giovedì 16 aprile 2009

Ritorno slow


Ieri:
dicono che sarà brutto tempo e intanto osservo la farfallina gialla che gioca con il viola dei tulipani e penso allo strano uccello, grande come un merlo, ma più arzillo e dal mantello maculato che ha preso a frequentare casa, mentre ero via.
Dicono che sarà brutto tempo e penso al remo che si tuffava nell'acqua nel mezzo di un lago immenso e sconosciuto, al sorriso e all'abbraccio delle amiche. Dicono che sarà brutto tempo e inizio la corsa del quotidiano che inizia, densa e furiosa dopo una settimana di relax.

Oggi:
piove e ripiove e penso alle tante cose da fare e, sorpresa di me, vedo che si delineano una dopo l'altra, come se il riposo e lo stacco fossero la chiave di volta per ben organizzarsi. C'è da riflettere sui nostri alti e bassi di energia, di come perdiamo tono quando il quotidiano diventa troppo quotidiano, di come ci accendiamo se riceviamo una certa notizia, di come ci perdiamo se non abbiamo i nostri rituali, c'è da riflettere se nonostante tutti gli artefici che ci siamo inventati per essere macchine moderne, rimaniamo irresistibilmente e incomprensibilmente umani.

KRAPFEN AL FORNO


150 gr farina 00
350 gr di farina 0
130 gr di burro
100 gr di pasta madre
80 gr di zucchero di canna
2 uova
80 gr di acqua
200gr di latte crudo
marmellata di ciliegie

Sciogliere la pasta madre nell'acqua tiepida e impastare con le due farine, aggiungendo il latte (un po' per volta per verificare la consistenza della pasta), lo zucchero, le uova, 80 gr di burro morbido e lavorare fino ad avere una palla liscia ed elastica, che si lascia lievitare su un piatto, sotto una ciotola di vetro, fino al raddoppio.
Stendere la pasta allo spessore di7.8 mm e con un taglia pasta di 7 cm tagliare un numero pari di dischi, con un pennello bagnato di acqua passare i bordi della metà dei cerchi e mettere al centro di ognuno un cucchiaino scarso di marmellata, sovrapporre un altro disco e sigillare bene i bordi. Posizionare i krapfen su una teglia da forno, ben distanziati l'uno dall'altro. Fondere il burro rimasto e spennellarli. Metterli in forno e lasciarli lievitare per 12 ore.
Accendere il forno a 180°, senza togliere la teglia e cuocere per circa 20\30 minuti, fino a doratura. Una volta freddi spolverizzarli con lo zucchero a velo.

Ricettina in archivio da un po' di tempo, presa dalla bravissima Laura e adattata per l'utilizzo della pasta madre. Per conservarli li ho messi in un sacchettino di plastica per alimenti e poi li ho posizionati in frigo, facendoli eventualmente scalare al micro per 15 secondi.

35 commenti:

  1. Siamo esseri umani con alti e bassi e...guai se non fosse così, cara Lo.
    Baci

    RispondiElimina
  2. Bentornata gallinella!
    Il mio invece è stato un ritorno very fast, visto che nel mio caso le abitudini erano molto molto meglio (ecco forse non c'è lo stesso panorama, ma per il resto...)
    Quei krapfen lì sono molto interessanti... Potrebbero fare risvegliare il blob ibernato...

    RispondiElimina
  3. "rimaniamo irresistibilmente e incomprensibilmente umani."
    Questa frase è davvero notevole Lo! E' vero! E' la nostra natura essere così!
    Complimenti per i Krapfen!

    RispondiElimina
  4. Io non ti dirò bentornata perché mi piaceva di più quando eri a portata di zampette!

    Se il segreto per organizzarsi bene è staccare per qualche giorno allora mi sa che ne ho proprio bisogno.

    Ti riabbraccio dalla tastiera, ma non è la stessa cosa!

    RispondiElimina
  5. Bentornata, mi stavo giusto chiedendo dove fossi finita :)

    Che buoni i krapfen, se poi sono cotti a forno fanno proprio per me :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Lo! come hai passato le feste?
    qui per fortuna il tempo sembra reggere ancora...e speriamo bene!
    buonissimi questi krapfen: cotti al forno li possimao mangiare anche noi ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  7. Bentornata stellina!
    T'avevo lasciato un commentino nel post precedente...
    Nel caso non l'avessi letto, riporto qui il messaggio:
    Cippirilla, passa da me appena puoi...c'è un premio carinissimo...

