lunedì 22 novembre 2010

Il triangolo della combustione



Diteglielo che devono solo volere. Diteglielo che la soluzione è dentro di loro. Che sono problema e possibilità nello stesso tempo e che la difficoltà non è lo scivolone senza interruzione verso il basso. Dite a quei ragazzi, anzi a quei bimbi, spenti e trascinati, che sotto chili di trucco non vedono fuori, che devono guardare dentro e cercare la forza del pensiero che li accende. 
Dite loro che le parole sono portatrici di significati, che sono parte del triangolo della combustione per vivere. 
Il combustibile per questa magica accensione sono loro stessi, ma le parole che depositano nel cuore si trasformano in pensieri e sono l'ossigeno necessario per avere il fuoco. 
Ancora manca l'ultimo elemento perché la voglia della vita prenda inizio: la volontà.
Diteglielo che devono solo volere, devono scegliere e desiderare. Devono spiccare il volo verso l'alto, verso di sé. 
Diteglielo che non c'è solo l'abisso, il fondo, il vuoto. Ma che ancora si può essere sé, si può decidere e commettere il primo atto della volontà: determinarsi. Io sono. Che è così che il futuro ha inizio, con l'azione di cui si è responsabili.
Diteglielo che non è necessario offuscarsi dietro l'arroganza, il ruminare, la finzione per nascondere il proprio tremore, per celare un contenuto che non esiste. 
Diteglielo che c'è ancora tempo per riempirsi, per trovarsi.
Anzi non dite nulla, ma fate. Facciamo.

“Dobbiamo essere il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo” Gandhi

PORRI CARAMELLATI


4 porri 
succo di mezzo limone
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaio di miele
timo
sale e pepe

Pulire i porri e tagliarli per il senso della lunghezza in 2 o 4 parti. Disporli in una teglia rivestita di carta da forno. 
Mescolare in una ciotolina il succo di limone con l'olio e il miele. Versare questo condimento sui porri. Salare e pepare e distribuire il timo.
Infornare per 25\30 minuti , finché non saranno cotti e leggermente caramellati.
Questa ricetta era parte di uno speciale sulla polenta di Cucina Naturale di novembre 2010. Io l'ho estrapolata per proporre un contorno diverso e saporito. I porri con questo vestitino diventa eccezionali e appaganti. Insomma acquistano carattere.

33 commenti:

  1. buoniiiiiiiiiiiii!!!!!!
    copio!

    RispondiElimina
  2. Già..Gandhi aveva proprio ragione..Buonissimi i porri!

    RispondiElimina
  3. è sempre un piacere leggerti :-)

    RispondiElimina
  4. Se ognuno di noi avesse anche un minimo di saggezza, come il Maestro sarebbe tutto più semplice!!
    Questi porri sono una delizia!!
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  5. Buona la ricetta e bellissime le parole!
    Un abbraccio e buona settimana cara Lo!

    RispondiElimina
  6. Che bell'incipit Lo!
    Ed anche la ricettina mi sgolosa di brutto!!!Mi sa che domani caccio in forno il porro sopravvissuto!baci

    RispondiElimina
  7. bella, questa citazione di gandhi. e managgia, perché non hai postato questa ricetta un paio di settimane fa quando avevo un sacco di porri? ;) sembra buonissima! :) lisa

    RispondiElimina
  8. Ma come???? Io non ci riesco... e li vedo scivolare via, lontani da me e daogni cosa....
    Buonissimi i porri!

    RispondiElimina
  9. io la farò quella ricetta, ma tutta intera, con polenta e robiola (la robiola arriva al gas venerdì).
    il resto che hai scritto, mamma com'è difficile...

    RispondiElimina
  10. La volontà..parola grossa cara Lo. A volte manca anche a una vecchiarda come me..dovrei osare e volere di più a volte, lo so......

    RispondiElimina
  11. buoni i porri... non li compro spesso xchè non so mai come farli... ottima ricettina!

    RispondiElimina
  12. hai ragione sai? quanti ragazzi e bambini mascherati ci circondano? eppure a volte non li vediamo e non li capiamo capaci solo di giudicarli per quello che fanno... spero di accorgermi se qualcuno si nasconde dietro queste apparenze...
    I tuoi porri? favolosi! un bacione Ely

    RispondiElimina
  13. io gli dico sempre " voi siete il futuro del mondo e voi giovani siete magnifici e guai chi vi tocca ""sono davvero il sale , il sole e non bisogna arrendersi mai!!

    RispondiElimina
  14. Cara Lo, leggendo il post pensavo già al mio commento:
    Diteglielo non va bene...bisogna fare, bisogna dare l'esempio, bisogna colloquiare e fare con loro e per loro.
    La tua conclusione è la mia.

    RispondiElimina
  15. si si si!
    devono solo volere!
    quanta confusione in testa, troppe cose da scegliere, poche o nessuna guida.
    se ti può consolare, non sono solo i nostri ragazzi così anche quelli oltre gli Alpi.

    ho accompagnato scolaresche tedesche sul Baldo quest'estate e ho fatto una full immersion di problemi adolescienziali età 15-19anni.

    si impara un sacco di cose!

    ps. adooooooro i porri!!!!!
    baciusss

    RispondiElimina
  16. questo piatto semplice e delizioso mi attira troppo!! meraviglioso Lo!! un bacione!

    RispondiElimina
  17. I porri te li lascio tutti ;-)
    La citazione è meravigliosa!
    Un bacio, Lò

    RispondiElimina
  18. Luby siiii meritano un sacco :)

    Fatina aveva davvero ragione...un bacio

    Grazie Stella :)

    Giusy eh si basterebbe un poco...grazie!

