lunedì 2 novembre 2009

Il tamari

Il tamari è un liquido bruno scuro che si ottiene dalla fermentazione dei semi di soia. Il procedimento per ottenerlo è lungo e laborioso: dopo la cottura dei semi di soia al vapore, questi vengono appallotolati e sparsi di fermenti, per innescare il processo di fermentazione. Dopo due giorni, le palle vengono fatte asciugare e poste in barili di cedro con acqua e sale per 18 mesi, durante il quale la mistura viene rimescolata più volte. Per ovviare al problema della conservazione si aggiunge del Mirin (vino dolce di riso fermentato9 oppure si utilizza zucchero e alcool. E' un condimento antico, gi à usato di monaci buddisti nel XII secolo che raccoglievano il liquido che si fermava in fondo ai fusti di fermentazione della per usarlo come condimento.
Oltre al Tamari esiste lo Shoyu, salsa ottenuto con lo stesso procedimento, ma dalla fermentazione di soia e frumento.
Il valore nutrizionale del tamari è legato al suo valore proteico (più elevato dello Shoyu), nella medicina tradizionale è impiegato in molti preparati utili per il cuore e la circolazione.
Si distingue dallo Shoyu per un sapore più deciso e marcato, ma ne condivide le stesse proprietà: basso contenuto di sodio, può essere usato come sostituto del sale. E' apprezzato come rinforzante e svolge un'azione benefica per la digestione.
Basta qualche goccia di tamari per dare sapore a verdure, minestre, zuppe, evitando di usare il dado o per arricchire il sapore di piatti freddi, insalate e paste.
E' considerato un buon integratore alimentare, ricco di proteine, enzimi vitamine ed oligoelementi.
tratto da un depliant informativo distribuito da Naturasì - Il supermercato della natura

TORTINO DI FAGIOLI ROSSI E FUNGHI



500 gr di fagioli rossi lessati
pane grattugiato
cipolla
aglio
olio extra vergine d'oliva
tamari
500 gr di funghi champignon
santoreggia

Pulire i funghi, affettarli e cuocerli in un tegame, aggiungendo un cucchiaio di tamari, prima di spegnere, spolverare con la santoreggia secca.
Frullare i fagioli con uno spicchio d'aglio e la cipolla, aggiungere alla purea i funghi e mescolare. Ungere una tortiera e cospargere con il pangrattato, versare il composto, spolverizzare con il pangrattato e cuocere in forno a 170° per circa 20 minuti, fino a doratura.

Mi scuso per questa foto, fatta di fretta e con le luci della cucina, ma nonostante la pessima immagine vi consiglio il tortino, che rappresenta un ottimo e gustoso secondo piatto proteico. Ho deciso di fare questa breve nota informativa sul tamari, dato che spesso mi chiedete che cos'è e come si usa. In questa proposta ad esempio sostituisce completamente il sale e rende particolarmente saporiti i funghi, valorizzandone i sapori.
Se decidete di provare il tamari o lo shoyu cercatene uno assolutamente di origine biologica:, poiché in questo modo sono garantiti la scelta di ingredienti genuini, il non utilizzo di additivi e il rispetto del lungo procedimento di produzione.

41 commenti:

  1. brava gallina, questo tortino mi ispira un sacco!
    Io uso sempre lo shoyu perché lo preferisco come sapore, lo trovo meno 'invadente'.
    Ti bacio! Buona settimana!

    RispondiElimina
  2. Non conosco il tamari, ma il tuo tortino mi ispira assai :)
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  3. ci diamo all'orientale ehhh...ce l'ho anch'io il tamari, ma ora so la differenza con lo...o il...mma, facciamo il shoyu mi piace di più ;-)) ciao Lolenza > _ <

    RispondiElimina
  4. quel cretino di blogger ha perso un occhio andando a caporiga > _ <

    RispondiElimina
  5. Grande gallinella!Ho iniziato ad usare il tamari con il corso di cucina macro...ho preso il vizio di far fermetare le verdurine ora!
    Il tuo tortino lo provo di sicuro, mi attira moltissimo!
    abcione

    RispondiElimina
  6. Molto interessanti queste informazioni sul tamari... se, poi, davvero, può evitare o ridurre l'uso del dado, che, per quanto biologico, senza grassi, senza glutammato etc, proprio sano non è...

