lunedì 17 gennaio 2011

Freddo!


Freddo...freddo, freddo! Non mi piace aver freddo, mi piace aver caldo. Penso freddo, mentre corro dalla porta alla macchina, mentre spremo il tubetto di crema sulla mani, mentre mi chiedo perché devo uscire o se posso organizzare il mio mini mondo da casa. Sento freddo, anche se mi avvolgo nelle sciarpone di lana morbida o anche se sto così vicinissimo alla stufa, tanto da scottarmi il fondoschiena. Sento freddo, quando mi infilo a letto e i piedi si congelano in un attimo e faccio moine incredibili al signor gatto, sperando si infili sotto il lenzuolo. Vedo freddo, quando al mattino apro e l'auto del vicino è bianca di ghiaccio. Lo vedo quando il sole s'arrossa e si nasconde tra le nubi di un gelido grigiastro e allora chiudo di corsa tutte le persiane di casa, nel tentativo di mettere una spessa barriera tra freddo e cuore. Mi accorgo del freddo soprattutto quando aleggia l'umidità e lo preferisco quando l'aria è così secca che pelle, capelli e tutto si strizza e si liscia. Cerco di presagirlo spiando tra le fessure al mattino, pregando che torni il sole. Provo a dimenticarlo, alzando al massimo il riscaldamento della macchina, spargendo briciole e semi per gli uccellini in giardino e coltivando il mio sole interiore.

CROSTATA DI PERE AL VINO ROSSO

per la pasta:
500 gr di farina tipo 0
2 uova di galline allevate in libertà
250 gr di burro
150 gr di zucchero canna grezzo più altri 30 gr
1 pizzico di sale

per il ripieno
4 pere decana grandi
1 stecca di cannella
zenzero fresco
mezzo litro di vino rosso dolce
150 gr di marmellata di ribes
amaretti

Preparare la frolla unendo la farina, lo zucchero, le uova, il burro ammorbito. Impastare velocemente fino ad ottenere una palla, che si metterà in frigo per almeno un'ora.
Nel frattempo sbucciare e affettare le pere, portare ad ebollizione il vino rosso,  a cui è stato aggiunto lo zucchero, la cannella e lo zenzero grattugiato. Aggiungere le pere e cuocere fino a quando saranno cotte, ma non sfatte. Scolarle.
Stendere in una stampo da 24 cm una parte della frolla. bucherellarla con una forchetta. Sbriciolare gli amaretti e ricoprire il fondo della torta. Distribuire le pere. Stendere un'altra parte della pasta e sistemarla sul ripieno. Con un taglia biscotti incidere  6\7 stelle e togliere la pasta.
Sigillare i bordi e cuocere in forno caldo a 180° per 35 minuti.
Una volta sfornata la torta, ammorbidire scaldandola in un pentolino la marmellata di ribes e versarla nei fori a forma di stella. Una volta fredda spolverizzare con lo zucchero a velo (io ho tappato i buchi con i biscottini cotti dai ritagli di pasta).


L'idea per questa torta l'ho presa da "Il meglio di Sale e Pepe - Torte di festa", modificandola un po'. Non ho fatto la pasta suggerita a base di farina, burro e acqua perché non mi ispirava e dovendo portare la torta da amici non volevo sperimentare sulla loro pelle. Così ho scelto la frolla classica, che ho preparato in grande quantità tanto che oltre alla crostata grande, ne ho preparate due piccole più una bella serie di biscottini.Proverò magari la ricetta originale, perché in realtà quel tipo di pasta mi incuriosisce! La torta era squisita, deliziosa e ha fatto un bell'effetto, più di quanto sembra da queste foto orride!




25 commenti:

  1. buon giornoooooo gallina preferita!
    il freddo fa bene perché fa andare in riposo le piantine
    il freddo fa bene perché ci fa stare più vicini
    il freddo fa bene perché ci ci fa sognare il sole ed il caldo

    prendo un pezzo della tua crostata buonissima ed inizio la giornata.
    darà colore a questa giornata grigia grigissima
    buon lunedì cara!
    baciusssssssss

    RispondiElimina
  2. ecco lo hai detto alla fine....il sole interiore....l'importante è che dentro di te splenda sempre il sole...un bacio
    annamaria

    RispondiElimina
  3. Buongiorno tesoro!freddissimo anche qui!io sono in via di guarigione...forse! :)
    Mi offri un pezzo di crostata?

    RispondiElimina
  4. Il freddo puzza -_- però cerco di vederne il bello. Un bicchiere di vino abbracciati, potersi ranicchiare nel lettone, una crostata come la tua =)

    RispondiElimina
  5. Io mi compiacio solo quando vedo un raggio di sole, anzichè le giornate nebbiose...però non sai quanto sogno il caldo!
    Bacionie complimeti per quella torta!

    RispondiElimina
  6. Ecco perché abito in Sicilia e a Palermo, in particolar modo! Il freddo qui è un concetto astratto che si concretiozza 4 volte l'anno e per giunta nei periodi sbagliati (effetto sorpresa!)... quindi non ti resta che ricongiungerti alla tua sorellina separata!
    P.s. Le foto rendono perfettamente la bontà!

    RispondiElimina
  7. Io odio il freddo... non mi piace.. la sera ci metto una vita per prendere calore nel letto.. per strada anche se mi copro.. niente da fare mi gelo ugualmente.. E fortuna che a Roma non fa tutto sto freddo..pena un pò...
    Wowwww ma è meravigliosa la crostata!!!Smackkk e buon lunedì! ;-)

    RispondiElimina
  8. Lo qui splende un sole meraviglioso con un clima quasi primaverile...vorrei che questo calore arrivasse fino a te!!
    la crostata è favolosa!!
    baci imma

    RispondiElimina
  9. farà anche freddo ma quel sole scalda a guardarlo!!

