giovedì 17 settembre 2009

Dubbi qualunquisti


Mi chiedo cosa ci sia nella testa di una donna, che non riesce a scrivere decentemente per mesi, perché si trova di fronte ad una scrivania e sopra ad una sedia, mentre invece si libera e si lascia andare, danzando sulla tastiera non appena si trova tra le mani un portatile. Probabilmente questo dice parecchio di come sono io in rapporto con lo scrivere, qualcosa che deve riguardare molto il mio mondo intimo e anche forse il modo in cui vorrei affrontare il mondo. In fin dei conti so che regole e imposizioni mi stanno strette, che obblighi dati e non capiti mi soffocano. Credo nelle regole, ma quelle mobili e funzionali, quelle che servono e che hanno il pregio di essere cambiate, quelle che migliorano. Faccio un lavoro dove la regola è spesso la chiave di volta della relazione. Una delle caratteristiche che mi contraddistinguono è anche la severità con cui sto alla regola. Non sono una che quando l'accetta cede ad eccezioni o le ignora. Non mi sento rigida, anzi mi sento coerente e questo mi piace. Sono una persona che fa quello che dice. Ma la regola deve avere un senso. A volte mi domando se nell'intensità della giornata, del qui e dell'ora, sono in grado di cogliere quando una regola deve essere cambiato perché fa bene ad altri o quanto in realtà mi irrigidisco. In ogni caso tornando al principio di questo giro di pensieri quello che mi stranisce è come una posizione, un atteggiamento basti a riportare un mondo di significati e, per lo più inconsciamente, reagirvi.

POMODORINI GRATINATI


500 gr pomodorini
150 gr pangrattato
10 capperi dissalati
5 olive verdi
3 acciughe
1 cipolla rossa piccola
2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva

Lavare e tagliare a metà i pomodorini, metterli in una scolapasta per eliminare l 'acqua di vegetazione. Scaldare un cucchiaio di olio extra vergine d'oliva in una pentola antiaderente, unire il pangrattato e tostare, mescolando per due minuti. Mettere il pane in una ciotola. Dissalare i capperi, togliere il nocciolo alle olive, affettare sottilmente la cipolla e tritare finemente insieme alle acciughe. Scaldare l'altro cucchiaio di olio, unire il trito e cuocere per alcuni minuti, fino a quando non si sente il profumo. Mischiare al pangrattato e farcire con il composto i pomodorini. Mettere in una teglia da forno e infornare per 15 minuti a 180°.

E' venuta a trovarmi una cara amica e volevo prepararle qualcosa di speciale e leggero, nello stesso tempo avevo il bisogno di preparare in anticipo per servire dopo aver scaldato velocemente. La ricetta è nell'archivio dei Finger Food nel bellissimo blog del Pranzo di Babette.

35 commenti:

  1. ciao Lo, in questo periodo non ho avuto tempo e modo di occuparmi del blog e di leggere quelli degli altri, ma oggi il primo che guardo è il tuo e sono contenta di averlo scelto per primo, davvero bellissimi i tuoi ultimi due post. A presto, Silvia

    RispondiElimina
  2. Buongiorno!...a chi lo dici,anche a me le regole vanno strette!Però se mi vengono imposte le rispetto, sono tendenzialmente una persona coerente, coerente nel senso che se dico una cosa è perchè la faccio!Proprio come te!!!!Non mi tiro indietro.

    Buoni i pomodori gratinati!Mi piacerebbe tanto provare a farli!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Il rispetto delle regole è fondamentale per la vita relazionale!

    RispondiElimina
  4. Noi siamo invece persone ch etendono a darsi delle regole: ci è più facile organizzarsi e portare a termine le cose!
    buonissimi questi pomodorini: saporiti e gustosi!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Ecco, appunto... che giorni di insofferenza, questi, tornando a star seduti otto ore e più alla scrivania!
    Per fortuna il lavoro da casa mi permette ogni tanto di alzarmi senza disturbare o destare scontentezza in qualcuno... in questo mi sento fortunata. Se in genere nei posti dove ci sono delle regole ci fosse un poco più di elasticità e la gente si comportasse in maniera più onesta e coerente, forse la vita scorrerebbe con molta più leggerezza e saremmo tutti più sorridenti. Peccato che non è sempre così!
    Grazie per lo spunto di riflessione! E grazie per la gustosa ricettina che però se dovessi applicarla ai miei pomodorini dovrei fare un corso per miniaturista prima! :D

    RispondiElimina
  6. Se questo e' qualunquismo, allora mi piace. Buoni anche i pomodorini :-)

    RispondiElimina
  7. AMO le regole e ADORO trasgredirle.
    Sono fatte apposta, no?

    Arrivo da te a prendere il caffé?
    Bacio, lungo tutta la giornata!

