giovedì 23 settembre 2010

Il ladro di merendine


"...Bisognerebbe sostituire l'insegnamento della filosofia con una materia chiamata, che so, istruzioni per l'uso. Allora forse avrebbe ancora senso".
"Per l'uso di che?"
"Della vita, egregio. Sa che scrive Benedetto Croce nelle sue Memorie? Dice che dalle sue esperienze imparò a considerare la vita come una cosa seria, come un problema da risolvere. Pare ovvio, vero? Ma non è così. Bisognorebbe spiegare filosoficamente ai giovani il significato, ad esempio, del loro andare a catafottersi, con la loro, contro un'altra automobile il sabato sera. E dire loro come, filosoficamente, questo si potrebbe evitare."
tratto da Il ladro di merendine 
--------------------------------------------
Perchè a volte me lo chiedo anche io......
Questo brano a tratto da uno delle avventure più delicate del commissario Montalbano, adoro leggere i libri di Camilleri, scivolare nel suo siciliano. Ad ogni pagina mi sento immersa nella Sicilia tra il bruciore del sole, il caldo nitido, i profumi densi e i sapori pieni. Sento il vociare delle persone, i rumori della strada, finisco il libro e ho le mani piene della polvere delle strade di Vigata. Se volete fare un viaggio nei sapori insieme a Montalbano, passate da Silvia&Vera e gustatevi le loro ricette letterarie.

TORTA SALATA CON I FAGIOLINI
torta di fagiolini


per la pasta:
300 gr di semola di grano duro
5 cucchiai di olio extravergine d'oliva
acqua quanto basta
sale

per il ripieno:
300 gr di fagiolini lessati
2 uova
30 gr di parmigiano reggiano
sale 
pepe
latte di riso

Preparare l'impasto con la farina, l'olio, il sale e l'acqua. Deve diventare una palla morbida ed elastica. Stenderla nella tortiera da crostata, punzecchiarla con una forchetta. Posizionare sopra i fagiolini.
Sbattere velocemente le uova con il formaggio e il latte, aggiustare di sale e pepe e distribuire il composto sulla verdura.
Infornare a forno spento, accendere alla temperatura di 180°, funzione ventilato e cuocere per circa 30 minuti, fino a doratura.

Ecco un'altra torta salata, questa volta veloce per avere il pranzo pronto, dopo una mattina fuori. La base di sola semola rimane morbida, ma rustica. Ho usato la semola del Senatore Cappelli, per me la migliore.
torta di fagiolini

23 commenti:

  1. ci credi se ti dico che non ho MAI MAI MAI messo i fagiolini in una torta salata?
    Forse perché me li divoro prima?

    Buona giornata tesoro!

    RispondiElimina
  2. bellissimo libro,camilleri tocca corde molto profonde :)
    baciotti

    RispondiElimina
  3. Uhm...mai letto un Camilleri...non so perchè poi!
    Baci cara e complimenti per la torta salata, la pasta che hai preparato per la base mi ispira, è veloce e leggera (io poi adoro la semola)!

    RispondiElimina
  4. sono sincera,leggo di tutto,ma proprio di tutto ma...camilleri non mi prende proprio...
    non riesco ad entrare nei personaggi!
    ci riproverò in un'altra fase della mia vita và!
    invece la tua ricetta mi prende eccome!!!!
    gnammmmmmmmmmmm

    RispondiElimina
  5. che delizia questa torta salata!
    te ne rubo una fetta Lo!! un bacione!

    RispondiElimina
  6. questa torta è decisamente per me!e la lettura mi manca , io apassionata di libri non riuscire a concentrarsi per ruscire a leggerne uno è una catastrofe!un abbraccio

    RispondiElimina
  7. I fagiolini non so mai come cucinarli, non mi piacciono tantissimo, questa potrebbe essere una bella alternativa :)
    Sorrisi...

    RispondiElimina
  8. buona la torta salata con i fagiolini... l'avevo provata anch'io tempo fa in abbinamento al salmone! slurp

    RispondiElimina
  9. Dispensi sempre ottimi consigli LO.Quel libro sarà mio!Che slurposa la torta!

