giovedì 14 gennaio 2010

Le dodice fatiche di Gnomacle

Ercole e l'Idra
Antonio Pollaiolo alias Antonio Benci (Firenze ca. 1431 - Roma 1498)
tavoletta facsimile circa 1460 - Uffizi – Firenze
(immagine presa da web)

La gnoma doveva fare una ricerca su una regione dell'Italia, ha scelto con sicumera il Lazio e poi....
"Mamma.....come si fa una ricerca sul Lazio?"
"Gnoma...ma non hai il tuo sfavillante pc nuovo...usalo per fare la ricerca....e segui l'indice che ti ha dato la maestra, poi googla Lazio e vedi..."
"...........uh mamma....ci sono 33.400.000 risultati....."
Dopo questo inizio poetico, siamo passate ad un veloce e snello archiviamento di dati e informazioni, con relativa stampa e quindi alla scelta di cosa scrivere...e qui la tragica tragedia.
Scrivere una ricerca del Lazio è stato come superare le dodici fatiche di Ercole:
  1. uccidere l'invulnerabile vuoto celebrale della gnoma di fronte al foglio bianco e portare la sua pelle come trofeo,
  2. uccidere l'immortale accidia dello studente medio,
  3. catturare il neurone fragile e spavaldo che c'era nella sua testolina,
  4. catturare l'incantevole e innafferabile voglia di provare, dalle stupende corna d'oro, ma dagli altrettanti zoccoli duri,
  5. disperdere gli sfarfallamenti del boschetto della sua fantasia,
  6. ripulire in un giorno le parole accumulate nei grandi magazzini del labirinto contorto,
  7. catturare il possente pensiero principale, che corre sfuggente sulle ridenti colline della dimenticanza,
  8. rubare i quaderni e le penne all'ingorda cartella, che ingurgita gli strumenti fondamentali dell'allievo modello,
  9. impossessarsi del concetto fondamentale, re di tutte le ricerche dell'universo,
  10. rubare concentrazione e attenzione ad un saggio pensante della montagna del pensiero,
  11. rubare l'ordine per le pagine ad un vecchio ragioniere attempato,
  12. portare viva la gnoma in classe con la sua ricerca di 10 pagine scritte, rubate agli inferi dell'oblio
Alla fine delle dodici fatiche della ricerca del Lazio, dopo questa esperienza, stanca, messa alla prova da tanta forza oppositiva, indebolita e fiacca, sfinita, sfibrata, stremata e pure prostrata, ho obbligato la gnoma, rea di avermi costretto a tale tormentosa impresa insieme al galletto, a cucinare un piatto tipico del Lazio!

BAVETTE CACIO E PEPE

500 gr di bavette
100 gr di pecorino stagionato
pepe
sale
olio extravergine d'oliva

Grattugiare il formaggio e nel frattempo lessare la pasta, scolandola un paio di minuti prima che finisca la coltura. Metterla in una padella, spargere il formaggio e completare la cottura, aggiungendo eventualmente un pochino d'acqua e mescolando. Una volta cotta cospargere di pepe e servire caldo.

So benissimo che la ricetta originale prevede gli spaghetti, ma dopo la faticosa battaglia che vi ho raccontato non potevo iniziarne una nuova per spiegare alla temeraria gnoma la fondamentale e filosofica differenza fra bavette e spaghetti, inoltre siccome lei odia il pepe, ha fatto la furba e ne ha messo poco......

46 commenti:

  1. E pensare che per ogni ricerca, mi recavo in biblioteca, e vai giù di libroni enormi :-)
    Le bavette me piacciono molto, te dico che quanno le faccio io,u me viene de magnà pure a pentola :-)))
    Baci

    RispondiElimina
  2. Mamma, quanto ci piace questa pasta! morbida e cremosa..ma gustosa!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Che impresa...immagino con tutte le voci che fornisce internet andare a selezionare le informazioni che interessano!!!La pasta è troppo buona!!!
    UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  4. Bella pasta,niente da dire...
    Magari "prostrata", non "prostata" :-)

    RispondiElimina
  5. mi sono scompisciata dalle risate!!!
    quanti ricordi sui libri!!!
    piatto perfetto per coronare un duro lavoro!

