giovedì 9 settembre 2010

Un giunco che cresce

gnoma


La gnoma è un giunco che cresce veloce. Io mi ostino a chiamarla gnoma, ma è un po' anacronistico. Quando aveva sei anni abbiamo fatto un patto:
"Gnoma, posso chiamarti gnoma fino a quando ai 40 anni?"  e lei, incosapevole del peso degli anni, mi aveva autorizzato! Ora io per contraccambiare le permetterò di chiamarmi gallina fino all'eternità. 
Dicevo la gnoma cresce, si perde nei meandri della sua età, che pullola di contraddizioni e fatiche. E' definita dal sociale una pre-aolescente, dentro un'età complessa, che impone innumerovoli pensieri per andare verso il mondo adulto. Ma gli adulti si sono dimenticati cosa significa diventar grande. E non osservano il mondo che hanno preparato e che farebbe scappare la voglia a chiunque di starci...
Vabbè la gnoma non lo sa, lei annusa il bello e lo fa suo, poi si incanta...ore a provarsi vestiti, per poi dichiarare: "Ho messo la prima cosa che capita!", ore impegnate a guardare il vuoto, cantilenando uffa, dopo, fra un attimo, intensi minuti a progettare e costruire. 
La capisco: sposta velocemente mattoni possenti per costruire il sè che sarà e quindi ha bisogno di riposo. Ha bisogno anche di pensare, di progettare. A noi sembra stia lì a guardare il vuoto. Le succede che nello stesso tempo è felice da scoppiare e triste da star male.
Che casino crescere, vero gnoma? Sorridi mentre leggi di nascosto il mio blog , ma poi me lo vieni a dire, perchè vedi i miei pensieri appesi al filo come il bucato. Che casino e che pensieri giganti che hai, ti chiediamo di costruire il mondo e sembra ti diamo macerie e rifiuti per farlo. 
Ma tu sai che io e te possiamo cercare, scovare tra ciò che altri buttano, individuare tra mille l'ingrediente giusto, procurare colori per dipingere arcobaleni e trovare tutto ciò che serve per costruire le ali per volare. Tu sai però che quelle ali, quando ti avrò aiutato a metterle, devi farle funzionare da sola, devi farle tue. E io giù nel pollaio, con il naso all'insù ad ammirare le danze del tuo pensare e del fare.
Buon inizio meravigliosa creatura
.

RISO ALLE ZUCCHINE
riso e zucchine

300 gr di riso
5 zucchine
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di olio extravergine d'oliva
500 ml di brodo vegetale bollente
40 gr di parmigiano reggiano

Grattuggiare le zucchine, metterle in un pirex per il micronde, aggiungendo l'aglio a fettine e l'olio, con un po' d'acqua. Cuocere alla massima potenza per 2 minuti, mescolare e cuocere per altri 2 minuti.
Aggiungere il riso e il brodo bollente, amalgamare tutto e cuocere per 16 minuti, mescolando di tanto in tanto. Unire il parmigiano, girare  e lasciare a riposo per 2 minuti prima di servire.

La gnoma ha provato a cucinare il suo primo riso, ma ovviamente imparando da una gallina ha usato il microonde! A noi piace questo tipo di cottura, che fa rabbrividire tanti, perchè il sapore delle verdure rimane comunque pieno. Però si può sempre preparare in modo più tradizionale.

37 commenti:

  1. Che bello essere la prima a commentare questo post...
    e a condividere tutto quello che hai scritto, ed a provare le tue stesse sensazioni e riflessioni di fronte alla crescita della propria figlia preadolescente!
    Purtroppo io perdo forse un pò troppo la pazienza di fronte ai repentini cambi di umore, ....di quell'essere dolcissima un momento e subito dopo dura e tagliente come una lama affilata, quasi a volerti ferire apposta...
    E' dura!
    Bravissima gnoma comunque a preparare un risotto tutto da sola...tale madre....
    baci Lo, gallina mia!

