giovedì 21 gennaio 2010

Uno, nessuno e centomila


Io ho un po' di personalità dentro di me...alcune davvero non le tengo a bada, in certi periodi nessuna. Ad esempio se c'è una me che si alza cercando di pensare come organizzare meglio la giornata, sia a casa che in quei tre istanti di lavoro che affronto, c'è un'altra me che si mette a fare l'ansiosa perché non sa fare i progettini e gli vengono i pallini in testa. Poi c'è un'altra me, abbastanza oppositiva, che mentre una si organizza per fare la polvere o scrivere la relazione, lei tira fuori farine e semini e si inventa qualcosa in cucina. Ma non contenta, sempre nello stesso momento, c'è un ulteriore me che si avventa sui ferri da maglia e tenta di fare patti con se stessa, leggendo contemporaneamente un libro...
Una delle me più cocciute è quella che si ostina a non stirare, a non fare la lista delle spesa e a dimenticare l'orologio.
E queste sono le me che fanno, perché posso anche parlare di quelle che sono a trattare con sensazioni e sentimenti...

Ad esempio la me che alberga più costantemente è quella che vorrebbe dormire fino a MOLTO tardi, piantare fiori e prendere il sole, ma in questi giorni c'è una me davvero serpeggiante e nervosetta...fulmina spesso per ogni cosa che nell'universo non trova posto.
Poi c'è una me particolarmente sensibile che è in grado di farsi venire il magone se vede un gatto che fa il tenerone o se osserva da dietro come si muove un bambino, ma che se poi guarda certi adulti se li magnerebbe come pesciolini, sfilando tutta la lisca intera dalla bocca..così nel frattempo c'è quella che si diverte nel caos e, mentre sono distratta, salta sui miei capelli e ci fa le montagne russe....


L'uomo piglia a materia anche se stesso, e si costruisce, sissignori, come una casa. Voi credete di conoscervi se non vi costruite in qualche modo? E ch'io possa conoscervi se non vi costruisco a modo mio? E voi me, se non mi costruite a modo vostro? Possiamo conoscere soltanto quello a cui riusciamo a dar forma. Ma che conoscenza può essere? È forse questa forma la cosa stessa? Sì, tanto per me, quanto per voi; ma non così per me come per voi: tanto vero che io non mi riconosco nella forma che mi date voi, né voi in quella che vi do io; e la stessa cosa non è uguale per tutti e anche per ciascuno di noi può di continuo cangiare, e difatti cangia di continuo. Eppure, non c'è altra realtà fuori di questa, se non cioè nella forma momentanea che riusciamo a dare a noi stessi, agli altri, alle cose. La realtà che ho io per voi è nella forma che voi mi date; ma è realtà per voi e non per me; la realtà che voi avete per me è nella forma che io vi do; ma è realtà per me e non per voi; e per me stesso io non ho altra realtà se non nella forma che riesco a darmi. E come? Ma costruendomi, appunto.
Uno, nessuno e centomila, Luigi Pirandello

INSALATA DI RAPE ROSSE E ARANCE CON ORZO

6 dl di brodo vegetale
120gr di orzo perlato
1 arancia
3\4 rape rosse piccole
2 scalogni
1\2 cucchiaino di olio extra vergine d'oliva
zenzero
1\2 bicchiere di spremuta d'arancia
acqua
15 gr di noci
sale e pepe
2 cucchiaini di yogurt

Pulire le rape, tagliarle a tocchetti e cuocerle a vapore per 10 minuti. Nel frattempo lessare l'orzo nel brodo per il tempo indicato sulla confezione.
Sbucciare le arance e tagliarle a tocchetti. Tritare gli scalogni e rosolarli nell'olio, aggiungere le rape cotte, le arance e grattugiare sopra lo zenzero. Cuocere per circa 3 minuti.
Versare il succo d'arancia, un pochino di acqua e cuocere per altri 3 minuti. Tritare le noci e unirle alla verdura, condire con lo yogurt, aggiustare di sale e pepe. Servire con l'orzo tiepido.

