mercoledì 6 ottobre 2010

Agamennone, il gattino

gattino

Il mio gatto è un gattino, quando per gattino si intende un'entità morbida e paffuta, con i polpastrelli e il naso rosa maialino.
Il mio gatto è diversamente in forma e, se proprio si vuole essere precise, è diversamente magro.
Il mio gatto non sale mai sul divano e non viene mai in braccio, ma sta sempre con noi.Se leggi un libro sta sul libro, se usi un quaderno sta sul quaderno, se sfogli un giornale sta sul giornale, se scrivi al pc sta sul pc.
Il mio gatto ama il blu, se tra lui e il divano c'è il plaid blu allora ci dorme tranquillo, altrimenti no. Anche la poltrona blu è estremamente accogliente. Il cuscino puzzoso della Nina non molto, ma trova buffo sedercisi in mezzo e farsi trovare lì da Nina, per vederla disperare. 
Il mio gatto pensa che un cane sia stato creato per il divertimento del gatto: si diverte un mondo a lanciarle i suoi croccantini sul pavimento, si diverte a correrle davanti al naso come un pazzo agitandola, si diverte ad addescarla sotto il tavolo per prenderla a zampate. 
Il mio gatto è convinto che ad un cane bisogna sempre darle, tanto prima o poi combinerà qualcosa, ma nella sua immensa bontà distribuisce solo cicciosi colpetti senza unghie.
Il mio gatto adora le torte fatte in casa, ma solo se fatte con il lievito chimico. Ha un attrazione fatale e le divora. E' successo pure che è riuscito a fare allegramente festa se lasciate incustodite. Da quando uso il cremortartaro, le torte non sono più buone.
Il mio gatto ritiene di avere il diritto di assaggiare tutto quello che mangiamo, ma si nutre solo di certe scatolette e di croccantini.
Il mio gatto quando si annoia, mangia per non pensare. Si attacca allo sportello della cucina, dietro il quale sono custoditi i crocchi e con la zampa lo sbatacchia, fino ad esaurirci. Noi cediamo e lui si arrotonda.
Il mio gatto vuole avere sempre ragione, anche quando tira giù tutte le tende della cucina e viene sgridato, lui si arrabbia e ti insegue per morderti le caviglie, perchè lui non può essere sgridato: mai.
Il mio gatto fa fusa rumorosissime, soprattutto ogni mattino tra le 5.30 e le 5.45. In quell'occasione pretende anche di starmi appiccicato sotto le coperte. Passati 15 minuti se ne va.
Se è particolarmente affettuoso e felice, in segno d'amore eterno morsica il naso. Anche quando in piena notte, mentre dormo, si ricorda di me e di quanto mi vuole bene.
Il mio gatto non sopporta quando dormo fino a tardi e segue questa strategia per farmi abbandonare il vizio:
-  mi fissa con sguardo perforante fino a quando mi sveglio ed è impossibile dormire se sei osservato così,
- fa delle fusa seducenti, dandoti possenti testate sulla testa, facendo finta di amarti sopra ogni cosa,
- se non reagisco inizia a stamparmi la zampotta sulla faccia, sberlottandomi con delicatezza,
- finisce saltando a peso morto sulla pancia per fuggire di corsa.
Il mio gatto odia qualsiasi cosa sia appoggiata di fianco a lui, anche quando la cosa era lì prima di lui, quindi con la zampa butta tutto a terra: penne, gomme, bicchieri, telefoni, orologi, libretti, fogli...
Il mio gatto non si dimenticherà mai che il galletto, quando lui era piccolissimo e pelosissimo, non l'ha voluto nel letto e quindi lo guarda sempre con sufficienza e come se fosse l'ultimo essere della terra. Si stizzisce se lo accarezza.
Il mio gatto parla: risponde ad ogni domanda e mi cerca spesso per sciorinami una ventina di maiomeuprrrrfrrmiuuuuu, io credo che sostanzialmente abbia sempre ragione.
Il mio gatto è il padrone del pollaio, sappiamo che volendo esistono giochi di "attivazione mentale" gatteschi, ma abbiamo paura. Con i giusti strumenti a disposizione cambierebbe le serrature di casa e non  ci lascerebbe più entrare, abbandonandoci per sempre.

gattino

PANE DI SEGALE
pane di segale e cumino


300 gr di farina 2
200 gr di farina di segale
80 gr di pasta madre
acqua quanto basta
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva

Sciogliere la pasta madre con un po' di acqua tiepida, aggiungere la farina, l'olio e il sale ed impastare fino ad ottenere una palla, unendo l'acqua che l'impasto richiede. Lasciare riposare per 12 ore. Riprendere l'impasto, sgonfiarlo, lavorarlo per almeno 10 minuti, aggiungendo i semi. Dare la forma e lasciare riposare per circa 3 ore. Cuocere per circa 35 minuti, accendendo il forno a 220° nel momento in cui si introduce il pane.

