venerdì 16 settembre 2011

Senza perdere i sassi


Cerco una fonte di acqua gelata, per disintossicarmi, per depurarmi. Vorrei lavarmi via le tracce di ciò che è passato per rivedere il mio viso prima di tutto. Vorrei entrare in una cascata, per recuperare energia e dimenticare, per cancellare. Vorrei un nuovo battesimo, per una nuova rinascita. Per un camice bianco, per non vedere le macchie. Per sentirmi nuova. Vorrei un rito di iniziazione per lasciare indietro e passare oltre, per simbolicamente chiudere ed aprire. Vorrei un tempo silenzioso e intimo, in cui decantare le esperienze, osservare i sentimenti, liberare le sensazioni e costruire nuovi pensieri inediti. Vorrei essere dentro un cerchio e nello stesso tempo essere sola al mondo. 
Vorrei essere come sono senza i sassi, ma non vorrei perdere mai uno dei miei sassi, nemmeno il più tagliente. 

TORTINO AI FUNGHI O QUICHE DELLA TRATTORIA

per la pasta matta:
300 gr di farina di farro setacciata
5 cucchiai di olio extra-vergine d'oliva
50 gr di sesamo

per il ripieno:
500 gr di funghi champignon
1 cipolla rossa
1 spicchio d'aglio
1 confezione di panna vegetale d'avena
sale
pepe
prezzemolo

Tostare in una padella antiaderente il sesamo fino a quando comincia a saltellare allegro. Preparare l'impasto con la farina, l'olio, il sale, l'acqua e il sesamo. Deve diventare una palla morbida ed elastica. Mentre si prepara il ripieno tenere la pasta in frigo. Pulire e affettare i funghi. Rosolare una cipolla affettata sottilmente con lo spicchio d'aglio e quindi aggiungere i funghi. Trifolare per qualche minuto e aggiungere la panna vegetale. Portare a cottura, ma i funghi devono rimanere sodi. Tritare il prezzemolo, unirlo ai funghi e aggiustare di sale e pepe.
Stendere la pasta in una teglia da crostata, bucherellare con una forchetta e versare il ripieno di funghi.
Cuocere per 25\30 minuti in forno ventilato a 170°.


Quando due amiche si trovano su FB e iniziano a ciacolare può succedere che pensi ad abbinamenti, elenchi ingredienti, pregusti abbinamenti e poi si decide di fare un tortino come questo.O almeno è quello che succede con lei. Preparato per la cena di un weekend in campeggio montanaro e senza fornello. La torta è vegana, la panna vegetale è perfetta!

31 commenti:

  1. ciao, una torta semplice semplice ma di vero gusto! Molto originale.
    baci baci

    RispondiElimina
  2. La tua torta è favolosa...ed anche la tua riflessione...in questi giorni mi ci ritrovo tanto, sai?!

    RispondiElimina
  3. Tesoro... sono bellissime le nostre continue e interminabili chiaccherate... :D e quello che ci salta fuori così vicine così distanti... dai che c'è la facciamo....baciottolini cippi mia

    RispondiElimina
  4. Credo di capire, dopo aver letto il tuo post precedente...situazioni che inducono a riflettere , a volersi riciclare ex novo...non facile, ma possibile!
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. amo i sassi , sono tappe ,percorsi ,sono conumati dall'acqua e per questo più veri , come in fondo la nostra anima.La fonte è la luce del mattino.ti abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ogni sasso fa parte della nostra vita!!
    Tortino delizioso, un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  7. Trovo che chi si esprime è già a buon punto.
    Grazie per le ricette che ci regali sempre!
    Silvia

    RispondiElimina
  8. bello questo tortino di funghi :-)
    A.

    RispondiElimina
  9. Mi piace il tortino ai funghi, mi piacciono i funghi, sono un cibo magico :-) va bene con la tua fonte!

    Ciao
    A.

