martedì 27 gennaio 2009

Il giorno della memoria

27 gennaio 2009
1945

SE QUESTO E' UN UOMO

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case;
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no

Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno

Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,

Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia ve lo impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.
Primo Levi

2009

A cosa è servito?
Zitti, vi prego stiamo zitti, ma guardiamoci per trenta secondi allo specchio e frughiamoci dentro, per una volta facendoci male, ma male sul serio, perché questo male è nulla contro quello che è già stato, contro quello che è ora.

Davvero abbiamo scelto la pace ogni giorno?
Mentre guardavamo il nostro vicino, lo straniero per strada, camminando o guidando nella coda, davvero abbiamo scelto la pace mentre sceglievamo di cosa vestirci, di cosa mangiare, di cosa ridere?

Ci salviamo perché siamo lontani, ma se fossimo noi?
Ancora, a cosa è servito?

Celebrano questo giorno anche Sisifo, Dida, CieloMioMarito, Sweetcook, Panettona, Caty, Geillis, Simona, Elle, Laura , Serena, Sirio, Betty. Gturs. Grazie.

Un anno fa: 27 gennaio 2008

48 commenti:

  1. grazie lo...per la tua sensibilita'..per esserci sempre!!

    RispondiElimina
  2. Fermiamoci tutti a riflettere su queste tue parole.....
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Solo lacrime da versare per questo giorno e....tanta rabbia!!!!
    Buon lunedi

    RispondiElimina
  4. Queste parole dovrebbero farci riflettere seriamente... non aggiungo altro, il tuo post dice tutto.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Questo post cade in un giorno per me molto triste, per altri motivi, forse, agli occhi degli altri, futili, ma che comunque mi gonfiano il cuore... e di fronte alle disgrazie, la mia, come quella, molto più "universale" di cui parli, non posso che chiedermi non "se questo è un uomo", ma se questa, quella di tutti noi, è vita...

    RispondiElimina
  6. GRAZIE LO ...
    sto preparando anch'io il mio post ...
    ti abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  7. Da quando lessi da ragazzina quel libro, non me scordai più.
    Non aggiungo altre parole se non silenzioso rispetto.
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. ...........
    mi hai fatto commuovere......... grazie!

    RispondiElimina
  9. Grazie a te Mirtilla perchè mi leggi sempre!

    Fermiamoci davvero Simo!

    Cri .....

    Mariluna già...ci sentiamo impotente...allora scoviamo il bandolo del nostro potere

    Un bacio Camomilla...

    Onde mi dispiace...non esiste una classifica dei dolori, esistono solo le conseguenze degli atteggiamenti di ciascuno che a volte ti portano a dire se...
    un abbraccio

    Dida lo aspetto!

    Saretta un silenzio per riflettere!

    Caty non lo so davvero...

    Cipolla grazie a te che ti commuovi un abbraccio



    Cri....

    RispondiElimina
  10. Onestamente non so a cosa sia servito.
    Si passa sopra a tutto.
    Immagino non si possa aggiungere nient'altro.
    Tranne che per le cattiverie c'è sempre il peggio, per fare del male c'è sempre tempo.

    RispondiElimina
  11. Mi vengono i brividi...Ciao

    RispondiElimina
  12. ci sono cose di cui davvero non si trova il senso .non smettiamo di pensare , mai.

    RispondiElimina
  13. bacissimi Sara!

    Michela però nel nostro piccolo evitiamo che succeda almeno nel nostro piccolo un bacione

    Ciao Maya...ma è così...

    Caty..ma quanti non pensano? è questo il dramma...a volte mi sento davvero in minoranza...un bacione

    RispondiElimina
  14. Grazie della citazione, siamo sulla stessa lunghezza d'onda.Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te.Mi sono poi limitato nelle immagine cruente dei bambini massacrati a Gaza e mi rendo sempre più conto quanto si è privilegiato un Israele per ripulirsi forse la coscenza delle atrocità fatte a discapito di un popolo palestinese.
    Mi auguro che riescano un giorno a convivere, ma ne dubito, ciò che hanno vissuto questi bambini sarà l'odio di un domani.
    un abbraccio sISIFO

    RispondiElimina
  15. .... a volte mi è capitato, ascoltando i racconti dei nonni, leggendo un libro, o guardando un film sull'olocausto, di pensare "e se fosse capitato a me, alla mia famiglia?"... Non credo si possa nemmeno lontanamente immaginare se non si è vissuto... noi non potremo mai capire, è per questo che spesso ci lasciamo sfuggire parole o gesti intolleranti, perché non sappiamo l'orrore che possono produrre... Grazie Lo

    RispondiElimina
  16. cara lo, ogni anno soffro moltissimo al ricordo di quanto accaduto, di quanto accade tutt'ora, soffro ancora di più nel rendermi conto che spesso tanto corriamo che troviamo solo un giorno l'anno, o poco più, per ricordarci di tutto questo :(
    ti saluto con le parole di una sopravvissuta all'olocausto, che hoi appena sentito in tv.
    "Voi lo raccontate. Ma io l'ho vissuto. Non potrete mai capire davvero cosa significa."

    Quanto è vero :-(

    RispondiElimina
  17. come sempre sai esprimere benissimo i tuoi pensieri e non posso che condividere le tue parole... Silvia

    RispondiElimina
  18. Nessuna giustificazione di fronte a questi orrori, nessuna giustificazione per l'indifferenza, la storia si ripete, gli uomini non imparano mai.
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  19. Mara....

    Sisifo...ti abbraccio.

    Vera ma non sei agghiacciate nel pensare che mentre tu cammini, respiri, lavori...sta capitando ad altri, ora...

    Un abbraccio Arietta...e grazie

    Silvia virtualmente ci teniamo per mano...

