lunedì 28 marzo 2011

Frutta e uomini


Una delle funzioni fondamentali del maschio all'interno di un nucleo familiare è quella di mangiare tutta la frutta ammaccata o come dice la gnoma: "con i lividi". 
Non so da voi, ma da me è sempre funzionato così. Quando ero piccola, appena trovavo un frutto segnato sprofondavo nell'orrore, quasi convinta che l'entrare in contatto con quel cibo avrebbe significato un lungo periodo di indigenza, tristezza e pessimismo. Mio padre, nel ruolo di eroe che salvava il mondo, mangiava quel frutto e cosa ancora più tragressiva lo faceva con la buccia.
Ora questo compito nel pollaio spetta al galletto,  a cui sono d'ufficio passati i frutti deformi.
La gnoma, quando trova una mela acciaccata, mi mostra con raccapriccio e ribrezzo l'oggetto peccaminoso e subito dopo la cede al galletto. 
Lui segue la legge della natura che è stata data nella notte dei tempi e la mangia, con la buccia.

CROSTATA CON ARANCE E CIOCCOLATO
per la pasta:
275gr di farina 2
45 gr di cacao amaro
150 gr di burro
2 cucchiai di zucchero
sale

per la crema e la decorazione:
5 uova 
4 arance biologiche
200 gr di zucchero
1,25 dl di panna fresca

Preparare la frolla con tutti gli ingredienti.  Se l'impasto risultasse troppo sabbioso unire uno o due cucchiai di acqua ghiacciata e lasciarla riposare in frigo per almeno mezz'ora. Stendere la pasta in una sfoglia sottile e foderare uno stampo da crostata. Coprire con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato, ricoprire con dei legumi e cuocere a 180° in forno ventilato per 20 minuti. Sfornare, togliere carta e legumi.
Per preparare la crema montare le uova con metà dello zucchero fino a renderle gonfie, aggiungere la buccia grattuggiata di due arance lavate. Spremere tutte le arance, conservare le bucce di quelle integre, unire il succo al composto, poco alla volta. Aggiungere la panna e versare la crema nel guscio di pasta frolla.
Cuocere a 160° per circa 45 minuti.
Nel frattempo pulire dagli eventuali residui la parte interna delle arance e tagliare a striscioline sottili la buccia (anche la parte bianca). Lasciare le bucce in ammollo in acqua per almeno mezz'ora. 
Scolarle e lessarle per 5 minuti. Scolarle e cuocerle con lo zucchero rimasto e un cucchiaio di acqua, fino a candirle.
Una volta che la torta è raffreddata, decorarla con le scorze candite.

Ecco qui una bella torta golosissima presa dal solito "Il meglio di Sale e Pepe  - Torte in festa. "
Preparata per una domenica con amici belli e solari. Quella avanzata è stata donata a persone importanti, per prolungare il sapore buono di un tempo speciale. La crostata era davvero golosissima, ma sinceramente credo che la crema possa essere fatta con meno uova: sicuramente con quattro, ma forse anche solo con tre. Che ne dite?

33 commenti:

  1. Ah ah ah! Bella la torta, sarà davvero golosissima, la dovrò provare. Grazie. Buona settimana.

    RispondiElimina
  2. altro compito,e'buttare la spazzatura!!!deliziosa la torta!!!

    RispondiElimina
  3. Bè.. a me la frutta ammaccata mi fa un pò senso.. la vedo come "marcia" anche se non è così.. Ottima la tua crostata.. baci baci :-)

    RispondiElimina
  4. eh no... il mio è tutto l'opposto... la frutta ammaccata non la mangia, la cede sempre a me! e quella sana la mangia solo se gliela pulisco :-/

    buonissima questa torta!

    RispondiElimina
  5. in casa mia succede la stessa cosa con le banane:D che io utilizzo per il banana bread o per altri dolci e la torta è divina LO!!Bacioni Imma

    RispondiElimina
  6. macchè!!!!!!
    a casa mia sempre il contrario!
    per non buttar frutta matura ai limiti dell'impossibile già da bambina mi pappavo dei frullati!
    idem adesso!
    mele mature?ci faccio una torta
    banane mature?frullati o torte...
    lui ci gira alla largo alla frutta matura!ma anche mio padre e mio suocero!
    vedessi che fughe se provi a chiedere di mangiarsela!
    ma con la torta li frego ^_^
    buona,buona,mi dicono...eh eh eh...malefica?
    no ...donna....

    RispondiElimina
  7. Lo, sei una forza! Ci siamo immaginati la scena della gnoma che reggendo il frutto dal picciolo lo esamina e lo cede poi al galletto, è una scena dolce e al tempo stesso anche buffa, ma come dici tu ci sono leggi della "natura" che vanno avanti, senza bisogno di forzature o altro. E' naturale quando è così. A casa nostra per esempio io sono quella che scarta tutte le parti grasse da qualunque cosa e non ho bisogno di dire nulla, Luca allunga la forchetta e le fa sue.
    Buonissima la crostata che hai fatto, quella mette d'accordo tutti, ne siamo sicuri!
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Mi sa che è una "regola"... anche a casa mia funzionava così...

    RispondiElimina
  9. ahahah... anch'io devo fare mio questo rito, più che mio del caro vecchio Finn! :) qualcuno deve pur sacrificarsi!!!

    RispondiElimina
  10. non so dirti perchè ma anche a casa mia funziona così io ho 3 figlie femmine, alla fine mangio frutta per tutti :-)), complimenti per la torta

    RispondiElimina
  11. :-) ,,,da me quella che non butta mai niente sono io (...e si vede )!!!un grande abbraccio

    RispondiElimina
  12. Orca l'oca, vuoi dire allora che io sono l'uomo di casa? Magno tutto, io...dalla frutta ammaccata agli avanzi in frigo e ai tozzi di pane lasciati al languire sul tavolo dopo la cena...
    Ecco perchè sono perennemente poi a dieta, ahahahahah!
    baci cara e complimenti per la torta capolavoro.