    RispondiElimina
  6. Gaia...uh ma non lo sai? non esistono più i libri...spariti1 W le bavette allora :) bacione

    Manu SIlvia avete proprio ragione

    Mari l'impresa era più legata al pensiero...mannaggia ;)

    Corrado grazieeeeee, corretto! ;)

    Luby eheh in effetti chi non ci è passato? un baciotto

    RispondiElimina
  7. Almeno adesso c'è internet... ai miei tempi le ricerche si facevano con libri prestati da cugini più grandi e dai figli (anche loro più grandi) degli amici dei genitori... e allora sì che, andando di casa in casa, ci si distraeva!!! Sì, questa ricetta andava fatta con gli spaghetti, ma io preferisco le linguine...

    RispondiElimina
  8. Mi sa che la tua Gnoma non ti coinvolgerà più in nessuna ricerca... più o meno come capita a me, con il mio di gnomo! Poi però non riesco a costringerlo a mangiare alcunché, però una pasta semplice come questa sono sicura che la mangerebbe volentieri!

    RispondiElimina
  9. Mi sa che la tua Gnoma non ti coinvolgerà più in nessuna ricerca... più o meno come capita a me, con il mio di gnomo! Poi però non riesco a costringerlo a mangiare alcunché, però una pasta semplice come questa sono sicura che la mangerebbe volentieri!

    RispondiElimina
  10. Io anche pensavo a qualche bel librone ... ma se non ce ne sono in tema, internet può andare!

    RispondiElimina
  11. sei unica!!!
    da sottolineare il neologismo, almeno per me, 'googla' ah ah ah!!!
    grazie dei tuoi commenti che mi danno forza!
    un abbracco forte
    dida

    RispondiElimina
  12. che spasso come hai descritto le fatiche di una gnoma alle prese col caos di una ricerca di scuola! Mi sembra di vederla, le dita sui tasti del pc, le pagine infinite che scorrono sullo schemo, ilc ercare di capirci qualcosa e di trasformarlo in essenziale e poi la richiesta finale... "mamma cosa scrivo?" perchè alla fine è sempre così. Ottima conclusione della giornata di studio con un piatto così la ricerca è perfetta!

    RispondiElimina
  13. Attendo con ansia la ricerca sul Piemonte con relativa bagna caoda consolatrice :))
    Belle che siete! smack

    RispondiElimina
  14. Lo, sto ancora ridendo...sembra la esattissima situazione che si verifica, guarda un pò...a casa mia!!!!!!!!!!!!!!!!
    Noi ora siamo alle prese con Stato, organi dello Stato, la costituzione, gli enti locali...la prossima settimana inizieranno le regioni e poi...zac! lo sento...che la Dodicesima fatica di Gnomacle sarà anche affar mio!!!
    In compenso con le ricerche di Storia abbiamo già abbondantemente dato...
    Ma dico, perchè prima di cominciare a fare un lavoro bisogna perdersi in almeno mille meandri...e poi casualmente non si trova mai la penna...o la gomma..o il foglio...mah
    Ottime le bavette, è uno dei miei piatti preferiti!!!
    Bacioni gnomeschi a tutto il pollaio

    RispondiElimina
  15. Tu sarai certamente distrutta ma.... a parte te ci hai fatto divertire tutti!!
    Da bambina amavo molto le ricerche, non tanto per raccogliere dati, costruire un percorso e possibilmente apprenderlo, quanto per la gioia di passare un po' di tempo alla macchina da scrivere, olivetti n° 22, in assoluto l'oggetto che più ha segnato la mia infanzia e la mia adolescenza.

    Un affettuoso abbraccio alle due sopravvissute!!


    Fabiana

    RispondiElimina
  16. ahahah, le dodici fatiche mi hanno fatto molto sorridere. mi sa che la gnoma è più brava in cucina che a fare le ricerche, meno male che ha una mamma come te!

