lunedì 26 aprile 2010

Sto nascendo ora


Piccoli segni di pace, scendono insieme a brillanti nell'aria, è tutto così lieve e tutto così lucido. Sto nascendo ora. Insieme ai profumi pungenti e al vento tiepido e dolce. Vorrei avere più vite, ma tutte in una, tutte in simultanea. Non mi ero mai accorta così intensamente di quanto è il bello intorno. E' bello nella meraviglia del mio corpo che fatica nella corsa, ma che mi risponde. E' bello quando mi siedo vicino a loro e finalmente sento le risate di cristallo. E' bello mentre trovo il suo bacio soffiato e colgo il calore del suo abbraccio. E' bello mentre mi sdraio accanto a lui la sera. E' bello scoprire che il cuore non stringe più, ma si allarga mentre osservo che cresce.
E' bello riconoscere le ali di chi mi circonda e sapere che hanno aspettato proprio me per iniziare il volo e poi stringere le loro mani mentre planiamo in alto. Nel volo riusciamo, a volte e solo di rado, a portarci qualcuno di nuovo con noi. Il lento allargarsi del cerchio e l'intrecciarsi di vite. Non so per quanto durerà questa visione chiara, questa forza, sto cercando il segreto per lasciarla libera e nello stesso tempo per fermarla. E forse da lontano lo vedo. E forse è lontano e mi sfugge. Ma sento preziose le parole di uniche persone, anime ricche e profumate, che hanno smosso le coltri per mostrarmi il mistero, il loro segreto. E così a volte vedo oltre, vedo di là. Non so dirlo con la voce, non so mostrarlo nei gesti, ho la fortuna di fermarlo tra una lettera e l'altra per poterlo sospenderlo e riguardare, riascoltare, ritoccare.

BARBOTLA AGLI SPINACI


400 gr di farina 0
300 gr di spinaci freschi
olio extravergine d'oliva
sale
pepe
acqua

Pulire gli spinaci, lessarli per 3 minuti e tritarli con la mezzaluna. Mescolare la farina con il sale, il pepe, 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva e diluire con mezzo litro di acqua tiepida, fino a quando non si forma una pastella omogenea. Unire gli spinaci. Oliare una teglia di circa 30 cm di diametro, versare l'impasto e distribuire 3 cucchiai di olio sulla superficie. Infornare a 200° per circa 40 minuti.

Ho trovato la ricetta su Cucina Naturale di aprile 2010, in un servizio dedicato alle torta di Lunigiana. Era proposta con i fiori di zucca, che però ancora non trovo. L'ho provato anche nella versione con le zucchine passate in padella, mentre la mia amica Mi ha provato con i broccoli lessati. Ottima in ogni versione e voi quale vi inventate?

35 commenti:

  1. Buongiorno bellezza rara...come al solito le tue parole entrano dritte al cuore e fanno nascere un'emozione!
    non avevo maisentito questo nome 'barbotla' ma la torta mi piace lo stesso, che ne dici con la bietola?
    ti abbraccio forte
    dida

    RispondiElimina
  2. stai vivendo un bellissimo momento, la primavera ti ha aiutato a delineare quello che comunque sapevi già nel tuo cuore......
    bella questa versione semplice e leggera di tortina mille versioni,baciuzzzzzzzzzz!

    RispondiElimina
  3. torta gnam gnam!!!
    le tue parole mi hanno emozionata molto :)
    buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  4. Che belle le tue parole: "E' bello scoprire che il cuore non stringe più, ma si allarga mentre osservo che cresce".

    E la ricetta? Giusto ieri sera cercavo un qualcosa per poter utilizzare indistintamente varie verdure che ho sparse nel frigo...:) Grazie, oggi la provo con gli asparagi o con gli agretti!

    RispondiElimina
  5. Mitica Lo, sei una battuta d'ali avanti a tutti! Sarà una magnifica settimana.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  6. ..sono contenta per te Lo, davvero!
    le tue bellissime parole sono state per me come un raggio di sole..
    Buona anche la torta salata, mai sentita prima d'ora!

