giovedì 17 febbraio 2011

La vita non è uguale a sè stessa


I giorni, dalla settimana scorsa, mi sono piovuti sulle spalle come un'acquazzone improvviso e forte. Esattamente ho pensato: "La vita non può essere mai uguale a sé stessa". E subito dopo ho mentalmente aggiunto: "Però se il tutto teneva almeno ancora qualche settimana..."
E così prendi carichi, sposta carichi, ascolta, insegui, comunica, respira, scrivi, rispondi, confrontati, raccogli i punti caduti, chiudi con grazia i cancelli lasciati aperti da cui esce ed entra ogni cosa, ruba quegli attimi per rincorrere il sole e tenta di ignorare i mali di stagioni. Ritrovarsi a parlare con una voce roca, rimanerci male perché non puoi stonare i ritornelli delle canzoni più amate mentre guidi, segna tutto sull'agenda e fai totali. Mettersi in moto per fare tutto, per far star bene. Mi sento come una persona che segue gli altri e raccoglie man mano i pezzi che cadono dalle loro braccia cariche, per arrivare con loro al punto di sosta e rassicurarli: "Tranquilli c'è tutto, non abbiamo perso nulla e tutta va come deve andare." Mi sento così e sento la mia forza crescere e avverto di farcela, ho la serenità di riuscire. Mi sento così e sento il ricordo di quando ho annaspato e respirato a fatica, bussare per minacciarmi.
E poi piove e sto sotto l'acqua, per sentire se ha l'odore della primavera.

PIE CON NOCI DELL'AMAZZONIA ALLA CREMA
240 gr di farina 2
100 gr di zucchero di canna
4 uova
1 bicchierino di rum
120 gr di burro
100 gr di sciroppo di riso
sale

Preparare la pasta unendo 200 gr di farina con 90 gr di burro freddo a pezzetti, 1 uovo  e un pizzico di sale. Lasciare riposare la pasta per mezz'ora in frigo. 
Nel frattempo sbattere le uova rimaste con una frusta elettrica, aggiungere il resto del burro e della farina, un pizzico di sale, lo zucchero, il rum e lo sciroppo di riso. Mescolare fino ad ottenere una crema omogenea.
Stendere la pasta ad uno spessore di 2\3 mm in una tortiera da 24 cm per crostate, punzecchiarla con una forchetta. Tritare le noci nel mixer e distribuirne 2\3 sulla pasta, versare la crema e coprire con la granella di noci rimasta.
Cuocere la torta in forno già caldo a 220° per 10 minuti, abbassare la temperatura a 160° e continuare a cuocere per altri 40 minuti.

Presa da "Il meglio di Sale e Pepe - Torte di festa",  modificandola un po'. L'originale era una pecan pie, io non avevo noci pecan e ho adattato. Siccome le noci dell'Amazzonia sono un po' cicciotte non mi veniva bene ricoprire la torta con i gherigli interi, ho tritato tutto. Ho diminuito anche la parte dolce. Per il compleanno del fratello del galletto, è piaciuta tanto proprio per il contrasto della pasta salata e il ripieno dolce.

34 commenti:

  1. Tesora adorata che parole meravigliose....a me la scorsa settimana è piovuto addosso tutto e ora sto cercando di raccogliere i pezzi e ricomporre un puzzle che all'improvviso si è rotto!

