alle altre bimbe-piantine e guardare sconsolata il mio amico beniamino, che mentre stava ancora a prendere le misure del suo nuovo vaso, si è trovato tutto pendente da un lato. Gli verrà la gobba.
Ha soffiato così forte da non tenere ferme le persiane, che a turno mi prendevano in giro sbattendo nervosamente contro il muro. Così forte da far volare via i cuscini delle sedie che avevo messo ad asciugare per andare proprio sotto il sedere serafico del cane sornione della vicina.
Alla fine ho accettato la sfida di questo vento caldo e profumato. Ho portato con me due esserini che con lui sanno cosa fare e sono andata in campagna.
E abbiamo giocato: a correre veloce nell'erba tagliata, ad accarezzare le spighe del grano che aspettano l'oro, ad ascoltare il suo canto. 
E poi il vento mi ha abbracciato da dietro, stringendomi forte per non farmi paura, sussurrandomi qualcosa di divertente e farmi smettere di pensare.
In un attimo ho volato. Tra le sue braccia e nell'aria profumata di erba e di rubinia. Io gallina senza ali.

SPATZLE VEGAN DI PISELLI FRESCHI

per gli spatzle:
250 gr di semola del Senatore Capelli
200 gr circa di piselli freschi
100 ml di latte di avena
100 ml di acqua
noce moscata
3 cucchiaini di amido di mais
sale

per il condimento:
olio extravergine d'oliva
1 porro
5\6 foglie di salvia

Bollire per 3\4 minuti i piselli freschi e quindi scolarli. Frullarli insieme al latte d'avena e all'acqua, unendo un pizzico di sale e la noce moscata. In  una ciotola mettere la semola, unire l'amido di mais e aggiungere a poco a poco il frullato, mescolando bene per evitare la formazione di grumi. L'impasto deve essere fluido e quasi liquido, quindi se necessario unite altra acqua. Lasciare riposare per almeno 30 minuti.
Portare a bollore una pentola di acqua salata. Nel frattempo pulire il porro e affettarlo sottilmente, tritare con la mezzaluna la salvia e mettere a rosolare il tutto in un wok con un cucchiaio di olio. 
Quando l'acqua bolle appoggiare l'apposito aggeggio da spaztle sulla pentola e mettere un paio di mestoli di pastella, far scivolare l'aggeggio su e giù lentamente, in modo che gli gnocchetti cadono in acqua. Quando galleggiano sono cotti, pescarli con una schiumarola e metterli nel wok dove sta rosolando il porro. 

Se non avete l'aggeggio da spatzle potete usare un passaverdura con i fori larghi! Gli spatzle mi sono sempre piaciuti tanto, ma la ricetta che  avevo usato in passato non rispecchia più le mie scelte alimentari attuali. Per fortuna mi è venuta in aiuto Chicca con la sua ricetta vegan e il resto è stato aggiunto dal mio neuroncino gallinoso e vi garantisco che questa volta ha dato il massimo! 
Porto anche loro alla nostra raccolta Salutiamoci qui
Ve lo ricordate cos'è Salutiamoci? Un gioco per sperimentare una cucina magari un po' diversa dal solito, ma che nasconde in sè un segreto prezioso: quello di farci stare bene, quello di costruire il nostro stare bene oggi e domani. La state preparando anche voi una ricetta con fave o piselli?

21 commenti:

  1. ma che bella Lo!
    perchè non l'ho scoperta prima? questa sera avevo i piselli, ma avrei dovuto avere anche quel tuo neuroncino gallinoso!
    ;-)

    RispondiElimina
  2. ohmamma, mi viene fame anche a quest'ora.
    Bella ricettina!

