lunedì 15 febbraio 2010

Senza impasto


Ogni tanto incappo in una cosa che mi piace. Se quello che mi piace poi riesco a farlo da me divento maniaco-ossessiva per un certo periodo. In effetti anche un po' compulsiva e portata alla coazione a ripetere. Per un po'. Ho scoperto che quando mi piace una cosa che posso fare da me, adoro provare e riprovare, familiarizzare con i gesti. Non ho una memoria possente, appena sufficiente quella visiva, ma ho la memoria delle azioni. Non è ricordo razionale, ma affinità da scultrice, mi piace migliorare quanto imparo limando e scolpendo. Non che mi capiti spesso, ma a volte mi fermo e ripeto all'infinito qualcosa, in silenzio e concentrata, con l'unico scopo di ripeterlo, di ammirare e conoscere il gesto.
Diventa un susseguirsi, un sapere sopito che si risveglia automatico di fronte al giusto set di stimoli. Diventa una saggezza intima, non una nozione acquisita. Ma mi regalo il piacere di ripetere all'infinito, senza altro scopo che fare e rifare, di rallentare, fino a che tutto appare normale.

...SENZA IMPASTO
In effetti troppo celebrale la mia scusa per dirvi che da quando ho scoperto da Stella questo post, sono diventa una maniaca dell'impasto senza impasto.
Ho fatto le sue stecche, anche con la farina integrale. Ho fatto pagnotte super bucose e morbide, ma dalla crosta croccante. Ho fatto la pizza che grazie all'idratazione di questo impasto ti permette di piegarla in quattro e di mangiarla. Ho fatto la focaccia, che è rimasta buona e soffice per giorni. Insomma ho fatto e rifatto.
Uso sempre la base e il procedimento indicati da Stella, variando le tipologie di farine e mischiandole.
Vi metto qualche esempio. Ho sempre usato il mio lievito madre, anche senza rinfrescarlo.

LE STECCHE


Per le stecche ho seguito alla lettera le spiegazioni di Stella, usando sia la farina 2 che quella totalmente integrale.

LA PAGNOTTA


50 gr di pasta madre
300 di farina integrale
200 di semola di grano duro
1 cucchiaino di sale

Ho seguito il procedimento di Stella, ma invece che tagliarlo a pezzi, al momento di infornarlo l'ho messo in una pentola di terracotta bollente, che inserisco nel forno quando lo preriscaldo, chiudo con il coperchio e cuocio per 30 minuti alla massima temperatura nella pentola, poi per gli ultimi 15 minuti lo tolgo da lì e lo lascio cucinare normale...viene perfetto.

Seguo il procedimento di Stella, dopo il riposo di 21\22 ore, do le pieghe e lo stendo sulla teglia della pizza, lascio riposare per due ore, farcisco e cucino.

LA FOCACCIA


Uso lo stesso impasto e procedimento della pizza, ma dopo le pieghe metto nella teglia tonda unta d'olio, lascio riposare due ore e prima di infornare bagno la pasta con un'emulsione di acqua e olio, distribuisco sulla superficie del fiordisale e del rosmarino e inforno.

38 commenti:

  1. beh..io adesso sono presa dalla mania delle torte da colazione yogurtose e fruttose...ma anche io appena scoperto il pane senza impasto lo facevo a ripetizione! devo ancora provarlo con la pasta madre però...ma visti i tuoi risultati e soprattutto la focaccia devo tentare al più presto!buona settimana

    RispondiElimina
  2. Buongiorno cara LO...ecco,anch'io confesso che quando ho la fissa per qualcosa (qualsiasi cosa) la ripeto in continuazione fino a quando non esce come dico io...ottimo il pane...fantastico!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Tesora mia ma che bellissime cose che hai fatto... io continuo con le mie pagnottone giganti anche se fra un po' il consiglio delle panettiere vorrà che passi a forme e Semini... ;) uhhhh mamma.. promesso che mi diletterò come te ;)

