giovedì 4 febbraio 2010

Mi illumino di meno 2010


Ecco! Il 12 febbraio di nuovo la giornata per il risparmio energetico, ho quella sana impressione che molti ci pensano un po' di più, voi cosa ne dite?
Ora dopo sei anni di invito a fare "silenzio energetico" la combriccola di Caterpillar ci invita ad una vera "festa dell'energia pulita".
Ed io, per farlo, partecipo al virtuale banchetto organizzato da Dodò: una raccolta di ricette le quali, nella loro realizzazione (dalla scelta degli ingredienti fino al piatto finito) mostrino come è possibile risparmiare.
Le ricette che possono partecipare devono:
1. Scegliere gli ingredienti
2. Scegliere il metodo di cottura
3. Ridurre gli scarti

Ho pensato a lungo a cosa proporre, fino a quando questa settimana è arrivato il sole ad aiutarmi!

POLPETTINE DI CANNELLINI E SANTOREGGIA IN SALSA CON PATATE ALLO YOGURT E PREZZEMOLO

Polpettine di cannellini e santoreggia in salsa
per le polpettine:

150 gr di cannellini secchi
alloro
salvia
santoreggia
curcuma
pangrattato
semi di papavero

Mettere a mollo i fagioli per almeno 12 ore. Lessarli con acqua, alloro e salvia. Io l'ho fatto usando la cucina solare e in circa 40 minuti erano cotti.

Cucina solare: Cannellini

Una volta cotti, passarli con il passa-verdure a fori larghi, amalgamare il purè di fagioli,con qualche cucchiaio di pangrattato, la santoreggia e la curcuma. Formare della palline che si faranno rotolare o nel pangrattato o nei semi di papavero.
Ungere il piatto crisp del forno microonde e cuocere alla massima potenza per circa 15 minuti, rigirandole dopo metà tempo.

Nel frattempo preparare la salsa di pomodoro, io l'ho fatta rosolando una cipolla tritata in un po' di olio extravergine d'oliva e cuocendo poi la salsa, a cui avevo aggiunto un cucchiaino di dado homemade e un cucchiaino di zucchero, sulla cucina solare.

Cucina solare: Salsa di pomodoro

per l'insalata di patate:
5\6 patate
un ciuffo di prezzemolo
1 yogurt
sale
olio extravergine d'oliva

Lessare le patate con la loro buccia, quindi spellarle e tagliarle a tocchetti. Perché non si rompano è meglio farlo quando si sono raffreddate. Pulire il prezzemolo e tritarlo usando la mezza luna, amalgamarlo allo yogurt, aggiungendo un cucchiaio di olio extravergine, quindi condire le patate.

Ed ecco qui il perché secondo me questa ricetta permette di risparmiare energia e brutta vita alla terra:
1. Tutti gli ingredienti provengono da agricoltura biologica, tranne il latte dello yogurt, che ho acquistato sfuso nella fattoria del mio paese e che scelgo perché mi permette di evitare rifiuti inutili (uso sempre la stessa bottiglia di vetro per la ricarica) e perché è a km0.
2. I fagioli sono italiani e biologici, li acquisto online, tramite un piccolo gruppo di acquisto solidale insieme ad altri legumi, cereali e farine. Per questo tipo di prodotto al momento è la soluzione migliore che ho trovato, perché mi permette di limitare il kilometraggio per il trasporto di questi prodotti, possiamo acquistare grandi quantitativi e gli imballaggi sono tutti riciclabili, perché sono per lo più in carta. Spesso anche tra i prodotti biologici è difficile trovare cereali o legumi di origine italiana.