    RispondiElimina
  17. E brava la Gnoma e bravi tutti!!!
    Alla fine siete riusciti nell'impresa... ma dico io... come si fa a fare una ricerca su un'intera regione??? Da dove si parte? E di che cosa si deve parlare? Mica un'impresa da poco! Ho visto redattori in preda al panico per scrivere una singola voce di un'enciclopedia! Povera Gnoma! 'Sti insegnanti di oggi proprio non si rendono conto... l'argomento poteva essere un po' più delimitato!
    Beh, in ogni caso vi siete consolati bene. E dire che cacio e pepe li avevo fatti pure io ieri, visto che ne avevo accennato sul blog mi era venuta voglia. Ovviamente da bravi ex-romani ce la siamo di-vo-ra-ta! Bene, bene... ora scappo che c'ho da fare una ricerca ;D

    RispondiElimina
  18. Per fortuna che Alfredo ha ancora 2 anni di asilo da fare prima di dovermi arrovellare insieme a lui nei famigerati compiti che mettono a dura prova anche un adulto per il metodo totalemnte diverso rispotto a quando andavamno noi a scuola...cmq da brava mamma ti sei dovuta imbattere in questa impresa:-)pero la ricompensa gustosa è stata degna di tanta fatica!!!adoro questo piatto pero fa parte di quella serie di piatti che sembrano facilissima da fare ma che se nn è fatto alla perfezione perde tutto il suo fascino ma il tuo è perfetto!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  19. ma sai che non ho mai provato la pasta cacio e pepe??? devo rimediare!!! un bacione a te e a nina!

    RispondiElimina
  20. Nooo, che ridere! La gnoma ai lavori forzati in cucina, eh eh! Come Pagnottella, anch'io ricordo gli anni passati a fare le ricerche in biblioteca e a consultare libroni con mia mamma sugli argomenti che mi interessavano. Alle elementari per fare una ricerca sul tapiro (ebbene si, il tapiro) avevo usato i libri di David Gnomo (a proposito di gnomi)! XD

    RispondiElimina
  21. Eh, eh, eh, e per fortuna che c'è internet! Io mi ricordo ancora "l'enciclopedia dei ragazzi"! Un bacione Lo, Cat

    RispondiElimina
  22. Mizzica che bel post!Come Onde ricordo anch'io i pomeriggi a scartabellare enciclopedie e volumoni vari..internet è davvero una figata!Bellissimo il coronamento della ricerca con una ricetta DOC!baciotti

    RispondiElimina
  23. Ondina..di casa in casa?? io avevo il conoscere e copiavo copiavo copiavo....

    Stefi ...e magariiiiiiii...invece credo che mi coinvolgerà ancora....e io non l'ho costretta a mangiare, ma a cucinare ;)

    Giulia....ma sai che non so nemmeno più come è fatta un'enciclopedia....vergognaaaaaaaaaaaaaa

    Dida grazie a te....bacissimo

    Laura in effetti è stato bello mangiarsi anch eun po' di lazio oltre ad averlo studiato....è diventato più simpi ;)

    Cielo grazie...eheheh no dai devo fare un'altra ricerca....paUUUUUUUra!!!

    Simo...eheh tra gnomi....e soprattutto non lo so perchè ci sono quei meandri uffinaaaaaaaaaaaaaa
    bacioni

    Fabiana...una mitica olivetti...che faceva tac tac ad ogni tasto...che meraviglia...la cosa buffa è che le maestre non vogliono che si sicriva al pc...quindi ricerca su internet scritta a mano ahhhhhhhhhhhhhhh

    Ma no dai Danda...non era così terribile...anceh perchè nessun gnomo pecca di maniacale...quindi ligi ligi hanno seguito la scaletta della maestra...e stop! :)
    Avevo letto che ti facevi cacio pepe anche te :)bacione

    Imma ti faccio una confessione: sai che attualmente il mio lavoro è far fare i compiti ai fanciulli uhhhh

    Miacela...e certo! Una sera che hai fretta ci provi ...edrai che soddisfazione :)

    Barbara...sul tapiro??????????? ahahah scusa mi mi fa troppo ridere....

    Cat l'enciclopedia dei ragazzi mi sfugge io avevo il conoscere e il libro delle ricerche quello che ritagliavi le fotine.... un baciotto

    Saretta grazie...anche a me è piacuito fargli fare il lazio oltre che scriverlo!

