giovedì 5 febbraio 2009

Che pesci pigliare?



"Buonasera. Chi lo direbbe, siamo circondati dal mare e importiamo il 70% del pesce! Questo perchè il nostro mediterraneo è in assoluto il mare più sfruttato. La popolazione costiera vive sulla risorsa, e siccome sono in troppi, la risorsa scarseggia, e allora arrivano le sovvenzioni, sulla barca, sulla manutenzione della barca, il gasolio a prezzo politico e poi la sovvenzione sul gasolio, arrivate ad agosto dopo le proteste per il caro petrolio, e così sono sempre tutti incentivati ad andare sempre per mare a cercare un pesce che è sempre meno. L'esempio più eclatante di mala gestione della politica della pesca in Italia inizia con una pioggia di contributi europei e nazionali elargiti 10 anni fa ai pescatori di pesce spada perchè smettessero di usare le reti a maglia larga."
Milena Gabbanelli dalla Trasmissione Report del 16.11.2008.

Avevo visto questa inchiesta ed ero rimasta sconvolta. Da allora la mia spesa di pesce è ridotta, sparita. Ora una guida del WWF ci aiuta a fare la cosa giusta....perchè è stramaledettamente vero e non nascondiamoci dietro ad un dito:

TUTTO PARTE DAL BASSO E POI VA SU


La guida Sai che pesci pigliare? ci dice quali specie di pesci, crostacei e molluschi scegliere al momento dell’acquisto, cosa consumare, avendo la coscienza ecologica a posto, e cosa invece lasciar stare in mare. Semaforo verde per acciughe, per esempio, e per ostriche, rombi chiodati d’allevamento, sgombri. Semaforo arancione per mazzancolle, astici, seppie, sogliole, salmoni, orate. Semaforo rosso per l'anguilla, il tonno rosso, il pesce spada. Tutti tranquilli dunque nell’acquisto in pescheria per tutte le specie inserite nella lista verde: il WWF da il via libera poiché questi pesci soddisfano gran parte dei criteri compatibili con la salvaguardia degli stock e con un prelievo in mare sostenibile. Nella lista gialla sono invece inserite quelle specie che, se consumate con elevata frequenza, potrebbero andare incontro ad impatti eccessivi, e dunque, più cautela al momento dell’acquisto. I pesci elencati sotto il semaforo rosso dovrebbero essere evitati del tutto: per loro anche un consumo ridotto può incidere sullo stato degli stock e, in taluni casi, la reperibilità del prodotto può avere elevati costi energetici senza garanzie di ridotti costi ambientali.
tratto da WWF
Ringrazio SalsadiSapa e Essenza di Vaniglia che mi hanno fatto conoscere questa iniziativa, che vi chiedo di far girare tra i blog!

29 commenti:

  1. Grazie per queste notizie interessantissime... bisognerebbe trovare il modo per conciliare la coscienza ecologica con l'importanza di mangiare pesce: io da quando lo assumo con più regolarità sto molto meglio da molti punti di vista, anche se confesso di non badare tanto all'origine quanto al fatto che le confezioni siano contrassegnate con la dicitura e il simbolo che garantiscono che la pesca è avvenuta con sistemi a basso impatto ambientale. In Croazia ho assistito alla pesca a strascico ed è quanto di più simile a un flagello abbia mai visto...

    RispondiElimina
  2. grazie di questo passaparola , chissà perchè pensavo certe specie in realtà fossero allevate ( ma forse devo leggere bene la provenienza) ; adesso me lo studio e memorizzo bene e vedo se riesco a riportare correttamente le pagine .una buona giornata qui nebbiosa , nebbiosa..

