giovedì 29 gennaio 2009

Il km 46: intorno al Seminario

Il freddo viene da dentro o da fuori?
Quando tutto è cristallizzato e fermo nel ghiaccio, quando si rabbrividisce e il gelo ti sfiora cerchi di combatterlo, cerchi di trovare il calore e di spalmartelo ovunque. Ma il calore nasce dal movimento ed è energia, il muoversi della gambe procura quel calore che si confonde con quello del cuore e ancora una volta la cornice della natura accompagna la nostra esplorazione. La cagnolina scodinzola felice, quello che chiede ce l'ha, tutto insieme, in un pomeriggio.
L'attenzione dei bipedi, un raggio di sole che scalda, della buffa e fredda polvere bianca in cui rotolarsi e lunghi tragitti di corsa. Non può dimenticare gli odori che la colpiscono e la incuriosiscono, si chiede annusandoli a chi appartengono e seguendone le tracce riconduce le storie.

La piccoletta è impegnatissima nel far sapere alle poche foglie che si muovono e ai canti degli abitanti del bosco che lei è un osso duro, chiunque lo desidera può fare i conti.
Ma poi si dimentica i pensieri pesanti e corre felice muovendo le orecchie allegre al ritmo del vento.
Piccola e assurda Patti...quanto tempo prima di
conoscere la tua bellezza.

Avevamo già percorso una parte di questo sentiero, dopo qualche giorno, durante le nostre vacanze natalizie, avevamo deciso di esplorarne una parte.
Il sentiero praticamente è sotto casa e percorrere il perimetro del Seminario Arcivescovile di Venegono Inferiore. Fa
parte dei percorsi del sistema del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate. E' il sentiero V1.

LASAGNE DI LENTICCHIE E CAVOLFIORE


per la lasagna
200 gr di farina
1 uova
acqua q.b.

ragù di lenticchie
un cavolfiore lesso
pezzettini di talleggella
parmigiano reggiano
burro

Preparare la sfoglia impastando la farina con l'uovo, aggiungendo acqua quanto basta per avere una palla elastica e soda. Tirare la pasta in sfoglie con la nonna papera.
Lessare il cavolfiore (io quando ho fretta, tolgo al cavolfiore tutte le foglie esterne, lo lavo sotto l'acqua, lo avvolgo nella pellicola per microonde e lo cuocio intero per 10 minuti), quindi schiacciare con una forchetta per ridurlo in purea.
Ungere una teglia da forno e mettere un primo stato di pasta, dopo averla lessata per un paio di minuti in abbondante acqua salata, distribuire alcune cucchiaiate di ragù di lenticchie e alcuni pezzetti di formaggio, continuare nello stesso modo per gli strati successivi.
All'ultimo strato di pasta, cospargere il parmigiano reggiano grattugiato con alcuni fiocchi di burro. Cuocere a 170° in forno ventilato per 30 minuti.


Queste lasagne sono state preparate dalla gnoma rossa, che ha alternato i diversi strati. Io l'ho aiutata nel lessare la pasta, come deve fare un aiuto cuoco! Anche con questa ricetta partecipo alla raccolta di Mikamarlez, ma dopo che le ha annusate, rubo la teglia e la porto ad Eleonora per la sua raccolta buffet.

31 commenti:

  1. Che bel college di foto!!!!! ottimo piatto.. di fare le lasagne con le lenticchie non ci avrei mai pensato....
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  2. care cuoche mi avete proprio sorpreso con la ricetta...buona!!!pensieri a cui dare forma quando loro invece vogliono solo seguire le foglie, un raggio di sole, un sentiero silenzioso come la nostra anima.vi abbraccio

    RispondiElimina
  3. queste lasagne sono decisamente una novità:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  4. ricettina particolare e sana da provare sicuramente, come tutti i tuoi piatti! baci

    RispondiElimina
  5. molto particolari queste lasagne e poi, lenticchie e cavolfiore è un'accoppiata tutta da provare!!
    un bacione

    RispondiElimina
  6. Che paesaggi quasi incantati.....
    ...e che incanto la lasagna!
    Slurpppp

    RispondiElimina
  7. bellissime queste foto!!!!
    artista nn solo della tavola ma anche degli scatti ;)

    RispondiElimina
  8. Grazie per la bellissima passeggiata, in compagnia della buffa, insotituibile Patti, e per questa ricetta scaldacuore, sana e completa, come tutte le tue

    RispondiElimina
  9. Io purtroppo ho le vacanze in luoghi fissi e prefissati. Però questo è proprio un bel posto... Riuscirò un giorno a vederlo? Mai disperare!

    Per le lasagne benchè abbiano un aspetto molto interessante, passo. qui i legumi vanno limitati, sob :-/.

    p.s. io ho messo la ricetta dei casunziei, che ti interessava ;-)

    RispondiElimina
  10. Non me lo sarei mai aspettata che il ragù di lenticchie finisse in una lasagna:O Idea geniale!!

    RispondiElimina
  11. Maya grazie!!! hai visto la natura che modella!!! piatto inaspettato e gustoso! ;)

    Caty...mia dolce poetessa..ci sentivamo così!

    Anna le trovi particolari? io avevo voglia di lasagna e sai le lenticchie sono così morbide!un abcio

    Laura sei gentilissima grazie!

    Manu, Silvia sull'accoppiata sono sicura...spesso li ho abbinati nei contorni..i sapori si sposano e anche la sensazione tattile e morbida è piacevole

    Simo ahah un incanto multiplo! grazie

    Mirtilla wow...questo complimenti mi fa gongolare...la fotografia è una scoperta nuova e ci provo davvero a migliorare grazie

    Onde la Patti è davvero buffa...che cane strambo! in effetti la lasagna è un piatto unico...si può rendere più morbida con una similbesciamella!

