venerdì 9 gennaio 2009

Nevica in inverno: assurdo!

La foto è del mio amico Ciccio, fatta a Gavirate - Lago di Varese! Grazie!

Ha nevicato, abbastanza, parecchio.
Partendo dal presupposto che a me la neve non piace per nulla e non mi è mai piaciuta potete capire come sto: un attimo stizzita.
Devo dire che con il tempo mi sono anche calmata, una volta sbarellavo proprio con la neve, la mia maestra di yoga mi aveva spiegato che c'era tutto un disequlibrio tra yin e yang e per questo motivo compravo quintali di primule appena scendeva un fiocco.
Tornando ad oggi, anzi all'altro ieri: ha nevicato. Ebbene si :quasi 40 cm di fiocchi sono scesi, ma volevo avvisare il mondo che era solo neve, cioè non era una tragedia, era solo banale e, per me, abbastanza noiosa neve.
Ho visto due generi di reazioni in questi giorni:
1. reazione di panico: il mondo sta per finire, siamo oramai alla canna del gas e l'effetto serra provoca tutta questa neve! Ma come tutta questa neve?? Non è che era tantissima, cioè in inverno sarebbe normale, almeno qui in questa zona.
Forse era il fatto che negli ultimi anni non si vedevano fiocchi e faceva spesso caldino che dovrebbe preoccupare...
La reazione da panico inonda e implode nel terrore da soffocamento da neve, che porta a spalare la neve a quintali e metterla possibilmente nel giardino del vicino. Se si trova un modo meccanico per asportarla, come quello di far passare nel viottolo privato di 1 metro scarso lo spazzaneve, così da limare anche i muri di casa, non è male.
Infine il panico prende mentre si guida e ci si incasina. Va bene non faccio la strafigonza, capisco che guidare sulla neve fa paura, ma appunto se fa paura non guidate, evitate, lasciate stare, non andate al volante con quel senso di agitazione opprimente per cui si riesce a slittare anche solo abbassando il finestrino elettrico.
Quello che davvero non mi so spiegare è quel meccanismo psicologico per cui si ritiene che mettere le catene da neve quando sono necessarie sia un'umiliazione gravissima, un'onta incancellabile, un'infamia, un disonore..
2. reazione da superman. Ho la convinzione che questa reazione sia tipica e insita del dna di molti miei vicini di casa, insomma di chi, natio di questa terra, sembra "avercelo duro" per questioni territoriali e forse a causa di un'eccessiva dieta basata su verza bollita.
In questo frangente si ha la reazione opposta alla precedente: nessun fiocco di neve, nemmeno se si presenta in massa e in esercito compatto con altri fiocchi di neve, può ostacolare la proverbiale voglia di produzione e di lavoro.
Se si inizia a lavorare ogni giorno alle 8.00, quando nevica, per una questione di principio, si inizia anche prima, senza troppo scomporsi e evitando che la neve disturbi questo impareggiabile impegno. Ci sono stati primi cittadini che si sono offesi perché i cittadini hanno osato non mandare i figli a scuola....cavoli mi dispiace, mi sento in colpa: io e la gnoma abbiamo dormito fino a tardi!
Si procede sempre avanti e la neve non ferma nessuno, nemmeno un auto mentre stende un povero pedone perché l'autista pretendeva di non modulare la velocità e andare sparato come sull'autostrada del sole...
Insomma è evidente che la neve è neve, ma per quanto non sia un cataclisma della natura, ma solo neve, un pochino rallenta. Lasciamo andare l'ansia da prestazione e rallentiamo.
Ecco l'unico pensiero carino che mi fa nascere la neve è il desiderio di camminare con lentezza, di muovermi a piedi, di ascoltarne il silenzio, di prendermi tempo, di godermi la casa.
Quest'anno sono stata brava, non ho comprato primule a quintali, ma ho deciso di sublimare l'effetto neve mostrando una carrellata di cose fatte negli ultimi mesi con la cucina solare.
Parlano anche qui e qui di neve.
1. ZUPPA DI ????
Ecco questa zuppa l'ho fatta sopra la cucina solare, c'erano i piselli e le carote, era buona...ma non mi ricordo come è venuta fuori...sicuramente c'era qualche altra cosa, ma non ne so nulla, ho un buco nero nella memoria, è da quando ho scaricato la foto (quindi da ottobre) che ci penso su, ma....bhoooooooo! Quasi quasi indico un concorso "Indovina l'ingrediente", vabbbèèèèèè ve la metto come testimonianza che la cucina solare cuoce...ho la certezza, perché uso solo quelli, che erano piselli secchi lasciati in ammollo 12 ore....
Questa invece è la polenta che cuoce sulla cucina solare, ho mischiato velocissimamente la farina di mais con l'acqua, poi ho coperto con un panno umido e cara Cri...giuro ho cotto 40 minuti alla vecchia maniera, non in modo blasfemo come con il micro!!!


