venerdì 19 dicembre 2008

Basta saperlo


Rubrica di Bio-detersivi trasmessa in mondovisione per voi su
NELLA CUCINA DI ELY
&
GALLINE 2ND LIFE

LAVARE I VETRI

Ok....facciamo outing....a parte Bri che lava i vetri ed è felice...diteci, confessatevi: chi, tra voi, ama dedicarsi a questa delicata attività barbosissima? Lo si ricorda di aver conosciuto una bella signora che li lavava ogni volta che pioveva, quando le gocce dell'acqua le bagnavano i vetri, passava con un panno pulitissimo e asciutto e poi ripassava, con grande energia, usando un foglio di giornale...vetri perfetti, senza aloni!
Oppure si può preparare una soluzione di acqua calda e aceto, passare un panno umido e strizzatissimo più volte. Non è necessario risciacquare. L'aceto però ha un effetto secondario particolare: se sul vetro ci sono residui siliconati, allora, dopo la passata, vedrete delle tracce....praticamente sono i residui dei vecchi saponi, che verranno via alla prossima passata. Pensate che a Lo è capitato di veder comparire le scritte lasciate dal produttore dei vetri, sapete quei numeri che ci scrivono sopra, prima di montare le finestre? Inizialmente pensava ad un messaggio in codice numerico dall'aldilà!
Inoltre usare aceto caldo è un ottimo modo per eliminare tutte le tracce di collante, quindi, se magari avete usato decorazioni, scotch che hanno lasciato qualche traccia, provate!
Un altro metodo è usare acqua calda e uno straccio in micro fibra, passando poi con la carta di giornale, per evitare pelucchi e aloni.
Per pulire i vetri della doccia, che spesso si ricoprono di una patina di calcare, mettete su una spugna ruvida, come quella dei piatti, un po' di bicarbonato e sfregate i vetri, poi sciacquate con abbondante acqua calda ed eventualmente togliete gli ultimi residui con un panno micro fibra umido. Poi per garantire la brillantezza, tenete in doccia uno spruzzino con acqua e aceto e spruzzate alla fine della vostra doccia. L'odore dell'aceto è meno fastidioso e dannoso di quei detersivi shower che vendono al supermercato e pure meno persistente!

E voi avete altri trucchetti per lavare i vetri?

Alcune delle informazioni sono state prese dal Manuale dei detersivi bio-allegri. Vi segnaliamo anche un bellissimo blog utile e ben fatto per chi vuole rendere più leggera la propria impronta ecologica: Vivere Verde

-------------
Lavandini intasati




41 commenti:

  1. grazie è buono a sapersi di questo trucchetto che passerò alla mia domestica!

    RispondiElimina
  2. Verissimo cara Lo! Anch'io aceto per i vetri da sempre...me l'ha insegnato la mamma!
    E poi da quando ho acquistato gli stracci in microfibra....non li mollo più!
    Pensa che li uso anche per i mobili, leggermente inumiditi solo d'acqua...e li passo proprio dovunque! ..puliscono bene senza nessun prodotto..non è anche questo un bel risparmio ed una bella pulizia ecologica?!
    bacioniiiiii

    RispondiElimina
  3. ottima soluzione, provo anche io chissà che riesca a togliere con meno fatica gli stampi delle manine unte dei miei bimbi!
    :)

    RispondiElimina
  4. Oddio io in questo tipo di argomenti non mi ci ritrovo moto, forse però dovrei documentarmi perchè prima o poi avrò una casa mia...ok attingo informazioni da questo post:)

    RispondiElimina
  5. il mio trucco? farli lavare a qualcun altro ;-)...
    almeno che sfrutti la signora che mi manda la suocera ogni tanto, scusa!

    RispondiElimina
  6. Io uso un metodo ancora migliore: non pulirli affatto!!!

    RispondiElimina
  7. tra le varie mansioni domestiche nella mia scala "evito finché posso" lavare i vetri sta subito dopo stirare i panni che è in pol position!
    grazie per gli utilissimi suggerimenti... ne farò tesoro in questi giorni...almeno per Natale mi piace avere dei vetri puliti... poi se ne riparlerà a Pasqua.. ;-)
    un bacione!!!!