    RispondiElimina
  4. Ciao! ma che belli questi lievitati! integrali ci piacciono moltissimo! e davvero un metodo di preparazione originale!
    baci baci

    RispondiElimina
  5. Caspita che meraviglia!!!!!!!!
    perchè, perchè io e il lievito madre non ci capiamo?
    Le stecche più di tutto mi hanno colpito...vado da Stella subito a vedere.
    Un bacione e grazie

    RispondiElimina
  6. :-D
    e perchè cambiare se viene buonissimo ed è anche comodo da fare, sono quei gesti conosciuti che ci fanno compagnia, l'ultima pagnotta lunga che ho fatto era così buona che per un po' farò solo questo di pane, e faccio la stessa cosa coi tuoi crackers con la pm, li faccio sempre, con piccole varianti, durano anche una settimana e sono buonissimi...

    RispondiElimina
  7. ripetere e imparare , entrare in se stessi senza saperlo e lasiarsi cullare dalla morbidezza dell'impasto che dona conoscenza alle mani e sapienza al cuore .Hai cucinato dei cibi stupendi!un abbraccio

    RispondiElimina
  8. che spettacolo, sembra la vetrina del panettiere. le stecche poi sono da oscar

    RispondiElimina
  9. Tesoro mio, anche io vengo rapita da ripetizione compulsiva di qualcosa che mi viene bene e per mesi ho fatto mangiare ogni sera le crostate salate con la pasta brisè... però sempre con un ripieno diverso. Quando all'ennesima volta i miei si sono rifiutati di mangiarla, dicendo che non ne potevano più, io sorpresa ho esclamato: " ma non l'ho mai fatta prima!"... Adesso invece sono mesi che non ne faccio più...
    La nostra Gaia esplosiva mi aveva detto di averti telefonato e di averti parlato di me... e io le ho consigliato di non esagerare, perché quando poi avremo la possibilità di conoscerci, ci rimarrai delusa. Lei è troppo carina e vede il mondo (e quindi anche me) con gli occhiali rosa! Credi solo a 1/4 delle cose che ti ha detto... il resto è frutto della sua infinità bontà e dolcezza!
    Baci (lo sai che mi manca???)
    Stefania

    RispondiElimina
  10. Complimenti cara miaaaaa.... tutto meravigliosoooo!!!!
    baci baci e buon lunedì!

    RispondiElimina
  11. Io faccio sempre e solo quello ma, ho capito che in casa mia devo ridurre di molto i tempi di lievitazione...ora mi segno tutte le tue ricette!!!Ho un collega a cui interesa la PM e devo dargli un vademecum!
    Bacione

    RispondiElimina
  12. Questo post mi sarà di grande aiuto! Con il LM, ho fatto la pizza senza impasto, il pane ancora no, ergo... :-)

    RispondiElimina
  13. ehiii ma il pollaio si è trasformato in un panificio.....e io che mi pensavo già mastro fornaio...arrivo qui e chino il capo.....capisco che la strada è lunga....ciauzzzzz, bacione!

    RispondiElimina
  14. questo impasto sembra davvero incantato visto quello che riesci a produrre davvero super gustoso!!!c'è l'imbarazzo della scelta peccato che nn ho il lievito madre altrimenti mi sarei messa subito all'opera!!bacioni imma

    RispondiElimina
  15. Anche io sono ormai una ossessiva compulsiva del "senza impasto"
    Focaccione, ciabattine, filoni, pizza, focaccia....
    Ogni settimana, al momento del rinfresco della pappa mamma, si parte!
    Posso impastare solo il fine settimana, per il resto ho a mala pena il tempo di respirare... ma mi rifaccio e sazio i pancini e il frigo!
    Quindi, viva l'impasto senza impasto!

    nasinasi

    p.s. ti ho mai detto che per me è davvero bello passare qui da te? Mi riscalda l'anima!