Qui la polenta avanzata, riscaldata sulla cucina solare e le lenticchie in umido con carote...cotte sempre sulla cucinetta! Certo ora è dalla fine di novembre che non la uso più, anche perché il sole ho smesso di vederlo più o meno nello stesso tempo. Potrei provare a cucinare con il riflesso della neve....


Ho fatto anche litri e litri di brodo vegetale...mettevo su alla prima occhiata di sole il mio pentolone con una carota, zucchina, patata e altre verdure a caso e qualche foglia di alloro....e poi andava piano piano e si preparava! Ve lo dico o non ve lo dico che a Babbo Natale abbiamo chiesto un forno solare??? ...lui ha finanziato ora dobbiamo comprarlo!
Guardate un po' che strano: si parla della mia cucina solare qui!!! Ma pensa un po'!!!!

47 commenti:

  1. Carissima Lo,
    mi fai sempre sorridere e stamane sono pure riuscita ad entrare nel tuo blog dal pc dello studio senza che questo si bloccasse!!! Bhè ... decisamente un buon inizio di giornata, si cara, non so perchè, ma il motivo per cui non vengo a trovarti così spesso come vorrei è che, come detto, quando apro il tuo blog, 2 volte su 3, mi si blocca il pc, ora a casa rimedio e non fa niente, ma siccome buona parte della giornata la passo al lavoro, quando mi si blocca qui il pc è un casino!!! ripeto non conosco la ragione, un altro blog con cui me lo fa è quello di Ross, bhò???
    cmq i tuoi commenti sono pura energia ... solare per me, ti ricordi Daitan III??? caspita quanti anni sono passati, era il mio robot preferito!!! va bè scusa la divagazione e passiamo alla neve ... lo so che può rallentare i ritmi e che può creare disagi però ... sai ... io non l'ho mai vissuta e mi piacerebbe tanto ... ma non vederla qui da me, questo no, non siamo attrezzati e da noi si, sarebbe una tragedia, anche in inverno!!! piuttosto mi sposto, si magari l'anno prossimo un pensierino ce lo faccio, me lo immagino già, lo gnometto a fare palline di neve, chissà!!!
    hai fatto benissimo a dormire fino a tardi con la gnoma, ti invidio!!! ma cosa c'è di più bello che indugiare nel lettone???
    ora ti lascio perchè il telefono già starnazza ... ah i miei pazienti 'impazienti'!!!
    buona giornata, buon fine settimana eh sì oggi è venerdì ... che bello!!!
    ti abbraccio forte
    dida

    RispondiElimina
  2. E poi c'è la terza reazione, quella che hanno i bambini e qualche adulto :)) L'euforia! Fare il pupazzo di neve anche quando le previsioni dicono che nel pomeriggio pioverà; giocare a pallate di neve e, anche se il collo non fa punteggio, centrare in pieno quello del marito; spalare la neve davanti al condominio, perché avere una mega pala rossa in mano fa tanto "medico tra gli orsi". Let it snow!! Cat

    RispondiElimina
  3. Carissima Lo,
    è sempre un piacere leggerti!
    Io per la neve ho proprio la reazione che descrive Giucat: euforia!
    Mi è sempre piaciuta e appena un fiocco millimetrico scende dal cielo io lo vedo.....e seguo l'andamento delle precipitazioni come una pazza!!
    ADORO LA NEVE!
    Mercoledì mattina saremmo dovuto tornare al lavoro e a scuola, ma vista l'abbondante nevicata, visto che stiamo in un posto sperduto lontano dalle trafficate vie di comunicazione e visto che alle 8 nevicava abbondantemente siamo rimasti sotto la coperta sorseggiando un buon caffè!

