lunedì 18 ottobre 2010

Rifare la stessa strada

strada


Rifare la stessa strada, alla stessa ora, per due volte, verso le stesse persone, solo ad una settimana di distanza. Osservare e attraversare lo stesso paesaggio, vedere le stesse linee scure della sera, solo con la testa e con il cuore in disposizione diversa. 
Una volta, sotto la pioggia battente, le strade che diventano fiumi, il buio nero che accompagna una telefonata concitata, lo sfiancamento dell'ennesimo problema, la spossatezza del difficile e l'incolore dell'ostile. Il freddo e il grigio scuro che sembrano essere pungolo alla tempesta della testa, all'esortazione degli elenchi negativi. Il desiderio di rinchiudersi e non vedere nessuno, la difesa di parole come lance e la brama di finire subito. Il sentirsi ripiegare nelle esigenze del calendario, aderire alla stagione e lasciarsi sfumare nella nebbia bagnata.
La volta dopo, quando ancora la luce è nel chiaroscuro e si effonde lentamente dipingendo il rosso che si stempera tra l'arancio e il rosa, le linee scure che si dipanano in alberi che indossano gli ultimi abiti estivi prima del riposo, lo sguardo che si pone tra le intercapedini del cielo per vedere oltre. Assaporare l'ultima stanchezza, quella che richiede il riposo tranquillo per rigenerarsi in forze, per essere motore propulsivo di nuove idee e sapere di volere esserci ancora. Correre sulla strada come fosse su un nastro di seta e la voglia di dare slancio all'ulteriore impegno che porterà al fine. Il sentirsi aprire alle esigenze del calendario, aderire alla stagione e lasciarsi intesificare nella trasparenza notturna.

FOCACCIA ALLE PATATE
focaccia alle patate

500 gr di farina 2
1 cucchiaino di malto d'orzo
120 gr di pasta madre
1 cucchiano di zucchero
acqua tiepida

3\4 patate
1 rametto di rosmarino
olio extravergine d'oliva
fleur de sal

Sciogliere la pasta madre con un po' di acqua tiepida, aggiungere la farina, il malto e il sale ed impastare fino ad ottenere una palla, unendo l'acqua che l'impasto richiede. Lasciare riposare per 7\8 ore. Riprendere l'impasto, lavorarlo per qualche minuto per sgonfiarlo e stenderlo in una teglia da forno, leggermente unta e lasciare a riposo per almeno 30 minuti (ma se si può anche un'ora). Nel frattempo affettare sottilmente le patate, lasciarle in acqua per eliminare l'amido, quindi scolarle ed asciugarle in uno strofinaccio. Metterle in una ciotola e unire 2 cucchiaio di olio e mescolare bene, magari con le mani così da ungere in modo uniforme tutte le fette.
Distribuire le patate sulla pasta, unire le foglioline del rosmarino fresco e cospargere un po' di fleur de sale. Cuocere per circa 25\30 minuti, accendendo il forno a 220° nel momento in cui si introduce la focaccia.

Il modo per preparare le patate l'ho imparato dalla Fatina della Collina delle Fate: finalmente delle belle patate dorate e profumate sulla mia focaccia!

38 commenti:

  1. di "stesse strade" io ne faccio a iosa spesso e volentieri...
    non vedo l'ora di smettere di viaggiare e trovare un punto in cui fissare le radici.
    perchè sono stanca di vivere con le valigie in mano e di beauty in cui manca sempre qualche cosa!!!!
    per consolarmi oggi mi pappo la tua focaccia patatosa.
    ciao patatina mia !

    RispondiElimina
  2. mmmh... io le strade le percorro quasi sempre a piedi, condizione che ti lascia anche troppo tempo per far strada a troppi pensieri.
    Ti abbraccio e mi rubo una fetta di focaccia alle patate, la mia preferita (telepatia, l'ho fatta ieri sera!).
    Anch'io preparo le patate così, ma non le asciugo perfettamente, così rimangono morbide ma con la crosticina ;)

    Tanti baci a tutto il patatoso pollaio!

    RispondiElimina
  3. E' vero...spesso ripercorro la stessa strada, ma non mi soffermo mai a pensare...
    Questa focaccia è favolosa cara Lo!
    Un abbraccio e buon lunedì...ripercorriamo un'altra settimana.......

