lunedì 7 febbraio 2011

Certe persone


Certe persone vivono in lotta con altri, con sè stessi, con la vita. Allora si inventano opere teatrali immaginarie e adattano il copione alle proprie frustrazioni. P. Coelho

Il problema è quando ci si trova raccontati nel copione e si scopre a sorpresa e con stupore di avere una parte della recita. Allora ci si sente come al risveglio da un sonno profondo, piombati per caso in una situazione, tentando e annaspando per ricordare la battuta. La battuta giusta.
Spesso si cerca la via più veloce verso l'uscita, il tendone che separa palcoscenico e quinta pare vicino, ma nel gioco di chiaroscuro, di luce e buio, non ci si rende conto che per quanto piccola si  regge una parte, un frammento che completa l'intero. Allora bisogna trovare un modo sano, equilibrato ed elegante per non far crollare il castello di carte. Che ricorda bene non ti appartiene.
Profondo respiro, sorriso smagliante, calmare il battito del cuore, trovare la frase che racchiuda la giusta pozione. Ironia, saggezza ed equilibrio, magari nel mix di poche parole. Declamazione della battuta, riformulazione del copione. Uscita di scena.

E fisso il buco bianco nel foglio scritto che avrà chissà quale intimo significato occulto.

GNOCCHI DI SARETTA


6 o 7 patate
farina integrale quanto basta
sale

Lessare le patate con la loro buccia, pelarle e ridurle a purè con lo schiacciapatate. Aggiungere un pizzico di sale e farina quanto basta per creare un impasto morbido. 
Prendere un pochino di pasta, formare un salsiciotto e tagliarlo a tocchetti di circa 1 cm, passare la pallina sui rebbi di una forchetta o su una grattuggia.
Portare a bollore dell'acqua salata e tuffare gli gnocchi. Scolarli quando saranno a galla e condirli a piacere!

La ricetta l'ho scritto a testimonianza che non ci vuole niente a farli  gli gnocchi, solo la volontà. Avevo ricordi infantili di quando mia madre e mia sorella, una volta ogni tanto facevano gli gnocchi alla domenica e ne avevo sempre la sensazione che fosse un lavoro enorme e pesantissimo. Forse perchè noi eravamo una famiglia numerosa e golosa e quindi bisognava farne una grande quantità. Saretta, quando ha raccontato di come anche lei si è decisa a prepararli, mi ha dato lo stimolo giusto per provare! 
Lo gnocco perfetto per me è quello leggero e semplice, che deve sapere pochissimo di farina! Usare quella integrale ha regalato un buon tono rustico!

26 commenti:

  1. Buon giorno, gli gnocchi sono stati il mio primissimo approcio con la cucina e mi ricollegano ad uno dei pochi ricordi lieti che ho della mia infanzia: mia madre, io in ginocchio sulla sedia con la mia piccola porzione d'impasto che facevo i "miei" piccoli gnocchi..tutto in quel tempo era piccolo meno i miei sogni.....

    RispondiElimina
  2. Ciao! sai che è un po' che ci penso a fare gli gnocchi? anche perchè diciamolo - quelli fatti in casa sono davvero buoni, nemmeno da fare un paragone con quelli del super. Solo una domanda: con queste dosi quanti ne vengono? Come ben sai, noi siamo 1 e ⅟₂...

    RispondiElimina
  3. Un po' inquietante questo post ma gli gnocchi risollevano il morale su tutto!!!!!!!!!!!! sono bellissimi!
    Ancora un mesetto e tornerò ad avere il mio tempo per cucinare..mi segno questi gnocchi in pole position per la ripresa! :)
    buona settimana!

    RispondiElimina
  4. deliziosi!!
    quanto e'vero quello che dici tesoro!!

    RispondiElimina
  5. Che sorpresa Lo!Dedicare questa pagina a me che sono una neofita...Grazie di cuore e..i tuoi gnocchi sono nettamente pià belli!!!Baciotti

    RispondiElimina
  6. ...e senza neanche sprecare tante parole...

