mercoledì 1 aprile 2009

La bolla nello spazio


Mi alzo al mattino e desidero che intorno a me ci sia uno spazio infinito, in modo che a volte non debba prendere atto del mondo.
Non basta spegnere tutti i canali, devo avere uno spazio che definisca bene la distanza.
Altre volte mi alzo al mattino e mi rendo conto di essere più aperta, più ricettiva, mi divide dal mondo solo l'involucro sottile del contenitore della mia pelle, tocco tutto e mi faccio toccare da tutto.
A volte quindi attivo lo scambio e divento permeabile a sensazioni e stati d'animo, mi confondo con le foglie mosse dal vento, ma anche con il rumore della mia pedalata, sono negli occhi della persona che incrocia il mio sguardo e tuffo nella sua vita, mi sento un viaggiatore che raccoglie nella sua borsa le mille miriadi che fanno un percorso.
Altre volte mi rigenero e trovo forza nella mia chiusura, nella mia bolla di placenta fatta di me e solo di me, una sorta di autoricarica dal mondo.

-----------------------

Al corso di educazione teatrale abbiamo prima parlato dell'evoluzione del teatro ,in particolare di Stanislavskij che ha portato l'attenzione sull'attore, sul suo sentire che deve essere uguale al sentire del personaggio. Poi abbiamo giocato e cinque sedie sono diventate un ordine sparso, una catasta abbandonata, un ordine preciso. Le abbiamo abitate per creare un'oasi in mezzo al deserto mentre arrivavano gli assetati, sono state le sedute della metropolitana e poi quelle del tram, ci hanno portato ad una tristissima veglia funebre e subito dopo ad una festa tra amici. mentre poi ci siamo catapultati ad un incontro snob con tanto di paparazzi. Sono diventate le scrivanie e le fotocopiatrici di un ufficio con un capo sbruffone.
Eravamo impegnati, seri, concentrati...con lo stesso sguardo severo che ha un bambino di fronte alla spiaggia mentre progetta il suo castello.
Erano sedie o non lo erano più?

FUSILLI MEDITERRANEI


fusilli
1 broccolo
1 cipolla ramata
sugo di pomodoro
capperi sotto sale
sale
zucchero
olio extravergine d'oliva
parmigiano reggiano

Mettere a scaldare una pentola d'acqua in cui immergere le cime dei broccoli, dopo averle lavate. Quando si raggiunge il bollore, buttare la pasta.
Nel frattempo pulire e affettare la cipolla e soffriggerla delicatamente in padella con un cucchiaio d'olio e due di acqua. Aggiungere il sugo di pomodoro, aggiustare con il sale e aggiungere un cucchiaino scarso di zucchero, per eliminare il sapore acido. Sciacquare una manciata di capperi sotto l'acqua per eliminare il sale in eccesso e aggiungerli al sugo.
Condire la pasta e servire, con una spolverata di parmigiano.

Sono stufa di inverno, delle solite cose, arrivo ad un punto che mentre aspetto le nuove verdure non ce la faccio più a vedere quelle vecchie, ho cercato allora un sapore che sapeva d'estate, gabbando il freddo.

39 commenti:

  1. bello il corso di teatro che stai seguendo, i fusilli, mi segno la ricetta, spero di proporla oggi un bacio

    RispondiElimina
  2. quante bellissime cose fate in questo corso ;)
    bacioni bellissima ;)

    RispondiElimina
  3. Lo io ero contentissima dell'arrivo della primavera e del cambio dell'ora, pensavo a giornate soleggiate e più lunghe, invece... qui non finisce più di piovere :( Ora sono davvero molto stanca anch'io.
    Hai fatto bene a concederti un po' di estate con questa pasta, un bacione!

    RispondiElimina
  4. che meraviglia, Lo :-)
    e.. ti capisco, quando parli di avere bisogno anche dei tuoi spazi di solitudine, dopo esserti tuffata nel mondo .-)
    Un abbraccione, cara :-)

    RispondiElimina
  5. Premio per te da me gallinella!
    besitos!

    Giugiù

    RispondiElimina
  6. eh sì, il cappero fa subito estate, mare, vacanza!