    RispondiElimina
  10. Bella la pasta matta!!!! e pure i semi dis esamo che saltellano allegramente in padella.. che forza sei Lo... Ottima la torta ovviamente.. baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  11. ....cucini,
    quindi và meglio!
    bacioni
    giusy

    RispondiElimina
  12. gnam gnam che bontà, adoro i funghi :)))

    RispondiElimina
  13. In questo cerchio, in questi sassi, in quest'acqua, in questo mondo..io ti mando un abbraccio che ti possa scaldare da tutto il freddo che c'è qui attorno! :)

    RispondiElimina
  14. ciao Lo, è sempre bello leggerti e questo post lo sento vicino.
    Che dire della torta, autunnale e golosa...
    ma ora sei vegana? E sei riuscita a convertire anche quel carnivoro del galletto?
    a presto, buona settimana!
    Silvia

    RispondiElimina
  15. Purtroppo quando un sasso è stato levigato fino a diventare piccolo e arrotondato, c'è sempre un nuovo sasso tagliente che dovremmo ancora una volta levigare. Ti abbraccio, Cat

    RispondiElimina
  16. Sembrano uscite dalla mia testa quelle parole, forse è un periodo comune ad alcune di noi.Ce la facciamo Lo!
    Sta pasta matta al sesamo è divina!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  17. mai provata una torta con farina di farro
    devo recuperare
    ottima ricetta

    RispondiElimina
  18. deliziosa torta di funghi, per le prime parole invece, credimi nella vita si rinasce diverse volte,ma nulla deve essere dimenticato, è proprio questo che fa la differenza, fra chi si fa passare le cose addosso come l'acqua e chi invece le comprende, il rinnovo è anche simbolo di crescita

    RispondiElimina
  19. La pasta matta con il sesamo mi piace moltissimo!

    Ps mai perdere neppure un sassolino delle ns sfaccettature ....

    Bacio

    RispondiElimina
  20. E' da un po' che cerco il tasto reset, ma non mi (ci) rimane che andare avanti per la nostra strada...però cammin facendo mi mangio un po' di questa torta!

    RispondiElimina
  21. a volte servirebbe un tasto di reset o anche solo pausa, per riprendere fiato. a volte si impara anche dalle cose più stupide, uno dei film su batman, il futuro batman cade in un pozzo ed il padre gli dice: si cade per imparare a rialzarsi. l'ho fatta mia. e questa torta rustica mi pare un buon modo ^_^

    RispondiElimina
  22. Si può sempre ricominciare, come nuovo, senza perdere il proprio passato. Magari usando questa splendida crostata come rito di iniziazione!

    RispondiElimina
  23. Carissima, giorni fa sono tornata nei posti dove siete stati, vicino a dove sono io e ti (vi) ho pensato intensamente... In te c'è una grande smania di cambiamento, ma è una cosa del tutto positiva... solo quando sentiamo il bisogno di novità, possono nascere ancora delle belle cose nuove! Un bacione a te e tutto il pollaio! :)

    RispondiElimina
  24. Solo per un saluto...
    Buona giornata, Lo!
    Silvia

    RispondiElimina
  25. un grazie a tutti e una richiesta di perdono per i miei tempi lunghi, in questa stagione piena di sole, ma ricca di rosso...è il tempo della lentezza: per recuperare. Un abbraccio a tutti di cuore

    @Silvia cara, sono vegetariana con tendenze al vegano. Il galletto dopo aver adottato Nina è diventato vegetariano da solo, bello vero? un bacione

    RispondiElimina
  26. Ora che la mia gallina preferita ha capito l'abbecedario, mica le posso dire di no :) quando torno aggiungo la tua Q e ora che hai capito come funziona, ti aspetto per le prossime lettere :)

    Aiuolik

    RispondiElimina
  27. E la mia gallina preferita è entrata nell'abbecedario :)

    RispondiElimina
  28. Ti STRACOPIO la ricetta!!!
    Lovo te :*

    RispondiElimina
  29. Q aggiornata: http://abcincucina.blogspot.com/2011/09/q-come-quiche.html

    Grazie ancora per la partecipazione!!!

    RispondiElimina
  30. grazie Trattoraaaaaaaa del mio cuore e un bacio a Gaia

    RispondiElimina