    Sabrina Luca...non imparariamo semrba di no...

    RispondiElimina
  20. Diciamo che non si dovrebbe mai dimenticare, ed è vero...ma questo non impedisce che altre simili atrocità succedano ancora nel mondo, e noi abbiamo la fortuna di esserne lontani, ma anche la responsabilità di non far finta di non vedere...

    Un abbraccio forte :*

    RispondiElimina
  21. Lo ... il post c'è ... ci tengo tanto che tu lo leggi e mi dici cosa ne pensi ... ho avuto il dubbio che fosse troppo per un blog di cucina ma ... questa sono io ...
    ti abbraccio forte
    dida

    RispondiElimina
  22. occorre ricordare, ma oggi più che mai su queelo che in qualche modo continua ripetersi.

    RispondiElimina
  23. Giorno della Memoria - Shoah, Omocausto, Porajmos - Con ogni colore ci avete ucciso, da ogni colore riprendiamo vita

    Otto colori, un solo triangolo. Otto motivi di odio, intolleranza e strage. Un solo motivo per rinascere: la vita.

    http://noirpink.blogspot.com/2009/01/giornata-della-memoria-con-ogni-colore.html

    Per non dimenticare. Nessuno.

    RispondiElimina
  24. ricordiamo per non dimenticare, per essere persone migliori! baci

    RispondiElimina
  25. ciao tesoro un abbraccione!!!

    RispondiElimina
  26. Grazie...
    è lo stesso brano che stamattina ho letto ai miei figli... facendogli vedere le foto dei cadaveri... dei bambini.... delle ossa sporgenti... le testimonianze... qualcuno penserà che sono troppo dura con loro, io penso che anche se piccoli debbano conoscere e vedere il dolore la morte e la sofferenza.... penso che tutto questo non gli farà male, se saranno aiutati a capire... perchè la conoscenza degli orrori commessi tanto tempo fà e che continuano a succedere li possa in qualche modo far riflettere e li possa aiutare a diventare UOMINI VERI uomini con un CUORE... grazie
    e ciao...
    Ely

    RispondiElimina
  27. Non dobbiamo dimenticare quello che è successo, anche se fa male ricordare. In teoria dagli errori, in questo caso dagli orrori, si impara, ma in pratica mi chiedo se questo sia vero. Ogni giorno davanti al tg, ogni volta che leggo certi manifesti affissi sui muri, di continuo mi chiedo se questo sia vero. L'uomo ha forse una qualche molecola nascosta da qualche parte del suo organismo che cancella il dolore legato a certi fatti? Visto quante guerre inutili e morti innocenti io penso proprio di si, con amarezza.

    RispondiElimina
  28. GRAZIE!!!
    credo che la tv dovrebbe trasmettere un po' più documentari e meno oche giulive ...

    RispondiElimina
  29. Ho compreso lo shoah il giorno che ho letto il libro di primo levi "se questo è un uomo".

    non c'è niente da dire su quell'abominio.
    pensare e riflettere, oggi e gli altri 364 giorni dell'anno.

    un bacio

    RispondiElimina
  30. Ciboulette esattamente così...e mi chiedo cosa posso fare? e così ho deciso che io vivo in pace anche nelle piccole cose un abbraccio

    Dida è perfetto

    Antonio ho sempre pensato chericordare fosse istinto nell'uomo poi ho scoperto che è più d'istinto l'opportunismo.

    NoirPink ..e che nessuno sia nessuno.

    Sweet :)

    Grazie Laura un bacio

    Ciao Manu un abbraccio

    Ely ho fatto la stessa cosa..alei è venuto il magone e ha subito cercato di cambiare discorso..sapendo che oramai quelle parole le sono nella testa...un abrbaccio

    Babi...in pratica a volte è orrendo... che tristezza

    Panettona grazie a te

    Laura...ogni giorno ...un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Per non dimenticare.
    Grazie Lorenza

    RispondiElimina
  32. questo dolore è un motivo in più per cercare il nostro riscatto... nel bene, nell'amore e nella luce questa volta!
    ti abbraccio stretta

    RispondiElimina
  33. ...purtroppo il mondo è ancora pieno di smemorati... :-(

    RispondiElimina
  34. IO non voglio dimenticare perche se lo facessimo lasceremo il posto a nuove atrocità!!!
    Ciao lo, un caloroso abbraccio.

    RispondiElimina
  35. Ciao Lo,grazie per la citazione.
    Il giorno "per non dimenticare" deve servire a noi per adoperarci affinchè gli Ebrei o qualunque altro popolo abbia vissuto o viva tuttora queste atrocità,da noi,nella "democratica" Italia,possa vedere e sentire condiviso il loro diritto alla pace,diritto ad un territorio e ad uno Stato.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  36. grazie a te , grazie a voi ,; la coscienza si tiene viva giorno per giorno. ti abbraccio

    RispondiElimina
  37. Grazie anche a te per questo pensiero, per non dimenticare ..
    Baci

    RispondiElimina
  38. Grazie a te Laura

    Elle un abbraccio

    Vivi hai ragione grazie per l'abbraccio :)

    Elisabetta lo so :(

    Gturs non lo facciamo e lo passiamo ai nostri figli un bacio

    Sirio grazie a te

    Caty un abbraccio

    Faury un abbraccio :)

    RispondiElimina
  39. ...ho appena finito di guardare su Sky "Il diario di Anna Frank".... non ci sono parole, lacrime, silenzi per poter capire cosa hanno davvero vissuto.

    RispondiElimina
  40. Paola benvenuta nel pollaio...e grazie per la tua testimonianza..non ci sono...ma non fermiamoci...perchè se si dimentica...che orrore!

    RispondiElimina