    RispondiElimina
  10. E' un'idea interessante, sicuramente da provare..e grazie anche per aver segnalato il blog con le ricette di montalbano ;-)

    RispondiElimina
  11. Adoro i gialli di Montalbano (però la serie mi piace ancora di più), gli altri libri leggermente meno...dopo una iniziale fatica a leggere il siciliano, scorrono che è una meraviglia questi libriccini!

    RispondiElimina
  12. Camilleri mi fa impazzire, vado in delirio per il Commissario Montalbano, per Luca Zingaretti fare pazzie (anche se la serie tv è molto ma molto meno bella dei libri).
    Adesso non posso andare a leggere il sito di ricette letterarie perché potrei svenire dalla fame, ma dopo ci vado, sissì che ci vado.

    Baci baci

    RispondiElimina
  13. Cri???????????? Mai??????????? io invece semprissimo.....

    Mirtilla condivido :)

    Simo...prova con un libro...magari trovi un nuovo amore!!! La base è comodissima...puoi farla con tutte le farine che ti ispirano! baciussssssss

    Luby allora lasciamo perdere Camilleri e mangiamoci la torta :)

    Sara ...prendila!!

    Caty prendi i libri ...una pagina alla volta...ti abbraccio

    Sorriso eh si nemmeno a me fanno impazzire .....devo sempre pasticciarli...e così piacciono sempre!! a presto

    Micaela uhh bell'abbinamento!!!

    Saretta eheh fammi sapere se ti piace!!!

    Carlotta è un piacere segnalare il blgo di Vera e Silvia...io da loro sto benissimo sempre! :)

    Geillis...io invece sono persa per tutto Camilleri...pure per la sua biografia di Pirandello....la serie non l'ho mai vista, ma ne parlano tutti bene...

    Merula...su quel blog tu ti ci perdi...te lo dico!!! Loro sono meravigliose! un baciottone

    RispondiElimina
  14. Fantastico Camilleri, così profondamente "rustico"!

    La Senator Cappelli è la migliore, non c'è che dire!

    RispondiElimina
  15. Insegnare a vivere...non è facile...
    Donare affetto e dialogare con i giovani penso siano necessari.

    RispondiElimina
  16. credo di eser una delle poche che non ha ancora letto nulla di Camilleri! vergogna!!!...devo provvedere!
    Buona la torta salata... mai pensato ai fagiolini come ripieno!
    me piase:)

    RispondiElimina
  17. anche io adoro camilleri...la torta rustica è fantastica....un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  18. ciao Lo! Grazie per la citazione nostra e soprattutto per quella di Camilleri :) Ho poco tempo ultimamente, ma appena ne ho un pochino vengo qui a leggerti! ciao, a presto! Silvia

    RispondiElimina
  19. Uffa! Le ricette letterarie di Silvia e Vera mi fanno venire voglia di leggere Camilleri, poi però quando provo a sfogliare qualcosa di suo in libreria ci rinuncio, non lo capisco... Camilleri è l'autore che più volte in assoluto ho preso tra le mani e ho rimesso sullo scaffale. E' un record personale. Uffa!

    RispondiElimina
  20. mmmmmm...interessante...anche camilleri!!! ciao

    RispondiElimina
  21. Camilleri, Camilleri?
    vado giù in camera di Gokki dove teniamo i Billy con la maggior parte dei libri...
    scorro i titoli, con la testa piegata a 45° sul collo...
    ah eccoli!
    Camilleri, dopo Calvino prima di Marie Cardinal...
    si.si....con grandissima fatica (per capire certe parole ho chiesto aiuto!), ma li ho letti.
    Camilleri piace molto anche a me..come anche i fagiolini..inside or outside le torte salate!!

    baciussss

    RispondiElimina
  22. un bacio a tutti...grazie!!!

    RispondiElimina
  23. Provata sfornata e divorata!! Quella base di semolino mi fa impazzire!! La adoro già come la tua farinata che da tempo è diventata una delle mie ricette preferite...
    Più avanti gli dedicherò un post.. non posso lesinarmi dal farlo!
    ciao ciao lo mia fonte ispiratrice...
    bacioni!!!

    RispondiElimina