giovedì 22 ottobre 2009

COSE GNOMESCHE


La gnoma ormai si è legata a doppio filo con Nina, le ha insegnato a riportare la palla, le controlla il pelo tutte le sere, le parla e la tranquillizza. Nina dimentica, passo dopo passo, il suo ombroso passato, per entrare di corsa in un presente di monellerie e giochi. E così escono in giardino e ascolto la gnoma che dice: "Allora Nina, facciamo così, facciamo finta che quella è la riga e che la palla non deve uscire, io la tiro tu la prendi, va bene?"
Penso di si, anzi bau.


------------------------
Gnoma: "Ma se inventano l'elisir per vivere per sempre senza mai morire, lo prendi?"
Gallina: "No, penso che poi sarebbe noioso e terribile."
Gnomo: "......
.......
.......
bhe se lo inventano, te lo metto nel bicchiere e non ti dico niente."

------------------------
La gnoma mi dice: "In storia dovevo fare un disegno sugli etruschi, io ci ho messo un sacco per farne un pezzettino, ma dovrei aver già finito...solo che c'era la scritta in cicciotello e io il cicciotello non lo so fare. La maestra di religione scrive un cicciottello bellissimo e mi ha fatto tutto il quaderno in cicciottello, infatti è il quaderno che preferisco. A me il cicciottello non viene bene, è difficilissimo, ma è molto bello, ecco io vorrei più di ogni altra cosa scrivere in cicciottello perfetto."

------------------------
C'è una calzina che oramai da settimane vive sola, ho lavato tutto, fino al fondo della cesta dei panni nella speranza di ritrovare la sua compagna, ho cercato negli angolini dei cassetti, controllato millanta volte sotto il letto e tra le lenzuola, ma quella calzina sta sola. Quando, proprio stamattina, mentre rifaccio il letto della gnoma, trovo un bambolina di stoffa orrendissima, ma portatrice di amore perchè regalo della migliore amica gnoma, che dorme tranquilla in un piccolo saccapelo, ricavato dalla sorella gemella della calzina abbandonata. Ora quale battaglia è più importante: lasciamo dormire al caldo le bamboline o non abbandoniamo le nostre calzine?

------------------------
Accompagno la gnoma in palestra, mentre esco c'è un'altra coppia gallina\gnoma che torna a casa, sento la dolce signora che domanda cosa preparare per cena. Non sono così zabettona (si un po' si...), ma rallento per ascoltare, chissà magari mi risolvono in cucina.
L'altra gnoma risponde: "Un panino!"
La mamma ribatte: "Ma noooooo, qualcosa di più coccoloso!"
La piccola si illumina: "Ma andiamo al Mc.Dxxxx, così tu non ti stanchi"
La signora suadente sussurra: "Ma io pensavo ad una bella minestra calda e cremosa..."
La nanetta conclude: "..e no mamma, io stasera devo stare leggera!"

------------------------
Nel pollaio la convivenza continua tra alti e bassi.
Agamennone non vive più sull'armadio, quando Nina non c'è, scende e fa il ganassa tra sala e cucina, gli soffia attraverso il vetro e lei lo guarda dubbiosa. A volte stanno anche due stanze vicine, osservandosi a distanza, uno in gattesco, l'altra in cagnesco.
Nina non capisce perché lui non si fa prendere sul collo per poi essere sbattacchiato in ogni dove, come si fa con qualsiasi peluche morbido.
Agamennone è orrendevolmente disgustato dall'enormità e dalla malagrazia di questa cosa gigante a quattro zampe e pure un po' puzzosa e noi continuiamo a spargere diffusori di ferormoni, nella speranza che sia amore e pace per tutti.