    RispondiElimina
  7. Uh, mi sa che la Lo aspira a Holliwood e tra un po' ce la troviamo in verisone marylin sul blog :-P
    Mangiamoci questa pasta, và, che moi sembra meglio :-D

    RispondiElimina
  8. Ciao! fantastici questi fusilli! broccoli e pomodoro ancora ci mancava! ma il piatto è davvvero invitante!!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Questo corso deve essere davvero incredibile... Come mi piacerebbe!
    Anche io ho tantissima voglia di primavera, ma qua per ora solo giornate grigie...
    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  10. Siamo stati illusi da qualche giornata di sole, ma ormai sono giorni che piove e piove! è piovuto per tutto l'inverno, ora basta!
    mi piacciono i tuoi fusilli e mi piacciono tantissimo anche i tuoi lavori per educazione teatrale!
    baci

    RispondiElimina
  11. Uhmmm, sì, hai ragione, le verdure invernali cominciano ad essere noiose, ma con qualche accortezza possono dar vita a piatti un po' più solari, come hai fatto tu!

    RispondiElimina
  12. Bellissimo quello che hai scritto delle spazio intorno a noi...
    CArina la ricettina mediterranea a me ancora le verdure invernali fanno gola

    RispondiElimina
  13. Continui ad interessarci con i racconti del tuo corso e ne sono contenta:)
    Noto un non so che di estivo in questo piattino, yuppy:D

    RispondiElimina
  14. ciao LO! Sei davvero brava a scrivere, non smetto mai di dirtelo!
    Ieri ho pensato a te e al galletto per 2 motivi: perché qui tutte le vetrine dei negozi sono decorate con le galline per Pasqua e perché ho visto la puntata di domenica di Report sull'energia nucleare e parlavano anche di come evitare gli sprechi e cercare di limitare i consumi... e inevitabilmente ho pensato a voi e a tutte le misure che avete già adottato in questo senso! Parlavano anche di iniziative molto interessanti, come l'adozione di un kilowatt: in pratica ci sono dei gruppi di persone che si mettono insieme per acquistare pannelli solari (chi ha lo spazio concede anche il proprio tetto) e dividono l'energia prodotta anche con quelli che non hanno lo spazio per avere i propri pannelli..
    ciaociao!
    Silvia

    RispondiElimina
  15. Corso di teatro? Ma guarda... Io in un periodo (lontano) della mia vita andavo a dormire con Stanislavskij (in maniera casta :) e mi svegliavo con Stanislavskij, era tutta la mia vita. Poi ho voltato pagina ma nel mio profondo sta sempre lì, in aguato.
    Ma sai, riflettevo che anche esperienze come queste ci rende così come siamo, ci fa prendere determinati decisioni e direzioni nella vita e se noi (io e te per esempio) abbiamo tutte queste affinità, c'è un perchè. Niente, sto riflettendo ad alta voce, non ci badare...
    Molto bella la tua descrizione sull'essere ricettivi, anche a me capita ma non riuscirei a descrivere così bene come l'hai fatto tu.

    Un abbraccio. :)

    RispondiElimina
  16. Che buoni i fusilli così conditi!!!! bacioni

    RispondiElimina
  17. Sempre + interessante questo corso...come la tua pasta favolosa!
    Baci

    RispondiElimina
  18. Anch'io sono stufa dell'inverno Lo! Bastaaaaa!!! Visto che esiste una danza che invoca la pioggia, ne esisterà anche una che invochi la primavera no?!! :P
    Sono le 12 e 30 e questi fusilli mi stanno facendo venire l'acquolina in bocca... yum-yum!
    Baciotti :)

    RispondiElimina
  19. Anche io ho fatto pasta con i broccoli domenica, ma alla maniera classica. Dovrò provare la tua....
    Mi presti una sedia per immaginare prati verdi, sole e cieli tersi? Per favore.... 'ché davvero, la mazzata della nevicata mattutina oggi non me l'aspettavo ...

    RispondiElimina
  20. Quando ti racconti, non in ciò che fai, ma in ciò che senti, come lo senti.....è impossibile non aver voglia di conoscerti, di vedere chi c'è dietro quella persona che tutto attraversa e tutto in sè racchiude....
    A volte neanche ti scrivo perchè mi disoriento da sola e le parole non trovano una fine, una conclusione.
    Nei rapporti umani, sempre nella mia vita, ho sentito l'esigenza di provare a capire e il bisogno, ancora più estremo, della certezza d'essere capita.
    Questo mezzo, che lo sguardo esclude e che i tempi trasforma mi incuriosisce, ma ancor più mi spaventa e spesso mi allontana.