    Bacione,
    Barbara

    RispondiElimina
  4. Come mi trovi d'accordo, Lo.....io la neve sinceramente la odio un pochino...si, è bella...ma...a certe persone porta scompensi cerebrali! Proprio come dici tu! Una di queste è mia suocera, che al primo fiocco è già pronta con la pala x spalare...e di conseguenza bisogna aiutarla...(vedi tu, ha 79 anni...)credimi, un incubo.
    Un bacione! E...quante belle e buone cose hai cotto con la solar cooking!!!

    RispondiElimina
  5. io sto a napoli ed è molto difficile che nevichi però qualche volta sono caduti pochi centimetri ed era una festa, le scuole chiuse, trffico rallentato e poi basta perchè si scioglieva subito.... buona giornata

    RispondiElimina
  6. Sai Lo, da noi non nevica quasi mai e forse è per questo che la neve mi piace tanto... "Sogno di un Natale bianco, come quelli che conoscevo", cantava Berry White... e io Natali bianchi non ne ho mai conosciuti, ma li sogno lo stesso. Qualche anno fa nevicò un pochino, un po' tanto, per la verità, ma non per Natale, e in maniera molto improvvisa, tanto che entrai nel Warner Village che faceva solo freddo e ne uscii tirando pallate di neve al mio compagno, preoccupatissimo perché doveva tornare a casa (allora abitavamo in città diverse). L'indomani Firenze era paralizzata, ma tutti facevano gli eroi e andarono a lavorare ugualmente... ricordo che fui molto presa in giro, a lavoro, perché telefonai per comunicare che, non riuscendo a percorrere la salita del garage ghiacciata, sarei arrivata in ritardo...

    RispondiElimina
  7. Ecco, vedi... quella polenta lì mi sta proprio bene. É una polenta quasi come Dio comanda... manca solo qualche particolare: he sia cotta nel paiolo di rame, che sia rovesciata bene sul panaro, come si dice qui, ovverosia la tafferia, il tagliere specifico per la polenta, a formare una cupola un po' piatta e che sia tagliata col filo di refe. Ma queste sono finezze estetiche da polentoni... però rientrano in quella slow life che ti piace tanto.
    Vado a guardare la neve, che qui - per fortuna - ha solo fatto finta di cadere...

    RispondiElimina
  8. la neve, dove non è usuale, crea problemi e non è così bella e spettacolare come lo può essere in un paesaggio di montagna!!
    buone tutte queste ricettine! la zuppa ci piace particolarmente!!
    un bacione

    RispondiElimina
  9. anche io non sopporto la neve...mi opprime....oltre tutti i disagi che porta....:-) ci saranno i fagioli nella tua minestrina? un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  10. Cara Lo credo che la mia e di chiunque non gode di paesaggi innevati d'inverno sia ignoranza.. ignoranza nel non capire che la neve non è solo un bello spettacolo bensì un lavoro.. problemi.. rogne!
    Mai sentita la cucina solare!!!!!! ma dai!!!!! troppo forte!!!!!!
    Ottime polenta, lenticchia e zuppa... :-) baci e buona giornata....

    RispondiElimina
  11. che spettacolo pero'dai...
    forse perche'di neve nn ne ho mai vissuta...affascinante ;)

    RispondiElimina
  12. ...e si , l'ho pensato anch'io che l'essere umano è proprio strano andando verso il 3000 si stupisce che possa nevicare ...come se fossimo ai caraibi e non l'avessimo mai vista!che strana cosa che si perda il vero contatto con la natura , con quello che siamo ...io aspetto i bucaneve , che prima erano pronti , adesso vedremo neii prossimi giorni..ti mando un abbraccio anche da parte del pupazzo di neve!!!