    RispondiElimina
  8. I vetri a casa mia non sono più un problema...con lo scracchio vengono benissimo...tutto è trovare lo scracchio giusto...io l'ho trovato:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  9. ...eh eh eh uso il sistema migliore ..tengo le imposte chiuse così non si vede...scherzo( mica tanto ..), proverò il consiglio per i vetri doccia che sono la mia disperazione !!bacio

    RispondiElimina
  10. Che bei trucchettini.. quello del giornale e dell'acqua e aceto li conoscevo.. ma quello del bicarbonato per i residui di calcare nella doccia proprio no! grazie :-)))))

    RispondiElimina
  11. Andrà a pennello per me questa soluzione quando toglierò via le vetrofanie di Natale dai vetri:)...
    Passa da me quando riesci..

    RispondiElimina
  12. Ciao Gallinella ... io odio lavare i vetri .. per questo mi sono munita di un marito molto bravo a farlo e che mi da sempre volentierissimo una mano ... Noi li laviamo con alcol e carta di giornale ... Vengono una favola ... dicono che il piombo della carta da giornale li renda splendenti ... ed è vero ... è un rimedio che mi ha dato la mia nonna ...
    Per il resto, siccome non so se avrò ancora molto tempo, per evitare brutte figure passo per un augurio di Un felice Natale e di un 2009 scoppiettante ...
    Un bacio grande e ci sentiamo presto presto ...
    Giugiù

    RispondiElimina
  13. grazie per i validissimi consigli, a Roma abbiamo un'acqua dura piena di calcare che incrosta tutto!

    RispondiElimina
  14. ciao Lo! bei consigli! Quissù che piove sempre i vetri sono un diastro, infatti non li lavo mai perché sembra inutile.. l'ho fatto solo qualche settimana fa quando ormai la finestra della cucina era completamente opaca :) Io avevo provato con l'alcool puro, credo che alla fine l'effetto sia lo stesso dell'aceto, anche se non mi sono mai comparse scritte fantasma, solo qualche impronta... l'alcool puro comunque costa abbastanza, quindi forse anche dal punto di vista economico converrebbe l'aceto, visto che anche lo autoproduciamo!... l'importante è non avere finestre troppo sporche, se no non ne resta per l'insalata, ehehe! :) a presto, Silvia

    RispondiElimina
  15. ah come mi piace vedere che qualcun'altro ha le mie manie!
    che se le avessimo tutti il mondo sarebbe più pulito :-)
    bacioni

    RispondiElimina
  16. benevenuta Mary nel pollaio e grazie :)

    Bravissima Simo è un metodo perfetto un bacio

    Laura io gli stampi di gnomo e gatto rosso li levo eheheh

    Sweet però quando ti capiterà fallo nel modo più ecologico possibile :)

    Cri...fortunella...sfrutta sfrutta ma faglielo fare in modo eco :)

    Onde...eheh pure io tendo a questo metodo,però ora che ho eliminato le tende non posso farlo mai mai ...

    Ecco Laura la tua tecnica è più vicina alla mia...evito finchè posso :)un bacione

    Anna cos'è lo scracchio?

    Caty...ehhe io ho anche il metodo non li guardo che non me ne accorgo...fammi sapere per la doccia

    Claudia io sono passata da vetri orridi a vetri splendenti nella doccia :)

    Infatti Elga pensavo proprio a tutte le decorazioni sui vetri..sono venuta e tu sei splendida grazie

    Giùgiù la carta da giornale è perfetta, l'alccol è un buon detergente, ma anche se non tra ipeggiori ha un certo impatto ambientali, per questo propongo l'aceto...completamente biodegradabile
    Grazie per gli auguri goditi le feste un abbraccio

    Un bacio Geillis grazie a te

    Silvia...il ragionamento è perfetto...e poi è biodegrabile mentre l'alcool ha comunque impatto ambientale, anche nel suo processo produttivo! un bacione

    Stella anche io sono felice di trovare i maniaci come me e come te! :)

    Stella grazie!

    RispondiElimina
  17. Una mia cara amica ha acquistato degli stracci magici.... e me ne ha venduto uno, si bagnano con solo acqua e si strizzano forte forte, poi si passano sui vetri, funziona veramente,rimangono brillanti e lucidi senza aloni, non vi dico però quanto l'ho pagato!

