giovedì 1 ottobre 2009

Ascoltando il bosco


Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo escude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s'annega il pensier mio:
E il naufragar m'è dolce in questo mare.
G. Leopardi

In un mattino di autunno un bambino camminava verso il bosco. Era molto presto, il sole stava sorgendo e non c'era nessuno.
Il bambino guardò le foglie mosse dal vento, i fiori appena sbocciati e la tana di un tasso. Si arrampicò su un albero e osservò il cielo azzurro e sereno. Sentì il cinguettio di un passerotto, l'urlo del vento che spostava le foglie e lo scorrere dell'acqua di un ruscello limpido e cristallino.
Il bambino accordò il suo respiro a quello del vento e si sentì felice.
La gnoma rossa.

GIRASOLI CON UVETTA E CIOCCOLATO


350 gr di farina 0
80 gr di fruttosio
3 uova
1 limone
1 bicchiere di latte di riso
1\2 bicchiere di olio di semi di girasole
16 gr di cremortartaro
1 pizzico di sale
50 gr di uvetta
100 gr di cioccolato fondente
50 gr di nocciole

Mettere in ammollo in acqua tiepida l'uvetta, tritare con il mixer il cioccolato e le nocciole.
Versare in un recipiente il fruttosio e le uova, sbattere a lungo fino a quando sono diventate chaire e cremose, aggiungere l'olio a filo e lavorare ancora un po'. Aggiungere la farina e il latte di riso a poco a poco, in modo che non si faccia fatica a mescolare, unire la buccia del limone grattugiata. Unire, sempre mescolando, il succo di limone, il sale e il lievito. Scolare l'uvetta, tamponarla con un panno e infarinarla leggermente. Incorporarla, insieme al cioccolato e alla nocciole, girando il composto. Porzionare l'impasto in alcuni stampi monodose, anche tipo muffins. Cuocere in forno già caldo a 180° per 20 minuti, facendo la prova stecchino.


L'idea è una variante liberamente tratta da questa torta, sono venute 15 tortine, ottime per la merenda di scuola...e tutto fatto per mano della gnoma con la planetaria! Una tortina regala sola soletta 220 kcal! Ovviamente tutto il post è della gnoma: il suo ristorante apre di rado, ma è sempre molto accogliente.

43 commenti:

  1. E brava Gnoma!!!...mi ispirano parecchio queste tortine a forma di girasole!! Un bacio. Sara

    RispondiElimina
  2. Che bel racconto!!!
    Direi che la Gnoma supera addirittura il poeta recanatese! :D
    Un pensiero così viene da un sentimento sincero e sensibile, in sintonia col mondo circostante!
    Vorrei anch'io intonare il mio respiro con la natura per sentirmi felice, ma dovrei fuggire in un bosco... forse il mare può aiutarmi allo stesso modo? Chissà cosa dice la Gnoma!?! ;)

    RispondiElimina
  3. ma la Gnometta è una poetessa nata!!! ;-)
    i tortini a forma di girasole.....sono deliziosi.....
    :-)
    un bacione a te e alla Gnoma !

    RispondiElimina
  4. QUESTO POST è meraviglioso, tutto gnomoso, un po' rosso e molto, molto gustoso.
    Le tortine sono una favola (altro che sta mela immangiabile che sto tentando di affrontare), la gnoma è fantastica e pure bellissima.
    DNA?

    RispondiElimina
  5. E bravissima la gnomaaaa!
    Copio copio copio ... purtroppo senza planetaria :((

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia sia la foto che le merende!"

    RispondiElimina
  7. Ciao! certo che ci ricordiamo questa poesia! quante volte l'abbiamo studiata al tempo delle scuole elementari!!
    anche noi abbiamo questi stampi: son davvero bellissimi e golosi!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. La Bicece!!!! un bacione cara Sara!

    Danda...eheh dai l'incanto delle parole dell'Infinito sono così magiche, ch eio e l agnoma l'abbiamo rieltta mille volta...ripetendole, sorridendo, rapite....però è stata davvero bravissima!
    ..e per il mare??? La gnoma poi dirà....ma il mare...io sono sempr ecosì presa dal mare...
    p.s. quello della foto è il tuo mare ;)

    Laura grazie mille un bacione

    Cri...no qui il dna è stato superato...baciotto

    Minnie copia copia copia ;)

    Elga grzie!