    RispondiElimina
  3. utilissimo passa parola,da casa me lo guardo con calma e lo faccio girare anche su AngoloCottura

    un bacione ;)

    RispondiElimina
  4. Ciao Lo...mi era già venuto il fegato marcio ad ottobre, dopo una puntata di Report, sullo scempio operato dai pescatori italiani...una cosa a dir poco vergognosa!Se penso ai soldi che si sono beccati e quanto hanno distrutto certi...beh, meglio che mi efrmi qui.
    Io da tempo non mangio + il tonno, quando mangio sushi..anche se è poca roba.L'idicazione del WWF è molto interessante, grazie per averla ribadita!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. si è un iniziativa molto interessante è importante il nostro passaparole perchè siamo noi consumatori che possiamo fare la differenza

    RispondiElimina
  6. L'avevo visto da Essenza...e me lo son salvato!
    Grazie sempre per la tua precisione, Lo!!
    bacione

    RispondiElimina
  7. Onde io credo che ognuno deve seguire il suo istinto...noi qui non abbiamo voglia di pesce spesso, ma a volte si.. ora c'è questo strumento che ci aiuta a scegliere ed è un buon appoggio! un bacione

    Caty...alcuni pesci sono allevati..altri sono pescati...ma bisogna fidarsi dell'allevamento..avere delle garanzie che non diano solo schifezze da mangiare e che le condizioni siano rispettose...alla fine mi sta diventando più facile non mangiarlo...

    Grazie Mirtilla un bacione :)

    Saretta..hai ragione sarà anche il mio atteggiamento...poco e quel poco ben scelto! la puntata di report forse è la stessa che ho visto io..ero disgustata!

    Gunther esattamente quello che credo io! grazie

    Grazie a te Simo sei sempre attentissima e ti ammiro per questo un bacione

    RispondiElimina
  8. Ciao ma quante belle notizie che hai messo!!
    Io mangio spesso il pesce ma solo quello pescato dai miei figli ho quello che mi portano i miei parenti da Giulianova(fanno i pescatori per professione)
    Le rare volte che lo compro è sempre di allevamento ciao

    RispondiElimina
  9. D'accordo con Titty, la WM, abbiamo pubblicato il link all'articolo anche su Kucinare... il sito ha molti accessi è questa è... una poubblicità progresso ;-)

    RispondiElimina
  10. Cacchio comincio ad essere avanti anche io! Avevo visto la trasmissione e ho poi trovato una lista simile sul sito di Greenpeace con le stesse conclusioni che hai citato tu. Da allora sardine a manetta, che sono pure buone!
    Mia mamma le apre, ci mette dentro un ripieno di prezzemolo, cipolla, pan grattato e uova e poi le frigge... da leccarsi i baffi!!

    RispondiElimina
  11. Si avevo visto questa trasmissione..... grazie per le dritte, io comunque in genere non compro tonno, però in effetti le mazzancolle.....;-).......
    ma in compenso mangiamo tanto baccalà!
    un bacetto Pippi

    RispondiElimina
  12. Grazie Lo! Una guida utilissima! xoxo

    RispondiElimina
  13. Sorby...abitare vicino al mare sicuramente aiuta la scelta...io che sto a Varese...immaggina un po'! :)

    Grazie mille Cri! un bacione

    Ines..non è che cominci! tu sei avantiiiiiiiii pisquana del mio cuore! un bacione

    Pippi...il senso è sapere essere informati...poi una persona che sa sceglie con più consapevolezza! un abbraccio

    Babi, Micaela grazie a voi smuacks

    RispondiElimina
  14. Grazie Lo!!!! mitica come sempre!!

    RispondiElimina
  15. Bello questo post, brava Lo, in effetti facciamo troppe cose senza sapere mai niente di cosa c'è dietro...ma per fortuna i blog servono anche a questo!

    Ciaoooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  16. Brava Lo! E' importante il passaparola per questo genere di notizie! Ignoriamo troppe notizie fondamentali per tutelare la nostra salute e il nostro l'ambiente!
    Dovremmo usare la stesso metodo che viene utilizzato per i premi...chi lo riceve deve girarlo almeno a 5 persone! ;-)
    un bacione!

