lunedì 18 gennaio 2010

ἐφηβεία....

Pierre-Auguste Renoir, Le Chapeau épinglé (Il cappello appuntato), 1894

All'improvviso non ero me, ma una forte effervescenza, esplodevo ed esplodeva la mia pelle. Cadevo in balia del desiderio di conoscere il mondo, di saperlo tutto e di una profonda vergogna. E volevo solo le cose da grandi, urlavo per quel che non potevo fare, per i limiti: miei e dati. Ero felice, ma mi sentivo in una gabbia che ho tentato in vari modi di evadere, per lo più riuscendoci. Ho fatto tutto molto presto e devo ringraziare il destino perché non ha voluto lasciarmi tracce incurabili, ma solo segni di formazione. Mi piaceva stare fuori, sempre fuori, o in camera, nella mia camera addobbata da me, scrigno segreto. Il legame familiare lo sentivo sempre più flebile, ma non essendo in grado di stare sola, ne ho fondati altri. Ho molto aiutato, non sapendolo assolutamente fare.

In alcun ore passate a riflettere sull'adolescenza, in un posto magico e con persone pulsanti abbiamo provato a riassumere i nostri ricordi. Vi consiglio di regalarvi quindici minuti, prima del sonno, in cui pensare a voi, quando eravate impegnati in questo periodo di trasformazione, vi stupirete delle immagini che verranno a trovarvi di notte.
Oppure fate come alcune di noi che si trovano in una domenica di gennaio per fare un foodblogger incontro e stare bene. Grazie a tutti per la splendida giornata.

STRUDEL DI SCAROLA


per la pasta strudel:
200 gr di farina 0
5 cucchiai di olio evo
sale
acqua

per il ripieno:
1 cespo di scarola
10 olive verdi
2 cucchiai di capperi sotto sale
2 cucchiai di uvetta
2 cucchiai di pinoli
aglio
olio extravergine d'oliva
semi di papavero

Impastare velocemente la farina, con l'olio, il sale e acqua quanto basta. Lasciare riposare la pasta per 15 minuti. Nel frattempo pulire la scarola. In una padella scaldare l'olio e rosolare l'aglio. Aggiungere le olive denocciolate, i capperi sciacquati dal sale, l'uvetta e i pinoli e cuocere per 5 minuti. Aggiungere la scarola lavata e cuocere per 15 minuti con il coperchio chiuso. Togliere il coperchio, alzare la fiamma e far asciugare le verdure.
Stendere la pasta in un rettangolo di sfoglia sottile, spennellala con un velo di olio, mettere la verdura e chiudere lo strudel piegando la pasta, fare alcuni tagli, spennellare con acqua e cospargere con semi di papavero

Per il ripieno di questo strudel ho preso spunto da quello proposto qui dal Cavoletto, il gusto è dato dal giusto equilibrio dell'amaro e del dolce, rendendo amabile il primo e stuzzicante il secondo.

Ehi io partecipo al Cucicucicoo Candy che Cucicucicoo ha organizzato per il suo blog compleanno. Vi invito ad andara trovare perchè è una bravissima produttrice di idee creative ed ecologiche perfette per tutti!

31 commenti:

  1. Che periodo...l'adolescenza! Sai che non ho ricordi precisi...solo vaghi flash...ma non è stato un bel periodo per me, lo ricordo male..forse per questo li ho rimossi.
    E fra poco sono pronta a ripassarci, anche se indirettamente!
    Bacioni...
    P.s: ottimo lo strudel...ma la scarola quaggiù...la mangio solo io!

    RispondiElimina
  2. Spettacolare Lo... dopo ieri sei già pronta a postare... sei troppo grande...

    RispondiElimina
  3. L'adolescenza é stata un periodo contraddittorio :-/ come sono un pò io..altie bassi..ricordo vittorie, ma anche dolore e solitudine..
    Lo strudel é fantastico!

    RispondiElimina
  4. Devo ammettere di essere sempre stata tranquilla...ma se mi avessi la possibilità di tornare indietro in quel periodo...la rifiuterei!!!!
    Favoloso lo strudel!
    UN ABBRACCIO e buona giornata!!!!

    RispondiElimina
  5. favolosooooooooooooooooooooooooooooooo, sabato lo provo!