    P.S. Che bellissime le tarta! :-)

    RispondiElimina
  8. Bentornata!!!!!!!! e alla grande visti i tuoi krapfen :-) un abbraccione...

    RispondiElimina
  9. anch'io i stavo chidendo dove fossi finita!
    finalmente sei tornata, gli alti e bassi sono da tutti...
    i krapfen al forno sono da provare gnam

    RispondiElimina
  10. Eh già...siamo esseri umani, e non è che mi dispiaccia proprio.
    Prendiamo il bello e il brutto di tutto...
    proprio come il brutto tempo che ci accompagna oggi.
    Buoni i krapfen!!!
    Beh ma qual'è il dolce che non mi piace???
    Credo non ne esista nessuno!
    Bacioni

    RispondiElimina
  11. ciao tesoro, bentornata :-)
    .. è vero, staccare serve.. si recupera energia, si sogna diversamente, si riacciuffano desideri dimenticati..
    poi, si rientra e.. ci si tuffa di nuovo nel presente! :-) Che non è per nulla una brutta cosa :-)
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  12. quella tartarugona e'gigantesca!!!!
    bellissimi questi krapfen al forno ,leggeri e gustosi ;)

    RispondiElimina
  13. troppo golosi! me ne mangerei subito subito uno... anche due!

    RispondiElimina
  14. (^_^) ciao Lo, qui da me sono già due giorni che il sole splende e il tepore d'Aprile oggi a spinto i più audaci a fare il bagno nel piccolo golfo di San Giovanni Licuti (Ognina,Catania) hihihihi!!!! io a vederli ho avuto voglia di fare un tuffo ma poi un pò per vigliaccheria un pò per mancanza di costume ho resistito ufff...peccato ma domani se resiste il tempo un bagno .....di sole lo farò sicuramente (-_^) fortuna che siamo umani (^_^) un bacione ♥

    RispondiElimina
  15. che buoni i krapfen!!! al forno sono meno calorici quindi va anche meglio!! un bacione.

    RispondiElimina
  16. cOME TI CAPISCO LO!!!!
    Condei dolci così però si sorride subito!!!
    Bacioni
    Saretta

    RispondiElimina
  17. bentornata e i krapfen li vedo molto buoni un bacio

    RispondiElimina
  18. nel lago con le amiche ehhh....vi ci vedo tutte lì a starnazzare ;-)))
    intanto sgancia un krapfen goloso a me...in cambio di un bacioneeee.

    RispondiElimina
  19. Ciao!!!
    Anche quì promette pioggia, ma appena viene il caldo il mio terrazzo aspetta gallina galletto e gnoma per un bel pranzo all'aperto!
    Un bacio grande!!

    RispondiElimina
  20. ANCHE DA ME UN GIORNO è APPARSO QUELLO STRANO UCCELLO, CHE MI HANNO DETTO ESSERE UNO STORNO..O QUALCOSA DEL GENERE
    BUON RIENTRO ALLA..NORMALITA'

    RispondiElimina
  21. Bentornata Lo...spero tu abbia trascorso dei giorni bellissimi...baci!

    RispondiElimina
  22. Ben tornata lo!
    Anch'io come molti penso che la vita sia così, un po' alti e un po' bassi, l'importante è affrontare le situazioni con tenacia...
    Un bacione, roberta.

    RispondiElimina
  23. E' così bello essere umani ! Questo ti permette di compiere errori , di inciampare , di incavolarti e poi pentirtene , di pensare che domani sarà un giorno migliore !!Bentornata e sopratutto Bentornata con queste paste che io adoro !!

    RispondiElimina
  24. Bentornata e con una ricettina molto golosa! Un abbrccio Laura

    RispondiElimina
  25. Mi ritrovo perfettamente in ciò che hai scritto, ho bisogno di staccare dalla routine sennò mi spengo, ho però bisogno di alcune certezze legate al quotidiano, che siano gesti o che sia il sentirmi circondata dalle cose che amo, ho bisogno di fiammate di entusiasmo, di sentirmi viva, so di essere estremamente complessa, poco macchina e troppo umana, soprattutto nelle debolezze! Ed anche di fronte a questi golosissimi krapfen, non saprei resistervi!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  26. E'molto meglio essere umani e avere i nostri alti e bassi piuttosto che essere delle macchine e non provare sentimenti o umori o passioni!