    RispondiElimina
  3. mi piace, mi piace mi piace!!
    Brava la ma gallinella preferita.
    Ti auguro un bellissimo venerdì!
    baciussss
    brii

    RispondiElimina
  4. ma che neuroncino sveglio ha questa gallinella che vola anche senza ali.....mi raccomando assicurati che il vento sia costante, se atterri all'improvviso potresti storcere una zampetta.......... urge segnare subito ricetta, ciauzzzzz

    RispondiElimina
  5. ....a me il vento ha fatto volare così tanto, che è da due giorni che ho una emicrania invalidante.
    Stanotte credevo di impazzire.
    Che belli i tuoi spatzle...mannaggia è da una vita che cerco l'aggeggio...
    baci cara
    ...tornando alla mia gnoma...addirittura 3 verifiche in un giorno, vedi un pò...ma finirà...oh se finirà!!!!!! Sono un pò stufa, neè?!
    Ciao gallinella mia!

    RispondiElimina
  6. bellissimi questi spatzle, buon we :-)

    RispondiElimina
  7. Che meravigliosa ricetta e che bello il racconto del vento, amico mio da sempre essendo io triestina, quando non c'è mi manca, mi sembra porti via i pensieri cattivi, un bacione.

    RispondiElimina
  8. Sai, mi sono riletta il post ed ho trovato molta affinità con quelli di acquaviva, anche da lei si respirano serenità e pace...

    RispondiElimina
  9. CHE BELLO lO! mi sarebbe piaciuto essere li con voi tre! un super abbraccio cara!

    RispondiElimina
  10. Sei sempre magica con le tue parole!!! Dovrebbe arrivarmi la semola cappelli tramiteil GAS... Segno sta asta favolosa... Ha una cremina invitantissima!!!!

    RispondiElimina
  11. Anche io come Simo :(
    Quando c è vento l emicrania è sicura!
    Lo odio !

    Il vento a me non mi abbraccia, a me avvinghia la testa e la schiaccia per farmi provare dolore !
    Se non fosse che serve chiederei l estinzione del vento :)

    Complimenti per la ricetta!, a te il vento suggerisce ricette buonissime, a me suggerisce... Stai a casa e fatti una tisana calda antidolorifica!
    Che dispettoso!
    Ma gli avró fatto un torto che ce l ha con me?
    Boh....

    RispondiElimina
  12. Con il vento ho un rapporto di amore&odio...amo quello che spazza l'aria cattiva ed i brutti pensieri, meno quello che ghermisce le piantine e ti fa lacrimare gli occhi...
    Non ho l'aggeggio da spatzle ma vorrei provare con la grattuggia, non ho capito come fare pero!
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mizzega con la grattuggia non so....forse devi fare un impasto più duro....ma con il passaverdure? forse puoi tenere la pastella e girare....e loro cadono :)

      Elimina
  13. Amo il vento, soprattutto quello che soffia da sud...lo chiamo "il vento dei sogni" perchè un pò felliniano, vola ogni cosa in un soffio rafficato ed energico, ma secco e caldo (il suo nome e ostro o mezzogiorno) Ricordi? Lo stesso che soffiava prima che c'incontrassimo...
    (inforno un pane di segale e ti penso)

    RispondiElimina
  14. Grazie della riccetta; io li ho mangiato deliziandomi per la prima volta la settimana scorsa e mi stavo a chiedere cone si fanno....un abbraccio( alla ricetta ci stò lavorando , perchè ho dovuto " mediare ":_)

    RispondiElimina
  15. Anche qui c'é stato tanto vento, ha soffiato forte, ma non abbastanza da entrare dentro e portarsi via tutto...
    adoro gli spatzle, con la giornata di oggi ci starebbero benissimo!

    RispondiElimina
  16. Mai assaggiati gli spatzle,però devono essere buonissimi, la foto mi fa troppo gola!!

    RispondiElimina
  17. Buonissimi gli spatzle! ed ho pure la "macchinetta"!
    Sicuramente una ricettina da segnare.. chissà che saporita!

    RispondiElimina
  18. Ho invidiato la Nina leggendo di te e lei che giocavate con il vento.... brave bambine..... belli gli spatzle.... li provo

    RispondiElimina
  19. ma grazie a tutti per i complimenti agli spaztle...che vi giuro meritano :)...
    un abbraccio agli amanti del vento e a chi lo detesta bacio

    RispondiElimina
  20. Lo complimenti ti sono venuti una meraviglia :-)
    Ps: ti ho inserito nei link preferiti :-) Un abbraccio

    RispondiElimina