lunedì 15 dicembre 2008

E adesso che sei dovunque sei


Cosa c’entra questo cielo lucido
Che non è mai stato così blu
E chi se ne frega delle nuvole
Mentre qui manchi tu
Pomeriggio spompo di domenica
Come fanno gli altri a stare su
Non arriva neanche un po’ di musica
Quando qui manchi tu
E adesso che sei dovunque sei
Chissà se ti arriva il mio pensiero
Chissà se ne ridi o se ti fa piacere
Cosa c’entra quel tramonto inutile
Non ha l’aria di finire più
E ci tiene a dare il suo spettacolo
Mentre qui manchi tu
Così solo da provare panico
E c’è qualcun'altra qui con me
Devo avere proprio un aria stupida
Sai come è manchi te
E adesso che sei dovunque sei
Chissà se ti arriva il mio pensiero
Chissà se ne ridi o se ti fa piacere
E adesso che sei dovunque sei
Ridammelo indietro il mio pensiero
Deve esserci un modo per lasciarmi andare
Cosa c’entra questa notte giovane
Non mi cambia niente la tv
E che tristezza che mi fa quel comico
Quando qui manchi tu
E adesso che sei dovunque sei
Chissà se ti arriva il mio pensiero
Chissà se ne ridi o se ti fa piacere
E adesso che sei dovunque sei
Ridammelo indietro il mio pensiero
Deve esserci un modo per lasciarmi andare
Luciano Ligabue

Un anno fa finiva il nostro senso dell'attesa, per un arrivo che è durato poco, troppo poco tempo, ma è stato immensamente intenso e gravoso. Doveva essere il primo Natale, è stato l'ultimo ed unico. Quattro vite si sono incontrate, graffiate, abbracciate ed amate, si sono strappate. Sono rimasti segni indelebili sull'anima, che spesso si fatica a respirare. Sorrido perché qualcuno mi ha chiesto di non farci caso, mi ha suggerito di non pensarci, mi ha imposto altre idiozie. Sorrido e sento i cuori di tutti noi che ancora pulsano troppo per chi è dentro noi, ma non è mai stato dentro a questa famiglia. Sorrido e piango per questo fantasma, che se c'è o non c'è, sempre fantasma rimane. La nostra vita si è ribaltata in pochi mesi, conoscendo gli estremi dell'amore: la gioia e il dolore. Questi giorni sono i giorni di un anniversario, quello dell'inizio di questo incontro che ci ha stravolto ed inevitabilmente cambiati. Accettare questa trasformazione è uno dei compiti più difficili, spesso tutto è confuso da delusione, rabbia, fallimento, spesso tutto è confuso con il senso di una mancanza assoluta e nello stesso tempo con la sensazione di estrema liberazione. Liberi da una gabbia di cristallo, che abbiamo frantumato e i cui pezzi sono conficcati in noi. Fra un po' arriva Natale, arriva lo stesso, nonostante sia stato il primo e l'ultimo quello dell'anno scorso. Celebrare un anniversario serve fare memoria, fare memoria serve per capire, capire serve per dire chi siamo, dire chi siamo vuol dire che siamo noi più quel pezzo.

PANE HOKKAIDO

450 gr di farina 00
150 gr di farina Manitoba
30 gr di fecola di patate
50g di pasta madre
80 gr di zucchero
9 gr di sale
1 uovo medio
210 gr di latte
100 gr di panna
crema spalmabile di nocciole equosolidale

Preparare un impasto, facendo sciogliere la pasta madre con un po' di latte tiepido, che andrà miscelato con le farine, il latte rimanente, la panna, l'uovo, la fecola di patate e lo zucchero e il sale. L'impasto deve risultare morbido, ma non appiccicoso.
Lasciar lievitare fino al raddoppio (io ho impastato la sera, lasciando lievitare per tutta la notte e continuando il mattino dopo).Dopo la lievitazione dividere la pasta in 4 parti, stendere ogni parte in una striscia, spalmare su ogni striscia la crema al cioccolato, arrotolare e disporre in uno stampo da plum cake.
Lasciar lievitare fino al raddoppio (circa 4\5 ore), spennellare delicatamente con de latte e infornare a 180° per circa 30 minuti.