    Un abbraccio!
    Aiuolik

    RispondiElimina
  27. bentornata vedo che ti s ei gia messa le mani nella farina non perdi tempo buoniiiiii

    RispondiElimina
  28. Slow, ma very very sweet :)
    Bentornata

    RispondiElimina
  29. ciao sono luisa e ti scrivo da showfarm.devo chiederti una cosa scrivi a redazione@arteduezero.com

    RispondiElimina
  30. Ciao Lo, mi sei mancata! Cat

    RispondiElimina
  31. Ciao Lo..., ben tornata!!!!! Anche se slow!!!!.... eheheh Ecco io ancora dovrei fare la pasta madre per provare la tua Colomba... ma se vado di Questo passo neanche per Natale faccio in tempo...!eheh
    Kiss

    RispondiElimina
  32. Non parlarmi di alti e bassi.... :(
    Bellissima ce la spassiamo ai laghi ehhhh? :)
    E' bello rileggerti!
    Un abbraccio grande
    Daniela

    RispondiElimina
  33. Stella...tu dici guai se non fosse così...ma a volte sembra che l'uomo gradisca essere una macchina...un bacione

    Criiiiiiii grazieeeeeeeeee anch etu blog ibernato? un bacio

    Kitty vero che è la nostra natura..grazie per i complimenti! :)

    Cri...ora io piango per tristezza infinita....vieni ad abitare qui daiiiiiii

    Swett...erano davvero leggeri...erano...un ricordo...chissà quando posso rifarli con questa intolleranza ai latticini...uffa

    Manu, Silvia...le ho passate nel migliore dei modi...in vacanza con i miei amori in campeggio al sole e facendo movimento e senza pranzoni....che meraviglia! fortuna anche qui oggi sole! :)

    Gaia tesoro sono una ragazza di corsa che sfreccia con la sua bella borsa rossa e non avanza un secondo, ma ho visto il tuo messaggio, cerco di passare presto...grazie tesoro!

    Claudia grazie un abbraccione fortissimo anche a te!

    Betty...grazie, è vero gli alti e bassi ci sono, ma mi piace osservare cosa e come si scatenano, quando un niente trasforma la situazione... :)

    Minnie bello godere della nostra umanità vero? ...sai che a pensarci nemmeno a me viene in mente un dolce che non mi piace....

    Elle hai proprio proprio ragione...
    un strabacio

    Grazie Mirti..la tartaruga è un'ospite delle cornelle!

    Laura...eheh anche tre?? ;)

    May il bagno? prendere il sole...ma questi sono sogni!!! ;)

    Micaela...era il semplice pensiero che mi accompagnava mentre li preparavo...diciamo una piccola truffa per la mia testolina! :)

    Saretta lo sooooooooo lo soooooooooo che mi capisci e io ero solo sul Garda! e inoltre i dolcetti riguardano il passato...io ora non posso mangiarli!

    Grazie Carmen!

    Marta e tu sai quanto si possa starnazzare e come si possa...ehehe mancavi però!

    Eva sarebbe meraviglioso..il tuo terrazzo è magico!un abbraccio

    Simo grazie...davvero splendidi
    e mi sono arrivati i tuoi saluti da parte di Bri

    Un bacione Roberta

    Caty cone hai ragione come sono sempre in sintonia con le tue parole un bacio

    Grazie Laura :)

    Sabrina...è proprio così in questa dolce altalena per ritrovarsi! un abbraccio e un saluto a Luca

    Aiuolik si è così! :)

    Silvana eheh in verità nooooo erano in archivio...non ho ancora impastato! :)

    Grazie Cielo un abbraccio

    Luisa benvenuta e ora ti scrivo!

    Cat anche tu mi sei mancata ma sono così felice per te :)

    Maya....ehehe dai slow è meglio che fast o no?

    Daniiiiiiii che gioia leggerti..si proprio spassata ai laghi...che delizia ...un abbraccio più che fortissimo!

    RispondiElimina
  34. i krapfen con la pasta madre.....incredbbile!!! Un bacione!!

    RispondiElimina
  35. Cibou più che altro buoni...un bacione

    Margherita ho fatto una ricerca effettivamente sembra uno storno...poi ho scoperto che arriva un codirosso! bello

    RispondiElimina