RAVIOLI SEMPLICI CON RICOTTA ED ERBETTE


400 gr di semola rimacinata di grano duro
acqua quanto basta

erbette
ricotta di capra
pepe e sale

burro
salvia


Preparare la pasta, lavorando la semola e l'acqua, fino ad ottenere un impasto compatto ed elastico. Lasciare riposare per almeno un'ora sotto una ciotola.
Nel frattempo lavare e cuocere al vapore le erbette. tritarle finemente, aggiungendo la ricotta e aggiustando di sale e pepe.
Prendere le pasta e tirarla sottile con il mattarello. Per avere un risultato migliore una volta ottenuta la sfoglia, ne ho lasciata cader metà dal bordo del tavolo, tirando l'altra metà con il mattarello, in questo modo il peso della pasta che cade, permette un risultato migliore.
Tagliare con un taglia pasta tanti cerchi, mettere un cucchiaino di ripieno in ogni metà dei dischi di pasta, ripiegarli e sigillare con le dita.
Far bollire una pentola d'acqua, a cui aggiungere un filo d'olio e tuffare i ravioloni per alcuni minuti. Nel frattempo sciogliere un pochino di burro in una pentola antiaderente insieme a 3\4 foglie di salvia, mettere man mano che si scolano i ravioloni e ripassarli per qualche minuto.

So che è una ricetta banale, la base di tutte le ricette delle paste ripiene, ma volevo sperimentare qualche trucco. Ho potuto osservare che un lungo riposo della pasta permette di ottenere un'ottima sfoglia, ben lavorabile, anche se non si usano uova. Far cadere metà pasta dal tavolo, tirando l'altra metà mi ha permesso di ottenere una bella sfoglia omogenea e sottile solo con il mattarello.
Tutto questo, per una gallina come me, non è poi così scontato. Il resto è basato sui principi della semplicità e dell'essenziale: pochi sapori da esaltare.


51 commenti:

  1. Sei unica credemi, mi piace troppo passare da te per leggere i tuoi post!!!!
    Un abbraccio a te e a NIna ed Ago.!!!!!

    RispondiElimina
  2. Deve essere divertente vivere in un pollaio con un pò di bestie in giro e una gnoma che fa cose gnomesche. :))

    RispondiElimina
  3. io non ho mai fatto la pasta in casa e accolgo tutti i tuoi suggerimenti con piacere. non è così banale: il 90% di coloro che mangiano pasta fresca la comprano già fatta al supermercato
    che ridere il dialogo tra la gnoma e la gallina origliato per caso: vuol star leggera e andare da mcxxx? :)

    RispondiElimina
  4. Dolcissima la storia del calzino con dentro la bambola ma anche quella del ciccottello! AHAHAHAH! Anche io da bambina volevo scriverci alla fine ho imparato! Sono sicura che anche la tua gnoma diventerà un asso a farlo!
    Buoni i raviolini!!

    RispondiElimina
  5. Lo sono contenta che Nina si sia adattata bene e abbia cancellato il suo passato. Per quanto riguarda i calzini Perla ne ruba sempre uno quindi ne ho un sacco spaiati anch’io, se vuoi te ne do uno così riformi la coppia! non vorrai far morire di freddo la bambolina togliendole il sacco a pelo! che forte la gnoma :-)

    RispondiElimina
  6. p.s. stavo tralasciando la ricetta che ovviamente è ottima!!! :-)

    RispondiElimina
  7. Queste "cose gnomesche", mi ricordano qualcuno....eheheheheh...
    Non sapevo proprio della pasta senza uova...grazie delle dritte!!!!!
    Bacionissimi!!!

    RispondiElimina
  8. Bellissimi questi stralci di vita... :D
    Senti, dì alla gnoma che il "cicciottello" glielo insegno io la prossima volte che ci vediamo! Ihihih
    Ma tanto sono sicura che lei lo imparerà da sola... basta un po' di fantasia! ;)
    Spero che la tua gnoma non abbia quei finti scrupoli di coscienza che molti gnometti usano per ottenere quello che vogliono... però è colpa nostra se insegniamo loro che a noi grandi il McDxxx ci fa risparmiare tempo! Mah!
    A parte tutto, penso che questi feromoni stiano avendo più effetto su di voi che su Nina e Agamennone! ;D

    RispondiElimina
  9. che belle cose gnomesche. Ma hai guardato bene l'altra gallina con gnoma che voleva preparare la minestra? Mi sa tanto di deja-vu con la pepi!

    Ora vado su iutubbe e ti dedico un video per la gnoma e la sua bambola nel sacco a pelo...