    Manu, Silvia...bella vero questa poesia...e mi sovvien l'eterno....che meraviglia!

    RispondiElimina
  9. Ma brava gnoma!!!! Io sto immaginando l'atmosfera!!!!!! buonissimi i tortini e son pure stupendi!!!!!Bacioni..

    RispondiElimina
  10. Mi sa che la gnoma ha un pò (tanto!)preso dalla sua mamma...scrive bene come lei!
    E cucina pure bene come lei....
    baci!

    RispondiElimina
  11. Bè direi che è degna del miglior Leopardi questo bello scritto della gnoma :D
    complimenti piccolina e complimentri a mamma per queste delizie, brava Lo!!!

    p.s. sei passata a vedere il post con tutte le ricetta della cena? ti aspetto, son tutte bellisisme ed è stata proprio una bella serata ;-)!

    bacibaci

    RispondiElimina
  12. .. è davvero stupefacente, la tua Gnoma.
    Del resto, dolce Lo, con una mamma come te il frutto non sarebbe potuto cadere troppo lontano dalla pianta;)
    Bellissimi anche i girasoli, e la foto della Gnoma al mare :D
    Un bacione a tutt'e due!:)

    RispondiElimina
  13. Daiii!! li fanno anche monoporzione gli stampi a girasole?? Io ho quello grosso ed è bellissimo...me li devo procurare anche io!!
    Belle merendine!
    Marty

    RispondiElimina
  14. Come profuma di fresco questa poesia della gnoma, sembra di sentire l'odore delle foglie.
    Cara Lo, mi sa che la gnoma ha ereditato da te il meraviglioso dono dell'esprimere con le parole.
    Un bacio grande!!

    RispondiElimina
  15. Brava gnoma rossa...tra poco superi la mamma che è già "grande"!
    Continua a scrivere.

    RispondiElimina
  16. Piccole Gnome crescono e ci fanno ricordare anche le poesie... e la poesia diu una tortina a soli 220 kcal.

    RispondiElimina
  17. ce l'ho anch'io lo stampino a girasole: è venuto il momento di tirarlo fuori!

    RispondiElimina
  18. Belle le tortine della gnoma! e bello il suo post, con quei suoi pensieri e i versi di Giacomo che mi piacciono sempre tanto... Bello! A presto
    Sabrine

    RispondiElimina
  19. chapeau per la gnoma rossa, per le tortine ma soprattutto per il racconto: delicato e emozionante :)

    RispondiElimina
  20. Della serie uno tira l'altro!! Bellina l'immagine che hai dato della Gnomina ... ^^

    RispondiElimina
  21. Una delizia! Ed un post molto originale. Brava Gnoma! La scelta del fruttosio è salutista o necessaria per far riuscire meglio il dolce?
    Ciao! Paola

    RispondiElimina
  22. Claudia...grazie!

    Simo..la gnoma ogni tanto regala piccoli tesori come ogni gnomo sa fare...immagino succede anche a te! ;)

    Grazie Betty ...ovviamente ho visto il bellissimo post!

    Martina ho visto degli ztampi piccoli davvero deliziosi! :)

    Ines ho pensato anche io a quel profumo...un bacio

    Grazie Stella..non vedo l'ora di far leggere tutto alla gnoma!

    Stefania :)

    Lise...libera lo stampino!

    Sabrine ...i versi dell'infinito come mi fanno volare...così come le parole della gnoma!

    Cibou :)

    Streghetta....hai ragione una tira l'altro...comode comode in questo formato!

    Paola...grazie! Sto provando a usare meno zucchero e usare sostituti più sani...con il fruttosio mi sono trovata bene, ma ovviamente si può usare tranquillamente dello zucchero!

    RispondiElimina
  23. Lo, tesoro!!!
    Mi son persa anch'io per strada, hai visto, dopo le vacanze è così difficile di riprendere i ritmi..
    Troppo belli quei stampini, sai?..
    Un bacione a te e alla tua favolosa gnoma!

    RispondiElimina
  24. Tale madre...tale gnoma!!!
    Ma che brava è?!
    Bellisimo e golosissimo questo post!
    baci

    RispondiElimina
  25. meraviglioso post, non trovo nulla da aggiungere se non che persone speciali regalano al mondo sempre creazioni che ci rendono felici di conoscerle .un abbraccio a voi e ai girasoli !