    RispondiElimina
  13. La mia reazione è stata che dopo svariati tentativi per disseppellire il mio catorcio mi sono guardata allo specchietto e sulla mia testa ho visto la lampadina accendersi: "Non importa quanto ci vorrà, andrò a piedi!"
    E così mossa dalla necessità di fare i bonifici degli stipendi (compreso il mio) mi sono incamminata con Fabio Volo nelle cuffie. 7km 7. 1 ora e 23 minuti. E' stato bello passeggiare nel silenzio della neve che scende. E prendersi in testa tutta quella che decideva di valangare giù dai rami degli alberi nell'esatto istante in cui passavo io.

    ^___^

    PS: la foto del Ciccio è spettacolare!

    RispondiElimina
  14. ciao Lo!che carino anche questo post sulle varie reazioni alla neve nel varesotto!! A me invece la neve piace tanto... il silenzio che avvolge tutto, la luce che emana, lo "scronch scronch" sotto i piedi, i fiocchi che si attaccano al cappotto.. bello!! QUi intorno le colline sembrano ricoperte di zucchero a velo... In fondo, nonostante la neve non ti piace, scommetto che anche per te sia bello stare a casa al calduccio a guardare la follia dei vicini, circondate dalle primule e dormire un po' di più con la gnoma! ;) in effetti la cucina solare mi aveva messo la pulce nell'orecchio sull'identità del blogger misterioso..eheh! ciao, un bacione! Silvia

    RispondiElimina
  15. dimenticavo: che bella la foto di Ciccio!

    RispondiElimina
  16. che bella la cucina solare!!! un bacione tesoro!!!

    RispondiElimina
  17. Lo sei unica..a me la neve piace se posso stare tappata in casa, oltre il fatto che attutisce e rallenta tutta la frenesia delle città...poi detesto tutti i disagi però!
    Interessantissimo questa cucina solare, un sogno!
    Bacione
    saretta

    RispondiElimina
  18. Di fronte alla neve la mia prima reazione sarebbe la III, quella di cui parla Cat, l'euforia!!!!
    Ma quì in Sicilia, dove vedere la neve è un miracolo, mi sembra più che dignitosa come reazione:D
    Buona la zuppa "misteriosa";)

    RispondiElimina
  19. trallallero trallalà, io so una cosa che tu non sai! Prova a scoprirlo!

    RispondiElimina
  20. La mia rezione è sicuramente la III: euforia pura!
    Cresciuta in sardegna, abituata al caldo, al mare che adoro,ma cabituata a considerarlo "normale" pure con tutti quei magnifici colori, ho sempre sognato l'inverno con la neve. Un sogno di bambina, una gioia, una novità, un evento inaspettato che come tale, quando raramente capitava, fermava tutto: la scuola, gli uffici, era festa.
    Per cui adesso che vivo a Torino continuo a vederlo come un sogno, ogni volta, pur continuando a vivere la mia realtà quotidiana di mezzi pubblici e ufficio, senza paure o tragedie, anzi con un poco di stupore per chi esagera e non è disposto a rallentare, a rimandare un uscita, ad arrivare un minimo in ritardo...
    capisco i disagi in caso di urgenze, ma la città non si è fermata, i mezzi pubblici hanno funzionato normalmente, come ci si può lamentare per la neve sopra il 45°??
    Mancava il sale, alcune strade non sono state spazzate?Problema amministrativo, non climatico.
    Sono due giorni che torno a casa felice camminando sui marciapiedi parzialmente innevati.
    E per quanto ne so, in posti dove la neve in inverno è ancora vista come normale per mesi, la vita continua...

    RispondiElimina
  21. secondo me la cosa magica della neve è questa: la LENTEZZA.... tutto si ferma, almeno per un pò.. poi tutto riprende ancora piu frenetico, cn la gente che spala, tira fuori la macchina dal garage, slitta.... ma c'è un istante almeno in cui tutto si ferma, si da pace.... bello, no? a casa mia si blocca tutto, il camino è sempre acceso, gli uomini escono a piedi per comprare il pane... e mia madre si lamenta... e poi gli uccellini! ma voi vi siete accorti che si vedono decine e decine di passeretti sulla neve?da dove sbucano?... la nonna gli dava sempre briciole... forse sn tutti questi ricordi che rendono la neve gradevole... per un pò!