    RispondiElimina
  2. Spesso accade che la vita rimescoli le carte, facendoci perdere un po'l'orientamento..ma chi ha l'animo ben disposto sa sempre trovare la via.
    Che bella e golosissima torta!baciotti

    RispondiElimina
  3. io paragono ad un labirinto quei momenti...sono quasi riuscita ad uscire da lì,poi vedo un poco di sole e con un balzo ,non sò perchè,mi ritrovo fuori e a sorridere.
    se poi vedo quelle noci camuffate da dolce...che dire?rubo una fetta e scappo dal labirinto con quella in mano e la bavetta! ^_^

    RispondiElimina
  4. Sei una certezza.. un gran punto di riferimento per i tuoi affetti.. non è da tutti!!!ottima la tua Pie.. smackkk .-)

    RispondiElimina
  5. sempre col sorriso!
    ti dedico queste parole, tutte x te:
    "Voglio lasciarmi andare,
    voglio di piu'per me,
    voglio buttarmi
    per cadere verso l'alto"
    (Fabio Volo)

    RispondiElimina
  6. che belle parole hai scritto....bella l'idea che tu da dietro raccogli.... per chiudere la fila in maniera ordinata dove non si dimentica nulla.... le tue torte come sempre ti rispecchiano, buona naturale e ricca.... nell'anima! baci

    RispondiElimina
  7. La primavera è dentro queste gocce di pioggia, ma è già anche dentro di te, è in questa ritrovata energia e positività.
    La torta sa di buono, tra l'altro la frutta secca la amiamo in modo particolare e ne abbiamo sempre delle scorte in dispensa. Le noci dell'Amazzonia però non le conosciamo, faremo una ricerca. Conosciamo quelle di Macadamia che per Luca sono una droga e quando le compero difficilmente riesco a mangiarne una perchè non ne avanzano mai.
    Bacioni e buona giornata
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Tu il sole ce l'hai dentro :)

    YupPIE yupPIE che meraviglia deliziosa...

    RispondiElimina
  9. Ciao Lo! mamma che tortina ci hai preparato! davvero molto gustosa e ricercata! bravissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  10. E allora vedi?
    Lo dici tu stessa,CE LA PUOI FARE.
    E pensa che non sai ancora quanto cuori silenziosamente ti stanno ringraziando!
    Io son una di quelli,sotto sotto sai anche perchè =)
    Un abbraccione
    S.

    RispondiElimina
  11. Lo...ti abbraccio!!!
    Emana tutta la luce che hai dentro...
    Buona la torta, adoro le noci macadamia, la trovo golosissima!!
    baci

    RispondiElimina
  12. e tu non aprire!! lascia bussare... si stancherà, e tu così ce la farai... io ti posso prestare i miei tappi magici!!
    un abbraccio stretto e forte

    RispondiElimina
  13. Bel post e bella ricetta.....una torta deliziosa....

    RispondiElimina
  14. ...oh non temere , sai quando le guardiamo le nostre insicurezzr in fondo è perchè sappiamo di essere oltre , sappiamo di aver acquisito conoscenza di loro e questo ci regala qualche ounto di vantaggio:Ricaricarsi , si , sotto la pioggia ricordare che siamo elemento tra gli elementi e non cito alcuni passi perchè ognuno è libero di pensarla come crede ,a cominciano con " guarda gli uccelli nel cielo .." .ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  15. Da questa sera per me iniziano giorni di tranquillità...speriamo che la pioggia quella vera, lavi via la stanchezza!
    Ciao Lo, un caro saluto. Roberta

    RispondiElimina
  16. la tua verifica della parola non è fastidiosa perchè hai impostato i commenti con questa pagina e non sotto il post....in questo modo io finisco il commento metto la verifica e invio...è quell'altro che proprio non si può....parli della mia ciambella ma tu hai fatto un dolce godurioso:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  17. Le tue parole sono sempre profonde e piene di saggezza.
    Questo dolce ...gioia per il palato.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  18. non c'è dubbio che profumi di primavera.. questa pie con noci dell'Amazzonia e crema secondo me li può curare i malanni stagionali! :)

    RispondiElimina
  19. mi sa che si trovano anche da mandacarù e che le ho mangiate e che sono troppo buone!!! chissà che spettacolo la torta!