Ecco una bella insalata scomposta, leggera e piacevole. Ha in se tutti gli elementi necessari per essere un piatto unico e non un contorno. Per essere più veloci si possono usare barbabietole già cotte. La ricetta è su un volantino distribuito dalla Coop Svizzera, prevedeva l'uso di nocciole tostate al posto delle noci. Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Gajina "In forma con gusto"


46 commenti:

  1. Grazie Lo per la tua partecipazione!
    Giulia

    RispondiElimina
  2. Uh...quante me ci sono!
    Troppe...alcune meticolose, ordinate e precise...qualcuna pasticciona e ritardataria, qualcuna svogliata e stanca...sembra un controsenso ma è così..è vero, siamo uno, nessuno e centomila!
    Sai che le rape rosse...non le ho mai assaggiate ma non è che a prima vista mi facciano impazzire...il tuo piattino però è gustoso e leggero, ottima idea light!

    RispondiElimina
  3. Come ti capisco...certe volte mi sembro una maniaca dell'ordine, certe altre mi giro dall'altra parte e faccio finta di non vedere la polvere che si accumula sui mobili, oppure ci sono dei giorni in cui giro, faccio, esco, e altri in cui vegeto sul divano, con un the in mano e un gatto in braccio, senza far niente...come conciliare tutto questo? Non lo so, mi sembra che ci si arrabbatti alla bell'e meglio per tirare avanti, mettendo pezze da tutte le parti...

    RispondiElimina
  4. Ti capisco perfettamente...spessissimo sono in continuo movimento e sanza mai fermarmi faccio mille cose contemporaneamente e mai contenta, altre dormirei tutto il giorno a casa al calduccio....boh!Proprio vero il titolo del tuo post!!!!Ottima idea la ricetta!!!!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  5. Quanto è difficile conoscerci...!!!
    Comunque, credo, sia importante mettersi in discussione.
    Un caro saluto augurandoto una radiosa giornata, Roberta.

    RispondiElimina
  6. ma và, di Lo ce n'è una e unica, che è un mosaico di tante tesserine scintillanti. C'è quella blu di cielo stellato in una notte in montagna, quella verde che sa di foglie e di bosco, quella arancio come una succosa arancia che come un sole illumina le bigie giornate invernali, le tesserine dorate che luccicano come preziosi gioielli.
    Ti sembrano tutte scomposte se guardi da vicino. Ma allontanati, chiudi un attimo gli occhi e poi aprili di nuovo. E guarda. Quella e la lo, vedi che bella che è?

    RispondiElimina
  7. Eh si, siamo della stessa idea..le personalità son tante...determinate dall'ambiente, dalle persone ed un pò dalla capacità di adattamento...
    particolarissima questa insalata! sia nei colori, sia nel gusto!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. la mia me di oggi ti ringrazia per i sorrisi, i cenni di assenso e la mia me fancazzista di oggi torna a leggere il tuo post per ritrovarsi ancora una volta.

    RispondiElimina
  9. Ma ciascuna di queste personalità, di preciso, quando non si manifesta in te, che fa, viene da me? No, perché, a parte quella del lavor a maglia, che mi snobba da 34 anni, mi sembra di averle tutte!

    RispondiElimina
  10. Pirandello l'ho studiato da adolescente, il mio papà aveva comprato le vhs con le sue rappresentazioni teatrali. Fa parte di un momento iperrealista della nostra storia, per cui chi meglio di lui può descrivere l'animo umano? Tuttavia non sono mai stata una sua appassionata. Scavando troppo nel nostro animo ne tiriamo fuori sempre la parte più strana e incomprensibile di noi e la visione di noi stessi si fa sempre più cupa.
    Invece è molto bello che ognuno di noi abbia mille sfaccettature e concordo pienamente con la Cri. Bisogna guardarci dal di fuori, a volte, altrimenti ci perdiamo nel labirinto di noi stessi! ;)