    RispondiElimina
  22. mi hai fatto morire dal ridere ! hai fotografato esattamente la realtà! heheheh
    sarà che qui non nevica mai.... ho legato a questo evento dei ricordi pazzeschi..nel lontano 1985 ci fu una nevicata memorabile qui a Massa.....che emozione quella mattina avevo un'interrogazione di matematica...heheheheheh mi alzo e vedo tutto bianco...... macchine in giro pochissime......telefono a scuola...e il bidello mi dice.....niente scuola oggi!!!!! Dio mio che giornata meravigliosa....e sai dove sono andata con i miei amici ? sulla spiaggia !!!! il paesaggio era quasi irreale.....da allora nessuna nevicata ..... quindi.....cosa volevo dire? Bhè capisco i disagi per chi come voi ha spesso la neve tra i piedi...... ma trovo che il fatto di 'rallentare' come dici tu è il modo migliore per affrontare i disagi materiali....e poi godetevi quei rumori attutiti..... felpati....... quel bianco che rende tutto compatto... morbido.....io adoro la neve.... una settimana all'anno quando vado a sciare. ehehehehhe!!!!
    un bacio Pippi

    RispondiElimina
  23. hai ragione! la neve è bella e brutta allo stesso tempo!!! io quando nevica non mi so muovere, mi sento impedita!!! qui ha nevicato giorni fa, adesso per fortuna ha smesso ma all'Ingresso dell'ufficio c'è ancora la pista da pattinaggio!

    RispondiElimina
  24. Dida...accidenti non so perchè ti blocca il pc...le foto cerco di metterle leggere leggere...ma ti segnala qualche virus?? anche se ho disinfestato tutto ultimamente...
    comunque leggendoti ho pensato che è tutto relativo...proprio stamattina io e il galletto commentavamo che se fosse per noi in inverno andremmo al caldino :)

    Cat eheh hai ragione c'è la terza...che è stupenda, ma che mi dimentico!! un bacione e ti prego fai punto anche per me!!!

    Barbara...un'altra euforica da neve...io mi devo concentrare per lasciar vivere la stessa euforia alla gnoma!!! un bacione

    Simo lo so lo so che stai con me... e ora tutta questa neve di che colore è? Nera!

    Carmen ...qui le neve passa sempre...poi ci sono anni in cui è tanta come questo e altri in cui è una spolverata...:)

    Ondina bhe lo confesso la neve a Natale piace anche a me..anche perchè è un'ottima scusa per evitare il mega pranzo eheh che ridere...

    Cri...che bello ho fatto la polenta della redenzione...così ti piace...ora il rame sulla solare...bho????? devo provare ancora con la terraccotta...oggi sono riuscita a fare il brodo...questo significa sole!!!

    Manu, Silvia avete ragione...ha creato disagio anche qui che non dovrebbe essere poi così strana... grazie mille!!!

    Annamaria...ecco mi sento proprio così...oppressa e con una grande stizza... :)

    Claudia...bhe è neve...bisognerebbe accettarla per quello che è...ma noi facciamo sempre un casino! bella la cucina vero!!!

    Mirtilla facciamo cambio di casa per il prossimo inverno??? eheheh

    Caty...ecco proprio così...che strana cosa....addirittura siamo così assurdi che ho sentito incolpare l'inquinamento per una normale nevicata d'inverno....ma?????

    Ines...eheh e hai messo le scarpe della chiccho?? eheh ecco come hai fatto te è perfetto...nella neve a piedi quel silenzio e quel gioco...e che importanza ha il resto?...anche il galletto invece di litigare con l'auto ha usato il treno! un bacione

    Silvia eheheh ma tu scusa hai la neve svizzera: organizzata e ordinata cade nei posti giusti, mica come quella italiana che cade a casaccio eheh un bacione
    p.s. oggi il blogger misterioso mi ha fatto il solar caffè...yeahhhhhh

    Un bacio Manu

    Saretta eheh proprio così..perfetta per stare tappata in casa!
    Qualche anno fa, quando abitavo nel bosco mega nevicata dopo Natale eravamo tutti a casa...una meraviglia di tempo!