La ricetta è di Serena, la persona che mi ha insegnato molto sulla pasta madre e l'ho trovata in questo fantastico forum. Io ho portato alcune piccole modifiche, usando la fecola di patate al posto del latte in polvere. Si può farcire anche con marmellate o lasciarlo così. Questa volta ho sostituito la panna con uno yogurt, risultato morbido ma leggermente meno morbido che con la panna. Mi è avanzata un po' di pasta, con quella ho formato delle palline che ho farcito con delle mele, marinate nel miele, nella cannella, con dei pezzettini di noci, le brioshine erano fantastiche.

49 commenti:

  1. Ciao Lo,
    non so dire altro se non che sento di volerti bene ... non so di preciso qual'è il tuo dolore ma so che, in questi giorni lo senti di più ... non so se le mie parole ti 'arriveranno' ma credo di si perchè tu sei speciale ... non so darti di più del mio abbraccio, virtuale si, ma forte ...
    dida

    RispondiElimina
  2. Ti abbraccio forte forte
    Annamaria

    RispondiElimina
  3. Sai quando mi hai scritto che tutto a un senso ma lo capiamo dopo? in realtà è il " quando" è questo dopo ,che non capiamo.i ricordi sono come scatole nello sgabuzzino , ma è un posto in disordine ; ne apriamo uno , lo guardiamo con amore e ci sentiamo sereni , ma mentre chiudiamo quella scatola dal coperchio a colori ne vediamo una vecchia da scarpe malconcia e decidiamo di aprire anche quella e affoghiamo in un dolore che ci coglie all'improvviso.Sò che qualcuno sorriderà ma penso a quella scena di grey's anatomy in cui la protagonista caduta in mare si lascia annegare senza reagire ( si , l'eroe poi la salva) perchè sente di non poter affrontare questo dolore della vita. A volte ci sentiamo proprio così e vorremmo non combattere più.poi guardo il mio albero e lui coi suoii rami verso il cielo mi insegna che bisogna avere speranza .Ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  4. "Se manchi tu...",una persona speciale non può essere sostituita da niente e da nessuno.

    RispondiElimina
  5. Non so cosa sia successo un anno fa.. ma ti abbarccio davvero molto forte...

    RispondiElimina
  6. Semina, semina
    l’importante è seminare:
    un po’, molto,
    tutto il grano della speranza.
    Semina il tuo sorriso,
    perché tutto splenda intorno a te.
    Semina la tua energia,
    la tua speranza
    per combattere e vincere
    la battaglia quando sembra perduta.
    Semina il tuo coraggio
    per risollevare quello degli altri.
    Semina il tuo entusiasmo
    per infiammare il tuo prossimo.
    Semina i tuoi slanci generosi,
    i tuoi desideri, la tua fiducia,
    la tua vita.
    Semina tutto ciò che c’è di bello in te,
    le piccole cose, i nonnulla.
    Semina, semina e abbi fiducia,
    ogni granellino arricchirà un piccolo angolo della terra.


    Un bacio... e basta.

    RispondiElimina
  7. mamma questa canzone la adoro!!! adoro anche te e lo sai!!! ti abbraccio fortissimo...anzi fortissimamente...ti voglio bene

    RispondiElimina
  8. Looooooo, scompiglia la tua mente dal dolore dei ricordi e tira fuori il lato bello che sicuramente c'è stato in quell'incontro, è vero che fisicamente è finito, ma chi se ne è andato, sicuramente si è portato un meraviglioso ricordo di voi stampato nel suo cuore( credo ti riferisca allo gnomo bruno)a volte dobbiamo andare oltre noi stessi...facile non è, ma se guardi quel musetto della gnoma rossa sicuramente ti aiuterà.
    In ogni caso, baci e abbracci a profusioneeeeeee!