    RispondiElimina
  7. sai il passaggio più difficile qual'è? è rendersi conto che quel castello di carte non ci appartiene.
    e fino che non lo comprendiamo, non riusciremo mai ad uscire di scena...
    bel post. :)
    eccellenti gnocchi!!

    RispondiElimina
  8. Alle volte una controfigura farebbe comodo!

    RispondiElimina
  9. forse nello spazio bianco sono invece raccolte tutte le parole ,quelle dirette che poi per saggezza non si dicono,o è il tempo per la riflessione , per vedere se davvero quello che si scorge è così o tale ce lo vogliono palesare .sempre un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Buonissimi gli gnocchi!!!!! smackkk

    RispondiElimina
  11. parli di gnocchi e di ricordi e tornano in mente anche a me.. mamma mia quanti ne ho mangiati crudi, appena tagliati dalla mano veloce di mia mamma... forse mi piacevano più crudi che cotti.

    sai, riguardo a certe persone, anche io ero una di quelle. poi ho deciso di cambiare.. ciò non significa che non torni mai quell'atteggiamento, ma come per chi deve smettere di fumare o di bere.. basta controllare l'istinto.. o forse il vizio? :)

    RispondiElimina
  12. Buoni.Gli gnocchi è un piatto che preparo da sempre pure io,ma con la farina integrale mai!!proverò!!Buona giornata!!!

    RispondiElimina
  13. si, mi sa che hai ragione!

    Questi gnocchi devono essere super, grazie per la ricetta!
    Un bacio Elena

    RispondiElimina
  14. Ti rispondo anche qui. Sì, sono le dosi per 2 persone :)

    RispondiElimina
  15. quasi ci provo....anche se mi sfilerei volentieri quel piatto lì....almeno andrei sul sicuro ^______^ ciauzzzzz

    RispondiElimina
  16. che buoni questi gnocchi...un bacione
    Annamaria

    RispondiElimina
  17. Mi hai fatto venire voglia di gnocchi, e pensare che al momento ci sono anche troppi palcoscenici sotto ai miei piedi, ma anche se a volte non sembra, mi ci sono sempre messa io, magari inconsciamente, magari sembrano giochi del fato (stavo solo passando di la' e bum! infilata dentro ad una nuova situazione) ma non ci si scappa: la mia presenza, fisica o altro c'era, forse per il semplice fatto che esisto, ma c'era, e ne sono responsabile.

    Da quando ho cominciato a capire che in fondo sono io che creo le cause, ho anche cominciato ad apprezzare di piu' gli effetti (anche quando non sono sempre desiderati).

    Ma sto ancora imparando a dire le battute giuste... a volte escono bene ma sono nella recita sbagliata!!!

    Lol!!!!!

    RispondiElimina
  18. Le tue parole sono sempre bellissime, grazie!

    RispondiElimina
  19. Ciao! molto aprticolarri gli gnocchi di farina integrale! un sapore più rustico e gustoso!
    bravissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  20. Lo, non sarò brava come te ma spesso li faccio, da piccola con la mamma e la nonna, poi con mia figlia e mia mamma. Mi fa piacere vedere che la tua ricetta prevede, come la mia, solo patate e farina che io impasto quando le patate sono ancora tiepide.

    RispondiElimina
  21. bel racconto ogni tanto queste cose servono

    RispondiElimina
  22. Gli gnocchi anche per me un ostacolo a prepararli nella mia paura interiore che fossere troppo difficoltosi.. poi quando parto ne surgelo anche... e che soddisfazione!

    RispondiElimina
  23. grazie a tutti, a chi mi lascia i suoi racconti,a chi mi lascia perle per riflettere,a chi mi lascia calore e gioia!

    @Carlotta...scusami se ci ho messo tanto...con queste dosi noi abbiamo mangiato in tre!

    RispondiElimina
  24. Ciao,
    ho provato questa ricetta e sono venuti benissimo (era la prima volta che li facevo)!
    Grazie di aver condiviso questa ricetta facile facile e buonissima :)

    RispondiElimina
  25. Tascabile...che emozione...grazie mille per aver provato...sono contenta sia andato tutto bene...e grazie per passare da qui! A presto

    RispondiElimina