mercoledì 11 febbraio 2009

L'armatura d'oro


Esci da qui, con lo sguardo fiero e le spalle forti, nascondi il tremare del tuo cuore, coraggiosa percorri le strade e arriva al castello della matrigna, apri la porta, spalanca le finestre e con il tuo sacro incantesimo spezza il malefico sortilegio, imponi alla nuova sposa e alla sorellastra di seguirti nel percorso nascosto delle tue tracce, mostra il punto in cui giocavi a scivolare, il divano dove ti rifugiavi con la febbre, le manate sulle scale fatte quando mi aiutavi a verniciare, mostra quello scalino in cui sei cresciuta di mezzo centimetro, il lavandino dove per la prima volta hai lavato i denti, l'angolo buio della tua camera che ha raccolto le tue lacrime e spalanca gli armadi per far uscire gli echi delle tue risate. Mostra dove hai appoggiati i piedi, dove le mani, fai scoprire l'impronta del tuo odore e con lo sguardo fiero e deciso esigi il tuo rispetto e proclama il tuo onore, risveglia il padre dormiente e ridai la luce necessaria alle stanze che ti hanno cresciuta.
Per questo incidere devi andare sola, ma io ti darò un'armatura d'oro, tessuta d'amore e con la tua storia che scivolando dalle dita si è incollata punto dopo punto e porta il tuo nome.

Inizio dalla fine e vi mostro il mio ultimo e pure secondo lavoro ai ferri...un gilet per la gnoma, che devo dire mi è venuto davvero carino...eheh modesta vero? Del resto avevo messo tra i miei buoni propositi quello di lavorare a maglia fino alla produzione di mutande, da qualche parte dovevo iniziare. Il primo lavoro è stato il parto di un "orridogilet" per il galletto, ma questa è un'altra storia!

PANE DI SEMOLA
100 gr di pasta madre
200 gr di farina 0
250 gr di semola
1 cucchiaino di sale
semi di sesamo
acqua

Impastare 100 gr di pasta madre con 200 gr di farina 0 e un po' d'acqua e lasciare lievitare per 5\6 ore.
Aggiungere la semola e il sale, eventualmente aggiungendo un pochino d'acqua per avere una palla di pasta morbida ed elastica e lasciare lievitare per 12 ore.
Aggiungere ancora un po' di semola se l'impasto si è lasciato troppo andare e dare la forma. Io ho intrecciato, spennellato con l'acqua, sparso dei semi di sesamo e fatto lievitare per un paio d'ore.
Infornare a forno spento, puntando a 200° per circa 30 minuti o fino a doratura

Abbiamo cenato a panini…eheeh il pane impastato alle 14, poi alle 20 ho aggiunto 250 di semola e sale, lievitato tutta la notte, alle 10 l’ho rimesso in forma, con un’aggiunta minima di semola, forma di treccia semini di sesamo, lievitato un paio d’ore scarso e cotto….è fantastico….con la burrata fresca!

39 commenti:

  1. Bello bellissimo il gilet della dolce gnoma.......ma che brava sei!!! Per essere agli inizi...mi sembra che te la cavi alla grandissima!
    Sei autodidatta?
    Buono il pane con la burrata...ma fra poco mi metterò a dieta...quindi..sigh...resterà un sogno per un certo tempo...sob...
    bacioneee

    RispondiElimina
  2. ehi...una cena così la faremmo volentieri pure noi!! pane fatto in casa e burrata..cosa si può volere di meglio!
    bellissimo il lavoro ai ferri! davvero brava!!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Ho avuto una matrigna,ma benevola e ho una sorellastra che mi vuole bene.

    Versi molto intensi,particolarmente intensi...

    RispondiElimina
  4. Caspita Lo! E' fantastico!

    RispondiElimina
  5. buono pane fresco e burrata! Complimenti per il gilet della gnoma! Davvero carino, hai ragione!!... non ho visto l'orridogilet del galletto, ma questo è proprio bello... le mtande di lana potrebbero tenere caldo, ma forse non sono comodissime... hihi! a presto, buona giornata! S.