Avevo un pacchettino di segale che si domandava a quale destino partecipare. Le ho detto che come prima esperienza di vita fare il pane non è male! Partecipo all'iniziativa di Zucchero&Cannella:Sourdough Baking Wednesday.

37 commenti:

  1. Il mio apre il frigorifero, il freezer, ogni tipo di porta, e sostanzialmente comanda lui a casa, seguito a ruota dalla micia, sempre più coccolosa e sempre più cicciona...che dirti, sono i miei piccoli pelosi e anche se, come oggi che uno dei due fatto la ca**a ne ripostiglio sugli stracci da spolvero, io li adoro....

    RispondiElimina
  2. se mio figlio vedesse il tuo gattino...uscirebbe matto: li adora!!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che voglia di vivere un gatto!
    Aga è straordinariamente buffo ^_^
    Voglio anch'io le capocciate!!!
    Baci amore del mio cuore (grazie per avermi sognata ^_^...almeno siamo state un pò insieme)
    Il mio lievito madre è letargico...

    RispondiElimina
  4. Lo, mi fai morire...mi sembra di vederlo, il mitico Agamennone!!!!!!!
    baciotti e ...buonissimo il pane!!!!!

    RispondiElimina
  5. Che amore!I gatti sono straordinari... la mia Mascherina la chiamo "La Signora" per il suo comportamento da vera signora!
    Che bello il pane!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Rivedo un sacco il mio gatto in Aga!! Le capocciate, le zampate sulla guancia! Io ho perso ogni diritto di attenzione materna da quando c'è lui, la mamma saluta di gran lunga prima Rufus che me!
    Un bacio bella!

    RispondiElimina
  7. AHAHAHAHAHAH! Che simpatico il tuo gatto ed io ancora rido!

    RispondiElimina
  8. Mi piace da impazzire il tuo Agamennone, lui sì che ha capito come va presa la vita!
    Bacioni, mi sa che sognerò il tuo pane, è perfetto!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. questo post mi ha fatto ridere sonoramente e annuire con la testa per le numerose somiglianze con la mia pina, che la mattina mi sveglia con dei colpetti sulla spalla che potrebbe sembrare un essere umano. e ci ruba il cibo (e lo mangia pure): polpette, pesce, biscotti. poi se non le piace, lo ciancica e lo lascia lì
    però è la mia gattina, anche se il veterinario ha detto che è grassottella :)

    RispondiElimina
  10. un vero gatto!!!perchè in fondo sono loro che dominano noi e decidono , dieci volte di entrare ed uscire , venti volte di volre da mangiare per poi non mangiare e guardare indispettiti se qualcuno ha messo i piedi pouf che è rigorosamente "suo " e si , cambierebbe le serrature lasciandoci fuori!!un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Non amo i gatti (il mio cane poi non me lo permetterebbe mai) ma Agamennone ha un aspetto simpaticone. La pasta madre, invece, è entrata nella mia vita da quasi un anno, per cui questo pane ci piace assai :-)

    RispondiElimina
  12. ciao Lo! I tuoi coinquilini quadrupedi sono simpaticissimi! Sei davvero brava a scrivere, è sempre un piacere leggerti! Una carezza ad Agamennone da parte mia e un bacione a te! Silvia

    RispondiElimina
  13. Io sono convinta che avere degli amici a 4 zampe in casa contribuisce a rendere la vita più bella! Basta guardarli, coccolarli, farsi incantare riconducendo ogni piccolo gesto ad una manifestazione d'affetto nei nostri confronti. E' più forte di noi il voler "umanizzarli". Quando poi, anche a volerli osservare nella loro natura, il mistero che si cela dietro quelle creaturine è entusiasmante. Il mio gatto ogni mattina si piazza sul davanzale della finestra e dà letteralmente delle capocciate fin quando non lo faccio entrare. Se non è affetto questo!!!
    Un bacio Lo

    RispondiElimina
  14. che spettacolo!
    che meraviglia!!!!!!
    i gatti mi fanno impazzire!
    sono troppo belli!
    il tuo è straordinariamente bello e...birbante!
    ma li amiamo proprio perchè sono così no?
    loro sono sempre vincenti!
    beati!

    sento il profumino del pane...mmmmmmh che goduria!!!!

    un abbraccio carissima ^_^

    RispondiElimina
  15. mi piace da morire il nome che gli hai dato!!!
    un bacione dolce lo :)

