lunedì 8 marzo 2010

Per un attimo di amarezza


Entro in contatto con tutto l'universo. Lo faccio e mi chiedo come è possibile. Mi chiedo come poterlo passare ad altri. Oggi dovrò andare da quel piccolo gruppo di donne, che non sanno di essere tali, che non conoscono la potente alchimia dello scorrere femminile che le lega al cielo e al senso. Le incontrerò, dovrò indossare la faccia brutta e affrontare ancora quel profondo vuoto di intenzioni che le contradistingue. Pazzesco.
Le vedevo l'anno scorso, quando ancora il femminile covava nascosto in loro e non riconosco più le bambine di ieri. Sembrerebbe sia stato buttato via tutto, dimenticato, annullato e le forme gentili che tanto avevano voglia di esplodere, sono fuori uscite, irremidiabilmente senza trovare vocazioni. E cosa c'è di peggio del nulla in cui rimbombare?
Non è un sospeso, non percepisco il senso. Ho più la sensazione di avere a che fare con una mandria tonta e violenta. Mi meraviglio della loro poca età e della loro tanta arroganza. E' estenuante per noi assistervi, fermare, arginare la violenta desolazione. Sono arsura e freddezza, indifferenza e grettezza. Difficile trovare qualcosa da liberare in loro, da coltivare, da accudire, da potenziare. Perché in cima c'è vuoto. E intorno la nostra insensata ricerca di senso. Non perdete tempo a dire che non è vero, che è stanchezza, che è il caso, che avranno i loro motivi, che cambieranno, che è il momento.
Entro in contatto con tutto l'universo e non so come farlo fare ad altri.

PACCHERI AL FORNO CON CREMA DI FINOCCHI


500 gr di paccheri
4 finocchi
timo
15 gr di burro di soia
20 gr di farina
250 gr di latte di avena
50 gr di gorgonzola
sale

Pulire i finocchi e tagliarli a fette sottili, cuocerli con un bicchiere d'acqua fino a quando non saranno morbidi.
Preparare una crema tipo besciamella: fondere il burro in un pirex per 30 secondi a 750watt. Amalgamare con cura la farina e fare andare per 2 minuti alla stessa potenza. Versare il latte poco alla volta, girando bene con una frusta per evitare di formare dei grumi. Cuocere a 750watt per 3 minuti, mescolando a metà tempo. Aggiungere il timo spezzettato, aggiustare di sale e cuocere per un altro minuto.
Prendere i finocchi e frullarli con un po' della loro acqua di cottura e aggiungerli alla crema. Unire il gorgonzola a pezzettini e mescolare per farlo sciogliere.
Lessare i paccheri al dente.
Ungere una pirofila da forno, versare la pasta, condire con la crema, livellare gli ingredienti e cuocere in forno a microonde, con funzione grill, per circa 15 minuti


La ricetta di questa pasta al forno delicata e aromatica l'ho trovata nel bellissimo blog della cara Marifra: io l'ho semplicemente adattata agli ingredienti che avevo a disposizione e usando per la cottura il forno a microonde. Mi è piaciuta molto l'aggiunta del timo fresco e cucinare un piatto della dolce Mari!

33 commenti:

  1. Tesoroooo grazie!!!Sono contenta che ti sia piaciuta la mia pasta al forno!!!!!
    Un abbraccio e buon 8 marzo...

    RispondiElimina
  2. Che bella pasta Lo!
    ...proprio ieri siamo stati al ritiro spirituale delle classi quinte all'oratorio...abbiamo parlato dell'adolescenza, della coscienza morale dei giovani, della loro noia e del vuoto che a volte non riescono a riempire...
    Il tuo post sembra cadere proprio a fagiuolo!
    bacioni cara e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  3. Penso che il primo, difficilissimo passo sia credere nella loro umanità, che anche in loro esiste la scintilla. E' molto, molto difficile e richiede un'enorme forza interiore, ma è l'unica strada possibile, che però non è il buonismo beota, è il "non disperare" del genere umano.
    D'altronde io detesto questo vuoto, questa ignoranza grossolana, ma purtroppo è questa società...che possiamo anche odiare, ma che non possiamo sfuggire. Ma è durissima, affrontarla è molto dura...e poi gli insegnanti oggi sono stati degradati a "fannulloni"...forse bisognava indignarsi, arrabbiarsi, e dare così un esempio a quel vuoto...amorale...squallido.