    RispondiElimina
  17. Ciao Lo grazie per le info al riguardo, starò molto attenta...!
    A presto, Elena

    RispondiElimina
  18. Sara...grazie!

    Aiuolik hai perfettamente ragione! un bacio

    Laura hai ragione...passaparola e consapevolezza! un bacione

    Grazie a te Elena! :)

    RispondiElimina
  19. Ciao Lo! Interessantissimo post. Mi state aiutantando a diventare una consumatrice più consapevole! Credo di aver visto anche io quella puntata di report in cui parlavano anche del "Pangasio" se non erro.
    Grazie per le utili info!
    A presto
    Elisa

    RispondiElimina
  20. Ciao lo, andrò sicuramente fuori tema, passo solo per un saluto veloce e per dirti che sono sopravvissuta.....ciaoooo

    RispondiElimina
  21. Ottima notizia Lo,conosco il problema seguendo per l'appunto Report.
    Va benissimo la guida,anche se credo che tutti sappiamo che il pesce azzurro in generale è il più facilmente reperibile ed ha le migliori proprietà nutritive!

    Ciao,un caro saluto.

    RispondiElimina
  22. ihihi... poveri pesciolini, io li lascio nuotare nel mare, a fare mille bollicine... glu glu glu...

    RispondiElimina
  23. L'idea quasi romantica dei pescatori che escono dalle pagine di Verga, la Provvidenza che solcava le acque del Mediterraneo con la speranza di portare a casa la cena, vengono a collidere con una realtà molto diversa. Portare a casa il pesce faceva la differenza tra mangiare o digiunare. Ora portare a casa il pesce ha tutto un altro senso. La pesca è diventata indiscriminata, selvaggia con conseguente impatto devastante. E' notizia fresca che in Giappone è stato battuto all'asta un tonno di 120 chili pinna blu, il più pregiato, a ottantamila euro. Questa è pura follia, questo è puro business. La colpa è dei consumatori, che pur di avere l'introvabile, meglio se vietato, bandito, non lecito, sono disposti a sborsare cifre da capogiro. Questo fa sì che pescatori di frodo continuino a devastare mari già devastati. Certa gente dovrebbe spolverare un po' più spesso la propria coscienza, c'è così tanta polvere sopra che è quasi un accessorio in disuso.
    E' fondamentalmente una questione di coscienza, speriamo che quest'opera di sensibilizzazione dia i suoi frutti.
    Aderire a questa iniziativa vorremmo che fosse non solo una mera operazione di copia e incolla, ma sarebbe bello se ognuno mettesse anche la propria faccia, il proprio punto di vista, come hai fatto tu. Lodevolmente!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  24. CUCU'...C'è ANCORA POSTO PER ME IN QUESTO POLLAIO...??? SCUSA PER L'ASSENZA...MI SEI MANCATA SAI?

    RispondiElimina
  25. Kitty si era proprio quella puntata! Grazie a te che sei attenta! Un bacione

    Gturs bene! un bacione

    SIrio perfetto e grazie per la precisazione! un abbraccio

    Se non fosse per l'invidia da robottino arancione dovresti essere santa subito!!! :)

    Sabrina, Luca grazie per il contributo...incominciamo noi a dimostrare che può essere un comportamento attivo e non solo blablabla...un abbraccio!

    Lale tesoro, come stai?? un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  26. brava lo! ricordarsi di avere una coscienza anche quando si mangia è un dovere morale di tutti, e diffondere un po' di cultura in merito è veramente utile :) bacioni!

    RispondiElimina
  27. grazie Salsina prchè tu sei la prima a diffondere questa cultura :)

    RispondiElimina
  28. ho guardato un pezzo del video...Che dolore!
    Adoro il pesce...Sopratutto quello azzurro...L'appuntamento fisso è con le alici e gli sgombri...
    Sper nel mio piccolo di poter contribuire e collaborare!

    RispondiElimina