    Un abbraccio....domani tornerò a leggere la ricetta, oggi proprio non riuscivo a mettere insieme emozioni e padelle!


    Fabiana

    RispondiElimina
  21. come ti capisco, anch'io ho voglia di zucchine, pomodori, peperoni, melanzane e soprattutto di quintali di ciliegie.
    Le zucchine però oggi me le compro, voglio polpettare con i fiocchi di cereali!

    piesse - ti ho sognata stanotte... coccodé!

    RispondiElimina
  22. buonissima la pasta fatta così!!! mi piacciono un sacco i broccoli!! devo provarla! un bacione.

    RispondiElimina
  23. Lo ho controllato la farina: è farina integrale di frumento biologica :)

    RispondiElimina
  24. Ottima questa pasta...ora che la mia gnoma ha scoperto i broccoli e li adora (waowwwww) le proporrò anche la tua versione!
    Grasssssieeee cara!
    Kissssss

    RispondiElimina
  25. Condivido in pieno il tuo pensiero e ti dico inoltre che quei fusillini me li papperei in un sol boccone!!!! ^_^

    RispondiElimina
  26. E dopo aver fatto un brutto sogno e che sul momento non ricordi? Io mi sento strana e non ne capisco il motivo finchè non ricordo...

    RispondiElimina
  27. Volenti o nolenti il risveglio è condizionato,vuoi dai sogni che si ricordano o no, vuoi da cosa abbiamo fatto nella giornata precedente e che ci è rimasto impresso.

    Il famoso "subconscio",che lavora anche mentre noi dormiamo...

    Ciao Lo,buona serata!

    RispondiElimina
  28. hai ragione , girando e rigirando ancora aspettiamo le nuove primizie , erbe fresche che ci aiutino a dimenticare i mesi dell'inverno , insalatine capricciose e ravanelli fiammeggianti.Quante volte mi semto dentro e devo essere fuori , è una lotta continua , in fondo sono le due parti di noi.Ti abbraccio forte ( ok mi è piaciuto pensare che le mani del video erano tue...)

    RispondiElimina
  29. Ciao Lo!!!
    Tutto ok???
    Da me c'è un premio per te...passa a prenderlo!!!
    Kiss
    Ery

    RispondiElimina
  30. Quest'anno mi avevano chiesto di partecipare ad un corso di teatro ma mi sento troppo legno per potermi lasciare andare (io poi sono chiusissima di natura e non amo andare oltre la mia bolla) ma mai dire mai....
    Splendido questo piatto di pasta!
    Un bacio Laura

    RispondiElimina
  31. Carmen li hai fatti? fammi sapere :)

    Bacioni Mirtillina :)

    Camo...io mi sento quasi fortunata qui piove magari mezza gironata o di notte, poi arriva il sole e fa caldo e così in qualche modo si recupera...un bacione
    p.s. grazie per le info della farina :)

    Elle tesoro ...lo so che mi capisci un bacione

    Grazie Giugiù

    Lise è vero e per fortuna possiamo tenerlo sotto vaso tutto l'anno..ma hai mai visto che bello il fiore del cappero?

    Cri...dai non esagerare eheheh

    Manu, Silvia...sono semplici ma molto saporiti!

    Carolina il corso è un'esperienza meravigliosa...stupenda mi sembra di non poterne fare a meno...arriva la primavera è lì dietro l'angolo! un bacione

    Laura come dicevo prima sono fortunata...oggi pioveva m anel pomeriggio un sole splendido e sono riuscita ad andare in bici....

    Onde...già...ora non so come trasformare i finocchi....

    Grazie Kitty...ognuno ha a sua percezione di questo spazio, di questa distanza che poniamo e che credo sia per tutti più o meno elastica...un bacione

    Sweet...estate siiiiiiiii....il corso è così bello...