    RispondiElimina
  9. Non so perchè oggi ti ho "aperta" per ultima anche se nella mia lista eri la prima. Non so perchè sono andata a scrivere prima sui commenti di Caty ma poi, rendendomi conto di quello che mi stava crescendo dentro, ho preferito fare un post. Che mi ha portato via tanto tempo ma mi ha riportato anche tanto bel tempo.
    E ora sono qui e leggo te e Caty e Cristina e piango senza un vero motivo, solo perchè vi sento vicine. Ed è un pianto "bello".
    Ti abbraccio Caty2

    RispondiElimina
  10. Lory posso solo darti il mio abbraccio e farti sentire tutto il bene che ti voglio!
    A volte la vita ci mette davanti a tanti ostacoli, tu cerca solo di prendere il lato positivo di tutto questo! Ti voglio bene :*

    RispondiElimina
  11. Cara, nemmeno io so quale sia la causa di questo dolore..abbracciandoti virtualmente ti dico solo di guardare a quanto di bello hai tra le mani.Il calore della piccola gnoma e del galletto ti aiuteranno a superare qualsiasi sofferenza!
    Un abcione

    RispondiElimina
  12. conta pure sul nostro sostegno!!! ti siamo vicine vicine!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  13. c'è un momento che capirai che ogni cosa, non avvine per caso e che tutto ha un senso, bisogna dare il giusto spazio alle cose, lo si impara con il tempo e sulle propria esperienza, è la cosa più bella!

    RispondiElimina
  14. In un momento di dolore non posso che rivolgerti un pensiero dolcissimo, anche se ci conosciamo appena ti abbraccio forte! Un bacio grande, dal cuore! Isa

    RispondiElimina
  15. che belle parole che scrivi.. sono cariche di emozione e mi viene spontaneo lasciarti un grande abbraccio!!!

    RispondiElimina
  16. qualche giorno fa ho conosciuto una persona alla quale ho aperto la mia mente... ho raccontato a questa persona, con poche parole, gli ultimi sette anni della mia vita, che non sono stati facili.... Mi ha solo detto una cosa "le carte della nostra vita non vengono spostate e mosse a caso, tutto ha un senso... e quando meno te lo aspetti, lo scoprirai".... per me è stato così.
    Il mio solito besitos alla mia gallina preferita.
    Mara

    RispondiElimina
  17. Lo non so bene a cosa tu ti riferisca, ma volevo dirti che ti sono vicina... spero che riuscirai a trovare un po' di serenità.
    Un abbraccio stritoloso

    RispondiElimina
  18. cara Lo, ti abbraccio forte...anche se da lontano, anche se "non ti conosco" -ma in realtà credo che ci conosciamo - vorrei che ti arrivasse il mio affetto.

    cambiando argomento e per dire qualcosa di leggero: la ricetta che hai messo mi sembra super!!!

    RispondiElimina
  19. Lo un abraccio!
    Ti posso solo dire che nulla nella vita acccade per caso.
    Le gioie i dolori fanno parte di noi e ci saranno sempre come il sorgere del sole.
    Dobbiamo godere a piene mani di quello che abbiamo, perchè quello che ci è stato tolto resterà sempre dentro di noi, vivrà nella nostra mente, nel nostro cuore ciao

    RispondiElimina
  20. E' una delle mie canzoni preferite...un abbraccio Lo!!!

    RispondiElimina
  21. .. ho capito. purtroppo, ho capito tutto.
    Ti abbraccio Lo. Di cuore. E ti dico che so, e comprendo,. E piango amari sorrisi, con te.

    RispondiElimina
  22. Dida cara....mi hai sentito subito...un abbraccio

    Grazie Laura, Grazie Anna..ricambio i vostri abbracci!

    E' esattamente così...Caty....è il quando che non capiamo...e io ho bisogno di celebrare questo ricordo per non lasciarlo rosicare dentro...un bacio

    Stella non voglio sostituirlo...

    Grazie Claudia!

    Grazie Cristina...è meravigliosa, semino ogni giorno come spero di aver seminato in quei giorni! un bacio

    Grazie Manu...a me questa canzone mette il magone...un abbraccio con affetto

    Cara Marta...è il non sapere se è così...non valgono i ma si vedrai che si ricorda, ma si ha lasciato un segno...l'ho visto dimenticare il suo viso, le sue mani e la sua storia e scegliere di dimenticare anche noi....come un pesce rosso che resetta la memoria ogni 20 secondi..lo spero...spero che quello che arriverà a galla nel momento che arriverà sia buono, spero anche possa avere quel momento per ricordare...un bacio

    Grazie Caty...anche io ho pianto..dopo aver letto i commenti di tutti...un pianto bello, dovevo farlo...dovevo scrivere e celebrare questa data..per avere il mio pianto bello..un bacio

    Grazie Michi e sai che considero il tuo abbraccio prezioso e forte...

