lunedì 20 settembre 2010

Rimando

sentiero

Ho dedicato un lungo fine settimana a pensieri importanti, non sono stata sola, ma in mezzo ad un bel cerchio di persone e insieme ci siamo aiutate nel meditare. Abbiamo riso del pranzo che ricordava le vecchie colonie, preparato da arcigne e stolide evocazioni della signorina Rottermaier. Abbiamo preparato un letto in fretta e furia, sapendo che la camera polverosa, al di là delle inferriate e dei comignoli, poteva danzare sul letto di blu e di giallo del lago. Ho guardato la sposa vestita di bianco, sconosciuta e presa nel melodramma della vita. Ci siamo resi conti di come qualcuno fa di tutto per costruirsi il brutto intorno e in quel momento ho scovato le anatre che dormivano tranquille. Sentito parole formatrici, dimenticato vincoli di informazioni. Non è stato un week end lieve, ma profondo e prodigioso. Avrei tante domande da pormi e da porvi, ma ho pensato che è meglio tornare, riprendere il proprio posto e rimandare a quando tutto riprende i  toni più tenui, dare l'addio al monte fisico forte e arcigno, prepararsi alla montagna che c'è nei nostri passi, prendendomi l'impegno di scovare il sentiero del bosco.

LA TORTA DI LISE
La torta di Lise


per la pasta:
300 gr di farina di farro
5 cucchiai di olio extravergine d'oliva
acqua quanto basta
sale

per  il ripieno:
250 gr di ricotta
1 melanzana grigliata
2\3 pomodori maturi
latte di riso
timo
sale 



Preparare l'impasto con la farina, l'olio, il sale e l'acqua. Deve diventare una palla morbida ed elastica. Stenderla nella tortiera da crostata, punzecchiarla con una forchetta.
Amalgamare la ricotta con il latte di riso, aggiustare di riso e insaporire con il timo. Versare la crema sulla pasta e ricoprire con le melanzane grigliate e i pomodori a pezzetti. Distribuire qualche foglia di timo.
Infornare a forno spento, accendere alla temperatura di 180°, funzione ventilato e cuocere per circa 30 minuti, fino a doratura.


Questa ricetta l'ho trovata dalla bravissima Lise, non avendo pasta sfoglia in casa, mi sono preparata la base con un impasto veloce e non ho diviso la cottura del guscio da quella della torta finita. La cremina di ricotta è sorprendente insieme alle melanzane grigliate. Ottima ricetta, Lise sei davvero fantastica, consiglio a tutti di leggere la ricetta originale qui.

25 commenti:

  1. ...che bello, Lo...dove sei stata?
    Questo tuo post mi ha incuriosito e non poco...
    ..che voglia anche io di stare in qualche bel posto a meditare, a farmi domande..magari scrutando il cielo azzurro e le montagne..
    Ottima la tua torta salata, il blog di Lise non lo conoscevo ed è davvero stata una bella scoperta.
    Buon lunedì un abbraccione

    RispondiElimina
  2. E' quello a cui stavo pensando stamattina Lo, "qualcuno" io so chi "sembra faccia di tutto per costruirsi il brutto intorno" che poi ci vuole più energia che per costruirsi un po' di bello. Mah. Peace and love ;)

    RispondiElimina
  3. e noi siamo qui ; sono una pessima scalatrice ma dicono una buona ascoltatrice .P.s.però porto anche lo zaino coi panini!!

    RispondiElimina
  4. Bellissima questa torta: la base al farro ci sembra molto gustosa, invece la facia, morbida e dal gusto tutto estivo!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Che weekend intenso e ricco di emozioni...mi hai incuriosito sai?! :)
    bona sta torta salata...sapori estivi e mediterranei che amooo!!!

    RispondiElimina
  6. Che weekend intenso e ricco di emozioni...mi hai incuriosito sai?! :)
    bona sta torta salata...sapori estivi e mediterranei che amooo!!!