    RispondiElimina
  11. Pirandello!! Mi innamorai di lui l'ultimo anno del liceo, e da allora so quanti personaggi sono e in quanti gli altri mi vedono o si aspettano di vedermi. E quante delusioni mi sono data e ho dato. Pian piano sto imparando ad accettare tutte queste me. In fin dei conti l'insieme non mi dispiace!!! bacioni anche allo gnomo (che starà crescendo in fretta, vero?!!) Caty2

    RispondiElimina
  12. IO ne ho prncipalmente 2:una sognatrice e l'altra pratica.A pensarci bene c'è quella goliardica e quella riflessiva..insomma un poliedro anch'io!!!
    Buona questo piatto, colorato, vitaminico, nutriente e gustoso come piace a me!baci

    RispondiElimina
  13. Proprio vero quello che hai scritto! Alle volte mi sento sola,ma non è una solitudine fisicaa, quanto piuttosto la consapevolezza di "pensare più di chi mi sta intorno", "farmi più domande". Mi piace perdermi e ritrovarmi nei miei pensieri, nelle "me" che affollano le giornate, che litigano, si tengono il broncio e a volte fanno la pace.
    La cosa più sorprendente è quando qualcun'altro sembra acciuffare qualche "me", comprenderla, raffinarla, riportarla alla sua origine. Che poi, in tutto questo turbinio, in cosa ci riconosciamo davvero?

    Le rape rosse credo di averle mangiate una sola volta. Spero sempre di trovarle crude, ma finora niente!

    RispondiElimina
  14. io ho talmente tante personalità che alcune hanno addirittura un nome (Ingrid è la segretaria pasticciona che si scorda di tutto, Elisa è la donna superefficiente e di piglio deciso che però compare troppo poco...)
    bella la tua insalatina per la raccolta, vado subito a vedere le altre ricette

    RispondiElimina
  15. siamo donne giusto??un mondo di contradizioni e sempre a 1000, è il, nostro destino:-)!!!!gustosissimo questo piatto Lo ma tutto quello che prepari lo è!!!baci imma

    RispondiElimina
  16. Ihhhh, chissà che forma mi danno gli altri... spero non usino un tagliabiscotti! XD Io devo sempre scherzare :P Ecco adesso dovrei mettere al guinzaglio le mie me che mi distraggono dallo studio, quella che sta navigando e legge Galline: 2nd life e quella che ha infornato una torta di mele! :P
    Kiss ;)

    p.s. un'altra bella ricettina per la raccolta In forma con gusto, finalmente! Gaijina sarà felicissima! :)

    RispondiElimina
  17. :) allora non son la sola a combattere con le tante "me"!
    Bacioni e.. bella ricetta!

    RispondiElimina
  18. Alle mie 100 miciepalline piacciono moltissimo tutte le tue mille TE!
    ronronamenti sparsi!

    nasinasi

    RispondiElimina
  19. Looooooooooooooooooooooo grazie mille per la partecipazione!!!!! daidai dai che se continuate così riesco a tirarci fuori un bel menù per qualche settimana!!! l'ho già postata!!!

    RispondiElimina
  20. mi piace questo piatto leggero e saporito!!! :-)

    RispondiElimina
  21. che bella lettura che ci hai regalato oggi ;)

    RispondiElimina
  22. deliziosa e giusta per stare in linea, bella la tua riflessione, e ho pensato che anche in me esistono almeno 10 me.... che possiamo fare? baci cara amica mia!!!!! Ely

    RispondiElimina
  23. ecco, dopo aver letto tutta questa storia dei me...ho scoperto di averne un bel pò pure io...e mò come la mettiamo???