    RispondiElimina
  7. molto poetico questo post: leggerlo mi aiuta ad iniziare bene la settimana! Grzie Lo! Sei speciale, come sempre! Buona settimana! Silvia

    RispondiElimina
  8. Beh sì è bello davvero :-)
    Io suggerisco un misto di zucchine e melanzane

    RispondiElimina
  9. la primavera e la natura in esplosione è smepre una rinacita una voglia di ricominciare e tu con le tue parole riesce a farla vivere anche anoi queste tue meravigliosi emozioni!!complimenti anche per questa ricetta dal nome particolarissimo!!bacioni imma

    RispondiElimina
  10. Sto vivendo anch'io ua sensazione di rinascita,a doro la primavera...poi Lo è proprio telepatia, io ho fatto la versione con la farina di mais, a breve la posto!Bacino

    RispondiElimina
  11. Cara Lo sta ricetta è salvata.. la voglio provare.. ho tantissimi spinaci surgelati a casa.. :-)) gamm gnammm :-))) smackk e buon lunedì!

    RispondiElimina
  12. sono contenta di leggerti così!!! buonissima la ricetta, non la conoscevo!

    RispondiElimina
  13. bisogna saperlo apprezzare quanto è bello quello che abbiamo intorno e non quello lontano

    RispondiElimina
  14. L'ho provata poco fa la ricetta, è buonissima!
    Io ci ho messo gli agretti...:)

    RispondiElimina
  15. che belle parole!! la mia Lo mi aiuta a sorridere alla vita! sei magica come sempre!
    anch'io ho adocchiato questa ricetta, allora mi fido e la provo pure io con gli spinacini freschi!

    RispondiElimina
  16. Io la voglio provare con le erbe selvatiche (in particolare la silene); scrivi proprio bene! Ciao

    RispondiElimina
  17. Il tuo post mi dà speranza, proprio ora che invece io sono talmente a terra...

    RispondiElimina
  18. Mi piace questa ricetta, semplice, che sa di prati e di primavera!! sono contenta che tu ti trovi in un momento di rinascita, così lieto e sereno

    un baciotto alla piccola nina da parte di Koko e Titti

    RispondiElimina
  19. Dida cara....come sei gentile...grazie...e secondo me con le bietole è perfetta! un bacione

    Marta si sto vivendo davvero in un momento sereno e pieno..la tortina è comoda anche per la preparazione veloce :)

    Luby sei stata chiara e concisa e molto cara :)

    Annarita che gioia.....l'hai provata con gli agretti!!! Buoni!!! Ti è piaciuta? spero tanto di si :)


    Ines sarà una meravigliosa settimana anche senz aiban ;) bacio

    Simo che bello sentire il sole caldo...la torta nemmeno io l'avevo mai sentita...però è buona...un abbraccio

    Silvia grazie a te anche tu sei speciale :)

    Gio...uhmmm allora aspetto con curiosità le melanzane e per il resto grazie mille

    Imma grazie di tutto

    Saretta che bella la telepatia con te...aspetto la tua versione perchè ho proprio della farina di mais da finire...felice primavera!

    Claudia...dai dai dimmi come ti trovi :)

    Micaela grazie un abbraccione

    Gunther hai ragione :)

    Giò che bella essere un po' tua...si provala non delude davvero..smuacks

    Dorisiana...ecco la tua sarà davvero unica con le erbe selvatica...credo la più buona :)

    Stefi...perchè? ti abbraccio forte

    Geillis è davvero semplice e fatta apposta per il sole e i picnic...Nina ricambia i bacissimi

    Kristina..piacere di conoscerti grazie di cuore...verrò a presto a trovarti....:)la mia pm ha già tre anni...e in effetti da giovane a volte tendeva all'acido! :)

    RispondiElimina
  20. Leggerti è sempre come viaggiare per emozioni!!!!
    poi ci metti ste ricettine deliziose...insomma sempre bello passare a trovarti per ogni senso...anche il sesto:)

    RispondiElimina
  21. Pensieri e parole bellissime..sono tanto contenta per te...ricetta da provare!Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Ti ho immaginata sorridente e "lieve" mentre scrivevi queste parole di piuma...quasi volavo anch'io
    mi piace questa ricetta!