    RispondiElimina
  7. Mai usato, ma lo vedo sempre al Naturasì e mi chiama... ora posso rispondere!

    RispondiElimina
  8. Gnamgnam..buonissimo questo tortino!

    RispondiElimina
  9. ottimo questo tortino davvero delizioso e sano!!!i tamari però nn li avevoo mai sentiti nominare:-(
    bacioni imma

    RispondiElimina
  10. Conosco il tamari...ho avuto un professore macrobiotico alle superiori che nelle ore di pausa ci parlava di queste cose...sono moolto interessanti!!!Grazie per avermele rinfrescate!!!
    Un abbraccio e buona settimana!!!!

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo il Tamari.... Ottimo il tuo tortino!! bacioni e buon inizio settimana!:-)))

    RispondiElimina
  12. non conoscevo il tamari, interessanti queste info!!! la tortina mi ispira tantissimo! un bacione.

    RispondiElimina
  13. Tamache???
    Confesso la mia ignoranza: non conoscevo il tamari ma, se mi capiterà l'occasione lo acchiapperò sicuramente!
    Questo tortino mi ispira parecchio :-P

    RispondiElimina
  14. Cri...in effetti lo shoyu è più leggero...ma io oramai mi sono affezionata ;)
    ieri ti ho pensato tanto!

    Cielo..il tortino è davvero buono, ovviamente si fa anche senza tamari!

    Marta hai ragione: ha mille nomi...eheh un baciozzo

    Saretta e come si fermentano le verdurine????? che curiosa :)

    Ondina...io spesso mi dimentico di comprare il dado e vado di tamari pure per la minestrina :)

    Stefania ahahah rispondi!

    Grazie fatina!

    Imma ma grazie... il tamari non è altro che la salsa di soia ...hai presente quell'ampolla che c'è nei ristoranti cinesi? ecco però sceglilo sano ;)

    ma Zuccherina...cosa dici!!!! un bacione

    Mari che bello un prof che oltre ad insegnare trasmette un po' di sè!

    Claudia grazie e felice settimana anche a te:)

    Micaela ...grazie bacio

    Lisa eheh tamachi???? tamari e tamarri! ;)
    un baciotto

    RispondiElimina
  15. ma quante cose si imparano qui!
    sulla biologicita' di alcuni ingredienti come salse e spezie sono perfettamente d'accordo visto che sono alimenti a forte rischio di contaminazione da concimi, eppure non sempre riesco: quella bustina di aneto che ho comprato venerdi compulsivamente, non voglio neanch epensare come e' stata prodotta :(

    RispondiElimina
  16. Quante cose sai, tutte interessantissime e buonissime! baci!

    RispondiElimina
  17. ma qui si impara ogni volta qualcosa di nuovo. corro al naturasì

    RispondiElimina
  18. non sono molto pratica di tamari, mirin e shoyu però sono sempre aperta a nuove scoperte! il tortino mi sembra delizioso, me lo segno!

    RispondiElimina
  19. Lo, un premio per te! Te lo meriti! Passa a ritirarlo da me!

    RispondiElimina
  20. Grazie cara Lo, non conoscevo il tamari, ora ne so qualcosina in più.
    Baciotti

    RispondiElimina
  21. Lo! nn sapevo tutte queste cose sul tamari, grazie! Interessante!! Qualche anno fa sarebbe stato la mia salvezza: io e la mia coinquilina avevamo comprato un libro di cucina vegetariana che conteneva degli ingredienti misteriosi, fra cui il tamari! Non avevamo la più pallida idea di cosa fosse, finché mio papà non me l'ha regalato per natale assieme a tanti altri ingredienti strani! ciao, a presto! buona settimana! S.

    RispondiElimina
  22. Cibou e che farai con quell'aneto :)

    Laura grazie :)

    Lise allora buona prova tamari!

    Giò...il tortino è davvero da provare! anche senza tamari!

    Stefania ma grazie tu mi vizi!

    Baciotto Simo!

    Silvia ma dai che regalo bello...un cesto di cose strane! bacissimo

    RispondiElimina
  23. utilissimo post,e per me,una gran scoperta!!
    bacioni lo ;)

    RispondiElimina
  24. Cuginetta, ogni tanto riesco a passare a farti visita, che tortino meraviglioso... adoro gli ingredienti principai e non avevo idea di cosa fosse il tamari ^_^,, prendo nota e metto in saccoccia!