    Mi piaccioo molto le rape rosse e trovo la tua preparazione interessante...!!!

    ciao Morena

    RispondiElimina
  24. ma quanto zompetta 'sta gallinella fra tante cose che la calamitano è indaffaratissima a dar retta alla "me" di turno...ma sei ancora fortunata, pensa che io essendo dei gemelli ho tutti i "me " raddoppiati ;-))...e comunque, dopo aver letto il cervellotico Pira, i miei neuroni stanno facendo capriole a destra e a manca, ma non vogliono più saperne di mettersi in fila per due...meglio la rapa rossa all'arancia, mi aiuterà a riordinarli!!

    RispondiElimina
  25. Io vi adoro tutte e centomila ♥

    RispondiElimina
  26. Schizzo ma scherzi??? un abbraccio

    Simo davvero svariate e belle....le rape rosse sono le barbabietole cotte quelle ti piacciono? bacione

    Geillis...io faccio andare sempre la me che mi soddisfa di più in quel momento...un abbraccio

    Mari è così... grazie un bacione

    Roberta e ora felice serata...un abbraccio

    Cri che bello che hai scritto ora mi fai emozionare...un bacio grande

    Manu, Silvia grazie :)

    Enza che bella che sei...

    Ondina dici che è così...può darsi nèèè...fammi sapere se vuoi ti mando anche quella della maglia ;)

    Danda io sono felice delle tante me...e sono felice di riconoscere le mille parti degli altri...appunto a volte mi piace chiamarle....e prorpio perchè combacia così bene con me che invece io amo Pirandello...anche se per ora l'ho sempre più apprezzato leggendolo che guardandolo a teatro :)

    Caty...eh si esattamente così come mi ritrovo

    AHahha Saretta già 4!!!

    Dodò...mi sa che in questo turbinio...meglio trovare l'equilibrio indipendentemente da quante siamo :)

    Lise...che bello i nomi!!! mi fa troppo ridere..

    Grazie Giulia

    Imma dici...che è tipicamente donnesco? un baciotto

    Babi..uhhuhhh non parlarmi delle me che facevano un casino infernale quando studiavo....un bacione

    eh no Lu...siamo un po'!

    Miciapallina teneraaaaaaaaaa smuacks

    Gaijna ma grazie a te! :)

    Grazie Micaela :)

    Mirtillina grazie

    Ely ma ovviamente dobbiamo lasciare una possibilità a tutte un bacione cara amica

    Morena siamo donne piene di me ;)

    Marta.uhhh meno male che sono un leone...perchè la doppia personalità di ogni me sarebbe snervante...ahahha un bacione

    Minnie io adoro te! bacione

    RispondiElimina
  27. Lo, quanto mi è piaciuto il tuo pezzo sulle tue personalità!..
    Grazie per avermi scritto le parole di comforto, ne avevo bisogno...
    Un bacione

    RispondiElimina
  28. Sorella???? Siamesi siamo! (ma non gatte... o quantomeno non morte!) La me che prende più spesso il sopravvento però è quella iperdepressa, che pensa che tutti ce l'abbiano con lei, che non sa fare niente... questa però cerco di scacciarla via (mi rimane attaccata come l'ombra purtroppo) facendomi un costante lavaggio del cervello! Una me che proprio non ho (o molto raramente) è l'ordianata (quanto meno il visibile deve essere ordinato, ma guai ad aprire un casetto!)Per i panni da stirare io ho risolto: risparmio tempo e fatica non stirando asciugamani, lenzuola (le piego e poi do una passata) e tutto quello che non è visibile esternamente... per le camicie? Le faccio stirare ad una signora che mi aiuta... ma in fondo perché stirare se poi le cose, appena si usano, si sgualciscono????
    La ricetta mi garba un saccco perché è proprio light ma con gusto.... la mangerebbe anche una supergolosa come me!

    RispondiElimina
  29. Di solito leggo sempre il tuo blog e vado via, ma stavolta lascio un commento. Dall'inizio del post mi pareva che stessi parlando di me!!
    Piacere mi chiamo Annarita, e già nel mio nome doppio c'è tutto un programma...
    Ciao a presto! :)
    http://labottegadellalchimista.blogspot.com

    P.S. mi aveva conquistato "Zuppa di amaranto con vago ricordo di tortino e un sentore di polpette", ho riso veramente..)