    RispondiElimina
  6. Che buono e dal sapore agrodolce!
    un bacione

    RispondiElimina
  7. Veramente quanti ricordi di quel periodo e..com'ero diversa!Io ricordo spesso, forse è epr questo che faciod ei sognia ssurdi?Vabbè mi consolo con uan fattona di strudel..bacione!

    RispondiElimina
  8. L'adolescenza.. che periodo!! quante trasformazioni.. quante domande.. quanti dubbi avevo!!!! eheheheheeh.. Ottimo il tuo strudel salato.. salvo la ricetta!!!! baci buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  9. cara Lo , che dire ? quando stò li a pensare e tirando le somme quella che ero sono , cambia solo le rughe che ore ci sono e la schiena che s'incurva piano piano ; forse non lo sapevamo fare aiutare , ma l'abbiamo sempre fatto , da quando i miei ricordi sono dolorosamente presenti. e felice di questa tua domenica di incontro ,un abbraccio

    RispondiElimina
  10. L'adolescenza? caspita Lo, la mia è stata decisamente assai turbolenta, per svariati motivi...e ti assicuro che certi "exploit" mi ritornano in mente, pur essendo passati anni,anni,anni...

    RispondiElimina
  11. Se io dovessi ripensare alla mia adolescenza ricompresa nel perioda tra i 9 e i 19 anni mi sentirei davvero male.. appena ci provo cambio subito pensieri.
    E se ci dovessi ripensare prima di dormire farei solo incubi...
    Pur sapendo che se potessi tornare indietro rifarei le stesse cose perchè non c'era altra via d'uscita.

    RispondiElimina
  12. Ogni tanto mi capita di pensarci, a quel periodo, e sono successe talmente tante cose, e sono cambiata talmente tanto che è strano pensare che quella ragazzina ero proprio io. Sono ricordi dolcissimi ed è bello rispolverarli di tanto in tanto ^__^
    Un bacio

    RispondiElimina
  13. Eheh..pietra sopra?
    Lo strudel però pare fantastische! ;)

    RispondiElimina
  14. Simo...in effetti noi siamo ad un passo...vediamo già i segni vero? Per questo riflettere anche sulle cos epoco piacevoli può servire ad affrontare meglio...mentre passando allo strudel avevo seri dubbi che lo mangiasse la gnoma...ma il sapore mitigato dal dolce l'ha conquistata :) un bacio

    Vale..eheheh sono iperattiva??? noooooooooooo :)

    Fatina sei tornata come stai? un bacione grande

    Mari insomma era tutto dentro allora? :) un abbraccio

    Laura dai che bello...fammi sapere allora come viene :)

    Manu, Silvia...si si il sapore perfetto! un baciotto

    Saretta anche io la ricordo bene, ma non sembra capita sempre così...un abbraccio

    Claudia...eheh è un periodo molto quanto! un abbraccio

    Caty anche tu nelle mie tracce..ma non mi stupisco...ti abbraccio forte

    Sirio ma io credo che sia meraviglioso ricordarsene! felice serata

    Ines...però ora che non sei più lì ora credo puoi ripensarci un attimo...credo...un abbraccione

    Barbara..tante cose...tanti cambiamenti...pazzesco trasformarsi così...un abbraccio dolce

    Manu...eheh ok pietrissima ;) un bacione

    RispondiElimina
  15. mhmhmhm mi ispira anche come piatto da portarmi al lavoro !! ciao !

    RispondiElimina
  16. ma quanto è stato bello conoscerti????
    la sensazione generale della mia adolescenza è l'energia che avevo addosso come se avessi i sensi eletrizzati!
    baci, anche alla gnoma ovvviamente

    RispondiElimina
  17. Lo sai io dedico smepre la sera quando sono a letto quei minuti prima che il sonno prenda il sopravvento ai miei pensieri ai miei ricordi a quello che mi aspetta ed a quello che ho fatto...certo in compagnia di altre prsone è un espeienza ancora piu emozionante...questo strudell poi mi sa che lo sogno stanotte:-)buonissimo!!bacioni imma

    RispondiElimina
  18. L'adolescenza...mamma che periodo assurdo...prima vissuto da me e appena terminato con la mia Princess...ahhhhh!!!!
    Ps...lo strudel lo mangerei tutto intero...bravissima!!!
    ciaoooo

    RispondiElimina
  19. E' già l'adolescenza, che momento strano della vita di ogni persona.
    Complimenti per la favolosoa ricettuzza! Mi piace parecchio

    RispondiElimina
  20. Io forse l'ho quasi saltata...
    Sarà che ci ho messo un tot, sarà che quando ero "giusta" mi son trovata con una sorella di 15 anni di meno da badare... e vabbè la matta la fo ogni tanto ora ,-)

    Ma questa quando l'hai fatta, che io mercoledì scorso (giorno della pizza/focaccia/torta-salata in casa mia) facevo la pizza di scarola (pasta di pane e ripieno pressochè uguale solo con le olive nere)? Non è che abbiamo avuto lo sprizzo in telepatia?