    RispondiElimina
  6. Si ho capito tutto! In un'altra vita eravamo amiche per la pelle!!!
    Anch'io sferruzzoooooooo
    Questo gilet per la gnomuccia è delizioso!
    Il pane poi...La genuinità inpanificata!
    Pupicchia buona giornata
    un bacilL0.

    RispondiElimina
  7. Ciao Lo!
    Anche a me piace qualche volta fare una cena a base di panini, che riservo alla domenica sera, il mio ragazzo aveva un bar e me ne prepara di fantastici!
    Ah per quanto riguarda il tuo gilet sei stata davvero brava, io non saprei nemmeno da quale parte iniziare...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Lo, questo pane è semplicemente favoloso, proprio come il tuo racconto...Devo recuperare la madre per produrre un pane DOC!
    mamma mia me lo mangerei tutto quel panone!
    Baci

    RispondiElimina
  9. La modestia quando si è brave non serve:P
    E tu lo sei sia in cucina che ai ferri e a dir la verità sospetto che tu lo sia anche nella vita:)))

    RispondiElimina
  10. che brava che sei!! io a maglia son troppo negata, lavoro troppo serrato fino quasi a farmi male ma non so far meglio :-(
    Quanto al pane, che dire? Mi hai messo addosso una voglia di panificazione che mi tormenta da qualche settimana.. Ma voglio fare le cose per bene ed ho deciso di cominciare con la produzione della pasta madre. Ho deciso di accrescere la mia pazienza e credo che questa mi sarà di molto aiuto nell'esercitarla.
    Buona giornata, amica cara. :-)

    RispondiElimina
  11. Mi sono emozionata leggendo ciò che hai scritto. Le stanze, il lavandino, l'armadio con le nostre impronte, il nostro odore, la nostra vita rimasta lì a ricordarci chi siamo e quell'armatura d'oro a proteggerci dall'intensità, dal riverbero! Sono entrata dentro le parole.....
    Il gilet per la gnoma è bellissimo, nei colori, nella forma, nell'amore. Così come quella pagnotta di pane. Incantesimi d'amore!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. Ecco perché dovevi fotografare capi di lana!!! Ma guarda che questo gilet è bellissimo!!! E pure il pane, sembra anche lui la treccia di un maglione di lana grossa, di quelli che ti abbracciano, come quello che indosso ora. E la burrata è divina :-)

    RispondiElimina
  13. Uh! Qui il lievito made non viene manco se gli sparo... Il lavoro a ferri lo so fare ma lo trovo poco soddisfacente... Quel pane mi fa invidia e... vado a nascondermi, ecco!

    RispondiElimina
  14. Dai sono la tua 40esima lettrice! Bellissimo il gilet e un vero spettacolo la cena, all'insegna della semplicità ma vuoi mettere che gusto! Il pane è lievitato magnificamente... Che bello!

    RispondiElimina
  15. La mia cena ideale! Pane e formaggio (uuuuh la burrata fresca che goloserrima!).
    Io ieri ho pranzato con pane di segale ancora tiepidino, un pezzettino di formaggio monte e 4 noci. Stavaccata sul divano, leggendo un libro in santa pace... Che bello!

    (anch'io voglio una cosina tricottata dalle zampette della gallinella... mi basta una cosa piccola, che ne so, una toppa!)

    RispondiElimina
  16. Che buono il pane con i semi di sesamo!!!!!!!! e il gilè carinissimo!! sei bravissima a saper anche lavorare a maglia!!!!baci baci

    RispondiElimina
  17. Il pane p stupendo ed il gilet mi sembra bene no?

    RispondiElimina
  18. Simo sono un'autocasinara eheh diciamo che io avevo una nonna bravissima e la guardavo, ho una sorella bellissima e la guardavo poi ho lavorato al centro anziani e le signore mi hanno fatto giocare parecchio...ora ho messo insieme tutto e trac..ovviamente stressando qualche amica..ehehe chiedi alla Ines ;)
    P.s. tesoro vedrai che la dieta sarà un successo!

    Manu, Silvia la burrata era stupenda freschissima appena fatta dalla lattaia..ve la immaginate?

    Stella mi sa che tutto le matrigne non escono con il buco...mannaggia!

    Ines...la mia maestra magliaia ti piace??? è sulle misure che devo capire pensavo fosse grandissimo invece è perfetto opsssssss

    Silvia eheh e se le faccio di cotone? forse un po' rigide...hai presente i costumi anni '80 all'uncinetto?? ;)...l'orridogilet merita una storia a parte!