    RispondiElimina
  23. buongiorno bellissima, un abbraccio forte :)

    RispondiElimina
  24. Bellissime sono le sensazioni e le emozioni che fa sbocciare la primavera.. Tesora mia... che bello appena ci sentiamo devo farti una proposta... baciuss

    RispondiElimina
  25. mi piace questa Lo...mi piace il suo cuore che finalmente non si sente più stretto...è bello sapere che respiri e ti abbraccio forte !!!

    RispondiElimina
  26. Buongiorno Lo cara!

    Che bello leggere le tue parole così dolci e armoniose :)

    E' come sentirsi cullare in un mare di emozioni :)

    Beh vediamo io questa 'barbotla' (ma losaiperchè si chiama così?)l'abbinerei con i roscani o agretti, con l'ortica, con la rucola e tute le varie erbe spontanee che nascono in questo bellismo periodo dell'anno!

    A presto Carla

    RispondiElimina
  27. E noo eehh ne abbiamo appena provata una che già ci tenti con una nuova ricetta?? Lo anche questa ci alletta.. proprio oggi che ho visto i primi fiori di zucca in vendita!

    RispondiElimina
  28. mi hai emozionato...sono felice del tuo stato d'animo:-) questa pizza ha un nome simpatico....mi piacerebbe provarla con i friarielli fatti in padella:-) un bacio e buona domenica
    Annamaria

    RispondiElimina
  29. E' bello saperti un fiore che sboccia ogni giorno, che gioisce del risveglio della natura, del tepore del sole, degli abbracci che la vita ti regala sotto innumerevoli forme.
    E la torta è semplicemente deliziosa!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  30. Buona! Una bella alternativa alla solita frittata. Te la copio al volo. Ieri sono stata proprio bene, è stato bello conoscerti.

    RispondiElimina
  31. Terry grazie hai reso felice tutti e sei i sensi ;)

    Grazie Mari

    Gaia voliamo insieme...magari fra poco sì ;)

    Mirtillina buongiorno a te

    Vale che propostaaaaaaaaaaa...uff oggi non mi ha detto niente...uhhh domani ti chiedo ;)

    Caty...il cuore si allarga anche quando leggo te

    Carla non so proprio...lo dice cucina naturale e io copio...grazie per tutto :)

    Uva...ecchecavoli se hai i fiori di zucca allora devi! ;)

    Anna wow con i friarelli davvero ...chissà che buona...ti abbraccio forte

    Sabrina Luca vi abbraccio forte

    Isa cara....benvenuta...che bello leggerti qui e anche guardare il tuo blog a presto ;)

    RispondiElimina
  32. ma come ho fatto a farmi sfuggire questa ricetta?! vado subito a risfogliare la rivista!
    ...bellissime le parole del tuo post, davvero!

    RispondiElimina
  33. io ho tra le mani quella di maggio e già sono incantata :)

    RispondiElimina
  34. Ordunque l'ho provata, ma a dirti il vero ho bisogno di un pai di dritte perchè non mi è venuta come pensavo. Quanto deve essere alta? Nella mia teglia di 26 cm di diametro è venuta un centimetro e mezzo e dentro secondo me è rimasta cruda, molle molle, anche se avevo allungato di un quarto d'ora il tempo di cottura. La crosticina invece era proprio buona. Che ne dici?

    RispondiElimina
  35. Isa scusami la latitanza....eccomi però...deve essere bassetta...un cm scarso è la misura giusta..ci vuole una teglia più grande! perchè poi è buona come tutta la crosticina :) grazie per aver provato!

    RispondiElimina