    RispondiElimina
  18. Ottimi consigli, grazie gallinella, mi scrivo tutto!!! ^_^

    RispondiElimina
  19. Ciao bella anche io lavo i vetri con l'aceto e non solo!
    Acqua bollete aceto e alcool denaturato e i miei pavimenti disinfettati puliti e lucidi.

    RispondiElimina
  20. Cara Lo, scusaci se è tanto che non veniamo a trovarti, ma siamo condannati a giornate infernali, a ritmi che sono troppo ingestibili. Siamo entrati da te e abbiamo letto tutto quello che ci eravamo persi! Cara Lo, noi ti siamo più vicini di quanto puoi pensare, quanto hai scritto ci ha profondamente toccato, abbiamo capito, abbiamo "sentito" quanto possa violentare un dolore così grande. Per quel poco che può significare noi ti vogliamo bene!
    Ti abbracciamo
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  21. io uso acqua alcool e ammoniaca, ma è sempre una fatica, anche perchè ho tante finestre. Ho provato il sapone per piatti e a mano mi trovo benissimo, in lavapiatti un pò meno, forse dovrei metterne di più, proverò ancora. Grazie degli ottimi consigli. Baci Caty

    RispondiElimina
  22. non conoscevo questa proprietà dell'aceto..... però io rimango fedele al mio panno in microfibra appena appena umido!!!!ma grazie della dritta...

    RispondiElimina
  23. ho una cosa per te nel blog.....


    hi hi hi hi.....

    dai che giochiamoooooooo

    RispondiElimina
  24. seeeeeeeeeeee, vabbè! Ora pure a lavare i vetri mi dovrei mettere secondo te?
    Ma se sto impazzendo con il panettone che non mi lievita vuoi che mi mette a pulire i vetri. Dovessi mai far piovere pèer questo evento eccezionale.
    Prrrrrrrrrrr!

    RispondiElimina
  25. ehm...mi vergogno un po' a dirlo ma...io i vetri non li ho mai lavati...vivo ancora con i miei e i "lavori sporchi" li faccio fare a mia madre e mia sorella (che infatti mi chiamano "la principessa sul pisello")! ma prima o poi lascerò il nido e mi toccherà fare tutto da me!!! oh, non è che non faccio nulla di nulla eh? ...io lavo i piatti! mi rilassa lavare i piatti... :P

    RispondiElimina
  26. Gturs, ho sentito parlare di questi stracci...forse allora è lo scracchio di cui parlava Anna...chissà

    Prego Susina del mio cuore...un bacio

    Sorby..perfetto...anche se io evito l'alcool perchè non è totalmente biodegradabile...però si può sostituire con l'alcool da liquore...

    Luca, Sabrina...non vi preoccupato...questo periodo è affannato per tutti e io so che ci siete...siete belli e stupendi grazie di tutto! un bacio e sapere che mi volete bene conta molto!

    Caty...so che l'ammoniaca pulisce bene, però è dannosa per l'ambiente per questo suggerivamo l'aceto o il microfibra...un bacione

    Grande Mara...bacissimo

    Mucchina lava i vetri che ti rilassa vavavava..ehehe prrrrrrrrrrr

    ahah Babi che ridere..ma guarda che ti capisco...io odio lavare i vetri...faccio il minimo sindacabile a volte anche meno!!! un bacio

    RispondiElimina
  27. tesoro dai sempre degli ottimi suggerimenti!!! ti abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  28. Lavare i vetri ? Orrrrroooorrreeee...
    Lo faccio proprio quando mi rendo conto che non riesco più a capire che tempo faccia fuori...!!

    Ho esagerato un pò,ma veramente è un lavoro che non mi piace!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  29. Loooo...passa da me c'è un giochino per te.......ciau!