    RispondiElimina
  2. MIa carissima gallina Lo, perché ogni volta che ti leggo mi emoziono fino alle lacrime??? Forse perché anche io ho due figli, su tre, adolescenti??? O forse perché riesci a vedere ciò che la maggior parte della gente (fra cui anche io) non vede perché non si sofferma abbastanza???
    Ti ho pensata tanto stanotte, perché vorrei trasferirmi in un posto più tranquillo e più a dimensione umana...

    RispondiElimina
  3. P.s. Mi sono dimenticata di dirti che la cottura al micronde mi ha stregata... ora la provo anche io! E brava gnoma!!!

    RispondiElimina
  4. mi hai fatto venire i lacrimoni!
    ero così uguale alla tua gnoma!
    che fine ha fatto quella io?

    la gnoma si deve ritenere molto fortunata ad avere una "gallina" in casa;)

    mi mangio un pò del tuo riso stupendo!

    RispondiElimina
  5. Mi metto nei tuoi panni, perchè nei suoi ci son già stata...
    d'evessere emozionante veder crescere la propria gnoma.

    Non ho il micro, è tanto che penso di comprarlo...

    RispondiElimina
  6. Penso spesso che non vorrei mai ritornare ai tempi dell'adolescenza..tante risate ma quanta insicurezza, quante paure...Cercare la propria identità dentro un bozzolo che non se ne va e non ti permette di volare come farfalla...Forse ora si è peso un po' d'ingenuità(vabbè insomma), di spensieratezza e la vita è più difficile ma,consapevolezza e maggior sicurezza vogliono dir tanto!Sono certa che questa piccola gnoma si librerà sicura nell'aria, con una guida come te!Ragazze che bel risotto che avete realizzato!
    baciiiiiii

    RispondiElimina
  7. ..il mio Principino è ancora piccolo, mi hai fatto venire un groppone mannaggia ;-)

    RispondiElimina
  8. Sono le parole più belle, più emozionanti, più tenere che una mamma potesse dire a sua figlia! Cara Lo sei una meravigliosa!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. l'adolescenza è un'età tremenda e me lo ricordo benissimo (io l'avevo resa tremenda anche ai parenti mi sa). però adesso che si avvicinano i 40 non so cosa darei per saper sognare in grande come facevo a quell'età.
    e poi io allora mica li sapevo fare i risottini così!

    RispondiElimina
  10. Lo, le tue parole mi fanno sempre venire un brivido lungo la schiena. È sempre bello passare di qui. Un abbraccio a te e uno di incoraggiamento alla gnoma!
    Silvia

    PS: La gnoma tra un po' ti rimpiazzerà sul blog, ultimamente si dà molto ai fornelli, mi pare!

    RispondiElimina
  11. ciao cara come va? ormai il tempo è sempre poco e sono sempre di corsa!!! buonissimo questo risottino! un bacione, smack!

    RispondiElimina
  12. Riesci a raccontare le cose con una poesia indescrivibile. Hai un dono veramente speciale!!!
    Un grande abbraccio alla gnoma!!

    RispondiElimina
  13. Che parole meravigliose, Lo... inconsapevolmente hai fornito una chiave di crescita (tardiva) anche a me...

    RispondiElimina
  14. Secondo me in quell'età lì si ha un'ostinatezza fuori dal comune! Se ci si vuole arrabbiare lo si fa "di brutto" e i genitori sono il primo bersaglio sensibile, si soffre e si gioisce con la stessa grande intensità, si mette il muso o si sorride in modo coinvolgente in entrambi i casi e non è affatto facile gestire dal di fuori tutte queste sensazioni! Ma io sono convinta che la gallina (che un pò gnoma dentro lo è ancora!)saprà insegnare alla gnoma a scoprire tutti i colori della vita!