3. Tutti i vegetali sono acquistati da Luisa e Massimo: i contadini bio dove vado ogni settimana. Comprare da loro mi permette di acquistare prodotti certificati biologici, di risparmiare negli imballaggi, perché uso sempre la stessa cassetta che ogni volta rimpinzo e perché appena possibile , quando la stagione lo permette, posso acquistare prodotti di loro produzione, come ora le cipolle o i cavoli.
4. Tutte le erbe aromatiche sono del mio giardino, alloro e salvia raccolti per l'uso, mentre la santoreggia l'ho essiccata quest'estate e la conservo in barattolo di vetro
5. Il dado, il pangrattato, lo yogurt e la salsa di pomodoro sono autoprodotti e conservati in vasi riciclati. I pomodori provengono dall'orto del papà del galletto.
6. Curcuma, zucchero e semi di papavero provengono dalla bottega del commercio equosolidale del mio paese
7. Per i metodi di cottura ho scelto per lo più la cottura con la cucina solare, anche ora nonostante il freddo, se il sole splende è possibile usarla con ottimi risultati. Ho poi usato la cottura con il microonde, perché consuma meno del forno tradizionale, permettendomi una cottura golosa e leggera. Ovviamente si può scegliere di friggerle, ma a me non andava molto e poi in questo modo ho comunque utilizzato l'energia prodotto dai nostri pannelli fotovoltaici
8. Al posto di utilizzare elettrodomestici mi sono sforzata di fare tutto a mano, usando passaverdura, grattuggia e mezzaluna.

cucina solare

38 commenti:

  1. Più ecologico di così...questo piatto è un capolavoro!
    Brava Lo, ti ammiro, sai?!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. bene , ora mi sento proprio un disatro , che dire se non brava Lo? comunque protrei essere un'ottima consumatrice di queste polpettine:-)

    RispondiElimina
  3. ma che idea carina!quasi quasi ci provo anche io a preparare qualcosina!
    le tue polpette mi fanno impazzire!
    ho fatto polpette di fagioli anche io ma da ghiottona le ho anche fritte..:P

    RispondiElimina
  4. uffi, e io che volevo essere la prima...
    Bello e buono questo piattino, mi ispira un sacco. Qui niente cucina solare, ma tanto un c'è manco il sole oggi.
    Vada per il crisp!

    RispondiElimina
  5. ma che brava che sei! io l'unico modo che vedo per risparmiare energia è... non mangiare :)
    ma vedrò di studiare qualcosa, sei sempre d'ispirazione

    RispondiElimina
  6. Lo è un iniziativa molto interessante e spero di riuscire apartecipare,il tuo piatto è davvero strepitoso!!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  7. Che bel post solare!!!
    Non c'è che dire! Hai fatto due piatti, di cui uno un po' più elaborato, ma utilizzando al meglio le risorse disponibili.
    Propongo, per chi non abbia la cucina solare, di cuocere i fagioli in pentola a pressione.
    Ormai io la uso sempre per i legumi e ho scoperto di poter fare mille cose in brevissimo tempo e con più risparmio!
    Brava Lo, sei grande!

    RispondiElimina
  8. ottima la tua idea per questa cenra del risprmio!!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Aspetto anch'io il 12 e..devo escogitare qualcosa!
    Ottime queste polpettine, sei unica!
    bacione

    RispondiElimina
  10. Ora c'è più consapevolezza, hai ragione.

    RispondiElimina
  11. Brava LO!... e complimenti anche per il piatto!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  12. Bravissima! E poi mi intriga moltissimo questa cucina solare! Però nel mio terrazzo c'è sempre poco sole... Anche io sto pensando a qualcosa per questa occasione, ma non riuscirò ad essere brava come te!!!
    Le polpettine mi sembrano strepitose...

    RispondiElimina
  13. ogni tanto bisogna pensare anche al risparmio energetico!!! io sono senza forno da 10 giorni, più risparmio di così!!! buonissimo questo piatto!

    RispondiElimina
  14. bellissima iniziativa e bellissima ricetta..
    un bacio
    Giulia

    RispondiElimina
  15. bravissima la mia gallina!non sai come ti invidio il forno solare.....è che anche volendo non saprei dove metterlo..
    le polpettine mi ispirano un sacchissimo, manca la santoreggia ma vedo di procurarmela al + presto (prevedo un prossimo raid di piantine aromatiche)

    RispondiElimina
  16. Uhh Simo...grazie bacioni

    Caty perchè un disastro??? tu sei mervigliosa...bacio

    Luby ci devi provare!!!