    RispondiElimina
  10. ...anche io non amo il freddo...più che altro ho bsogno del sole, della luce...
    Questa crostata è favolosa, altro che foto orrida, me ne spazzolerei volentieri una bella fettazza!
    baci

    RispondiElimina
  11. ...e questa è la ragione per cui vada a letto coi calzini imbottiti!E stupita guardo coraggiose in minigonna leggera di cotone e penso _ma non sentono freddo?-...mi sà proprio che son vecchia!!un abbraccio per riscaldarti!

    RispondiElimina
  12. che bontà questa crostata!!! una nuvola di gusto!

    RispondiElimina
  13. quando ho freddo, io inizio a passare l'aspirapolvere per casa...non so perchè, ma mi scalda!
    cmq, se ho più tempo a disposizione, ho notato che preparare una torta aiuta a scaldarsi...e il profumo che sprigiona riscalda anche lo spirito! buona settimana! :-)

    RispondiElimina
  14. deliziosa la versione sia a torta che a biscottini!!!
    baci

    RispondiElimina
  15. anche io quest'anno non lo sopporto più! stamattina 0° e un umido....

    un abbraccio nell'attesa di giornate un filo più caldo (anche solo 7° andrebbero bene!)
    Vero
    ps
    è la seconda volta che passo di qui, ma giuro adesso me lo segno il tuo blog!!! :)

    RispondiElimina
  16. e io con te! odio il freddo e tutti mi prendono in giro mannaggia... sopratutto quando io sono bardata in casa e i giovannotti qui presenti viaggiano in manica corta.... la torta è meravigliosa! e mi piace anche il biscottino! baciii Ely

    RispondiElimina
  17. Ciao Lo, credo che non esista accoppiata peggiore del freddo con la nebbia.
    Qui hanno tenuto banco per diversi giorni, per cui ho sempre cercato di uscire in orari "decenti" e solo per necessità, visto che adesso me lo posso permettere.
    Il calore "dentro" comunque è fondamentale, aiuta, aiuta...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  18. cara cara dolcissima Bri che bello trovare un tuo messaggio che mi ricorda che il bene è in ogni cosa....grazie ti abbraccio

    Grazie Anna un bacio a te

    Fatina bella ti ho pensato arrabbiandomi con me per non avere il tempo di passare a trovarti, ma sto sistemando tutto e arrivo fra un pochino
    ti abbraccio

    Cey...mannaggia pure io la sento quella puzza.....
    via di crostata allora! :)

    Saretta mi sa che lo sogni quanto me....che bello soffrire di caldo...e che schifo la nebbia :(
    uno strabacio

    Stefi...hai ragione ricongiungersi a questo punto è obbligatorio e poi io so di abitare nella parte sbagliata d'Italia...bacione

    Claudia si si ...uffa che fatica avere freddo! grazie per i compliementi :)

    Imma il sole c'era e se ti metti sotto il raggio il calore lo senti...grazie per il tuo!

    Carlotta...a me piace tanto :)

    Simo...infatti sono in crisi di astinenza da luce.... un baciotto

    Caty li voglio anche io i calzini imobottiti...io mi abbraccio la borsa dell'acqua calda..e quelle pazze con la mini??? non posso nemmeno guardarle: mi prendo il raffreddore! :) riabbraccio a te

    Dada grazie mille!!!

    Serendipty...sta cosa dell'aspirapolvere è strana..eheheh ...provo quella della torta! :))

    Mirtilla grazie tesorina

    Vero...si basta freddo!!! Ti dirò che stasera 7° li segnava ma l'umido mi dava -4°....uff! :)
    grazie per il passaggio e per tutto

    Ely...appunto...oggi io colloquio con ragazzino scalmanato: io in cappotto e sciarpa lui in maniche corte...uh signur...ma sono disumani!! ahah uno strabacio

    Sirio a me la nebbia ha colto di sorpresa: anni che non la vedevo e non ci sono più abituata...che fatica girare! buona serata

    RispondiElimina
  19. cara, anch'io adoro il caldo, ma non quello stressante dell'estate...preferisco quello dolce e lieve della primavera, oppure gli ultimi raggi di sole dell'autunno! A Roma devo ammettere che non fa mai molto freddo, però negli ultimi anni abbiamo un clima piovoso che manco in Inghilterra...
    Buona buona buona questa crostata, con le pere e il vino rosso, mmmhhhh

    RispondiElimina
  20. A fine settimana...gelo!
    Preparati a riscaldarti ulteriormente!

    RispondiElimina
  21. ma beh con questa bella crostata il freddo scompare in un attimo magari con una bella tazza di tè

    RispondiElimina
  22. Questo tripudio di stelle mi conquista :-)

    ps. questa sera mi sono infilata un maglione in più e ho messo le babucce dei grandi freddi ... brrrr odio il gelido inverno ....

    RispondiElimina
  23. Ti vuoi trasferire da noi in Sardegna? A parte l'umido non si può dire che faccia "veramente" freddo!!!

    RispondiElimina
  24. Anch'io soffro di freddo ..non mi piace tanto .
    Ma con una fetta di questa crostata ci si sta sicuramente meglio!
    ciao !

    RispondiElimina
  25. carissima, anche io sono freddolosa, mi infilo sotto le coperte con i calzattoni di lana e metto il riscaldamento dell'auto al massimo e mi sveglio alla mattina sperando che sia già primavera. ma anche l'inverno hai suoi lati positivi, vuoi mettere una bella serata in famiglia davanti al caminetto acceso con le caldarroste e magari un abella fetta della tua golosa torta?

    RispondiElimina