    RispondiElimina
  4. la strada e gli stessi percorsi nel mio caso invece sono quasi collegati a tutti i pensieri am aspesso si guarda senza osservare mentre questa focaccia la sto osservando intensamente:D!!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  5. anch'io mi trovo a pensare, ripercorrendo la stessa strada..la porssima volta mi verrà in mente questa focaccia però!!!

    RispondiElimina
  6. su e giu'..come scandiamo la nostra vita??
    ottima ricetta,bacioni

    RispondiElimina
  7. Prima che iniziassi a lavorare di strade ne ho percorse tante, ne avevo tanto di tempo a disposizione.Ora con il lavoro le strade sono sempre le stesse e nonostante vada in macchina il tempo per "pensare" manca.Che brutta cosa.
    Meglio consolarsi con una fetta di buonissima focaccia!
    Un abbraccio Lo!

    RispondiElimina
  8. Complimenti Lo, visione molto romantica della quotidianità.
    In altro modo, rifare la stessa strada evita il ripetersi di errori commessi precedentemente...
    Ciao, buona serata!

    RispondiElimina
  9. E' sempre bello leggerti, anche se non so bene cosa si nasconda dietro le tue parole, quel viaggio mi sembra di averlo fatto un po' anche io con te.

    RispondiElimina
  10. C'è stato un lungo periodo in cui facevo la pendolare con il treno, sempre la stessa strada, sempre la stessa terribile ora e sempere lo stesso super affollamento e casino, si pensavo tanto, ma non lo rimpiango per niente!! Meglio una bella fetta di focaccia e una strada nuova tutti i giorni!! Un bacio

    RispondiElimina
  11. e' così , è inevitabile ;almeno i colori ci accompagnano e rendono il tutto diverso o sempre uguale , o sempre terribilmente parte di noi stessi.tieni duro. ti abbraccio fortee .

    RispondiElimina
  12. Luby...vedrai il punto delle radici è vicinissimo come l'armadio dove mettere valigie e beauty...e preparare focacce! un bacio

    Cri...a piedi, in auto, in bici ...sono sempre strade da qualche parte portano!

    Simo a me è successo per la profonda differenza dentro di me sulla stessa strada...un bacione

    Imma..eheh intensamente focacciosa...un abbraccio

    Saretta e a me ora la tua autunnitudine...un abbraccio

    Mirtilla su e giù...a volte sono cerchi...grazie un bacio

    Mari trovalo tra le pieghe delle cose...un bacione

    Sirio grazie...si in altro modo è così!!!

    Aiuolik...grazie...dietro le parole ci sono fatti, emozioni, visi e vicessitudini...ma quello che conta lo lascio nelle parole! baciotto

    Milla uhh il treno...quello che racconti non mi manca per niente...ma il treno si! :)

    Carlotta...vuoi?? :)

    Cay...terribilmente parte di noi...tengo duro..anche perchè tu tieni duro da te..e quindi lo faccio volentieri...un abbraccio

    RispondiElimina
  13. ciaoooo tesoro non ci siamo più sentite :-(((( ma noi qui ti pensiamo spesso, sai che Lucy si ricorda del tuo gattone? bellissima questa focaccia con la pasta madre, la tua sopravvive benissimo nonostante le poche cure che le regalo! un bacio Ely

    RispondiElimina
  14. Le strade che percorro son sempre le stesse, ma il paesaggio attorno muta continuamente ed i miei pensieri anche; ogni passaggio è diverso dal precedente. Ciao!

    RispondiElimina
  15. Mia cara, i tuoi post sono sempre poesie, anche se con un velo di tristezza...
    Un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  16. mmmmm che bontà!
    Bravissima.
    ---------

    Mi sono inserita fra i tuoi lettori. Se lo vuoi fare anche tu per me è un piacere
    http://artecarlacolombo.blogpost.com
    ciaoooooo

    RispondiElimina
  17. Quante cose possono cambiare, percorrendo la stessa strada...

    RispondiElimina
  18. Sempre le stesse strade, ogni giorno, nella medesima maniera...ma quasi quasi oggi "svolto"! :)
    Buonissima la focaccia!