    RispondiElimina
  24. hahaha, meno male che non devo ancora superare tutte queste fatiche con i miei figli... non ti invidio ;)

    RispondiElimina
  25. tutta la mia solidarietà alla gnoma e alla sua mamma!
    Ricordo ancora che alle elementari mi dissero di fare una ricerca sull'animale che preferivo... anch'io come la gnoma chiesi aiuto alla mia mamma, qui a casa siamo un pò particolari e vogliamo letteralmente distinguerci dalla massa; così la cara signora mi consigliò di fare una ricerca sul topo... ovviamente non si parlava dei topolini bianchi da laboratorio, ma del TOPO tout court... chiamammo la nonna che era l'unica che aveva l'enciclopedia e ci facemmo aiutare anche da lei che però dettava le varie definizioni schifatissima in quanto prova un gran ribrezzo per questo animale.
    Le risate non furono normali e dopo lo shock iniziale la maestra mi diede anche un bel voto.

    Ciao cuginetta!

    RispondiElimina
  26. Che bella comodità internet eh!!!
    Anch'io ci davo dentro con i libroni per le mie ricerche... una vera allegria!!!
    Aaaahhhh... cacio e pepe.... che bontàààààà :D

    RispondiElimina
  27. ma sai...di questa pasta ne ho sentito sempre parlare ma non l'ho mai preparata e nemmeno mai mangiata....per un amante della pasta e dei formaggi come me...deve essere divina ma....ho sempre pensato ad un piatto troppo difficoltoso....complimenti a te che lo hai preparato:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  28. Anch'io, anch'io ho i libri delle mie ricerche...e il "conoscere"...
    pensa che li ho conservati, ancora per la mia gnoma e ogni tanto li usiamo!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  29. il mitico " sussidiario" aveva le cartine con disegnati i prodotti tipici e una signora nel costume locale , e devo dire che le figuree mi aiutavano a ricordare ...comunque ora che le ricerche devo farle coi colleghi ...si , si copia si copia da internet ...un abbraccio e buon appetito!

    RispondiElimina
  30. Avevo una enciclopedia tutta rovinata perchè già l'avevano usata i miei cinque, tra fratelli e sorelle, più grandi di me. Si chiamava "Conoscere"­­­ se non mi sbaglio, mi sembrava di fare ricerche vecchie...altro che google...comunque mi diverto un sacco con il mio gnometto a cercare notizie per approfondire le sue ricerche.
    Un caro saluto Lo, Roberta.

    RispondiElimina
  31. ciao Lo! Sempre avvincenti i tuoi racconti! :) che ricordi le ricerche a scuola! Ai miei tempi si andava in biblioteca e si appiccicavano le immagini ritagliate dai depliant delle vacanze e dalle riviste... mi ricordo ancora che io l'avevo fatta sul Trentino Alto Adige dove andavamo in vacanza quando ero piccola! Certe cose non cambiano mai! ciao, buon weekend! Silvia

    RispondiElimina
  32. Fiuuuuuuuu!!!Dopo tanta fatica un abbraccio fortissimo da parte mia:-)))

    RispondiElimina
  33. ahahahahahaha mi hai fatta scompisciare dalle risa! :)
    .. però, peccato che questi ragazzi non abbiano le enciclopedie, da spulciare.. a me piaceva moltissimo fare le ricerche!
    Un bacio a te ed alla gnoma, che è stata bravissima anche nel "renderti focaccia per pane ( della conoscenza)" :D:D:D

    RispondiElimina
  34. Je découvre ton blog.
    Je reviendrai.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  35. Oddio se penso che alle elementari, per fare una ricerca, dovevo recarmi a casa di mia zia (maestra) ed usufruire della sua enciclopedia sfogliando pagine e pagine... mi prende male.
    Oggi, anche a lavoro, qualsiasi cosa mi serva, basta un click...ma come si faceva prima?!
    W internet!! E w le bavette cacio e pepe! Ciao Lo:)