    RispondiElimina
  30. ...facciamo così , io le abbraccio tutte ....:-)

    RispondiElimina
  31. Leggendoti mi è venuto da pensare che anche per me è lo stesso. Siamo multisfaccettate e multiabitate ed è questo il nostro bello. Conoscere noi stesse è un viaggio senza fine ed è costruzione continua.
    La tua insalata è una proposta alquanto insolita per noi, amiamo l'orzo e lo abbiamo abbinato a tanti ingredienti e l'abbiamo trovato sempre perfetto. Ci manca l'accoppiamento con le rape e la curiosità ci porterà sicuramente ad assaporarlo col nostro palato!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  32. Gioiaaaaabaci dalla Sicilia! ^_^
    pagnottella

    RispondiElimina
  33. OT

    Ciao. Mi presento: sono Andrea e mi sono appena iscritto ai tuoi lettori fissi. :)

    I miei blog sono Angolo Film e Ricette Blog, fammi sapere cosa ne pensi! ;)

    RispondiElimina
  34. Hai ragione..ha volte è difficile conoscerci!
    Un insalata originale ...mi piace molto le rape!
    un saluto a te e ...anche a Nina!
    ciaooo!

    RispondiElimina
  35. Devo dire che mi ritrovo nelle tue parole, e mi sono ritrovata nell'opera di Pirandelo, appena la conobbi..Sono una di quelle persone dalle mille sfaccettature, non sempre positive, non sempre che vorrei..in me prevale l'indecisa..forse!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  36. Quel genio pazzoide di Pirandello aveva ben capito che dentro noi si annidano talmente tanti io da fare paura!!! Ciao piccola gallinella selvaggia, tutto bene nel pollaio??? Buona anno, anche se in ritardo!!!!!!

    RispondiElimina
  37. sai che le rape credo di non averle mai magiate !! hiihih sembrano buone cosi però !

    RispondiElimina
  38. Rossa...non dire grazie...un bacione

    Sorellina...ahah ovviamente in quanto tua sorella dispersa...ho risolto come te per lo stirare mi rimane di convincere quello che resta a stirarsi da solo!

    Annarita scusami se non ho risposto subito...grazie per il commento e benvenuta nel pollaio passo subito da te :)

    Night...forse indecisa forse no...io ti abbraccio forte

    Lale che bello leggerti...tutto benissimo anche se mi manchi un baciotto

    Fairy...dai sono le barbabietole già cotte...e sono buone! un abbraccio

    Grazie Caty :)

    Sabrina è così come dici ...e questo viaggio è affascinante...un abbraccio ad entrambi :)

    Gaia che bellooooooo un bacione

    Piacere Andrea!

    Nico...grazie da parte di tutte e due! ;)

    RispondiElimina
  39. Uhm...e perchè mai seguirci in silenzio, soprattutto se le mie personalità potrebbero tenere occupate le tue???? :) Grazie per il tuo commento, sono davvero contenta :) La ricettina è proprio stuzzicante...quasi quasi....

    RispondiElimina
  40. arrivo in ritardo nel leggere il post, però è un bell'inizio di settimana! La me assonnata sta per prendere zaino e valigia e ricominciare un'altro lunedi..un bacio a tutte quante voi!

    RispondiElimina
  41. Tzugumi...eeheh ora ci siamo palesate grazie ancora

    Cibou..allora buona settimana alle tue mille te con un abbraccio

    RispondiElimina
  42. questa ricetta è davvero gustosa. così come tutto il tuo blog, per questo mi sono aggiunta tra i tuoi sostenitori! :-) spero tu possa poi passare anche da me. buona domenica da Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa il ritardo arrivo e grazie

      Elimina
  43. Ciao cara! vieni da me, finalmente è uscito il pdf dove puoi trovare la raccolta con anche le tue ricette!

    RispondiElimina