    Cri si sa mai che ci scappa un weekend no?? sarebbe bello! è una zona particolare la nostra: bella ma poco conosciuta...chi è che fa le vacanze nel varesotto? corro da te! grazie

    RispondiElimina
  12. Poesia anche in una gelida giornata..grande LO!Ma queste lasagne che buone devono essere?!
    Bacioni

    RispondiElimina
  13. ciao tesoro quanto mi piace leggerti!!! bacioni

    RispondiElimina
  14. Bel post....da brrrrividi Lo...anche qui fa freddo e si prevede ancora che aumenti..io non ne posso più...al mattino molte volte...sempre, vorrei restarme al caldo, a casa...ma il dovere mi impone l'uscita e gelarmi il naso e le mani :((((

    Bellissima versione di pasta al forno non c'avrei mai pensato, sai che faccio lasagne al lavoro tutti i giorni...mi intriga molto adoro l lenticchie il cavolfiore...la provo, sono sicura che mi scalderà...e ti pensero' :)))

    RispondiElimina
  15. Anche se non amo tantissimo il freddo, non so cosa darei per una passeggiata in quei luoghi.. invece che in mezzo al traffico in queste vie di Roma piene di palazzi.. sigh...La tua lasagna deve essere stata ottima... già con quel ragù che hai postato ieri con le lenticchie e l'aggiunta del cavolfiore e formaggo... gnamm gnammm golosissima!!!!! un bacione

    RispondiElimina
  16. Buongiorno Lo!
    bellissime le foto... insieme al racconto mi hanno dato la sensazione di passeggiare con te e la tua cagnolina tra gli alberi!
    geniale la lasagna con il ragù di lenticchie e il cavolfiore!
    baci!

    RispondiElimina
  17. buone queste lasagne!!! insolite però voglio provarle!

    RispondiElimina
  18. ...ma che brava la gnoma e la sua fida aiutante!
    Arriverà il giorno che una Golosastra scodinzolante ripercorrerà insieme a voi questi sentieri!
    Un abbraccioooooo!

    RispondiElimina
  19. Che bei posti!
    E che bella ricetta.

    RispondiElimina
  20. Saretta: lasagne buonebuonerrime...pensavo un po siape invece stupende! buona giornata..

    Manu grazie e ciao!

    ohh Mari...questo freddo che non sembra finire mai...e questo sole che si fa vedere davvero poco... ome ti capisco! davvero le provi?? poi mi fai sapere vero?
    bacissimo

    Claudia nemmeno io amo il freddo anziiiiiiiiiiiii ....ma insomma non si può stare tappati in casa a fare l'orso e io facevo prorpio così! un bacio

    Laura grazie per tutto :)

    Micaela che bello...poi mi fai sapere :)

    Cri...vai a commentare dal galletto se no non esci su fb ahahah
    ovvio che si scodinzolerà insieme allegramente! :)un bacione

    Michela grazie!

    RispondiElimina
  21. Lo, tu scrivi in maniera divina!!
    Cogliere le immagini, i particolari, le emozioni e tradurli in parole in maniera così semplice...

    Come stai? Studi studi studi??
    Una bacio:*

    RispondiElimina
  22. buone ste lasagne!!!Per scaldarsi dopo una bella passeggiata!!Complimenti per le foto!

    RispondiElimina
  23. che buone le lasagneeeeeeeee!! con le lenticchie no l'ho mai fatte ma le proverò! quindi ti rubo la ricettina ghghg

    bacini!!

    RispondiElimina
  24. Buone buone queste lasagnette!!!
    E sì, devo dire che è sempre un piacere leggerti!
    Un bacio
    Eva

    RispondiElimina
  25. Bhè che dire della cuoca gnoma....è bravissima!!! sono molto particolari queste lasagne bravissima gnometta prossima volta che le prepari fai un fischio che arrivooooo!!!
    Invece a te Lo, devo fare i complimenti solo per le foto,perchè da quello che ho capito non hai fatto un gran chè per preparare questo bel piatto di lasagne !! ehehehhe

    un bacio a tutte e due!
    Pippi

    RispondiElimina
  26. Gnam gnam ottima questa ricetta...mi sa che la faccio!!!
    Grazie!
    Ciao Elena

    RispondiElimina
  27. Ines grazie,,,ma forse sei tu che sai leggere in una maniera divina!studio studio studio.... :(

    Elisa grazie :)

    Sara ruba ruba siamo qui per questo! baciotto

    Eva sei gentilissima! grazie

    Effettivamente io non ho fatto nulla o quasi...la gnoma era molto impegnata...ehehe ma le foto si quelle sono mie ne vuoi mangiare una? ehehe :)

    Elena grazie! e se la fai mi dici? ;)

    RispondiElimina
  28. Mai provate le lasagne così, interessante :-)

    RispondiElimina
  29. Ma questa lasagna è un'idea favolosa :P
    Un bacione

    RispondiElimina
  30. Proprio di mettere insieme lenticchie e cavolfiore non ci avrei mai pensato!!!

    Foto e luoghi bellissimi....
    Ciao lo e buona serata.

    RispondiElimina
  31. Aiuolik...mi sono venute in mente perchè non avevo voglia di carne...ma di lasagna si! :)

    Ery...grazie! :)

    Gturs..davvero il bello è così vicino a casa..tu lo sai cogliere bene nel tuo meraviglioso paese...ci provo anche io...giuro che lenticchie e cavolfiore buoneeeeeeeee! :)

    RispondiElimina