    RispondiElimina
  20. la tua torta sembra ottima!! e ho giusto delle noci pecan che se ne stanno lì in attesa di giudizio.. mi sa che mi hai convinta!!
    un abbraccio e complimenti per il blog che scopro solo oggi, divento una tua follower con molto piacere!
    Valentina

    RispondiElimina
  21. Ti vorrei invitare al mio primo contest MANI NELLA MANITOBA, una raccolta di ricette con la farina manitoba...
    http://dolciedesserts.blogspot.com/2011/01/primo-contest-mani-nella-manitoba.html
    se ti va passa a dare un'occhiata... ti aspetto...

    RispondiElimina
  22. complimenti
    per questo blog molto bello
    è un piacere leggere queste pagine
    ti auguro una buona serata
    katya

    RispondiElimina
  23. una rinascita dall'inverno... metaforico e reale... ogni tempesta e grigiume si evolvono... per portar il sole e il colore!

    Torta a dir poco fa-vo-lo-sa!!!!

    (andava qui il commento! :) )

    RispondiElimina
  24. Questa è la prima visita, mi sono piaciute molto le tue parole e ....anche la torta!!!
    Mi sono unita ai tuoi sostenitori, così continuo a seguirti.
    Se ti fa piacere passa a trovarmi
    Buon week end

    RispondiElimina
  25. ciao cara, il tuo post è bellissmimo..capisco in pieno tutto quello che dici e l'attitudine con cui lo fai..però, mi raccomando! Ogni tanto davvero fermati e pensa un poco a te! ..ci vuole, anche se non sempre è facile poichè spesso il destino ha un pessimo tempismo!
    Un caro abraccio, che meraviglia questa torta, ne vorrei un pochino qui! :)

    RispondiElimina
  26. Sensazioni provate e riprovate anche da me... Uno dei motivi per cui mi piace tanto viaggiare e quando il lavoro me ne dà la possibilità non mi tiro mai indietro, è perché solo allontanandomi dalla quotidianità ritrovo me stessa e trovo la forza di prendere delle decisioni importanti.
    Le tue parole sono sempre belle e come vedi mi fanno riflettere sempre, grazie!

    RispondiElimina
  27. Mai post è più adatto a questo momento.
    Per non so quale motivo (spero non sia la cattiveria) non riesco più ad entrare nel mio blog da giorni, sono combattuta tralasciare tutto lì o se raccogliere quel che resta.
    Sono un pò stanca anche perchè in questo momento le amicizie si sono come per magia volatilizzate....non importa le noci dell'Amazzonia mi tireranno su. Buona domenica.
    (ho acceso un altro caminetto, fa ancora freddo ed ho bisogno di scaldarmi un pò)

    RispondiElimina
  28. Voglio ringraziare tutti per la loro visita, dare il benvenuto a chi per la prima volta è arrivato nel pollaio! Spero sia una buona occasione per nuovi incontri!
    Volevo ringraziare chi mi ha lasciato parole preziose che hanno arricchito la mia piccola introduzione, volevo dire grazie a chi ha apprezzato questa torta golosetta e buona...
    vi abbraccio forte per un buon inizio di settimana con il sole dentro!!!

    RispondiElimina
  29. una gran bella pie, dal sapore un po esotico, voglia di primavera?

    RispondiElimina
  30. Sciroppo di riso? non lo conosco è tipo quello di mais?
    Baci

    RispondiElimina
  31. Ciao! Siamo venuti a curiosare... bellissimo blog, molto originale e complimenti per le tue fotografie...e per il post... è molto vero quello che hai scritto. A presto!

    RispondiElimina
  32. Carmine siiiiiiiiiiiiiii! ;)

    Twostella...si tipo..ma molto delicato, a me piace molto lo uso al posto del malto e lo trovo al naturasi. L'ho usato al posto di quello di acero, per non stare ad acquistarlo. Credo che anche quello di mais possa andare benissimo
    un bacione

    Innamorati..benvenuti e grazie per i complimenti...le foto mi vengono benino quelle in esterno, ma in casa insomma ;) a presto

    RispondiElimina