    A presto
    Gialla

    RispondiElimina
  25. Se mi avessero chiesto cosa fosse il Tamari avrei anche potuto rispondere che non esiste. Meno male che ci sono i blog!!!

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  26. Ciao Lo non conoscevo il Tamari, ora sono curiosissima di trovarlo (sarà difficile) e di assaggiarlo (facilissimo). Grazie per aver votato le mie crostatine, a buon rendere ;))

    RispondiElimina
  27. Mi piace l'idea di un tortino con i fagioli... cincischio sempre rimandando il momento di mangiare legumi (che mi piacciono), perché sono laboriosi da preparare... e quando li cuocio li mangerei tutti subito!
    Magari potrei congelarlo porzionato...!

    RispondiElimina
  28. come dire , in questa casa l'unico che posso mettere ( ma a me non piace ) è il peperoncino ...ma intanto imparo dalle tue parole e il tortino è proprio una di quelle cose che piacciono a me!un abbraccio

    RispondiElimina
  29. grazie Mirtillina :)

    two stella smuacks

    Gialla cuginetta che bello quando passi qui...un baciotto

    Aiuolik..eheh meno male si!

    Sunflowers...allora buoni esperimenti e per il resto è stato un piacere :)

    Claud tesorina hai ragione i legumi sono davvero barbosi ma poi si fanno perdonar con il gusto...secondo me è perfetto da congelare....e poi ti dico che è proprio buono ti mando un abbraccio lo vuoi?

    Caty...ma tu non dire che c'è il tamari mantieni il segretoooo :)

    RispondiElimina
  30. il naturasi mi sta portando alla perdizione.
    ma una doanda, di che sa? a me i jap mi stanno leggermente antipatici...e nemmeno so perchè. :))

    RispondiElimina
  31. credo che sarà oggetto di uno dei miei prossimi post. la foto in blog sarà pure importante ma se non è interessante quel che si scrive diventa perfettamente inutile.
    perde di qualsiasi interesse.
    in questo caso la foto era assolutamente superflua rispetto a quel che hai scritto e alla ricetta.

    RispondiElimina
  32. wow questo tortino!!!
    buon mercoledì ^________^

    RispondiElimina
  33. Grazie per la visita Lo, e i bigne' prova a farli, fanno tanta soggezione ma sono facilissimi, promesso.
    Un bacione, Laura

    RispondiElimina
  34. Buonissimo il tamari, lo uso molto spesso per aromatizzare i cibi in modo da usare meno sale. Scrivo poco ma leggo sempre, un abbraccio a tutti voi!

    RispondiElimina
  35. Quando sento il termine tortino, mi sento male.
    A scuola ce lo propinavano senza odore e sapore...
    era immangiabile!

    RispondiElimina
  36. Enza,,eheh in effetti ci si perde tra quelle corsie...sa di ....diciamo che il sapore fa parte della famiglia dei dadi...io lo uso anche per la pastina....non è invasivo, ma è aromatico...se hai dei dubbi prova lo shoyou che è più leggero...ma poi hi presente quella salsina densa nell'ampolla con il tappo rosso al risto cinese? bhe è quella solo che quello non so come sia fatto..e grazie anche per la precisazione sulla foto! un abbraccio

    Grazie Pupottina smakcssssssssssss

    Laura si quasi quasi mi convinci...ti faccio sapere e grazie a te!

    Gio bello leggerti un bacione

    Stella mi spiace...ma giuro che non c'entra questo tortino!

    RispondiElimina
  37. Mamma mia, mai sentito parlare in tutta la mia vita di 'tamari', ma è una cosa estremamente interessante, come pure il tuo tortino. E, in riferimento al post precedente, sono anch'io dalla vostra anzi nostra parte, e sono pronta alla battaglia. Tanto per cominciare ho aderito al gruppo 'Antiplagio' su facebook. Per il resto se dobbiamo organizzare qualcosa, contate pure su di me.
    A presto
    Anna

    RispondiElimina
  38. bene Anna è solo un piacere sapere di essere così uniti! :)

    RispondiElimina