venerdì 13 marzo 2009

Play the game: l'inchiostro dentro


Milla vorrebbe andarsene, in fondo l'infermiera ha detto che non c'è nulla di cui preoccuparsi, che domani Alice starà bene. E' stanca, spaventata, vorrebbe solo tornare tra le mura delle sue abitudini, dei suoi rituali, ritrovare la sua impronta nel letto. Oppure potrebbe andare da Giacomo, cercare il suo odore, la sua pelle, è tardi e non è necessario parlare troppo, inventare nuove scuse per dirsi qualcosa, sarebbe sufficiente ritrovare la tanto rassicurante memoria dei propri corpi e dei propri gesti, in un finto egoistico gesto d'amore.
Ma non può: quel pazzo che quasi le aveva ammazzate sembra non voglia schiodarsi da lì, facile fare il pirata e poi macerare nei sensi di colpa e nel dispiacere.
Lo osserva, per la prima volta, con attenzione, ma sa già che non lo sopporta, stava per farle molto male, stava per toglierle Alice, stava per eliminare gli unici occhi in cui lei aveva visto il desiderio della vita pulsare. Per istinto di sopravvivenza l'odiava.
"Non è necessaria la sua presenza! Ci sono io, è la mia migliore amica, lei se ne può andare e se la fa sentire meglio, mi lasci un recapito telefonico e la chiamerò per farle avere notizie." Milla apprezzava la sua capacità di nascondere le emozioni, di controllare il tono della voce, di sembrare sempre distaccata e fredda.
Ma lui alza lo sguardo, sembra arrivi da un altro mondo, nei suoi occhi galleggiano i residui di altre vicende, di altre vite. La guarda ostinato e lontano, lei può percepire quella lontananza mentale, quella falsa presenza. "Sto qui" e infila un'altra moneta nel distributore di caffè.
Milla, sente all'improvviso e tutto in un colpo, una rabbia cieca possederla, non le interessa più far finta con questo sconosciuto, vorrebbe fargli male, vorrebbe cancellarlo e senza accorgersene perde il suo controllo e gli vomita in faccia un fiume di parole.
Urla che lui l'ha terrorizzata, l'ha quasi uccisa.
Urla che ha quasi ucciso la sua amica, che gli ha rubato la loro serata, la sua possibilità di pace in quel fiume nero. Stava portando via Alice, aveva portato via la loro notte di risate, racconti e confidenze.
Lui la guarda stranito e inizia a tremare: "Hai detto che si chiama Alice? Che lei è Alice?...è lei, è lei....". Si allontana di nuovo perso e si siede su una sedia, di nuovo via....solo un involucro di pelle e nient'altro.
Milla non capisce, non ha spiegazioni, ma la paura le si è insinuata dentro, ha iniziato a serpeggiare dal momento dell'incidente e ora dilaga libera, maligna e diventa la sua padrona. Quell'uomo è uno squilibrato. è pericoloso...cosa vuole da Alice? Da lei?
Decide di cercare l'infermiera e chiedere aiuto, percorre il corridoio e la trova insieme ad un'altra donna, stanno bevendo un caffè.
Spiega affannata i fatti, la presenza inquietante di quell'uomo nella sala d'attesa, suggerisce di chiamare la polizia, di fare qualcosa.
Elena ha ascoltato attentamente e non sa cosa fare. Sa che sicuramente arriveranno lì le forze dell'ordine per i soliti accertamenti d'ufficio quando capita un incidente, ma decide di andare a parlare con quell'uomo e farsi un'idea. "Lei stia qui, io torno di là."
Milla rimane sola con una giovane donna dal viso tirato, che la sta guardando con uno strana espressione nello sguardo, un sorriso triste, come se avesse sentito qualcosa di irrimediabilmente piccolo e vacuo.
Elena trova Eugenio su una sedia, ha l'impressione di essere di fronte ad un marziano, osserva il pugno con cui stritola il bicchiere di carta che ha in mano. "Posso fare qualcosa per lei?"
Lui la guarda, la studia, osserva il suo viso stanco e triste, vede quella velatura sugli occhi che riflette una patina grigia su tutta la donna e poi vede il cartellino identificativo... Elena ...
E' un passato, è un presente: Alice e Elena, l'inizio e la fine, ancora come 10 anni fa, nello stesso posto di fronte a lui.

prima parte di Luca e Sabrina
seconda parte di Caty
terza parte
di Germana
quarta parte di Luana

quinta puntata di Anna

-------------------

Un romanzo che cresce piano piano, che gira da persona persona, racconta storie nella catena di parole che come perle si infilano una dopo l'altra. Grazie a Sabrina&Luca che l'hanno inventato, grazie a tutti gli scrittori che hanno già raccontato e a chi racconterà.
Io lo passo a Cristina Golosastra.