    Grazie cara Mari :)

    Saretta si si caccia in forno il porro...si merita una fine così dolce ;)

    Cuci...ma perchè non lo sapevo che avevi un'invasione di porri...mannaggia :)

    Stefi non lo so purtroppo mi ci spacco la testa...

    Lise mamma mia è difficile ma si fanno dei danno a stare immobile...la mia amica Mi l'ha fatta tutta intera...ancora si lecca i baffi! Fammi sapere!

    No Simo ....concimala!

    Micaela così sono golosi .....piacciono tantissimo :)

    Ely...stanno lì nascosti e si confondono...spariscono :(
    un bacio

    Caty tu hai ragione...ma li toccano, lo feriscono li stordiscono e loro si consumano

    Stella è la nostra conclusione...spero di tanti

    Bri non mi consola mi spaventa...ma quest'estate in vacanza ne ho avuto il sentore...nessuna guida forse questo il male...un abbraccio

    Sara...è semplice ma particolare :)

    Loredana...ok...faccio il bis allora ;)

    RispondiElimina
  19. Parole bellissime ma quante difficoltà per attuarle!!! Ce la metteremo tutta.
    Ciao Lo

    RispondiElimina
  20. è un passaggio naturale (speriamo)...lo capiranno da soli, non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire...

    Che bontà i porri, e che festa sniffare il loro profumo

    p.s Che meraviglia Cippi hai un bolide!
    Nei limiti delle mie conoscenze con tutto il cuore ti do una manina, ovviamente quella con tutte le dita sane ^_*...quando vuoi, ci "sentiamo" via mail se ti va...

    RispondiElimina
  21. ti possso proporre come "ministro di saggezza" per cuore e pancia?, ciao Marina

    RispondiElimina
  22. Ciao! proprio golosi questi porri così dolci! mai provati eppure son così semplici!!
    baci baci

    RispondiElimina
  23. Eccomiiii eh si.. son stata icnasinata.. da ieri sono al nuovo ufficio.. e tra problemi di collegamento ad internet.. rete aziendalee tutto il rsto.. latitavo da 2 giorni!!! Porri caramellati?? mooolto interessanti.. smackk e buona giornata.-)

    RispondiElimina
  24. quanto è vero Lo. dobbiamo essere il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo. questa massima mi da tanta forza per credere in quello che penso e che sto facendo.
    ogni tanto ci vuole una sferzata così.. vedi Lo, se non passavo da te stasera era un casino!
    GRAZIEEEEE

    RispondiElimina
  25. Una sola volta mi è capitato di fare l'educatrice, in realtà stavo facendo volontariato in una sorta di campo estivo per bambini/ragazzi che vivevano una vita difficile. Ho cercato di Fare quello che potevo, e ho pianto tantissimo, anche di felicità quando dopo un mese ho visto dei cambiamenti in qualcuno di loro. Molti avevano solo bisogno di capire che potevano costruirsi da sè, che potevano determinarsi, che potevano avere dei sogni da realizzare in futuro. La cosa più triste per me è stato doverli lasciare alla fine di quell'esperienza. Mi sono sentita come se li avessi abbandonati, uno schifo. Le tue parole sono molto belle Lo e spero che raggiungano il cuore di molti ;)

    Grazie di avermi lasciato un messaggio, mi ha fatto piacere! Purtroppo sono presa da tante cose adesso e non riesco a trovare il tempo di dedicarmi al blog. Mi dispiace tantissimo, mi manca. Avevo anche una bella ricettina da postare ma mia sorella ha cancellato le foto (non l'ha fatto apposta, ci è rimasta pure male). E' un periodo così. Ti mando un baciottolo

    RispondiElimina
  26. Roberta ...si proviamoci

    Gaia non voglio essere tragica ma a volte non mi sembra così naturale...non so...un bacio

    Marina....urca...è tanto..come apprendista? grazie :)

    Manu, Silvia è proprio così un contorno semplice ma gustoso :)

    Claudia eccoti :) olèèèèèèèè....un bacione

    Ciciuzza....uh davvero ma io allora ora ti penso tantissimo tantissimo e ci proviamo davvero ad essere quel cambiamento...ti abbraccio

    Cara Barbara che bello questo tuo racconto così vero, così vivo....e che ti ha lasciato questi segni così belli e pulsanti...posso capire so di cosa parli.....
    Spero di ritrovarti presto e nel frattempo ti penserò...perchè tutto sia buono...un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  28. Annoto subito la ricetta, adoro i porri e cucinati così sono super!!!! Grazie cara, un abbraccio. . .

    RispondiElimina
  29. sai che non li ho mai mangiati?.....è proprio la buona volontà che manca....un bacione:-) ti aspetto per lo swap
    Annamaria

    RispondiElimina
  30. ricetta interessante. La penso come te, vedo giovani senza scopo che si trascinano come zoombie imitanto il tronista o la velina di turno, eppure hanno così tanto da dare... se solo volessero, se solo sapessero come fare. io penso che i primi a dover far risvegliare questi ragazzi dovrebbero essere i genitori, ma a volte per i genitori è più comodo non vedere e lasciar correre.
    a me piace far scoprire il mondo ai miei bimbi, farli sperimentare e far scoprire loro che anche un sorriso può cambiare il mondo!

    RispondiElimina
  31. io sono diventata istruttrice pony proprio per far scoprire ai bambini un mondo diverso e un'attività all'aria aperta. Non hai idea di quanti miracoli fa un pony per amico!

    RispondiElimina
  32. grazie Zagara, Speedy, Anna :)

    laura...hai ragione osservando tutto intorno...si rimane basiti...e fermi...e cert genitori sono più bloccati dei loro figli...un abbraccio

    RispondiElimina