    RispondiElimina
  4. Lo, il tuo è quello che io definisco un "mestiere sociale".
    Come tale, se non c'è interiormente una profonda convinzione di ciò che si sta facendo,si rischia di perdere la fiducia e l'orizzonte, la meta di ciò che ci si è proposto di fare.
    I momenti di scoratezza ci sono, ma non per questo devono avere il sopravvento...

    Ciao, un caro saluto.

    RispondiElimina
  5. Ciao! ma che bella questa pasta! una crema proprio originale e gustosa!! e poi..così semplice da preparare!!
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Ciao, davvero gustosa questa pasta al forno...molto invitante...buona festa delle Donne...bacioni

    RispondiElimina
  7. Lo i tuoi pensieri sono sempre cosi intensi che ogni volta che leggo un tuo post rimango sempre in sospeso a pensare e riflettere...questo è una tua dote cara!!!la pasta è favolosa e gustosa coem ogni tuo piatto!!baci imma

    RispondiElimina
  8. Ottima la pasta!!!!!!! l'hai adattata benissimo!! bacioni e tanti auguroni per oggi!!!! :-)

    RispondiElimina
  9. Lo, non devi farti aspettative immediate, e non scoraggiarti.I semi che lasci forse li vedrai crescere un tempo, o probabilmente ti capiterà più spesso di non vedere il tuo operato....ma questo motivo non è sufficiente per desistere, continua a spargere i valori veri perchè bisogna sempre provarci...a volte i semi che sembrano sterili spuntano quando meno te lo aspetti..anche se ogni tanto manderesti tutti letteralmente a lavorare i campi, genitori compresi..sicuramente farebbe meglio di tante parole ^______^ vista l'ora posso allungare il piatto per questa gustosa pasta!

    RispondiElimina
  10. Lo, io quoto Anonimo e quoto Astro. Forse la scintilla c'è, forse se un modo non funziona bisogna provar con una altro, forse non vale la pena farsi in quattro per gente vuota o forse si, se non fa bene a loro magari fa bene a te. L'amarezza ci sta. Se gratti via quella dalla superficie sotto c'è ancora qualcosa che ti permette di andare avanti? Baci

    RispondiElimina
  11. Mari è strepitosa! un bacione e auguri anche a te.

    Simo è così...il fatto è reale, non è fuffa, tanto che chiunque abbia un po' di sale in zucca si interroga...solo ch emi sento ocme dentro una ricerca..dove il rimedio non è ancora stato scovato..e aspetto, ma intanto succede tutto ed è terribile assistervi...un bacione

    Anonimo (ma avrai un nome, no?)...forse è tutto quello che dici è vero...non farei questo lavoro che è proprio per sua definizione un tirare fuori da ciascuno se non ci credessi...ma sai com'è sono un educatore, non una visionaria...se il reale è reale e parte del reale è vuoto, dimmi tu dove la trovi questa scintilla o ci devo credere nonostante tutto? non è da me,infine certo la scuola si deve interrogare e le persone che ne fanno parte pure..io non sono un'insegnante, ma come vedi mi interrogo spesso sul senso di quello che faccio e in ogni caso la mia domanda primaria è come fare?

    Sirio tranquillo la profonda convinzione di ciò che si sta facendo c'è...e non demordo...tecnicamente mi trovo in un momento di scarsità di strumenti...non ti motivazioni! grazie

    Manu, Silvia grazie mille!

    Luciana grazie auguri anche a te

    Imma ti abbraccio forte grazie

    Claudia un bacione a te, grazie e mille auguri

    Marta non ho aspettative immediate, ma tu sai che nessuno in questa simpatica società ha mai abbastanza per donare sempre...non ho risorse, mentre mi interrogo la parte istituzionale mi pone i suoi limiti, non ci sono forze e strumenti adeguati per far fronte e non ci sono solo loro...si impongono scelte, non domani se mai un seme germoglierà, ma ora...