    RispondiElimina
  13. Si sì...mi ritrovo!
    Non ho mai avuto problemi di tal genere, anche perché da piccolo ho avuto la fortuna di avere alberi da frutta in giardino, ovviamente essendo piccolo potevo raccogliere solo quelli a terra...rigorosamente ammaccati !!

    Crostata ?!?! gnam...gnam...a gogò!!

    Ciao Lo ,buon pomeriggio

    RispondiElimina
  14. Golosissima questa torta!!!! Una ricetta che metto da parte con cura. Anche in casa mia è mio marito che mangia la frutta ammaccata, ti giuro che quando la mattina alle 7 lo vedo mangiare le banane mi si chiude lo stomaco. Baci

    RispondiElimina
  15. ahahah...tenerissimo questo galletto!

    RispondiElimina
  16. ahahahahah è troppo vero! anche mio babbo si prodiga da eroe! ;-D bella la torta! ciao!

    RispondiElimina
  17. Sai che la stessa ideantica cosa accade a casa mia... la frutta ammaccata spetta rigorosamente al capofamiglia! La crostata dev'essere buonissima!!!! Un abbraccio cara Lo!

    RispondiElimina
  18. Mi piacerebbe assaggiarla proprio in questo istante.....appena tornata dalla piscina.....mi vado subito a iscrivere tra i tuoi soostenitori.....passa a trovarmi se ti va....ti aspetto....un bacino la stefy

    RispondiElimina
  19. Mi hai fatto proprio ridere =D Il mio fidanzato non la mangia la frutta ammaccata, il suocero sì, però la taglia che per me è già una bella comodità =)

    RispondiElimina
  20. a me piace la frutta quando è matura, oggi tutti mangiano la frutta acerba, io preferisco quella matura che per ovvie ragioni non è sempre perfetta, comunque è vero a casa mia la mangio cosi solo io

    RispondiElimina
  21. Spero che si tratti di una cosa che succede agli uomini, quando crescono, perche' al momento il mio bimbo di 10 anni non mi sembra propenso a mangiarsi a frutta ammaccata :-).

    Ma mi dicono anche che ad una certa eta' i maschietti cominciano a mangiarsi pure il piatto se non glielo togli da sotto!

    Speriamo!

    La crostata sembra proprio una delizia. Dopo posto la tua ricetta del detergente al limone!

    ciao
    A.

    RispondiElimina
  22. A casa mia sono io l'"inceneritore" di frutta coi lividi...ello guarda e dice:ma perchè non la butti? Non glielo spiego più da tempo :-(
    Buona giornata..bello il gattone :-)

    RispondiElimina
  23. Ecco...sempre detto che sono strana, di solito la frutta ammaccata è compito mio, la ripulisco a dovere e la riporto ad antico splendore per restituirle onore e dignità. Ed ha sempre un sapore speciale, chissà perchè.

    Veniamo alla torta. Sono reduce da una serie di crostate materne fatte con spezie varie (cannella, zenzero, chiodi di garofano) e marmellata casalinga di arance. Un connubio esplosivo. Ne percepisco ancora il sapore. Io invece facevo la mia piccola Sacher leggera, con un semplice ciambella al cioccolato e la marmellata di cui sopra. Delizia. Basta, sono a dieta, non ne parliamo più :)
    UN abbraccio!

    RispondiElimina
  24. Ahahaha vero , verissimo, pero' ma da me succede che sono io a mangiare quella ammaccata.

    il galletto spero non mangi anche la buccia della banana? ;-)

    Ciao carissima Lo :-)

    RispondiElimina
  25. Si si, succedeva anche a me da bambina... che bei ricordi! Io scansavo la frutta ammaccata e il papy interveniva subito e da vero eroe si mangiava tutto!!!!!

    RispondiElimina
  26. Fantastico questo post!! Qui uguale uguale, prima papino, ora il consorte (detto amabilmente "il bestio") :-D
    Bacio, Lò

    RispondiElimina
  27. la gnoma comincia a fare la schizzinosa come tutte le femminucce che si rispettano ^_____^ e il galletto deve pur avere qualche impegno optional per riguardo alle femminucce di casa.....
    io non sono un'esperta pasticcera ma credo che avrei tolto 2 uova pur non sapendo l'esito ;-))
    bacio bacio!!

    RispondiElimina
  28. Carissimo/a
    Sto per aggiornare l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html


    sergio.

    RispondiElimina
  29. L'arancia e il cioccolato sono due ingredienti che si sposano bene insieme. chissa come dev'essere buona questa crostata

    RispondiElimina
  30. da noi invece è la sottoscritta... piatto metà pieno, gli ultimi avanza... perchè il capitano da buon figlio con fratelli è stufo di condividere e quindi chi fà da se fà per tre :-))))) io la torta la lascerei anche così se dobbiamo godere facciamolo bene! la'setto è stupendo! baci

    RispondiElimina
  31. oh mamma è una cosa pazzesca.. ma vuoi farmi svenire Lo??????

    RispondiElimina
  32. Se sono solo ammaccati, li mangio...altrimenti butto via.

    RispondiElimina
  33. Da me questo compito l'ha sempre avuto mia madre che, anzi, ha sempre accusato mio padre di essere uno sprecone perché ne buttava via troppa quando ancora era "mangiabile". Ora sia io che Uncle facciamo il nostro dovere... Insomma, non siamo un campione rilevante per la tua personale statistica :-)

    RispondiElimina