REGOLE
A chiunque riceva il calamaio è concessa massima libertà d'espressione. Che la sua fantasia possa dare un seguito a questa storia appena abbozzata.
Il testo dovrebbe restare entro le mille parole.
I personaggi non hanno un'età ed una personalità definita, abbiamo lasciato in bianco tutto quanto per non dare limiti alla fantasia. Sarete voi che delineerete i caratteri man mano che il racconto prenderà vita.
Una volta scritta la propria parte, l'autore/autrice dovrà passare il calamaio a sua libera ed esclusiva scelta ad un'altra persona e così via via, lasciando che il racconto prosegua il suo corso.
Bisogna esporre il banner e fare il link in modo tale che chi riceve il calamaio possa leggere la storia fin dall'inizio, nonchè il regolamento.
Alla fine del gioco, il nostro, vostro racconto verrà raccolto in un pdf.

... e ora una tisana profumata e delicata, da bere quando ci si vuole coccolare e perfetta con l'influenza e il mal di gola, fatta con ingredienti semplici che quasi sicuramente sono sempre in casa.

TISANA DI ROSMARINO E LIMONE

1 tazza di acqua bollente
1 pezzetto di scorza di limone non trattata
1 rametto di rosmarino

Lasciare in infusione per 5 minuti nell'acqua bollente, dolcificare con un cucchiaino di miele, bere avvolte nel plaid e sorridendo!

31 commenti:

  1. Lo, immagino il tuo entusiasmo per questa idea... La tisana cade a puntino...
    Buon fine settimana
    Silvia

    RispondiElimina
  2. che bravi che siete a scrivere..a raccontare...
    un bacioen ragazzi ;)

    RispondiElimina
  3. No, mi spiace...io non saprei cosa scrivere....tu sei bravissima...anzi, voi siete bravissimi!
    Ottima la tisana...digestiva? calmante? Aromatica?
    Buonissima giornata!

    RispondiElimina
  4. Babbè. mi piglio la tisana e telefopno al tecnico del forno, così mi coccolo se mi dà brutte notizie...

    RispondiElimina
  5. Molto brava..ma d'altrone tu sai scrivere davvero benissimo!
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Bello questo gioco, ammiro chi come te ha questa dote di saper scrivere! Proporrò la tisana a mio padre che è raffreddato, ti faccio sapere se funziona ;)
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. ...cara Lo...( qui mettici la canzone che più fà bene al tuo cuore)...

    RispondiElimina
  8. Sì, scrivi davvero bene. E la tisana fa giusto al caso mio....che ho un raffreddore terrificante. Se poi invece del rosmarino metti la salvia, otterrai un'ottima tisana contro il dolore di stomaco :)

    RispondiElimina
  9. Complimenti, scrivi benissimo! Sai che di questa tisana avevo già letto in un libro sugli infusi, ma non l'ho mai fatta, perché, mi chiedevo se effettivamente, in 5 minuti l'aroma del rosmarino riuscisse a passare nell'acqua... La proverò stasera...

    RispondiElimina
  10. che bellissima idea!Tu scrivi divinamente Lo!!!
    Grazie per la tisana è nelle mie corde!
    bacione

    RispondiElimina
  11. bellissima idea!! complimentissimi!! e poi ti sei un mito a scrivere....ogni volta che ti leggo mi emoziono

    Buonissima la tisana!!

    RispondiElimina
  12. Lo tu si che sai usare alla grande questo calmaio!
    E' bellissimo quello che scrivi ed è bello coccolarsi con la tua buona tisana

    RispondiElimina
  13. Silvia.....ero entusiasta e preoccupata nello stesso tempo....mi chiedevo come e quanto proseguire, però è stato divertente scrivere, complice un viaggio in treno verso MIlano ;)

    Mirtilla grazie :)

    Simo...eheh a parte che non ci credo, perchè quell'attimo in cui ho pensato non saprei cosa scrivere è ventuo anche a me...poi ho detto...vabè qualcosa succederà...

    Forza Cri contro il tecnico del forno...mannaggi aquando i forni danno i numeri è un trauma!

    Manu, Silvia...siete troppo buone...grazie e un bacione

    Camo...grazie e se provi l atisana si si fammi sapere...a parte che è buona! :)

    Caty quanta voglia di abbracciarti!

    Cielo....ottima idea quella della salvia...proverò...

    Onde...l'aroma passa...è buona, poi dimmi che ne pensi! :)

    Saretta eheh esagerata....non credo...però mi piace farlo, perdermi ogni volta in queste parole così magiche...la tisana è carina vero....abbiamo tutto in casa e ci fa bene!!!

    Sara che emozione emozionarti un bacione

    Kitty ringrazio tanto anche a te....le parole sono un gioco basta lasciarsi andare..e provare! un bacione

    RispondiElimina
  14. Questa è senza dubbio l'iniziativa più bella degli ultimi tempi e tu le hai reso un gran omaggio scrivendone. Mi piace moltissimo!

    RispondiElimina
  15. Cuginetta... bel racconto, forse a renderlo più bello è il fatto che passi di mano in mano e di penna in penna!