    Cri qui il sole c'è stato 4 giorni giusto il tempo di fare queste cose...ora di nuovo grigio pantegana....tu sei la regina delle polpettine..a me vengono sempre un po' mosce....bacioooooo

    dai Lise che farai cose strepitose :)

    Dai Imma che bello se partecipiamo in tante :)

    Grazie Dandissima ...dai dai pensaci anche tu :)

    Manu, Silvia grazie

    Saretta pensa pensa pensa....

    Vero Stella?

    Grazie Mari ricambio il tuo abbraccio

    Stefania...mi sa ch einvece farai cose meravigliose...la cucina solare è davvero comoda e divertente...una volta che sai come fare viene naturalissimo :)
    un bacione

    No Miacela...il forno rotto...che stress...un abbraccio

    Grazie Giulia :)

    Giò tesorinaaaaaaa...e dove farai il raid di piantine aromatiche??...la santoreggia è davvero buona così mediterranea :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  17. fantastiche polpettine, e poi questa della cucina solare è un'idea che davvero mi interessa, mi sto documentando un pò!

    RispondiElimina
  18. Come sempre, in queste cose sei bravissima: se dovessi preparare un piatto a risparmio energetico, io preparerei una bella caprese e via, non mi sarebbe mai venuto in mente di non utilizzare apparecchi elettrici tipo il tritatutto etc... Giacché sei così esperta, puoi dirmi, se lo sai, se il microonde consuma meno anche dei fornetti piccoli, tipo lo Sfornatutto?

    RispondiElimina
  19. Mamma mia Lo, non sai quanto sono contenta! Davvero! Tutta questa meticolosità e ricerca incarnano in pieno lo spirito della mia raccolta. La cosa più importante è che non lo hai fatto solo per partecipare ad una delle tante iniziative, ma perchè realmente credi in questo tipo di consumo. Un bacio grande!

    RispondiElimina
  20. Il tuo blog mi porterà alla perdizione culinaria!!!!!
    Allora, io ho trovato questo link: http://knitaly.cristiana.googlepages.com/Cuore_ITALIANO.pdf
    Era questo tipo che intendevi? Fammi sapere se devo cercartene altri :) Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. Io dico che doppiati vanno benissimo, anzi, ad essere sincera stavo pensando di farne uno anch'io da imbottire per realizzare un ciondolo di San Valentino :)

    RispondiElimina
  22. Si rimane a bocca aperta a leggere quanto sei brava :)
    Senti bella ragazza, sto cercando informazioni sulla fioccatrice (quella per auto-produrre i fiocchi di cereali), non è che nella vostra eco-casa esiste qualcosa di simile?
    Attendo fiduciosa :)

    RispondiElimina
  23. Iana dai che bello...se hai domande chiedi pure!!! :)

    Onde devi guardare quando dichiarano le case di produzione per il consumo, ci sono diverse variabili tipo quale funzioni usi del micro, la capienza...ma considera che il micro non ha bisogno di preriscaldarsi e cucina più veloce...già questo è risparmio...mi sa che non è un grande aiuto...

    Dodò...grazie a te...io sono molto contenta di raccontare come si fa :)

    Tzugumi...grazie di cuore per tutto

    Alchemilla grazie :)

    Cielo...non sono brava ci sono arrivata piano piano..per le fioccatrici ci sono vari modelli...quelle con le macine in pietra e di legno...molto belle ma care...io ho preso un semplice mulino d'acciaio lo trovi qui
    lo uso da un po'...non è il massimo come mulino anche se macina abbastanza, come fioccatrice è perfetto ed economico...mi sembra avevo speso intorno ai 50 euro, mentre per la fioccatrice con macina di pietra si parte dagli 80...
    fammi sapere se trovi di meglio! un bacione

    RispondiElimina
  24. Siamo veramente a bocca aperta per la grande attenzione che poni nella tua spesa quotidiana... un po' ci proviamo anche noi ma non sempre riusciamo! Sei un esempio!
    bellissima ricetta!

