giovedì 24 marzo 2011

Giornata piena di una settimana piena



Giornata piena di una settimana piena. Desiderio di curare il nido, di vedere l'ordine. Voler mettere sulle mensole quello che c'è nel cuore. Poi corsa da una piccola donna, che spera che oltre alle montagne di pattume della sua vita ci sia la speranza e pregare di darle gocce di forza per nutrire il suo vigore, la sua risolutezza. Trovarsi intorno ad un tavolo per imparare a mettere la distanza dai fili delle vite che si intrecciano e che bussano nelle notti. Correre per mangiare veloce, costruire una catena di mollette e godere dei panni che volano al sole. Tornare e aspettare chi non viene, costruire un mini blocco di memoria per chi insiste a perdere la sua testa, incontrare lei di sfuggita e dire alla mamma di una bimba che esiste il lupo cattivo. Tornare nel nido, abbracciare chi ami, sostenere la gnoma, strofinare il naso del gatto e decidere di leggere.

QUICHE AL CAVOLFIORE E CACIOTTA FRESCA
per la pasta:
300 gr di farina 2
60 gr di burro
100 gr di olive nere denocciolate
acqua ghiacciata

per il ripieno
1 cavolfiore
250 gr di caciotta fresca
2 uova
200 ml di latte o di latte d'avena
sesamo

Tritare le olive. Preparare l'impasto con la farina, il burro ammrobidito, le olive tritate, il sale e acqua ghiacciata. Deve diventare una palla morbida ed elastica. Mentre si prepara il ripieno tenere la pasta in frigo.
Pulire il cavolfiore, dividerlo a cimette e cuocerlo al vapore per 10 minuti. Frullare il cavolfiore con la taleggella a pezzetti, fino a formare una crema. Aggiungervi le uova e il latte e miscelare il tutto.
Stendere la pasta in uno stampo da crostata, bucherellare la pasta, rivestirla con carta da forno bagnata e ricoprire con dei legumi. Cuocere il guscio a 180° in forno ventilato per 15 minuti.
Sfornare, eliminare la carta e i legumi e riempire con il ripieno il guscio. Cospargere con un cucchiaio di semi di sesamo. Infornare per altri 20 minuti circa.

Questa torta è delicatissima. Qui trovate la ricetta originale, ma io preferisco la mia versione, dove il sapore intenso delle olive nere si sposa con quello delicato del ripieno, dato dalla scelta di un formaggio dal gusto delicato.

21 commenti:

  1. Anche io settimana piena, pienissima...voglia di sole, di nuovo, pulizia dentro e fuori...
    A me questa stagione fa questo effetto.
    Soprattutto voglia di volermi bene..
    Ottima la tua quiche...un baciozzolo

    RispondiElimina
  2. in quste settimane primaverili sopratutto nel cuore c'è la voglia di pulito, di riordinare, di sistmare sia nel corpo che nella mente e anche intonro... lo stò facendo piano piano....
    Una quiche davvero insolita ma splendida nel gusto! baci Ely

    RispondiElimina
  3. brava lo, che riesci a fare tante cose insieme. mi piace molto anche la tua torta salata, magari domani la ripropongo anche a casa nostra

    RispondiElimina
  4. allora libro e non lavoro a maglia !!! Bell'idea questa torta. la proverò ?? baci a te mamma di una gnoma che cresce !! Caty2

    RispondiElimina
  5. buongiorno bellissima,mi inviti a pranzo??

    RispondiElimina
  6. Mamma mia... la farei seduta stante la tua quiche.. mi piace l'abbinamento.. smackkk :-)

    RispondiElimina
  7. IO vorrei tanto staccare, sono un po' stanca.Magari un pomeriggio tutto mio per preparare una torta così bella!Mi piace più la tua versione sai?baci

    RispondiElimina
  8. Mi capita spesso di avere giornate piene, e non vedo l'ora che arrivi la sera per rilassarmi sul mio divano con accanto i miei mici!
    Grazie per la ricetta!
    Baci Elena

    RispondiElimina
  9. Una torta ricca di sapori. Bravissima. Un bacio.
    Virginia

    RispondiElimina
  10. Come fai a mettere in ordine i pensieri? Le settimane piene mi trovano sempre ormonale, ma sono legata a troppa gente che mi legge adesso (e mica scrivono commenti, qui tutti leggono, curiosano, ma mai lasciassero un pensierino!) e non potrei mai descrivere le mie giornate cosi' apertamente. Mi son trovata nei casini solo ad aver parlato di mio marito punto da una vespa!

    Buona la quiche, bel modo di usare il cavolfiore :-)

    ciao

    A.

    RispondiElimina
  11. Giornate piene e settimane piene che non mi lasciano il tempo di mettere ordine ... ed è meglio così, perché se metto ordine è finita!

    RispondiElimina
  12. torta delicatissima come le tue parole, che nella "frenesia" del racconto, mi danno un'inaspettata serenità!
    Buona notte cuginetta!

    RispondiElimina
  13. Avrei potuto scrivere la stessa cosa(certo in maniera decisamente peggiore...eheh)...anche io ho voglia di "nuovo" come la Simo :)
    Pulizie dentro e fuori!
    Meravigliosa quiche!

    RispondiElimina
  14. complimenti per tutte le cose da fare hai fatto anche questa torta salata di cavolfiore piuttosto invitante :-)

    RispondiElimina
  15. E dopotutto il corri avanti e indietro,ci vorrebbe solo,insieme ad un libro,anche un caldo abbraccio che ti scalda,che decide di scaldarti e che senza dire nulla ti accarezza i capelli!

    Un dolce abbraccio!
    S.

    RispondiElimina
  16. grazie a tutti...vi immagino indaffarati e pieni di sole e di energia....in questa stagione l'impegno ha un sapore migliore!!! un abbraccio collettivo!

    RispondiElimina
  17. Al pensiero che domani bisogna riprendere a seguire i ritmi dell'orologio...mi viene la nostalgia!!! Speriamo che smetta almeno di piovere;((
    Ciao LO, un caro saluto. Roberta

    RispondiElimina
  18. bellissima ricetta brava e chic come sempre

    RispondiElimina
  19. Questo tuo racconto mi ha colpita, toccata e affascinata...l'ho letto due volte... forse adesso tre!

    RispondiElimina
  20. un bacio...anzi due...anzi tre!

    RispondiElimina