    RispondiElimina
  16. Bello lui!!!
    Non ho mai avuto un gatto, ma mi diverto ad osservare quelli dei nostri coinquilini che gironzolano attorno alla nostra casa. Loro sono i padroni assoluti! Sono troppo forti!
    Penso che i gatti siano animali molto diversi dagli altri. Un po' ci assomigliano... prendi il mio adorato uomo/micione...
    :D

    p.s.: anch'io oggi ho fatto due belle pagnotte, ma sono ancora degli esperimenti con un lievito madre che riesco a dominare a malapena! ;)

    RispondiElimina
  17. Ma che tipo questo gatto...davvero una teppa!
    Sento Lo, ma come fai a fare dei panoni così belli?!Mi sveli il segreto?!baci

    RispondiElimina
  18. Lo il tuo gatto è un cucciolo pelose pieno d'amore!!adoro i gatti perche sono indipendenti,coccoloni solo quando lo vogliono loro e anche furbi...tutte qualità che lo rendono speciale e dal tuo post si legge tutto l'amore che nutri per lui,anche il nome è uno spettacolo!!!il pane poi è delizioso immagino il profumino!!bacioni imma

    RispondiElimina
  19. poche parole in casa vostra comanda il gatto :) Fortissimo!!
    un Sorriso...

    RispondiElimina
  20. Ciao cara! Mi fa molto sorridere il tuo post, i gatti sono straordinari con noi ne vivono 4 tutte femmine tra cui Miù che tra le altre cose sa aprire le porte con la maniglia!

    RispondiElimina
  21. Io avevo Mickey Mouse (o mousse come lo chiamavano i miei figli in onore alla cucina) ed era un batuffolo grigio, talmente dolce e carino che dopo che è morto, non ho avuto più la voglia di rimpiazzarlo... neanche con Oliver il gattino sgarrupato e bianco che mi avevano portato i miei figli credendo nel valore terapeutico di chiodo scaccia chiodo!

    RispondiElimina
  22. Il tuo post è da premio Pulizer e per una volta salto a piè pari la ricetta e mi ti rileggo da capo :)

    RispondiElimina
  23. Il tuo gatto è degno della sua adorabile e stravagante padroncina ed io avevo dimenticato quanto fosse bello leggerti, sono mancata per troppo e spero di restare "stabile" per un pò, un abbraccio grande e complimenti per il meraviglioso pane

    RispondiElimina
  24. Che bella canzone d'amore per il tuo gatto!!

    RispondiElimina
  25. Lo, io in questi giorni sto riscoprendo quanto sono innamorata di Tarty, ma proprio innamorata, cotta per di più.
    Se avessi parole belle come le tue, gliele dedicherei. :)

    RispondiElimina
  26. Ahah! Mi hai fatto troppo ridere Lo! Mitico il tuo micio ^__^ Mi ha ricordato Simon's cat, ogni tanto lo guardo su youtube e mi mette il buonumore ^__^
    I gatti conquisteranno il mondo!!! Baci ;)

    RispondiElimina
  27. il tuo gatto ha attitudini tremendamente simili alla mia Aurora, solo che la mia essendo femmina è ancor peggiore del paffutissimo agamennone ... per nostra sfortuna ... :(((

    RispondiElimina
  28. Eh eh...mi ricorda qualcuna!!
    Noi siamo innamorati di Luna, come qualcuno ha detto sono veramente creature mitologiche questi mici :)

    RispondiElimina
  29. Bel tema sul tuo gatto: 10 e lode!

    RispondiElimina
  30. Credo che un gatto così lo potrebbe amare anche babette!

    RispondiElimina
  31. (che poi pensavo chissà cosa scriverebbe il gatto della sua umana :D )

    RispondiElimina
  32. Ciao altra Lo', grazie per la visita ;-)
    Non abbiamo solo quel Lo' in comune: anche gatti (io ne ho 5) ed ecologismo. Purtroppo non le capacità culinarie :-(
    Il tuo blog è davvero interessantissimo, me lo gusterò un pò alla volta, complimenti!
    Un bacio,

    RispondiElimina
  33. Gio ecco addesso....continuo ad immaginarmi cosa mi scriverebbe il gattino...eheheh

    Lo...che piacere averti qui e scoprire questi punti in comune...a prestissimo :)

    RispondiElimina
  34. ma che bel panone!!! e gattone! ;-D

    RispondiElimina
  35. ...era tanto tanto che non passavo dal tuo blog...mi ha fatto commuovere il post su Agamennone (che nome importante!)...io vivo con una gatta rossa proprio come lui si chiama Mela e quando ci fa arrabbiare la chiamiamo CarMela...una vera dichiarazione d'amore che solo chi vive con un gatto può scrivere con tanta passione! :0)

    RispondiElimina
  36. Paola ...grazie...si è una dichiarazione d'amore per il peloso ...salutami la tua micia! a presto

    RispondiElimina