    Barbara cara ti ringrazio..ma sai per quanto fatto con estrema passione e forte vocazione..è un lavoro, non una missione..con tutte le regole che un lavoro detta..e poi non vorrei equivocare...il mio problema è quello di trovare il modo necessario per una situazione che nella sua modernità non so come affrontare, il mio problema non è mancanza di motivazione. Il problema è mancanza di strumenti..ma non per mancanza di investimenti...no ancora non si è scoperto cosa fare, insomma in termini medici manca la medicina per curare il male...e poi alla fine non c'è nessuno che mi garantisce che la scintilla c'è di sicuro...è sempre forse.
    Questo forse è stranamente alimentato dalla sensazione mia e dei miei colleghi che stavolta non ci sia attaccato nulla..che il dubbio insorga perchè per correttezza, senso del dovere e profondo rispetto prima si fa tutto per provare, ma rimane silente la sensazione che forse è proprio così..non c'è nulla. E quindi quanto tempo sprecare...non raccontiamoci favole...non abbiamo risorse per salvare il mondo...oltre alle persone di cui ho raccontato ci sono per fortuna persone ricche di scintille, di vita...quanto togliere loro per alimentare qualcosa che forse è destinato ad essere così ...vuoto?...un bacione

    Grazie a tutti per i rimandi che come vedete alimentano e concimano nuove rilfessioni

    RispondiElimina
  12. Lo non dev'essere semplice fare quello che fai tu ma io ti ammiro molto!!! buonissima questa pasta! un bacione e buona festa delle donne!

    RispondiElimina
  13. cara lo, la tua forza e determinazione per me e'sempre un grande esempio :)

    RispondiElimina
  14. Stupendo questo primo, tutti ingredienti che amo e che si sposano benissimo insieme!
    brava!

    RispondiElimina
  15. E' che a volte quando diventi grande tutto insieme non ricordi più dove sono le tue antenne, non sai più dov'è pieno e dov'è vuoto. Non sai più che c'è differenza e che delle antenne ci sono...

    RispondiElimina
  16. Ho un figlio di 14 anni e lo so quanto è difficile confrontarsi con loro a questa età.
    Semplice e sicuramente gustosa questa pasta...mi segno la ricetta...grazie!
    ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  17. Ti mando un grande abbraccio!
    Grazie per la gustosa ricetta da provare subito!
    Bacioni Elena

    RispondiElimina
  18. cara Lo , non smettere di chiedere ...un libro , una persona interessante , un'idea ...ti mando un abbraccio io e te , sotto l'albero , magari come in questo filmato sopra un tappeto di stupende foglie
    http://www.youtube.com/watch?v=k8F4dbXkwvA

    RispondiElimina
  19. ci vuole passione, amore, fantasia e a volte una forte sicurezza per stare vicino a queste donne e tu hai tutte queste capacità..... bella e buona questa pasta al forno! baci Ely

    RispondiElimina
  20. Non so esattamente di chi parli, di quanti anni abbiano e di che esperienza stanno vivendo... Ma secondo me c'è sempre un modo per risvegliare un interesse, per far nascere una scintilla, per incuriosire e crescere assieme. Avendo però l'esperienza di stare dall'altra parte della cattedra, capisco che questo è assolutamente difficile e anche io a volte torno con tanta amarezza e dire che i miei dovrebbero essere motivati in ciò che fanno, dato che l'hanno scelto loro. In bocca al lupo cara Lo!

    RispondiElimina
  21. Che buona questa tua preparazione, sarà che io amo tutto ciò che è cucinato senza troppo pomodoro ma la tua è goduriosa..!!