    RispondiElimina
  21. ma sapessi quante volte ci penso io!!!! c'é mio figlio vicino ma io ci sono pure con lui :)

    RispondiElimina
  22. non hai idea degli sforzi di memoria che devo fare tornare indietro di più di trent'anni, ma cavolo sto diventando matusalemme! Qualcosa però di quel periodo, perchè no anche difficile che segna il passaggio dal mondo bambino al mondo adulto è rimasto dentro....mi gusto lo strudel ripensando alla mia adolescenza

    RispondiElimina
  23. lo strudel di scarola è sempre una delizia... io dell'adolescenza ho tanti bei ricordi anche se nel complesso è un periodo tremendo!

    RispondiElimina
  24. la mia adolescenza... periodo bellissimo, intensissimo dove ho costruito amicizie che resistono al tempo... auguro ai miei figli la serenità che ho avuto io... e passiamo alla ricetta, splendida ricetta mi piace anche la tua pasta essenziale :-) baci cara!!!! Ely

    RispondiElimina
  25. Ciao! Sono Dodò e sono capitata qui perchè cercavo detersivi ecologici! Mi piace questo spazio intimo, ma aperto! Se ne hai voglia potresti partecipare ad un'iniziativa che ho promosso. Vedo che sei particolarmente sensibile al tema. Se ti va, fai un giro sul mio blog!

    La pizza di scarole che faccio io è quella tipica campana, con ripieno molto simile al tuo strudel, ma con un involucro di pasta lievitata. Questa è una specie di versione veloce! Io la adoro!
    Un saluto goloso!

    RispondiElimina
  26. ma come scrivi cara Lo, sei capace di rapirmi in 5 secondi.

    Un abbraccio (e un po' di sana invidia per il vostro incontro!!!)

    RispondiElimina
  27. L'adolescenza è un periodo difficile per tutti, beati coloro che hanno un punto di riferimento ...o persone con le quali aprirsi...

    RispondiElimina
  28. Fairy...anche secondo me è comodo...un bacione

    Giò conoscerti è stato davvero bello...come sono felice..mi avete dato una carica...che ricorda la sensazione della tua adolescenza un abbraccio

    Imma che bella e dolce abitudine che fa bene all'anima :)
    ...a parte se sogno il mio strudel ;)

    Lady Cocca...io devo ritornarci con la mia gnoma..ma intanto li vedo e li osservo e ci penso...grazie mille!

    Elisa grazie di cuore ... :)

    Cri siiiiiiiiiiiii era telepatia...proprio quel giorno lì...e quindi fai l'adolescente allora??? bravissima
    un bacione

    Mari eh si ti capisco...davvero!

    Dai Gunther...matusalemme??? eheh esagerato...grazie

    Iana ..è faticoso vero..e poi con tutti quei super esperti che ci montano abbiamo più paura... :)

    Ely che bello ti abbraccio

    Dodò...vengo subito e ti ringrazio....grazie per la tua visita e le belle parole a presto :)

    Cibou...ma che complimento... mi emozioni un abbraccio

    Stella hai davvero ragione ...

    RispondiElimina
  29. Brava Lo mi hai rimesso in mente la scarola che è da un pò che non la faccio :-)
    poi dentro lo strudel...lo sai che ho un debole per gli strudellllll!! ehehhe
    un bacione
    Pippi

    RispondiElimina
  30. Lo, non puoi capire quanto ho bisogno in questo periodo di quei 15 minuti di cui parli. Spero servano davvero, nel mentre mangio un po' di questa scarola!

    RispondiElimina
  31. Pippina...infatti sono andata a vedere le pieghe del tuo strudel per fare quesot...ma non sono stata bravissima! un bacione

    Aiuolik...prenditili se puoi...un bacione

    RispondiElimina