    Pagnottella perchè in un'altra vita??? no dai adesso...amiche!! se sferruzzi ti stresseròòòòòòòòòò si si si

    Camomilla allora devi iniziare una nuova rubrica sul tuo blog...quella dei panini! :)

    Saretta se vuoi te la spedisco la madre (non la mia eheh la pasta madre)! grazie

    Swt che grande complimenti grazie di cuore...davvero :)

    Sunny allora: programminoooooo...fai la pasta madre, eserciti la pazienza, allenti lo stress e lavori a maglia morbido...che dici? un bacione

    Sabrina...grazie....ma è così...ogni cosa parla, ogni cosa ha una storia da raccontare..basta saper prestare l'orecchio e ora devo difendere queste cose per evitare che qualcuno cancelli..un bacione

    Onde eheh grazie....alla fine le foto erano mostruose e allora sono andata di taglia la foto che è meglio...grazie mille, il pane era davvero bello sembrava fatto di sole così biondo e la burrata...come si può non prenderla se sai che hanno appena trasformato il latte munto in quella cosa???

    Cri se gli spari forse si sente minacciata la pasta madre...devi essere delicata...vuoi che ti spedisco un po' di lorenzina???
    La maglia sai perchè ora mi da soddisfazione...perchè è utili, io a volte ho bisogno di perdermi in queste cose ripetitive...a volte crocetto..ma poi non è che mi sembra utilissimo invece questi caldi gilet ...
    un bacione

    Kitty...w la 40°!!! ehh si a volte basta proprio quella semplicità per stare bene e la bellezza era gratificata dal pane...un bacione

    Cri qunado vieni nel pollaio ti devo troppo portare nella latteria del paese...diventi pazza...giuro che ti tricotterò una toppa ;)

    Grazie Claudia..bravissima è una parola grossa però!

    Michela si sembra anche a me! un bacione

    RispondiElimina
  19. il pane di semola è quello che preferisco in assoluto! il tuo è perfetto!

    RispondiElimina
  20. E' troooooooooppoooooo beeeelllo!!! Sembra davvero un'armatura d'oro, che se te lo metti sei coraggioso come chessò tipoooo moschettiere del re ma anche tenera e dolce come la piccola fiammiferaia ma anche intraprendente come la Stella della Senna e determinata come Lady Oscar e protetta dall'amore della mamma come Harry Potter. Tutto assieme era difficilissssimo ma tu ci sei riuscita! mille milioni di complimenti!

    Aspetto la tua mail come si aspetta un'ancora di salvezza! Grazie.

    RispondiElimina
  21. L'anonimo sono io -____-'
    Ines!!

    RispondiElimina
  22. Tesoro bello...In tutto nella mia vita ho realizzato 3 sciarpe un maglione, una pettorina, sai quelle estive con la spalla di fuori legate al collo, una presina a forma di cuore (che sto finendo) per il mio super amore!
    Chiedimi tutto ciò che vuoi, al max chiedo ad una cara amica BRAVISSIMA!
    Ti bacio...

    RispondiElimina
  23. ciao,
    la tua gnoma quanti anni ha? la mia ne ha quasi 9 e mi chiede di insegnarle a lavorare a ferri....purtroppo il tempo è tiranno, ma lo farò come ha ha fatto mia mamma con me( anch'io come te ero curiosa e 'spiavo' mamma zie ed etc nei vari lavori come in cucina),,,e poi mia mamma mi diceva sempre - impara l'arte e mettila da parte- e poi - chi sa fare sa anche comandare-
    complimenti!

    RispondiElimina
  24. questa gnoma è davvero fortunata perchè ha qualcuno che le regala un'armatura dentro e fuori ; possono chiudere le imposte ma non possono chiudere i ricordi perchè scivolano come il vento sotto la porta , mettono tutto a soqquadro e poi fuggono dalla finestra...e l'amore che impasti col pane le darà il coraggio oltre ogni cosa perchè lo porterà sempre nel cuore.

    RispondiElimina
  25. Ciao Lo!! il gilet è stupendo ma il paneeee...che meraviglia!!! sei fantastica!