    RispondiElimina
  25. Grazie Lo, sei preziosa :) però... da quello che ho capito i fiocchi che produrrei sarebbero fiocchi crudi. Non sono indigesti e soprattutto: sono buoni? :) Vedendo la tua machinetta magica mi è sorta l'idecisione: meglio mulino così così che fa ottimi fiocchi a 50 euro o meglio la fioccatrice che trovo qui a 112 euro con macina in pietra ma che non risulta macinare la farina? Non ci dormirò stanotte :))

    RispondiElimina
  26. Lo, tu si che ti illumini di meno! Devo leggere bene il regolamento di questa raccolta e il modo in cui sono state cucinate le pietanze già presentate per capire se ce la potrei fare anch'io. Mi piacerebbe consumare di meno in cucina, a prescindere dalla giornata del 12, ma ho difficoltà a capire da dove potrei iniziare. Bacio ;)

    RispondiElimina
  27. mi piace da morire stà cucina e le polpettine ottime, le nostre scuole hanno organizzato di andare tutti in centro anche la gente ora è attenta! meno male! baci Ely
    p.s. ti ho scritto una mail hai ricevuto????

    RispondiElimina
  28. Ma che bello!
    misà che queste polpettine e le patate le provo...si si....
    Ma la santoreggia proprio non saprei dove trovarla...;)
    La cucina solare è semplicemente fantastica, ne ho sentito parlare la prima volta due anni fa nel libro di marinella correggia La rivoluzione dei dettagli, ed è un'idea magnifica, specialmente in quelle zone del mondo in cui c'è penuria di tutto.....
    ciao

    RispondiElimina
  29. ma tu sei troppo avanti nelle energie alternative, non si può competere con te!!!

    Mi farò sfuggire anche l'occasione di fare un post, mannaggia al tempo che manca..unbacio!!

    RispondiElimina
  30. Una bella iniziativa!
    Nel mio piccolo cerco sempre di risparmiare...luce ,gas...forse non sempre riesco...ma ci provo!
    Spero di poter partecipare alla raccolta.
    Ottime le tue polpettine!
    ciao e buona domenica!

    RispondiElimina
  31. grazie per avermi detto dell'iniziativa, le tue polpettine sono fantastiche!!!

    RispondiElimina
  32. Fico, Uva...dai però piano piano si riesce vero? un abbraccio

    Cielo scusami non ho risposto subito...io ho mangiato i fiocchi fioccati così puri nello yogurt senza problemi...ovviamente non erano dosi enormi...ma se no puoi fare sempre il crunch muesli...oppure lasciarli in ammollo ...ma alla fine hai deciso? :) certo quella fioccatricce e mega...ma.....costa..sono troppo curiosa di vedere la tua scelta :)

    Dai Babi illumina meno...fai la ricetta :)

    Ely davvero??? le nostre scuole credo non sappiamo nemmeno dell'iniziativa.....

    Annarita...è davvero utile...a me piace molto...per le polpette puoi sostituire la santoreggia con un'erba dal sapore mediterraneo come origano o timo :)

    Nooooooooooooo Cibou fallo!!!

    Dai Nico più siamo e meglio è...
    grazie di tutto

    Il ramaiolo grazie :)

    Manu grazie a te smackssssssss

    RispondiElimina
  33. Mumble mumble mi devo impegnar pure io!

    RispondiElimina
  34. lòa cucina solare?!?!? ma sei un mito! ti aggiungo subito tra i preferiti!

    RispondiElimina
  35. ciao, volevo informare che abbiamo organizzato per il prossimo fine settimana (14/16 maggio) un corso sulla cottura dei cibi al sole, con autocostruzione di forno solare..
    chiunque fosse interessato può visionare la pagina:www.paea.it/it/percorsi_paea.php o scrivermi a per@paea.it (Elena)

    RispondiElimina
  36. grazie mille interessante ...se mi mandi due righe le pubblico!!!

    RispondiElimina