    La Golosastra

    RispondiElimina
  10. Splendido post. Io voto per lasciare la bambola nel sacco a pelo.
    E bella preparazione, la semplicita' premia sempre :-)

    RispondiElimina
  11. ahahahaha ma mi fai troppo ridere.. Immagino il calzino.. ahahaahahah ed imamgino gatto-cane.. ahahaahahahaha No.. a aprte gli scherzi mi fa piacere che Nina si stia ambientando.. e che inizi a sentirsi amata :-)))) Complimenti per i ravioli!!! bacioni...

    RispondiElimina
  12. ah si si si...do proprio ragione alla gnoma...il cicciottello è anche la mia scrittura preferita!!!per quanto riguarda la calzina 'orfanella'...ehm...anche io ne ho una collezione...ma proprio perchè me le perdo io per strada eh eh eh...i ravioli mi sembrano buonissimi, devo provarci!
    un abbraccio 'gnomescco' a tutto il pollaio, Nina è stupenda...come tutti voi!!!
    dida

    RispondiElimina
  13. sono morto dal ridere delle cose gnomesche, i bimbi sono cosi un età magnifica, complimenti per la ricetta dei ravioli di erbette e ricotta

    RispondiElimina
  14. questi mi piacciono proprio, me li segno
    (p.s. posso fare un corso di cicciottello alla gnoma se desidera ;-) )

    RispondiElimina
  15. Lo, mi regali sempre un sorriso, stupenda tu e la gnoma!!!
    CHissene, i ravioli saranno semplici ma splurposi!Io non ho mai fatto la pasta in casa per mancanza di spazio.Sai che fo?M'arrangio e vado a comprarmi un mattarelo grande, mica come quello micro che ho...baciiiiiii

    RispondiElimina
  16. Nella semplicità delle piccole cose, dai racconti alla ricetta, c'è tutto un mondo di cose preziose... Siete belli. E il gnomo meriterebbe la ola... ;)

    RispondiElimina
  17. Mi piace tanto il tuo "zoo" domestico capitanato dalla tua gnometta simapaticissima! Belli i tuoi racconti e altrettanto la tua ricetta... ora devo solo trovare il modo di farli anche gluten free!

    RispondiElimina
  18. Io sono per tenere al caldo le bamboline^^ e che bella la scrittura in cicciottello; anch'io vorrei saperla fare!!!
    Sai che non faccio la pasta in casa da secoli???
    Però questi ravioli mi mettono una voglia ☺

    RispondiElimina
  19. Lo, ahahahahah la gnoma è uno spettacolo d'intelligenza, dolcezza, amore.. e del resto non poteva essere altrimenti, con una mamma come te e una figura maschile come Marco!
    I tuoi ravioli li avrei mangiati tutti, adoro i ripieni ricotta ed erbette!
    Un bacione
    Luisa

    RispondiElimina
  20. le piccole gnome sono la salvezza dalla nostra troppa sicurezza ;_) tanto calzine spaiate ne ho così tante ....un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Mari ..unica?..eheheh mi sa che qualcuno dice meglio così...grazie mille! e un abbraccio pelosetto!

    Eniko...bhe si dai il pollaio è accogliente e buffo..le cose gnomesche abbondano! :)

    Lise...uhh ma grazie....quel dialogo aveva fatto ridere molto anche me! :)

    Elisa...eheh stasera credo faremo un minicorso di cicciottello....che pure io adoravo....e la gnoma deve essere figlia d'arte ahah avevo dei diari altissimi...tutti in cicciottello! :)

    Micaela eheh pure io ho deciso che la bambolina non può aver freddo, magari do quello che avanza a Nina...lei si diverte a sfilarli direttamente dai piedi dello gnomo...un baciotto e grazie

    Simo...belle cose gnomesche vero??? un abbraccio

    Danda...ahahah se mi metto a miagolare mi sa che i ferormoni hanno copito me...la gnoma non usa questi trucchetti..sa che al solo provarci la cosa che vorrebbe tanto viene automaticamente eliminata per sempre....non mi piacciono i ricattini...poi lei al mcxxxx ci va con chi so io quando io esco! se el dico che le fai da maestra di cicciottello organizza subito un viaggio! :)

    Golosastra anonima......che mi combini?
    hai visto la pasta senza uova?