    RispondiElimina
  26. Lo,di un gilet ne hai fatto una poesia!
    Evocare certi ricordi fa solo bene all'anima...
    Fortunata la gnoma!

    Ciao,buon pomeriggio

    RispondiElimina
  27. Il gilet è bellissimo, sei bravissima Lò!
    Grazie per la ricetta del pane, ha un aria così invitante..gnam gnam!
    baci Elena

    RispondiElimina
  28. Anche io ne voglio uno!!!!! Come la gnoma:))) Verrei a casa tua a imparare molto volentieri, bravissima mia gallina preferita!

    RispondiElimina
  29. Anche io ne voglio uno!!!!! Come la gnoma:))) Verrei a casa tua a imparare molto volentieri, bravissima mia gallina preferita!

    RispondiElimina
  30. ma sei una maglierista nata!!!!!! e poi con la pratica affini la tua arte! ;-)
    quel pane ...squisitoooooooooo..... ma ora non lo posso mangiare...... per un pò.......poi mi rifaccio alla grande!! un bacione

    RispondiElimina
  31. Il gilet è bellissimo, anch'io prima lavoravo a maglia ma per ora non riesco a trovare il tempo.
    Il pane di semola è squisito, io lo faccio con la mdp, non è bello come il tuo treccione però viene bene. Nei prossimi giorni posto le dosi, ti aspetto.
    Baci
    Cannelle

    RispondiElimina
  32. Che bel gilet, la tua dolce gnoma sarà felicissima di indossarlo.
    Il pane stupendo ottima cenetta ciao

    RispondiElimina
  33. Lo, sei una donna da mille risorse!! Non solo scrivi e cucini, ma anche fai la maglia!! Bravissima!!
    Baci!

    RispondiElimina
  34. l'armatura d'oro è quanto di più prezioso possiamo stringere nel nostro cuore ... grazie sempre delle tue parole cara Lo ... e quel pane è spettacolare!
    il gilet poi ... uno schianto!
    ti abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  35. che carino il gilet ci s ta propio bene e brava la mamam quante cose che sa fare io prima pure lavoravo a maglia e uncinetto mi piaceva fare il filet ma pure adesso ma non ho tempo di farlo il piccolo mi tiene troppo occupata,
    il pane meravigliosoooo

    RispondiElimina
  36. Micaela grazie..per la semola ho una grande preferenza! ;)

    Ines la gnoma lo sta usando così...se lo mette come uno scudo e non lo toglie mai...che tenera!

    Pagnottella eheh il tuo curriculum è meglio del mio! ;)

    Margherita la gnoma farà a giorni 10 anni, lei non è attratta da queste arti pazienti...anche se le ho chiesto se vuole provare,li è più da ti canto una canzone? no anche 10...eheh un bacione

    Caty...hai ragione...ma la gnoma deve fare ancora un po' di esprienza per capire...allora con lo scudo affronta tutto!

    Sara...grazie...in effetti è lievitato in modo prfetto...da fotomodello ;)

    Grazie Sirio...

    Elena qui il pane se lo si attacca appena fuori dal forno non ha nessuna speranza di vedere il domani, mentre se si aspetta...ecco forse allora qualche giorno dura!

    Elga sarebbe molto divertente...anche perchè io non è che ho da insegnare...facciamo sperimentazioni ;)

    Pippi anche tu in castigo con il pane?????? ma povero pane che vi ha fatto? il mio è anche senza grassi ;)

    Cannelle verrò sicuramente a vedere a presto :)

    Sorby si è felice...ha deciso che lo lavo durante il fine settimana e lei lo indossa in settimana...a volte sembra un fagotto bitorzoluto...ma è felice!

    Rossa bhe diciamo che ci provo...

    Dida...che responsabilità gioiosa quella dei genitori che devono dare questa armatura contro il mondo e per il mondo un bacione

    Silvana...chissà che brava...io a volte ne sento il bisogno di mettermi lì e tric e trac!

    RispondiElimina
  37. te l' ho mai detto che scendi fino in fondo al cuore?
    Un abbraccio a te, alla gnoma, al galletto!

    RispondiElimina
  38. grazie Elle che meraviglia....

    RispondiElimina