    RispondiElimina
  16. Amazza quanta roba buona!!!! .-p baci baci :-)

    RispondiElimina
  17. Questa è una cosa che mi manca..voglio provare!! a vedere quella focaccia si fa fatica a non andar subito ad impastare..ma il pane rimane davvero morbido dentro? io ho sempre avuto la paura dello "gnucco" ma se lo dice la Lo..mi fido!
    :*

    RispondiElimina
  18. carissima ma quante cose hai preparato!!! sei bravissima!

    RispondiElimina
  19. Sai che io ho un rapporto conflittuale con i lievitati ma questi "senza impasto" sembrano proprio alla mia portata.
    Confesso che Babbo Natale mi ha portato un piccolo piccolo aiutino (anche se non è quello dei miei sogni) e appena avrò un po' di tempo da dedicarci mi butto anch'io con pani e pagnotte, seguendo anche questi consigli ^_^
    Baci

    RispondiElimina
  20. mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmh ogni volta che vedo quella foto della pizza mi viene un'acquolina che non ti dico...
    Io invece sto cercando di stabilire le dosi per un pane in cassetta (praticamente senza impasto) che mi è venuto bene per due volte ma facendolo a occhio. E mò ci ho provato di nuovo pesando gli ingredienti, speriamo bene!

    RispondiElimina
  21. Bene: ora che tu hai fatto "la rotta" penso che potrei cimentarmi pure io; senza lievito madre, però... mi verrà uguale? Pagnottella e pizza sono bellissime... che fame!

    RispondiElimina
  22. invitante e ben riuscita la pizza :)

    RispondiElimina
  23. già di sto pane se ne parla e riparla....e io dovrò provarlo prima o poi!!! :)
    tutte le tue creazioni son spettacolari!:)
    continua dai!:)

    RispondiElimina
  24. ihhhh...che voglia di fare queste cosette...la settimana prossima riprendo la pasta madre, spero di riuscirci...devo!!!
    p.s.ma ci vuole la pasta di semola per forza o posso usare qualsiasi altra farina?
    Scusate l'ignoranza non ci capisco nulla!!

    RispondiElimina
  25. aaha! Si, sei un po' compulsiva! Dopo questo post potresti aprire un panificio!! Ma che bontà! Se fossi lì io sarei compulsiva nel mangiarne un boccone dopo l'altro! Mi piace tanto il pane e tutte le pizzette e focaccette!! Vivrei di queste cose!! Le stecche hanno un apetto delizioso, ma anche tutto il resto!!! MMMHHHHHHH!!! :P buona settimana! Silvia

    RispondiElimina
  26. Giò...mi piace questa cosa delle torte...sono sempre più convinta che devo passare da te ;)

    Mari sorelle di confessione :) un bacione

    Vale...eh siiiiiiiii forme e semini si si si ...chissà che meraviglie farai! un bacione tesora

    Manu Silvia...eh si ....è anche comodissimo! :)

    Simo le stecche sai come sono buone? Ricordano il pane che nelle nostre panetterie chiamano francese hai presente?...dai prova questo è davvero semplice! un bacione

    Stella che bello che sei passata qui...hai ragione sono gesti che ci fanno compagnia...davvero fai sempre i crackers? :) che bello!

    Caty esattamente così...dentro alle parole trovo sempre te :)

    Lise e sono pure buonissime...grazie!

    Stefi praticamente hai fatto il mese della torta salata a casa?...ma quanto siamo matte...eh sai conosco Gaia anche se solo da lontano e so che dice sempre la verità...un abbraccio tesoro bellissimo e si lo so che può mancare :)

    Betty grazie!!!

    Saretta ma casa tua è così caldissima? wow! ottimo posto per aprire la tua panetteria :)

    Aiuolik...dai dai continuiamo a sperimentare...:)

    Marta ma tu sei mastrafornaio eh si che lo sei si si si... daiiiiiiiii continuiamo! un bacione

    Grazie Imma ma la vuoi la pasta madre? te la mando!

    Micia eh si il tempo stringe e soffoca..e noi sporchiamo le mani di farina.. ci carichiamo di energia e via per tutta la settimana grazie alla pasta mamma e al nostro cuore...sono felice che stai bene qui nel pollaio, grazie!