    RispondiElimina
  15. Un risotto cotto al micro?? ma è genialeeee!!!!! smackkkk .-D

    RispondiElimina
  16. al micronde il risotto mai fatto.proverò,,,di solito solo quello bollito.....
    condivido appieno quanto scrivi sulla tua gnoma io mia figlia la chiamo cipollina ma adesso mi rimprovera dicendomi che il suo nome è un altro....passerà importante che riusciamo a tener il passo...ciao grazie

    RispondiElimina
  17. Lo come è possibile commuoversi ogni volta?come riesci a trovare sempre le parole giuste per creare ogni volta piu che un post una poesia???....i miei bimbi sono ancora piccoli ma so che questa fase toccherà anche a me e spero di riusicre ad essere una mamma presente e tenerissima senza soffocare proprio come te!!bacioni imma

    RispondiElimina
  18. L'adolescenza è un periodo delicato per i ragazzi, cara Lu...
    Il dialogo costante aiuta a crescere...
    Ricordo il post in cui mi dicesti che avresti chiamato gnoma la tua bambina fino ai 40 anni.
    Lo potrai ancora fare con noi,ma in sua assenza.

    RispondiElimina
  19. Simo...è davvero speciale il fatto che hai commentato tu per prima...che hai tra le mani un altro giunco che cresce...un bacione

    Stefi....tesorina..una voglia di un posto tranquillo...scappo con te...ma poi quando siamo da qualche parte ce lo diciamo in gran segreto tra me e te che è il nostro cuore che deve stare tranquillo? fammi sapere come ti trovi con la cottura bacioooooooooooo

    Luby "quella io" è sempre lì...la si vede quando fai le cose incantevoli che fai :)

    Gaia si essere dall'altra parte è davvero molto intrigante...un abbraccio

    Saretta...mamma mia anche io ricordo la fatica...l'intensità e la fatica e il senso di tranquillità che ho da adulta è un balsamo...un bacione

    Carlotta...uhhhhhhh mi spiace..........

    Mari...uh grazie....che emozione!!!

    Lise...si è un'età pazzesca ora credo come non mai....spero che saper fare risottini le dia una carta in più!!!baciuz

    Silvia...creare brivida pare bello...e si la gnoma mi sta rimpiazzando di brutto...anche per chè se no non si mangia! ;)
    un bacio

    Micaela cara...immagini le tante cose...qui tutto bene! un abbraccio

    Marta grazie di cuore ti riabbracciamo!

    Ondina...davvero..bhe ne sono lieta! Spero sia stata una buona chiave!

    Dodò...la gallina ci prova...anche perchè alla sua gnoma ci tiene...anche quella che è un po' lei! :)

    Claudia eheh anche per me lo é ;)

    Margherita teniamo il passo e quando non riusciamo avvisiamole...ehi ragazze ci fermiamo un attimo ma ci siamo! :)

    Imma non ho dubbi: sei una mamma così...lo si capisce al volo...grazie per le tue parole! :)

    Stella...eheh io mi ostinerò...fino a quando non mi tappa la bocca! un abbraccio

    RispondiElimina
  20. Lo... se rinasco ti voglio per mamma. E ti lascio fin da ora il permesso di chiamarmi Gnoma. :)Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. meravigliosa gnoma , quanti pensieri , ma sappiamo che le hai donato grandi spalle e forti braccia per portali e farli vivere . e glieli hai donati col tuo esempio, la tua presenza , il tuo amore .loro sono il mondo che verrà , meglio o peggio , ma sarà il loro mondo speiamo con ancora tanti sogni

    RispondiElimina
  22. bel post anche perchè è facile immedesimarsi.complimenti per la sensibilità e la capicità di esprimere in parole chio che senti.una ricetta veramente con i fiocchi.decisamente molto gustosa!

    RispondiElimina
  23. Mi ricordo quell'età come strana, oscura e insieme intrigante, tutti ti credono ancora persa in un mondo di favole. di giochi, ed invece i pensieri sono profondi, le emozioni intense...che fortuna avere una gnoma come la tua!!!

    RispondiElimina
  24. è un'età difficile...ma splendida nell stesso tempo!!!

    bellissimo il risottino! un bacione a te e alla gnoma!

    RispondiElimina
  25. bellissimo il tuo post!!! anche io sogno un giorno di trovarmi nella tua situazione! per ora posso solo parlare da gnoma! ;-) ciao!