    RispondiElimina
  8. Io mi impongo spessissimo della regole...sono forse troppo legata ad esse, a volte dovrei lasciarmi un pò più andare...lo so, ma che ci vuoi fare...sono fatta così.....
    Quei pomodorini li adoro.
    Adoro gli spaghetti o i bucatini conditi così..........
    baciusssss

    RispondiElimina
  9. che meraviglia! ne ho gisto un bel pò dall'orto ricetta gustosissima!!! e per la scrivania io invece non ho un buon rapporto con il portatile preferisco una bella scrivania e il mouse :-)
    baci Ely

    RispondiElimina
  10. ehm... in genere rispetto le regole perchè credo sia giusto farlo... a volte però se mi posso concedere di trasgredirle, lo faccio volentieri! Trasgredire mi da un senso di libertà :P E' vero che le regole devono esserci se si vuole vivere in armonia con tutti (e anche con se stessi), ma è anche vero, come dici tu, che le regole devono essere adattate alle necessità, al momento, devono essere elastiche, non vanno mica sempre bene. Bisognerebbe capire qual'è il vero senso della regola e modificarla di volta in volta in base alle necessità di tutti senza stravolgerla completamente, mantenendone sempre il senso. Vabbè, ora non si capisce più niente, sto facendo un casino :P
    Baci Lo!

    RispondiElimina
  11. ecco appunto...le regole... io me le do, ma poi... le trasgredisco...sono coerente in amore, nel lavoro, nell'amicizia...ma non in tutto...
    pazienza ;)

    riguardola ricetta, ottima e leggera..
    bacio

    RispondiElimina
  12. Pensa che io delle regole sono schiava: mi danno sicurezza, mi dicono che c'è qualcuno che ha già pensato per me cosa è giusto fare, qualcuno più saggio e assennato, che sottrae dalle mie mani fragili e incerte decisioni che sicuramente io sbaglierei a prendere...

    RispondiElimina
  13. Regole... se ci sono le rispetto questo non vuol dire però che le condivido, anzi spesso e volentieri, le vorrei cambiare... personalmente me le impongo ma vorrei esserne meno schiava...
    Bell'aspetto questi pomodorini!!!
    L'unico aspetto positivo della fine dell'estate è che si può riaccendere il forno e gratinare il più possibile ^__^

    RispondiElimina
  14. Regole e disciplima sono indispensabili..certe però sono assurde(in determinati ambiti)
    vabbè, acchiappo qualche pomooro va'...
    baciiiiiiiiii

    RispondiElimina
  15. Ciao Lo, è sempre piacevole leggerti : da ogni tuo scritto tanta riflessione !!!
    Deliziosi i pomodorini gratinati.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  16. Io sono troppo attaccata alle mie regole.. sto cercando di lasciarmi andare un pò di più! ottimi i tuoi pomodori gratinati! bacioni..

    RispondiElimina
  17. Wau, oggi ti leggo e abbiamo in comune tanti interrogativi e un bel punto interrogativo immortalato di tutto punto.
    E poi, incredibile, la prima frase in particolare è esattamente ciò che dicevo/scrivevo stanotte/mattina :)
    Che coincidenza..ci interrogavamo più o meno sulle stesse cose ^_^
    Le regole, le regole...difficile, non riesco sempre ad accettarle...
    Mi piglio un pomodorino :)
    Buona giornata, sperando di trovare entrambe le risposte che cerchiamo :)

    RispondiElimina
  18. Mi ritrovo molto nei tuoi pensieri e nelle tue riflessioni sulle regole... Ciao Lo, a presto

    RispondiElimina
  19. Silvia...grazie...sai che apprezzo sempre la tua compagnia! :)

    Mari io le rispetto se le capisco, ho un limite personale per cui a volte non riesco a capirle solo perchè sono imposte..e poi l'altro lato della medaglia..io le impongo o le so far capire?
    p.s. prova i pomodorini sono buonissimi

    Stella certo che si!

    Manu Silvia effettivamente hanno anche questa funzione...dovrei ricordarmene quando sono inconcludente ;)

    Danda...mannaggia è un bell'impegno....lavorare alla scrivania..pensa che nel mio destino era previsto un lavoro in banca...poi io l'ho cambiato il destino..sono d'accordo con te..sulla responsabilità di tutti per far andare meglio le cose....ehh però potresti stupirci con dei micro pomodorini incastonati ;)

    Corrado grazie :)

    Cri corri che il caffè fredda...e trasgrediamo dai!

    Simo effettivamente le regole indicano la strada danno sicurezza...ognuno deve fare come si sente...basta che qualsiasi sia la scelta non stia poi troppo stretta...un abbraccio

    Ely sei come il galletto...io no...più stravaccata meglio è...provali!

    Babi invece era tutto chiarissimo e improtante...insomma le regole devono essere pensate...non lasciate così! un bacio

    Bhe Picci...non è che si può avere tutto ...anche perchè è bello anche così! Benvenuta nel pollaio

    Onde ma se ti fanno tanto bene non credo tu ne sia schiava...io di mio sono un po' critica sul fatto che qualcuno pensi meglio di me...marò che befana sono!