    Stella :)

    Sweet...eheh direi che sarebbe una reazione perfetta...la zuppa misteriosa era buona ma mi sa anche irripetibile :)

    Gì ora la so anche io ...grazie :)

    Anice...come hai ragione...davvero...oggi guardavo stralunata le vecchiette che alle 8.30 del mattino erano in giro...ma donnine care..è una lastra di ghiaccio per favore andiamo a casina? usciamo più tardi?? mannaggia se siamo poco elastici...

    Verdepomodoro...si quell'attimo...è speciale è un tempo che ha anche un suono..il suono del silenzio...il silenzio della neve al mattino presto...quello si che è magico... :)

    Laura..hai ragione...ma nessuno prova più a godere delle cose...le usa per un piacere veloce e via...per questo la neve è poco moderna...

    Micaela...è così...la neve un po' blocca impedisce...ma è normale...è normale sapere che si è lenti...accettare la natura...non è normale far efinta che non ci sia..un bacio

    Anice...grazie a te!

    RispondiElimina
  25. A me la neve piace molto, certamente crea dei disagi, ma è così bella, ogni tanto fa bene purifica l' aria, rallegra i bimbi che quasi se la scordano perchè non nevicava da anni!!! Riguardo la cucina solare, dove la posso trovare??? non ne conoscevo l' esistenza, ma funziona davvero???....Ciao bacioni

    RispondiElimina
  26. Rosy...per la cucina solare guarda qui
    http://www.ilportaledelsole.it/pag_shopping.asp?level=2&levelsot=0035&vai=1&levelcat=0009

    mentre qui trovi le nostre opinioni:
    http://galline2ndlife.blogspot.com/2008/10/cooking-solar.html

    http://consumomeno.blogspot.com/2009/01/la-cucina-solare.html

    se vuoi qualche altro chiarimento chiedi pure! un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Cara Gallinella
    oggi faccio il bis nel tuo pollaio per portarti un premietto e dirti che ti voglio bene!
    bacionissimi
    dida

    RispondiElimina
  28. la 4: meno male non si và al lavoro!! ^_^

    RispondiElimina
  29. Anche a me non piace la neve, quando abitavo ad Arcore arrivava puntuale tutti gli inverni, che tragedia camminare per strada per andare a scuola....fortunatamente dove abito adesso arriva sporadicamente e se ne va quasi subito, mercoledì è arrivata sulle cime delle colline di fronte a casa mia....menomale che si è fermata li!
    Un caro saluto Lo.

    RispondiElimina
  30. Grazie di avermi preso a riferimento.
    Anzi che non si è cominciato a dire è la nevicata più abbondante degli ultimi 3000 anni di solito si usa così, be allora c'era l'era glaciale, sarà cominciata così...Hi!Hi!Hi!
    Ciao un abbraccio Sisifo

    RispondiElimina
  31. Lo io adoro la neve.
    Il suo posarsi sulla terra volteggiando silenziosamente mi mette adosso una gioia immensa,
    da me purtroppo nevica raramente, quest'anno 1 sola volta ed è arimasta solo il tempo di fare una bella polentata, poi la pioggia ha portato via tutto, il silenzio il bianco, l'uforia ciao

    RispondiElimina
  32. Lo io adoro la neve.
    Il suo posarsi sulla terra volteggiando silenziosamente mi mette adosso una gioia immensa,
    da me purtroppo nevica raramente, quest'anno 1 sola volta ed è arimasta solo il tempo di fare una bella polentata, poi la pioggia ha portato via tutto, il silenzio il bianco, l'uforia ciao

    RispondiElimina
  33. Lo sei sempre la mia fonte di ispirazione...Sai quali sono le tre cose che faccio quando apro il mio blog?
    1. leggo gli ultimi commenti
    2. rispondo agli ultimi commenti
    3. corro a vedere se la mia gallina ha aggiornamenti dal pollaio perchè mi piacciono un sacco i suoi racconti coccodè....
    Buon weekend tesoro a te e alla gnoma dormigliona, da me e dalla Bibi sotto cura Camomilla 9ch (grazie ancora)!
    Besitos