    RispondiElimina
  36. sicura che adesso l'insegnante di storia sia contenta di sorbirsi 10 pagine di ricerca?....così me la mandate in tilt ;-))) l'idea della pasta poi poteva rientrare a pieno titolo negli usi e costumi del luogo
    ....da mettere assolutamente in appendice alla ricerca !! baciuzzzzzz

    RispondiElimina
  37. Com'erano piacevoli i pomeriggi trascorsi con le amiche i biblioteca a sfogliare libroni e ridere e sfogliare libroni e chiacchierare e scrivere e spettegolare e ricopiare e sognare ... eh ... altri tempi ...
    eppure non mi sembravano cos tanti :o((
    Sigh!!!
    Ciao miao
    *Cinzia*

    RispondiElimina
  38. ...e sono tutti uguali questi gnomi!!! io a volte la osservo e mi chiedo:'ma di chi sarà figlia?'.
    comunque la tua è bravissima...davvero cucina da sola??

    RispondiElimina
  39. Certo che sono proprio sfortunati questi "gnomi" di oggi!
    Ai miei tempi si poteva approfittare delle innumerevoli ricerche appioppateci per passare ore e ore in biblioteca a sghignazzare e ciacolare con le amichette.
    Ora invece basta un click, ma vuoi mettere il piacere di un pomeriggio in compagnia!
    Ultimamente, per velocità di esecuzione, il cacio e pepe è uno dei miei condimenti preferiti ^_*
    Bacio.

    RispondiElimina
  40. Mi hai fatto ripensare alle ricerche sulla vecchia enciclopedia conoscere di mio padre e sulla + moderna treccani....adesso con internet tutte le conoscenze sono a portata di click ma in effetti bisogna saperle classificare per importanza ;-)) ...e dopo una tale faticata solo un piatto di pasta poteva rinfrancarvi!!! Baci

    RispondiElimina
  41. Iana...eheh dai magari non sarà sempre così!

    Gialla una ricerca sul topo?? Però interessante...anche se mi fa troppo ridere l'idea della nonna che legge schifata :) un bacione

    Betty però dopo aver letto tutti i commenti e riflettendoci ho pensato che usare i libri è forse meglio....

    Anna dai devi privarla...non è difficile..la gnoma ci è riuscita ed è stata bravissima! un bacione

    Simo...il conoscere con quella carta ruvida e quei disegnoni bellissimi :)

    Caty uhh se vedi i libri d'oggi fanno paura...mettiamo noi le immaigni e rfare capire quello che non spiegano... un abbraccio

    Grazie Blu!!!

    Roberta si si il conoscere è quello ch eusavo pur eio...che bello che era! :)

    Cara Silvia io invece essendo la terza sorella tagliuzzavo i loro libri vecchi...un bacione

    Grazie Cannelle!

    Infatti Lu ci pensavo...magari la prossima proviamo il metodo tradizionale ;) un bacione

    Saveurs benvenuta! :)

    Sweet click...e si trova tutto...è davvero pazzesco :) un bacione

    Marta mi sembra di aver capito che la maestra non si sia lamentata...non in pubblico per lo meno ;)

    Ciniza questi ricordi della biblioteca per me sono legati a quando ero più grandina...però era davvero piacevole un bacione

    Grazie Marcella

    Margherita...davvero....quest'anno fa alcuen cose da sola ed è brava :)

    Cuci...ma che bello arrivo!

    Minnie infatti dda questo punto di vista è un po' triste...un bacione grande

    Fico Uva...vero che si ripensa a come si faceva noi? un bacione grande

    RispondiElimina
  42. Mi hai fatto ripensare ai libricini che servivano per le ricerche: tipo figurine con le notizie storiche e geografiche ... bei tempi cartacei :-)

    RispondiElimina
  43. Ehm... si, un tapiro proprio, volevo essere originale! No no, la verità è che gli animaletti più carini erano già stati assegnati e a me è toccato quel coso lì :P

    RispondiElimina
  44. Two...quei libricini ce li ho in mente pure io ..quelli delel ricerche... :)
    un bacione

    Barbara...eheh equindi alla fine sei rimasta attapirata! bacione

    RispondiElimina