    Silvia...eheh impazzirei con tutte quelle galline e fare spese folli...abbiamo visto report...interessantissima...anche se sulla parte del nucleare è inquietante.... grazie mille un bacione

    Eniko io sono una pasticciona dilettante...il corso non è fatto per recitare, ma per usare lo strumetno teatro per conoscersi meglio...molto Stanislavskij insomma...mi emozioni quando scrivi di questa magica sintonia...davvero! un abbraccio

    Grazie Claudia

    Bacissimo Saretta bella

    Babi c'è il saluto al sole...non l'hai mai fatto? è una pratica yoga dolce e lenta...ed è bellissimo dialogare con il sole...

    Cielo prendi subito tutte le sedie...la neve???? io morirei...

    Fabiana mi hai emozionato...molto...e ti ringrazio...ti ringrazio per leggermi con questa apertura, con questa partecipazione...io rimango sempre rapita dalle tue risposte che toccano le mie corde, dei tuoi giardini che evochi, dalla dolce lentezza dei momenti buoni che mi racconti...grazie!

    Cri e cosa hai sognato???????

    Micaela spero che ti piaccia...un bacione

    Simo è buonissima così...fammi saper cosa dice la piccola!!!

    Susina...ti ripeto dobbiamo fare conoscere i nostri gatti...e scambiarci fusilli e torte!

    Stella...quando ti svegli confusa tra realtà e sogno e per un attimo ti confondi?

    Sirio volenti e nolenti...ma pensarci a volte fa bene :)

    Caty erano le mie le manacce della marmellata..intendevi quelle vero??? anche tu controlli ogni nuova fioritura?? io ho mappato il mio piccolo giadino ogni filo d'erba è controllato :)

    Grazie Ery che tesoro!

    Laura ti capsico fino a due minuti prima didire si vengo al corso ero proprio come te...poi ho deciso di provare...e ora ne sono felice! un bacione

    RispondiElimina
  32. Lo, come sono belli i tuoi appunti sul corso di recitazione!..
    MA le sedie non sono mai diventate i fornelli?.. ;-))
    Un bacione!

    RispondiElimina
  33. bello il teatro!!!! bbbboni i fusilli!!! un bacione

    RispondiElimina
  34. leggendo le tue parole mi sembra di partecipare al corso di teatro con te! buoni i fusilli fatti così!

    RispondiElimina
  35. Ciao Lo...é un'ora che leggo le tue pagine...sono in ritardo..come al solito, ma con piacere ho sfogliato le tue righe e mi sono riempita di tante cose belle, di sensazioni simili ed anche di cose nuove. come sempre sei stupendamente brava ad esprimere passo dopo passo le tue giornate, il tuo tempo...ma certo anche delle belle ricette, come la marmellata di kiwi che adoro, i fusilli, buoni adatti per la stagione e tutto il resto. T'abbraccio e ti faccio io miei auguri per il prossimo ed ultimo risultato, dopo questo lungo cammino che ti ha portato ad un'importante traguardo! :)

    RispondiElimina
  36. Ciao cara, ti seguo da un po' e, se non mi sbaglio, ho letto da qualche parte che sei di Varese.
    Beh, siamo quasi vicine (Gallarate).
    Se ti fa piacere passa da me... c'è un premio per te!
    Lisa

    RispondiElimina
  37. Ciao Lo, credo che con questo corso di teatro vi idvertiate molto giusto? Già mi immagino le vostre facce a volte tristi e arrabbiate ad altre euforiche e allegre :)

    Teatro con il metodo Stanislavskij che è un insegnamento molto interiore e profondo del personaggio? Wow interessantissimo, pure io voglio venire...:-D

    Baci

    RispondiElimina
  38. Io proprio non ce la faccio al mattino a essere chiusa in me stessa!
    Lo considero il momento più bello di tutta la giornata anche se mi alzo molto presto......sono sempre carica!!!
    Che belli i fusilli;)
    Bacio, roberta.

    RispondiElimina
  39. Rossa...no sembra che non esca passione cucina in questo corso...per ora!

    Grazie Manuuuuuuuuuuuu

    Mari so che sei impegnata m ami manchi e sono così felice quando passi a trovarmi....un bacione

    Minnie benvenuta e bentrovata...addirittura vicina di casa...grazie di cuore vengo a trovarti! :)

    Carla si è davvero bellissimooooooooooooooo un bacione

    Roberta...non è una questione di mattino o di risveglio..per me è una questione di come mi sento aperta al mondo, da cui voglio a volte difendermi...un baciotto

    RispondiElimina