    Saretta insieme guardiamo avanti ma è giusto tirare fuori e metterlo lì sul tavolo per non farci troppo male, perchè è parte di noi...grazie un abbraccio

    Direi golosissime Mirtillina :)

    Gunther...sono nell'attesa di quel momento è un percorso lungo e dobbiamo stare attenti anche di non dimenticare perchè dobbiamo trovare lo spazio di cui parli...grazie di tutto!

    Isabel il tuo abbraccio e quello di ognuno di voi è importantissimo

    Grazie Micaela e io me lo prendo! :)

    Grazie Mara so che hai ragione e in realtà in questi mesi noi ci siamo mossi per aspettare quel senso, è difficile vedere la gnoma rossa farlo e leggere nel mio compagno la fatica...che sono gli echi di me...ma aspettiamo...ci vorrà molto tempo, questo lo so! Grazie un bacio

    Camomilla stai tranquilla...la serenità c'è stata sempre anche durante la grande tempesta era strano sai soffrire ma sentire un sottile filo di serenità che è dentro di noi...grazie

    Polinnia...invece un po' ci si cono
    sce..attraverso le nsotre righe...grazie per l'abbraccio un bacione
    p.s. grazie anche per i complimenti ricettosi

    Sorby grazie di tutto..è questo il senso del post far rivivere dentro di noi...purtroppo ora c'è un po' di sofferenza, ma credo che con il tempo ogni anniversario sarà diverso

    Un bacio Sara, sapevo che ti piaceva la canzone

    Grazie Elle davvero tantissimo, grazie!

    RispondiElimina
  23. Passa e resto senza parole, anzi no delle parole ci sono...un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  24. Manu, Silvia....nello scorrere dei commenti mi siete sfuggite nella risposta...grazie di cuore...davvero tanto...mi avete emozionato!

    Grazie anche a te cara Anna un bacio

    RispondiElimina
  25. Ti capisco e tanto anche 4 anni sono passati ma non riesco a farmene una ragione,ti sono e vi sono vicina con il cuore con il dolore e con l'anima!!!

    RispondiElimina
  26. Chissà perchè l'arrivo del natale porta con se il ricordo di dolori mai spariti ma assopiti, perchè i dolori si attenuano ma non spariscono così come i ricordi e tutto ciò che di brutto o bello ha toccato la nostra esistenza.....come ti dissi tempo fa pensa solo che ciò che hai donato resterà un ricordo indelebile, meglio un giorno, una settimana o un mese di sorrisi e affetto che non averlo mai conosciuto, meglio un solo caldo abbraccio che una gelida solitudine, un forte abbraccio

    RispondiElimina
  27. Dolce Lo, vorrei riuscire a riparare le crepe del tuo cuore..Un bacio..

    RispondiElimina
  28. E io ti riempio di baci baci baci e tanti baci perchè sei davvero una persona splendida!!!
    E ti abbraccio pure!

    RispondiElimina
  29. Non conosco come altri, la tua storia, ti mando un abbraccio forte forte.... parole molto toccanti ciao Lo.

    RispondiElimina
  30. ciao Lo, forse ti riferisci allo gnomo bruno? non avevo capito molto la storia, ma le tue parole mi avevano davvero colpito molti mesi fa, erano le prime volte che ti leggevo. Qualunque cosa sia successa, ti mando un grosso abbraccio. Silvia

    RispondiElimina
  31. Anonimo dolce e caro...un abbraccio e grazie.

    Ele ..grazie..il caso ha voluto che questa storia iniziasse proprio a Natale..e finisse poco dopo...ma come dici te meglio qualcosa piuttosto che nulla...questo è quello che vale per noi e su cui stiamo lavorando...un bacio grazie

    Night fatina dolce...sai meglio di me che le crepe non si riparano...ma si sistemano grazie anche a persone meravigliose come te che ci sei sempre stata un bacio

    e io Susina me li prendo tutti tuttissimi un bacio

    Grazie Gturs...mi prendo con piacere l'abbraccio

    Si Silvia parlo proprio dello gnomo bruno...lo cerco ogni giorno per strada, ma poi non ne voglio sapere nulla, e poi lo cerco di nuovo...grazie per l'abbraccio