    RispondiElimina
  22. il mio motto è: la vita è come uno specchio, ti sorride se la guardi sorridendo!
    penso che oggi molte persone hanno troppo e non sanno più il valore di quello che hanno, mentre c'è chi è felice anche del poco. molti hanno perso di vista i veri valori della vita,ora c'è la corsa ha chi le cose più lussuose, più cellulari (a me uno basta scassato basta e avanza), vestiti ultima moda (che poi nemmeno stanno bene e il grigio incupisce), mille videogiochi (che rimbambiscono i ragazzini)..... Il vero lusso oggi è quello di radunare la propria famiglia a pranzo e a cena davanti un bel piatto di pasta come la tua, raccontarsi la giornata, chiaccherare e sorridere insieme, pasticciare con i colori e i propri bimbi, correre con il cane a rotolarsi sul prato. Da questo punto di vista io sono ricca! Io cerco di essere felice per quello che ho (figli, amore, amicizia, serenità...) e anche per quello che non ho (malattie, fame, terremoto, guerra...). Ma far capire tutto questo a certe persone è estremamente difficile! baci baci

    RispondiElimina
  23. i tuoi post sono sempre interessanti e fanno riflettere...è inutile che ti dico che con questa versione di pasta al forno....mi hai conquistato:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  24. Per quanto possa essere difficile sono convinta che tu sia la persona giusta che possa aiutarle a guardare dentro di loro per trovare quel qualcosa da liberare e crescere.
    Magari invitandole alla tua tavola solare e accogliente a mangiarsi un piatto di pasta come questo :)

    RispondiElimina
  25. Micaela grazie...non è semplice ...ma non vado ammirata figurati!!!

    Mirtilla ti rigrazio è un sosoegno perchè nn è che mi sento forte e determinata ora...un bacione

    Terry grazie ..e brava è stata Mari a presto :)

    Gio..è così...una descrizione perfetta...sono così...mi hai aiutato con questo un bacio

    Nico...grazie mille..se la provi fammi sapere :)

    Elena me lo prendo l'abbraccio mi fa bene

    Caty tu sei unica...sempre..non smetto di chiedere.. a loro, a voi, a me...un abbraccio
    p.s cosa succede poi ad una ragazza interrotta?

    Ely un abbraccione

    Aioulik...si forse esiste...le cose si muove trovano tortuosi percorsi..e non posso decretare ora se non esiste...il limite sono i miei i nostri strumenti...continuo la ricerca grazie

    Patry grazie :)

    Laur ahai fatto una descrizione precisa di cosa è.. a volte basta fare memoria e qualcuno ci pensa, ma a volte nulla vale per decidere di smuoversi non so se perchè abbagliati dal troppo luccichio o spaventati da quella tavola rotonda...

    Anna grazie smuacks

    Minnie difficile invintarle alla mia tavola, posso però preparare qualcosa per loro...ci provo ...di sicuro... un bacione

    RispondiElimina
  26. Lo ti devi armare di tanta pazienza e devi aver fiducia...
    Alcuni frutti hanno bisogno di più tempo per maturare, ma poi maturano .

    RispondiElimina
  27. Ciao, Lo! Mi mancavano le tue ricette e le tue riflessioni...
    Grazie!
    Silvia

    RispondiElimina
  28. questo è proprio da fare,molto interessante!

    RispondiElimina
  29. Che piattino invitante, i paccheri sono un formato di pasta che mi piace moltissimo!

    RispondiElimina
  30. Immagino quanto possa essere avvilente sentirsi senza mezzi, senza la possibilità concreta di realizzare qualcosa. Perchè se mancassero le motivazioni, non si starebbe nemmeno qui ad interrogarsi sul come e perchè. Ma a te certamente le motivazioni non mancano. E questa riflessione dimostra ancora che bella persona sei. Credo ci voglia davvero molta pazienza. Quella che probabilmente io non ho e che ammiro molto in te.

    RispondiElimina
  31. Ciao bellissima, volevo dirti che sono tornata a scrivere sul blog dopo la vostra dolce "sgridata".
    Ti voglio bene e ti ringrazio per la bella serata al nostro Kapuziner.
    Un bacio piumoso.
    Merula

    RispondiElimina
  32. Stella e alcuni forse no...allora bisogna accettare...un bacione

    Ciao Silvia cara...mancavi anche tu!!

    Chiara...benvenuta nel pollaio! :)

    Maurina anche io lo trovo davvero godurioso :)

    Mariangela...che gioia un super abbraccio

    RispondiElimina
  33. Dodò..grazie di cuore...essere capiti per quello che è senza fronzoli e sbavature è una gioia un abbraccio

    RispondiElimina