    RispondiElimina
  26. cara Lo questi dolcetti devono essere uno spettacolo!!! uvetta e cioccolato per me è un connubio perfetto! gli stampini sono carinissimi! un bacione.

    RispondiElimina
  27. ciao, grazie per i complimenti.
    Cara Danda anche col mare è uguale.
    Gnoma.

    RispondiElimina
  28. Grazie Gnometta!!! Se non ho il bosco mi consolerò col mare, allora e intonerò il mio respiro alle onde :D
    Bravissima e ancora complimenti! Hai una penna d'oro! ;)
    P.s. x Lo: grazie del pensiero! Me lo sentivo che in quel mare c'era qualcosa di familiare! ;)

    RispondiElimina
  29. ma allora scrivere bene è di famiglia!!! :) un salutone alla gnoma! Silvia
    PS: che belli anche questi girasolini! Altro che mulino bianco!

    RispondiElimina
  30. Ma dai, la gnoma sta seguendo alla grande le tue orme, Lo!

    Avverto in lei lo stesso rispetto per la natura: Alberi,passerotti,vento, ruscello...

    I miei complimenti, un caro saluto.

    RispondiElimina
  31. Che emozione!!!Bellissimo post...e buonissimi i girasoli!Un abbraccio

    RispondiElimina
  32. bellissimo questo post e complimenti alla gnometta, i girasoli sono stupendi un bacio

    RispondiElimina
  33. Si, hai ragione.........la mia gnoma ha appena fatto un tema sulla musica con certe parole...che mi hanno commosso un bel pò!

    RispondiElimina
  34. Ma sono bellissimi! Te ne rubo uno!

    RispondiElimina
  35. Rossa...meno male che ora siamo qui! un bacione!!!

    Saretta...eheh fallo dire a me....è bravissimaaaaaaaaaaa! ;)

    Caty un bacione

    Micaela erano davvero buonissimi! un baciotto

    Danda :)

    Silvia a noi il mulino ci fa un baffo :)

    Grazie Sirio...cerchiamo di rispettare la nsotra natura!

    Grazie Mari :)

    Lo sapevo Simo!!! :)

    Aiuolik...prendili!

    RispondiElimina
  36. una scrittice in erba e così ben dotata...sarà la consolazione della sua insegnante di italiano...una stretta di mano ufficiale con i cpmplimenti alla gnoma....e poi chi porta quel nome è senz'altro speciale....;-))) me la canto e me la suono ^_________^

    RispondiElimina
  37. Quante volte ho ripetuto questa poesia del Leopardi a scuola e tuttora me la vado a rileggere. Pensa quando sono andata a visitare la sua casa in quel di Recanati oltre alle stanze piene di libri, lettere e calamai ho ammirato molto il suo giardino e sporgendomi dalla siepe cercavo di guardare al di là dell'orizzonte e di capire i pensieri che potevano passargli per la mente immaginare tuttoquello che ha scritto :-)

    La gnoma è una bambina molto attenta alla natura ma d'altronde con una mamma come te non poteva essere altrimenti!

    Bellissimi i girasoli fai i complimenti alla chef!

    Baci

    RispondiElimina
  38. Grazie per essere passata a trovarmi.
    Spero di riprendere al più presto gli incontri
    un abbraccio buon week dal vs Sisifo

    RispondiElimina
  39. Ma quanto brava è la tua Gnoma????
    Deliziosi quei tortini di girasole! Buon fine settimana Laura

    RispondiElimina
  40. Cara Lo, posso pubblicare la tua poesia : Qualcosa che non c'è?

    RispondiElimina
  41. ummmm...buone le tortine e la poesia è davvero splendida... ^-^...ti ho nominata per l'honest scrap , un bacione!

    RispondiElimina
  42. (^_^) ciao Lo , che bella poesia ..il Leopardi era un mito hihihi!!!
    Ma anche tu non sei da meno, questi girasoli sono semplicemente fantastici bravissima ♥
    (^_^) un abbraccio baci baci ♥♫♪

    RispondiElimina
  43. un super ringraziamento da parte della gnoma felice, della gallina piumosa e della cagnolina spaurita!

    RispondiElimina