    RispondiElimina
  7. Mi piace la base, mi piace il ripieno...son passata da Lise ed ho conosciuto la storia di Pina ed il gelato ^_^
    Grazie per avercela presentata

    RispondiElimina
  8. parole profonde Lo come solo tu sai scrivere per tornare al passato e ricordare tutto su di un prato verde e la torta??delizia allo stato puro!!baci imma

    RispondiElimina
  9. grazie...bella la base di farro
    ma se sostituissi le melanzane con zucchine o peperoni...
    ciao....anch'io io in passato ho fato 'ritiri' ma giustamente si torna al quotidiano..più forti anche per scalare questa montagna
    faccio un salto da Lise

    RispondiElimina
  10. ma che splendore!! io che abito in pieno centro bramo ogni giorno queste cose ... ottima anche la torta, rustica, scommetto che ci stava a pennello!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lo, senz'altro un w.e. molto diverso dal solito.
    Mi incuriosisce quel "prepararsi alla montagna", evidentemente hai qualcosa in mente...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Alle volte prendersi un pò più di tempo fa bene. L'errore più comune, oggigiorno, è pensare che tutto debba essere pensato, vissuto, consumato in fretta. La nostra mente ha bisogno di tempo, come il corpo, come la natura, come tutto ciò che si muove.

    Lo sai che mi sono innamorata della farina di farro? E' straordinaria!

    RispondiElimina
  13. Bello trovare altre anime simili per condivider momenti di meditazione...lo vorrei fare ma non sono capace a staccare la spina... Forse é solo questione di iniziare..
    Andrò da Lise..non conosco il suo blog.
    Un bacio Lo!

    RispondiElimina
  14. E' vero che qualcuno fa di tutto per costruirsi il brutto intorno, come dici tu. Ma oggi più che mai, mi viene da dire che c'è anche chi il brutto intorno te lo costruisce :-( Vorrei anche io un lago e la tranquillità di pensare e di riprendere serenamente da dove mi sono (mi hanno) fermata...

    Ciaooo!

    RispondiElimina
  15. E' veramente importante ritagliarsi uno spazio per poter riflettere e meditare con calma.
    Questo spazio è anche mentale. Sicuramente il luogo aiuta, ma bisogna avere molta volontà per ascoltare gli altri e ascoltarsi.
    Buona la torta salata.
    A presto!
    Giovanna

    RispondiElimina
  16. E' sempre così bello leggere le tracce dei tuoi pensieri e poi farsi venire l'acquolina in bocca con le ricettine! Ma quanto mi piace Le Galline?!
    Tantissimo,
    Un abbraccione spiumettato
    Merula

    RispondiElimina
  17. Condivido ed ammiro un we come quello che hai trascorso.Fare il punto per ripartire è fondamentale.

    Ottima idea anche questa torta!
    baci

    RispondiElimina
  18. è sempre più difficile riuscire a ricavare del tempo per se stessi...
    buonissima la torta salata ;-)
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  19. che weekend speciale, come la tua torta salata!

    RispondiElimina
  20. Ciao cara, hai passato dei giorni intensi e inquieti, a quanto leggo.
    Spero che il week end, alla fine, sia stato piacevole, nonostante i pensieri...


    P.s. ottima l'idea dalla farina di farro! ormai adoro questo tipo di farine rustiche...

    RispondiElimina
  21. :) avrei voglia di farti tante domande ma ti abbraccio e basta. spero che ti arrivi.

    RispondiElimina
  22. Il posto sembra una favola, l'ideale per staccare il cervello :)
    Deliziosa la torta!

    RispondiElimina
  23. a volte ci sono momenti in cui è bene riflettere prendere un bel fiato e contare.... un abbraccio

    RispondiElimina
  24. bisogna sempre farsi delle domande e cercare delle risposte, ma non sempre sono indispensabili....a volte è meglio farsi trasportare dalla vita, gallinella non pensare troppo se no mi diventi un gallinella da meditazione, bacioni oni oni ^______^

    RispondiElimina
  25. Grazie a tutti per il passaggio...sono stata ad Avigliana vicino a Torino, sotto la Sacra di San Michele. Il lavorare e pensare in gruppo, ragionare insieme mi ha dato una carica forte, grazie allo sguardo più profondo...porto nel cuore quella che la mente ha trovato e per questo non ho paura a trovare le risposte.
    Vi abbraccio tutti e sono contenta che siete passati da Lise, il suo blog è davvero bello

    RispondiElimina