    Corrado grazie! la bambola è sempre nel saccapelo...quasi quasi le costruisco anche una tendina ;)

    Claudia oggi sono stata dal veterinario: Nina ha messo peso, non è più anemica e sta rinforzando la muscolatura! E più sicura...ehehe e ha anche lei il suo saccapelo per dormire!

    Dida...sei un tesoro...eheheh w il cicciottello anche se nella versione gnomesca è graziosamente kitsh...( se scrive così?) bacione

    Gunther..hai ragione i bimbi sono meravigliosi e grazie per i complimenti!

    Cri...eheh propongo alla gnoma anche la tua candidatura per il master in scrittura cicciottella...eheh i ravioloni sono semplici, ma perfetti se si fanno pasticciare puzzole e golosi! un bacione

    Saretta se ti organizzi fare la pasta da grande gioia ..ti senti un po' una creatrice...ehehe dai dai prendi il maximattarello :)

    Cielo ...la gnoma la olo tutti i giorni, grazie per le parole tenere! un abbraccio

    Stefania...glutenfree....io avevo assaggiato quelli di grano saraceno...ma non so se puoi usare solo quella farina...sono curiosa di vedere come risolvi! :)

    Minnie allora quando organizzo il corso di cicciottello ti chiamo...tranquilla la bambolina è sempre nel saccapelo....

    Elle sei troppo gentile...hai ragion eil ripieno ricotta ed erbe è semplice ma sempre buonissimo :)

    Caty allora probabilmente esisterà un paese delle calzine spaiate...dove possono vivere all'infinito! un bacione

    RispondiElimina
  22. Mi hai fatto ridere di cuore e mi ci voleva proprio dopo 'sta giornata cominciata maluccio. Cara gallina "highlander" (condannata a vivere per l'eternità, casomai inventassero l'elisir di lunga vita) i tuoi ravioli mi fanno parecchio gola: brava! Le erbette mi stuzzicano più che gli spinaci (io adoro qualsiasi preparazione "ricotta e spinaci"!) ed il fine settimana potrei pure tirare fuori la mia Imperia e cominciare a tirare la sfoglia. Un saluto a tutto il pollaio!

    RispondiElimina
  23. Ma quanto mi piace leggerti, mi diverto troppo, tipo la storia della calzina abbondonata, troppo forte!
    Che amore Nina, è dolcissima! Vedrai che prima o poi sarà amore e pace per tutti!
    Baci Elena

    RispondiElimina
  24. la tua casa è un bosco incantato;))
    buona serata, roberta

    RispondiElimina
  25. La tua Nina e dolcissima! ♥
    Complimenti per i ravioli!
    ciao!

    RispondiElimina
  26. Mi piace la ricetta e la mangerei in un sol boccone...ma vogliamo parlare di come sei brava a scrivere e a farmi immaginare di essere lì?? si si proprio da te a casa tua a Varese! Un bacio (da Firenze) Sara

    RispondiElimina
  27. Gustosissime le tue vignette...

    Che la gnoma si affezionasse a Nina, non avevo dubbi...ormai è una sua compagna di vita e di giochi.

    RispondiElimina
  28. Questa è l'abilità dei piccoli a relazionarsi tra di loro, ancora di più se il rapporto è bambino/a - cucciolo!
    Diventano coppia fissa, è normale.

    Lo saresti una cronista perfetta, non l'hai mai pensato?

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  29. Buonissimi qeusti ravioli!! un semplice condimento per esaltarne il sapore!!
    bacioni

    RispondiElimina
  30. la gnoma è magnifica!!mi piace un sacco leggere questi post gnomeschi, il calzino è di un tenero...
    i tortelli mi ricordano quelli che mangio in valle di Anterselva e quindi voto a favore

    RispondiElimina
  31. Che gioia e che tenerezza nel tuo pollaio! :) E bella la ricetta nella sua semplicità. A presto!

    RispondiElimina
  32. spariscono anche a me i calzini ....ma non fanno il sacco a pelo di alcuno..... spariscono proprio....credo che la lavatrice ogni tanto se ne mangi uno ;-))
    ho provato a dirlo, ma qui non mi credono ;-(

    ma in un pollaio è strano trovare la pasta senza l'uovo...non è stagione di uova??