    Minnie ecco io a volte faccio una fatica...le trovo assurde...quando basta un poco di elasticità e tutto può essere gestito...un bacione

    Saretta prendi i pomodori e scappa! :)

    Virgi...ti ringrazio...io metto qui le mie riflessioni...come una sorta di traccia..un po' esibizionist ain effetti! ;)

    Claudia devi fare quello che senti...e provare...un bacione

    Daphne...allora buona ricerca ad entrambe...con questa testa di donna che scarabocchia in giro... mi ha colpito pare che vivi anche tu questa fase...a presto

    Vera carissima...come stai? ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  20. ...mi è piaciuta molto la risposta -prendi i pomodori e scappa- ; chissà come sono , si a volte mi dicono testarda , io dico - se volete fregare il sitema dovete rispettare le regole -perchè anche se sembra contradittorio , in realtà sono proprio quelli che fanno le regole che poi per primi le trovano strette-----ma ti abbraccio!!!

    RispondiElimina
  21. io distinguerei in regole che sono basilari e dovrebbero essere di tutti permanenetemente... da quelle che invece plasmiamo a seconda della persona e del luogo e che possono essere temporanee o semplicemente cambiate in funzione della situazione.. la regola del pomodorino gratinato mi piace ;-)))

    RispondiElimina
  22. (^_^) ciao Lo, capisco bene quel che vuoi dire , io dal canto mio odio le imposizioni e le regole ferree ,forse perchè sono cresciuta tra le suore non so cmq nel lavoro cerco sempre di seguire le regole come si dice poche ma buone (-_^)

    e per cambiare discorso ..... i pomadorini fatti così sono proprio una delizia (-_^)
    un abbraccio baci baci ♫♫♫♪♪

    RispondiElimina
  23. Non mi piacciono le imposizioni, ma se non avessi delle regole da rispettare sarei "fritta".....ciao cara lo, roberta.

    RispondiElimina
  24. Caty sai che hai ragione...ma se accendiamo l'opportunità prendi i pomodori e scappa? bacione

    Marta è così...quelle fatte per difendere le paure del singolo però che fastidio, no?

    May hai ragione ...poche e buone un bacione

    Gturs...allora sono regole funzionali! un bacione

    RispondiElimina
  25. Lo, le regole ci vogliono eccome, se no qualunque "mestiere" ( il tuo probabilmente di più) diventa anarchia.
    Cambiare,migliorare? certamente, ma alla necessità!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  26. Mi rivedo molto in questi tuoi pensieri, la regola deve avere un senso, deve essere mobile, funzionale, deve potere essere cambiata. Sono d'accordissimo. Fatico ad accettare regole che trovo assurde, incoerenti col contesto, con la dignità delle persone. Ci sono regole che limitano e basta, ci sono regole che sono offensive, ci sono regole che creano abissi, fili spinati, recinti. E non le so accettare nemmeno col pensiero.
    Un abbraccio mentre ti rubo un paio di pomodori dalla teglia, ottimi così come li hai cucinati! Acciughe e capperi...che accoppiata!
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  27. le regole..nn parlarne a me!!
    prima del matrimonio nn ero altro che una post punk con i capelli quasi bianchi da quanto li ossigenavo..adesso..il mio cucciolo mi ha responsabilizzato molto,ma nn me ne rammarico,c'e' un giusto tempo per tutto ;)
    buonanotte ;)

    RispondiElimina
  28. Sono d'accordo con quanto affermi e molto vicina al tuo modo di pensare ed agire.
    Baci e buona domenica,
    Elena

    RispondiElimina
  29. Ciao!!! La mia raccolta "salads" a cui hai partecipato si è tramutata finalmente in pdf!!! Passa da me se vuoi scaricarlo!!
    Baciuz!!

    RispondiElimina
  30. comprendi i dubbi, nulla è come vorremo che sia, per scrivere servono anche degli stimoli, le regole sono utili quando aiutano a svolgere una funzione non devono essere un limite
    PS i pomodori sono deliziosi

    RispondiElimina
  31. Io sono coerente con me stessa, il guaio é che me stessa é piena di contraddizioni..
    Un bacio cara e mi rubo i pomodorini, tié!

    RispondiElimina
  32. Sirio in effetti è proprio così

    Sabrina Luca...carissimi come state? ...hai espresso ulteriormente il mio punto di vista grazie

    Mirtilla hai ragione un tempo per tutto...un bacione

    Bacissimi Elena e grazie

    Susina wowwwwwwwwwwwwwww

    Gunther dovrebbe essere di tutti questa associazione mentale...regola-funzione e non regola-limite...grazie

    Night...ahahahha sei stupenda bacio

    RispondiElimina
  33. ricetta molto interessante ma molto bella l'intro. personale così intima e così aperta

    RispondiElimina
  34. Lo grazie di esprimere....
    quello che vorrei dire!
    grazie e scusa

    RispondiElimina