    La tisana mi sembra stuzzicante... mia nonna invece del rosmarino mettela l'alloro (faceva il classico "canarino" per quando hai mal di pancia) a me non è mai piaciuto... ad una sua proposta di berlo rispondevo sempre che il pal di pancia stava passando! Magari col rosmarino la situazione is ribalta! Da provare...

    Un abbraccio piumoso
    Ciaooooooooo

    RispondiElimina
  16. ma lo sai che non avavo mai sentito parlare di quest'infuso.... ora sono troppo curiosa... ma lo preparo stasera! kiss

    RispondiElimina
  17. Lo, la tua parte del "romanzo" la leggo più tardi, con gusto, ora vado a farmi una tisana!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  18. Lo son passata per un saluto e per dirti che per il trucco minerale ti ho spiegato tutto nel mio blog rispondendo alla tua domanda ;-) bacioni

    RispondiElimina
  19. Questa è l'ennesima prova che sai scrivere,e molto bene!
    Hai preso il testimone, come in una staffetta...e caspita se nella tua penna ha preso velocità.
    Complimenti.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  20. Che bell'idea un romanzo a tanti mani!

    La tisana sembra buonissima, la proverò di sicuro.
    Buon fine settimana, Lo. :)

    RispondiElimina
  21. Ma quanto sei brava?!!!
    Adesso è proprio ora della tua tisana,me la gusto virtulamente davanti al tuo bellissimo racconto.
    Un bacio

    RispondiElimina
  22. Ma che bel racconto scritto a molteplici mani :-) Quella tisanina me la segno più che volentieri! Un bacio Laura

    RispondiElimina
  23. Lo, noi siamo estasiati, ogni volta che prendi in mano la penna ne esce un fiume di emozioni, leggerti è un magnifico viaggio. Vogliamo dirti grazie per ciò che ci trasmetti! La tisana è perfetta per tutti e due, siamo raffreddati e dopocena non ce la faremo mancare!
    Un abbraccio grande
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  24. tesora pennuta, ma tu con tutte le penne che hai a disposizione da intingere nell'inchiostro, potresti scrivere un libro intero...e ci riusciresti, sorseggiamo insieme daiii ^____^

    RispondiElimina
  25. bravissima Lo. Sei riuscita ad emozionarmi. Sapevo che avevo passato il calamaio in buone mani. Mi sa che dobbiamo organizzare altre iniziative del genere... è troppo bello.
    Sai che ho incontrato personalmente Geillis a Roma?
    Mi piacerebbe organizzare anche un incontro tra blogger, magari alla stesura del racconto. Così Ce lo autografiamo a vicenda. Per i particolare sull'incontro passa da me, magari nei prossimi giorni. SOno appena arrivata e devo ancora 'fermarmi'.
    Un'abbraccio.
    Anna

    RispondiElimina
  26. Non conoscevo il 'gioco' e solo leggendo il tuo ''capitolo'' mi sono incuriosita ed appassionata...davvero brava!!
    Quindi bellissima idea!!!
    Grazie ci vuole la tisana per calmare l'ansia dell'attesa.....
    ciao

    RispondiElimina
  27. troppo fico questo gioco!!!! davvero vengo troppo poco in gio per i blog purtroppo e mi perdo tutte queste cose!!! non vedo l'ora che arrivi il nuovo pc!!! un bacione buon w.e.

    RispondiElimina
  28. non ce la faccio a scriverti altro se non che ho letto e riletto questo tuo scritto e mi dà i brividi.. grazie.

    RispondiElimina
  29. Elga..l'iniziativa è davvero carina...ti ringrazio!

    Gialla...il sapore è davvero delicato....l'alloro è più aromatico...pensa che la beve anche la gnoma! :)

    Maya e poi mi dici com'era?
    kiss

    Un bacione splendida Rossa

    Claudia allora vengo a leggere! grazie

    Sirio sei troppo buono...io non mi entivo tanto in gamba dopo aver letto i pezzi degli altri...

    Eniko...grazie di cuore!

    Burrina e tu quanto sei gentile??? buona tisana e un abbraccio

    Laura la tisanina è semplice e perfetta anche nell'emergenza...ti piace il racconto? :)

    Sabrina, Luca come va il raffreddore ora? meglio? spero davvero di aver fatto onore alla vostra iniziativa! grazie

    Marta...mi sa che con tutte le penne è meglio ch eci beviamo la tisana e chiacchieriamo ;)

    Anna...grazie...sai che ero un po' preoccupata...voi prima di me siete state bravissime e speravo di essere all'altezza...grazie per l'opportunità...che gioia sapere che hai conosciuto Geillis...passerò da te! un bacione

    Margherita...carino il gioco vero??' un bacione

    Manu e aspettiamo questo nuvo pc...un bacione

    Davvero Elle??? allora grazie a te!

    RispondiElimina
  30. ero impaziente di leggere la tua puntata, che emozione leggere questo romanzo a più mani, sta venendo proprio bene. Mi piace come l'hai portato avanti, la tisana è perfetta per leggere questo romanzo!

    RispondiElimina
  31. laura grazie sei troppo gentile :)

    RispondiElimina