    RispondiElimina
  33. Fantastico questo post!!!! L'ho letto e riletto!!! E deliziosi anche i ravioli! buon fine settimana Laura

    RispondiElimina
  34. dolcissima Nina e buonissimi i ravioli!!!

    RispondiElimina
  35. Belli questi momenti di vita gnomesca! I ravioli saranno anche semplici ma di sicuro sono buoni!

    RispondiElimina
  36. Ma che belli questi discorsi tra la gnoma e la gallina :) sei davvero mitica!

    La ricetta non è per niente banale!Sai quanti tipi di pasta si fanno senza le uova e a mano non è da tutti!

    Le orechiette e frescarelli (pasta con il riso)per esempio si fanno senza le uova e questi ravioloni sono ben fatti e con il condimento della salvia son proprio buoni perchè anch'io li faccio così!

    Le cose semplici sono le più buone ;-)

    Burro e salvia,una girata e via :-)

    Baci a tutto il pollaio e buona Domenica!

    RispondiElimina
  37. Lo, leggerti è sempre piacevole!
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  38. La gnoma é adorabile, tu sei adorabile..e io adoro i ravioli alle erbette. E ti mando un abbraccione!!!

    RispondiElimina
  39. troppo bello tutto ciò e tu sei di una simptia unica..buona domenica..!!!

    RispondiElimina
  40. Cuoca sentimentale..che bello sapere di averti fatto ridere...e se oggi hai usato l'imperia fammi sapere! :)

    Elena grazie :)..ti manda una leccata Nina e un ronfronf Agamennone!

    Marta grazie!

    Roberta...diciamo che è una pianura incantata ;)

    Nicoleta...grazie mille!!

    Stefania...in rtiardo corro a prenderlo:)

    Sara ma vieni a casa mia nel pollaio...mi frebbe paicere!!!

    Stella eh si una tenera compagna!!

    Sirio..in effetti è bello vedere la sintonia...cronista? lo sono del pollaio! grazie

    Manu, Silvia...si si avevo ddavvero voglia di questa semplicità!!!

    Gio davero mangi cose così..eheh la gnoma è gnomosa....anche se cresce rimane sempre gnoma! un baciotto

    Ilaria grazie milleeeeeeeeeeeeee!!

    Marta io ci credo che se le magna la lavatrice...a volte hanno dei caratterini...eheheh stagione di uova??? ahhah

    Laura ma grazie :)

    Vivere verde :) un bacione

    Aiuolik,,,si si qui sono davvero piaciuti...mangiati domenica e poi bissato al lunedì :)

    Carla eh si anch eperchè burro e salvia permete di gustare davvero il ripeino..ma sai che non conosco la pasta fatta con la farina di riso....un bacio grande

    Grazie Silvia

    Fatina...ma dai anche tu sei adorabile e i tuoi abbracci me li prendo tutti

    Patryval...grazie di cuore :)

    RispondiElimina
  41. Ciao, sul mio blog c'è un premio per te.
    http://cucina-vegetariana.blogspot.com/2009/10/un-altro-riconoscimento.html

    RispondiElimina
  42. è fantastico il tuo modo di raccontare le cose semplici della vita!!!!! I love it!

    RispondiElimina
  43. Grazie pomodorinaaaaaaaaaaaa ;)

    RispondiElimina
  44. Questo post mi ha commosso e fatto sorridere poi di nuovo commosso, così di seguito in una girandola di emozioni dolcissime.
    Grazie di averlo scritto!
    E per fortuna che ti ho incontrato.

    nasinasi

    RispondiElimina
  45. Micia pallian....grazie che tenera...prima di tutto...benvenuta nel pollaio e poi a prestissimo :)

    RispondiElimina
  46. Bau! Tutto bene, leggo... mi piace il tuo modo di tiracchiare la pasta!!

    RispondiElimina
  47. Claud bau e miao...si tutto bene e tu come stai? ti strabaciozzolo

    RispondiElimina
  48. dagli un forte abbraccio a nina..che occhi teneri che ha...deve essere un amore...

    RispondiElimina
  49. benvenuti e grazie...Nina ricambia con una leccata!

    RispondiElimina