    RispondiElimina
  19. Dorisiana è così nulla è uguale a prima :)

    Giulia...grazie..effettivamente in questo periodo la tristezza è sempre lì...chissà perchè

    Carla grazie e benvenuta :)

    ...è così Stella :)

    Fatina...si dai ...svoltiamo un abbraccio p.s. la focaccia è buona grazie a te

    Grazie Stefania :)

    RispondiElimina
  20. Ely...anche qui ti penso...forse presto devo venire a lecco...magari ci organizziamo vero??? ti scrivo :)

    RispondiElimina
  21. stesse strade, stessi pensieri, tante domande sul futuro e voglia di cancellare errori del passato, tanti se e tanti ma, ma anche la sicurezza di sapere che tutte le strade mi portano sempre dalla mia famiglia ad abbracciare i miei bimbi e tra i fornelli a preparare qualcosa per loro! come la tua gustosissima focaccia!

    RispondiElimina
  22. la mia pizza preferita. io le patate le scotto due minuti in acqua bollente, così diminuisco la quantità di amido!

    RispondiElimina
  23. le strade sono belle o brutte a seconda di dove ti portano, quando sono noiose ripetizioni allora mi concentro sulla radio e partecipo alle conversazioni... come se mi sentissero ;-) o canticchio.....l'importante è che ci sia il sole, se piove ascolto solo.... adesso fammi un bel sorriso e scaccia qualsiasi tristessssssss bacione!!

    RispondiElimina
  24. Non so quante volte ormai ho rifatto sempre la stessa strada...2 volte al giorno per 365...mamma mia....lasciamo stare...pero' un pezzo di focaccia lo gradisco è semplicemente fantastica io l'adoro!!
    ciaooo

    RispondiElimina
  25. Spesso ci sono delle strade che volenti o nolenti bisogna percorrere tutti i giorni. Sembrano sempre le stesse ma tante volte scopro sempre qualcosa di nuovo ce mai avevo intravisto prima...
    Ma che cos'è, telepatia? Giusto stasera avevo voglia di pizza ma non avevo nulla per guarnire, questa focaccia+patate casca a fagiuolo!...

    RispondiElimina
  26. la "h" si era persa per strada...

    RispondiElimina
  27. ripercorrere la stessa strada a volte fa bene....ti fa vedere cose che la prima o la seconda volta non avevi notato

    Bellissima questa focaccia!! un bacione!

    RispondiElimina
  28. Laura...si il ritorno a casa...rende tutto più semplice!

    Althea grazie per il consiglio ci provo!!

    Marta ecco un sorriso splendente per te...grazie e bacius

    Lady Cocca...pazzesco vero pensare alle strade quotidiane...sono km... :)

    Annarita scoprire qualcosa di nuovo nel solito...bello!!! Come bello sapere che magari provi la focaccia :)

    Sara hai ragione...scoprire che ogni volta c'è qualcosa di nuovo fa bene...un baciottone

    RispondiElimina
  29. questo post è romanticissimo. io anche ho una stessa strada che mi fa sempre pensare e romanticare (e ascoltare radio deejay se è l'ora di una trasmissione bella ma questa è un'altra storia).
    e comunque mi siete mancate/i

    RispondiElimina
  30. Mai pensato di scrivere un libro?!...o l'hai già fatto...in ogni caso... se... io voglio copia autografata!! adoro leggerti!

    adoro pure sta focaccai ad oner del vero !:)
    baci

    RispondiElimina
  31. [la voglia di dare slancio all'ulteriore impegno che porterà al fine] è da un po' che mi manca... se si tratti di paura del traguardo o perdita di motivazioni non ne ho idea. Ho bisogno di ispirazione. Baci baci baci ;)

    P.S. focaccina golosa, e adesso ho imparato un nuovo modo di fare le patate :)

    RispondiElimina
  32. Gio...tesora...quale trasmissione di radio dj??? ascolto sempre anche io :)

    Terry...grazie sei estremamente gentile...un libro mi sembra così difficile...meglio mangiarci una focaccia!

    Barbara mannaggia...a volte affievolisce e si fatica a ritrovarla...un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Rifare la stessa strada e coglierne ogni giorno una piccola diversità.. forse il segreto per non cadere nella monotonia?
    Lo come sempre i tuoi post danno slancio ai miei pensieri... che corrono veloci se stimolati.
    Un bacio

    RispondiElimina
  34. Di solito è Platinette alle 7 di sera :)

    RispondiElimina
  35. Uva...si bisogna scoprire questi segreti...ti abbraccio

    Barbara grazie :)

    Gio....uhhh io ho da sempre una dipendenza per la Pina e Diego...ma amo anche la Plati ;)

    RispondiElimina