    Claudia grazie!!!

    Manu è il pane più morbido che ho provato giuro morbidissimoooooooo e ancora per tanti giorni...prova! :)

    grazie Micaela un bacio

    dai Cri su su trova la ricetta perfetta...sarai impegnatissima!
    io faccio il pancarrè...ma con l'impasto :)

    Claud..dai dai prova..ma la vuoi la pasta madre?? te la mando nèèèèèèèèè

    Grazie Mirtilla smacks

    Terry ma grazie....eh si anche io n esentivo parlare e poi grazie a Stella ho provato :)

    Annarita ma non chiedere scusa! figurati se non siamo qui per capire meglio...puoi usare la farina che vuoi e che preferisci...:)

    Grazie Silvia...eheh dai dai panettiamo insieme....un bacione grande

    RispondiElimina
  27. Ti invito a votare sul mio blog di poesie.

    RispondiElimina
  28. meraviglia.....non ho altre parole!

    RispondiElimina
  29. Lo, stamane provo a fare le stecche, mi ispirano troppo.
    Non sanno di acido dopo 24 ore di lievitazione?
    Baci
    P.s io non ho il malto...uso lo zucchero? Che fo?

    RispondiElimina
  30. Cara amica mia!!! grazie per aver radunato tutte queste meravigliose ricette!!!!! una più bella dell'altra e meno male che non sono la sola ad essere un pò ossessiva sulle ricette, quando mi piacciono le rifaccio spessissimo :-)
    Ti ho mandato 2 mail ai due indirizzi diversi ricevute???? spero di si....
    bacio Ely

    RispondiElimina
  31. Ah beh, se hai usato il LM devo assolutamente segnarmi tutto!!Stecche, pagnotta, pizza...
    e poi sono venute così bene queste cose che non posso lasciarmele scappare!!!Brava!

    RispondiElimina
  32. Ma quella pizza è uno splendore!! Da provare assolutamente...

    RispondiElimina
  33. Ah ecco, me lo dicevi che ci facevi di tutto! Fantastico... quella pizzona, mmmh....

    RispondiElimina
  34. ecco, se avessi il lievito madre anche a Roma, mi farei prendere pure io dalla mania! ma purtroppo pare che una casa studenti non meriti un forno che almeno si accenda!! vabbè...terrò sopito il desiderio di panificazione fino al ritorno a casa!

    RispondiElimina
  35. Mmhmh devono essere una bontà!
    Per quanto riguarda le fisse, beh, io ne ho parecchie e le ripeto fin che chi mi sta attorno mi dice bastaaa!
    Un caro saluto Lo, Roberta.

    RispondiElimina
  36. Mamma mia che sfilza di bontà!!!
    Quanto vorremmo intraprendere anche noi l'arte della panificazione... ma... niente! Ci vuole predisposizione mentale. Memoria? Uhm... al contrario tuo io ho solo quella visiva, per cui anche quando rifaccio una ricetta è come se la sperimentassi per la primissima volta :/

    RispondiElimina
  37. Lo, che tenero cuoricino!...
    E quante bontà sfornate, che brava!..
    Un bacione!

    RispondiElimina
  38. Stella appena riesco passo grazie

    Angie grazie

    Simo ti ho risposto alla mail bacioneeeeeeee

    Ely finalemnte ricevute...un bacio

    Morena si si con il lievito madre e per un'amante come te degli impasti questo è da provare un bacione

    Grazie Yari e benvenuto nel pollaio :)

    Iana pizzona golosa :)

    Dodò quindi è più un problem adi forno...mi spiace!!!

    Roberta...mi sa che certe fisse sono solo salutari :)

    danda forse ci vuole tempo e aspettre il coraggio di provare ...proprio questa ricetta..ad esempio..la conoscevo da tanto ma non osavo mai ...e ora l'adoro! un bacione

    Rossa che bello che hai notato il cuoricino grazie :)

    RispondiElimina