    RispondiElimina
  34. io di neve quest'anno ne ho vista anche troppa: la neve sta bene in montagna, quello è il suo posto..lì può fare quei suoi bei fiocchi giganti e la gente, attrezzata e felice, va a rotolarsi, a fare i pupazzi, a sciare e a godersi tutto il freddo che vuole..ma qui, in questa città già così triste, basta un fiocco di neve che il trffico impazzisce e la povera Lety non può prendere la sua bici perché al primo colpo di freni si "cappotta" sotto a un tram, sicuro...per cui, io sono del partito "Mai più neve in città! Per una città libera dalla neve!" ciao Lollina..lety

    RispondiElimina
  35. Anche a me la neve dona euforia ma poi una gran spossatezza, che va rimediata con un piatto come il tuo:) Bacioni

    RispondiElimina
  36. Ciao Lo....c'è un premietto da me! un bacio Pippi

    RispondiElimina
  37. Grazie Dida! un bacio

    Susina ahah io sono con te!!

    Gturs...meno male qualcuno come me...condivido il tuo pensiero :)

    Sisifo..ma figurati è stato un piacere...grazie a te! un abbraccio

    Sorby...io e la neve non siamo mai andati d'accordo, ma capisco la bellezza di cui parli! un bacione

    Mara...che onore e che tesoro...sei così carina...ma allora la Bibi è comomillata?? ma funzia? fammi sapere! e grazie un abbraccio

    Lety ...no non andarmi sotto il tram...la penso come te...un baciottone

    Elga..eheh ho visto cosa avete combianto nella neve...un bacione

    Pippina grazie corro a vedere!

    RispondiElimina
  38. sei proprio uno spasso Lo...leggerti davvero lascia delle belle sensazioni.. e ora vado a vedermi la cucina solare... che è sta novità!!!! ma dove le trovi mi domando io???? ahahaha

    RispondiElimina
  39. Lo, ma sai che stavo leggendo il tuo post sulla neve mentre mi hai scritto? :-))
    E' sempre meraviglioso leggere ogni tua singola parola, carica di emozioni e sfumature!
    Un abbraccio affettuoso!

    RispondiElimina
  40. C'è una sorpresa per te, cara Lo! Ed anche un premio!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  41. ...nevica a gennaio? ...ma dove andremo a finire? di questo passo ci toccheranno giornate tiepide in primavera e decisamente afose in agosto! ;)

    ...buon anno, Lo :*

    RispondiElimina
  42. Con questo sole d'inverno passo a lasciarti un saluto e l'augurio di una buona settimana.Un bacione Lo

    RispondiElimina
  43. A me piace tanto la neve, però sembra che non si riesca a affrontarla decentemente in città!grrr..non ti dico le difficoltà a camminare per chi non ha le gambe ben funzionanti, diciamo così!grrr

    RispondiElimina
  44. Ciao tesoro di gallina. Benedetta ha ricominciato addirittura a mangiare. Purtroppo in farmacia non ho trovato disponibili i granuli di camomilla 9ch, ma in alternativa mi hanno data la stessa camomilla 9ch omeopatica già diluita in flaconcini e gliene dò uno a mattina e uno a sera. Non appena l'ho terminata vado a prendere i granuli per averli sempre comodi. Comunque, la vedo molto più serena, dorme tutta la notte e a fatica mangia... tranne stasera che ha divorato tutto!!! Ti ringrazio proprio tanto della dritta. Ma senti un pò....... non hai qualche ricetta per l'utilizzo della mia crema al latte?
    Thanks.... bacettini
    Mara

    RispondiElimina
  45. bhe qua la neve cade sempre sai non e che io ci vado matta mha sai con i bambini il piccolo come vede scendere qualche fiochetto mi dice dai mamma prepariamoci fra un po ne cade tanta, e andiamo fuori a fare snowmen e poi ci tiriamo al neve e facciamo l`angelo nella neve e io vabbene,non e che sia tanto contenta ma pazienza, in questi giorni qua invece d i neve piove chiaccio e un po pericoloso si scivola, comunque vedo c he hai preparato q ualcosa di buono con la tua magiga solar cooking

    RispondiElimina