    RispondiElimina
  26. Penso che la dichiarazione più grande di amore che possiamo fare ai nostri figli sia quella di lasciarli liberi... liberi anche di sbagliare... soffrendo e gioendo con loro per ogni pietra e ogni mattone che costruiranno e pero quelle decine che cadranno... l'importante è che loro sappiano di essere uomini e donne vere con dei genitori che con amore li guardino da lontano e che al momento del bisogno se loro vorranno loro sempre ci saranno... un grosso abbraccio cara amica mia....
    Ely

    RispondiElimina
  27. Che percorso meraviglioso e' vederlo crescere e che bello deve essere avere una madre sensibile come te... Vorrei riuscire ad esserlo anche io con la mia piccola Vicky.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  28. con te mi capita spesso di imparare.
    sto imparando con infinita pazienza tra le pulcine ballerine che tra un pò starnazzeranno al cambiar delle piume in penne. :)

    RispondiElimina
  29. Cielo eheeh guarda che sostanzialmente sono un'isterica pesantuccia..bacio!!!

    Caty si loro sono il mondo...e devono meravigliosamente imparare l'arte del riciclo dei nostri avanzi...un abbraccio

    Lucy benvenuta nel pollaio e grazie per le parole....a presto :)

    Geillis...sai credo che lo sforzo di ricordarci di quell'età ci aiuterebbe a capire molto un abbraccio

    Sara hai scelto due parole e fatto il riassunto :) un bacione

    Fairy ...facendo la gnoma bene poi si impara il resto.....quando sarà il momento ...un baciotto

    Ely cara amica mia...bello trovarti qui...so che comprendi so che ci stai in mezzo e so le tue grandi capacità...grazie per questo messaggio un abbraccio enorme

    Uva...tu sei una donna speciale e anche una mamma unica! un bacione

    Enza si è proprio così in un attimo c'è il cambio di piume...non ci credi ma arriva in un attimo e rimani smpr ocn il fiato sospso...un bacione

    RispondiElimina
  30. Ciao Lo!!!
    Sai che a scrivere sei davvero brava???
    Buono il risotto
    Un abbraccio
    Ery

    RispondiElimina
  31. Ciao! ma che buono questo risotto così estivo e leggero!
    siamo contenti che le melanzane ti siano piacute..anche noi le prepariamo spesso come contorno ;)
    baci baci

    RispondiElimina
  32. Mi piace il tuo riso cara, veloce e leggero!!! ma ancora di più mi piacciono le tue parole, che mi hanno emozionato!!! io non ho figli per cui faccio le veci della gnoma!!! dev'essere un'emozione unica vedere crescere, giorno dopo giorno, anche con difficoltà, i proprio figli e vederli diventare grandi!!! sei una mamma eccezionale!!! brava!!! un bacione :-))

    RispondiElimina
  33. Mi piace come parli della Gnoma! E con una Gallina come te non potrà che venir su attenta osservatrice del mondo e avrà presto da dire la sua, anzi in realtà sono sicura che già lo fa!

    RispondiElimina
  34. Erika ma grazie! Troppo buona un abbraccione

    Manu Silvia, grazie mille e davvero le vostre melanzane sono strepitoso :)

    Luciana sei davvero gentile e io spero di fare del mio meglio, trovando il giusto equilibrio tra il meglio e il peggio! A presto

    Aiuolik..spero impari ad essere una buona osservatrice, ma sulla parte del dire si ne ha...e mi piace!

    RispondiElimina
  35. Quanta verità in queste parole. Me la ricordo bene quella fase della vita! E mai, per niente al mondo credo, tornerei lì: troppo dura. :)
    Ma la gnoma crescerà bene, con un esempio come te, ne sono certa. :)

    Un abbraccio,
    Vera

    RispondiElimina
  36. io mi ricordo una risposta atroce di mia madre...che brucia...anche per me era fatica...per ora non sembra per la gnoma...quando sono arrivati i momenti giù...li abbiamo affrontati...un baciotto

    RispondiElimina