    RispondiElimina
  32. liga è sempre liga
    Ciao ho preparato un regalo per i miei amici di blog
    Passami a trovare qui
    lepaginedisisifo.blogspot.com
    Ti aspetto

    RispondiElimina
  33. Il Natale porta con sè tanta gioia ma risveglia anche tanti ricordi sopiti ma mai cancellati...
    Per me invece sarà il primo senza la nonna Gina...un bacio grande

    RispondiElimina
  34. Non posso sapere di preciso cosa ti ha spinto a scrivere queste parole, molto toccanti, lo posso però immaginare. Ti sono accanto con un grande abbraccio. Che questi blog possano essere, oltre che spensierati, un modo per stare accanto a chi ne ha bisogno...
    Notte cara

    RispondiElimina
  35. posso solo abbracciarti forte, e da lontano solo in modo virtuale, ma prova a chiudere gli occhi, lo sent? E un abbraccio vero....sei un bella persona, davvero :*)

    RispondiElimina
  36. Lo, vorrei dirti tante cose, ma che forse non servono.. le parole sono già dette, le lacrime piante, i sorrisi accennati..
    Ti stringo forte-forte, spero che tu senta un pò di calore in più. Sei una persona splendida, ti voglio bene!

    RispondiElimina
  37. Lo, rifatti a Benigni
    La vita è bella.
    Da che pulpito viene poi.
    Bacio

    RispondiElimina
  38. Grazie Sisifo per il tuo regalo :)

    Simo un abbraccio per questo Natale...senza la tua nonna.

    Grazie Elena di cuore

    Lo sento Elvira forte e intenso...grazie

    Rossa grazie di cuore un abbraccio

    Nino da un ottimo pulpito direi...la vita è bella lo so,lo sia anche tu...anche se quel pensiero torna, noi sorridiamo, il pensiero torna e per lui sorridiamo di più un bacio

    RispondiElimina
  39. Cara Lo......ti abbraccio forte!
    un bacio Pippi

    RispondiElimina
  40. Ti invito ad entrare nel blog di Andrea
    http://andreamatranga.blogspot.com/2008/12/e-natale-per-tutti-bambini.html
    ha qualcosa di molto importante da comunicare...sono certa che parteciperai anche tu:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  41. la mancanza....qualcosa di incolmabile sempre che lascia tracce indelebili come tu affermi, nella memoria e nel corpo...un pezzo che non c'é...cara lo mi stringo a te per darti un grande abbraccio e alleviare poco, molto poco , quasi nulla di questa tua mancanza...:-)***

    RispondiElimina
  42. ♥♥♥ ciao Lo ,mi spiace per quel che hai pasato e per quello he stai passando...sappi che io ti sono vicina ....so quel che si prova quando ti dicono non ci pensare vai avanti hai altri doveri ...dentro ti senti morire ma per amore si tira avanti e poi così una si illude che vive anche perchi non c'è...e sogni che...ma basta tesoro tu sei qui c'è la gnama il tuo amore e si va avanti ....ti abbraccio forte baci (^_^) ♥♥♥

    RispondiElimina
  43. un bacio Cri

    grazie Laura un abbraccio a te

    Andrò sicuramente a vedere :)Anna

    Mari come al solito le tue parole completano le mie e quindi mi abbandono al tuo abbraccio grazie!

    May...hai ragione lo si fa...tiri avanti non sopporto l'ipocrisia di chi è portato a minimizzare...grazie e un bacio

    RispondiElimina
  44. Non c'è bisogno di chiedere per capire un dolore.
    E ti dico che devi lasciarti andare ai ricordi ogni volta che un'ombra, una parola, un pensiero ti prende alle spalle.
    Anche se ciò significa sentirsi spezzare il cuore e mancare il respiro, ma devi continuare a ricordare.
    Ti sono vicina.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  45. :* mi dispiace ma passeranno altri anniversari e il pensiero andrà sempre lì... anche se ci saranno cose nuove e altri arrivi a riempirti la vita... certi vuoti restano incolmabili, nemmeno il tempo riesce ad alleviare un bacione lo

    RispondiElimina
  46. Serena hai ragione ...lo so lo so che sarà così so che farà male so che non voglio dimenticare nulla grazie

    Tati è così è un pezzo di me è pezzo di noi...un abbraccio

    RispondiElimina