    RispondiElimina
  30. Lo, come dice un nostro conoscente, il modo migliore per pulire i vetri è di farlo fare a qualcun altro. Verissimo che l'odore d'aceto è meno invadente di certi detergenti a base d'ammoniaca, che oltre che tossica è decisamente sgradevole. Ancor peggio se quell'odore ti arriva dopo i classici profumi di fiore o d'agrumi.
    Grazie dei consigli.
    Avremmo un invito da recapitrti, se passi da noi......
    Buone Feste!!!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  31. ehhhhhhhhh sì!!
    mi piace e come!! :)))))
    no tende, no imposte..solo tanti tanti vetri!!
    ma poi..amiciiiii..con il lago più bello d'italia fuori dalle finestre..non si può non pulire!!!
    mi rilassa tantissimo...
    mi fa sudare, sfogare e cantare.
    ma ho un barbatrucco:
    un secchio di acqua calda
    2 gocce di teebaumöl/ olio dell+albero del tè
    panno in microfibra.
    se si trova la giusta umidità del panno non c'è bisogno di passare dopo asciugare.
    asciugandosi scompaiono le gocce bagnate.
    io che sono molto disordianta e imprecisa...non lo becco mai la giusta umidità...quindi passo velocemente con lo straccio.
    :)))
    lascia un pulito e profumoso...
    e..il lago sembra brillare dietro le finestre trasparenti.
    :))))
    questo per vetri che sono molto esposti e si sporcano facilmente, se avete animali o bambini.
    se avete vetri poco sporchi, basta il panno in daino, acqua calda e stracci puliti (non usate ammorbidenti o asciuatrici per gli stacci da vetro, lasciano pelucchi e fanno aloni)

    allora? vi ho fatto venire voglia pulire i vetri o no??
    :))))
    un abbraccio a tutti!
    baciusss

    RispondiElimina
  32. buon natale amica mia!!! che sia sereno e felice!!! un abbraccio grandissimo

    RispondiElimina
  33. ...mistero , sul riquadro vedo una foto e quando ci vado dice - mi spiace questa pagina non esiste ...che sia volata via? Aspetteremo domani .Intanto un abbraccio

    RispondiElimina
  34. Manu un bacione grandeeeeeeee grandissimo

    Sirio eheh eanche io...ma quando lo faccio solo in modo consapevole e non inquinante! un bacio

    Simo arrivo grazie

    Luca, Sabrina..passo da voi! un bacione

    Bri eheh quanto mi fai ridere...guarda mi hai convinto...vieni pure qui a pulire anche i miei...però la dritta del o.e. è fantastica un bacio

    Manu...grazie! Buon Natale anche a te!!

    Caty...ho fatto casino anche io

    RispondiElimina
  35. Alcool e carta di giornale... voglio provare a fare quelli della cucina con l'aceto oggi, forse in cucina mi va bene, il fatto e' che sono sensibile agli odori e l'odore d'aceto per la casa mi da un po' fastidio, non so perche'.

    L'alcool lo uso anche per i pavimenti.

    RispondiElimina
  36. Alessandra in realtà a meno che non usi alcool etilico per liquori ...l'alcool denaturato è davvero molto inquinante, lo trovi anche nel biodizionario...l'odore dell'aceto è davvero volatile, rimane per pochi minuti...ma se proprio non ti va prova con un panno di microfibra e carta da giornale!
    un bacione

    RispondiElimina
  37. Ciao LO,sono entrata per caso sul tuo blog ,sono partita cercando come mantenere la pasta di riporto e mi trovo a parlare di vetri,vorrei dirti la mia ,allora:per ivetri sono d'accordo con te sull'aceto,per i vetri della doccia per non farli sporcare tanto di calcare faccio così:ho comprato la spazzola tergi vetro,piccola in plastica,e chi si fa la doccia prima di uscire la passa sui vetri ,così almeno restano puliti e non devo essere sempre io a sgobbare.poi ogni tanto li faccio di "fino".sono contenta di averti conosciuta.Ciao Teresa

    RispondiElimina
  38. Cara Teresa bhe prima di tutto benvenuta e grazie per il consiglio. Ci credi che quella assurda spazzolina la sto cercando e non la trovo? Vabhè ammetto non passo tanto tempo nei negozi e non sempre mi ricordo di cercarla. Ma quelle volte che l'ho fatto non c'era. Rimane uno dei miei desideri proprio per fare come fai tu. Mi hai anche fatto venire in mente che non aggiorno questa rubrica da un po' e che mi dovrei proprio impegnare in questo senso...grazie e a presto

    RispondiElimina
  39. LO ,guarda che è quella (in forma ridotta e più carina)che usano i lavavetri. Guarda che sia tutta in plastica ,io la tengo appesa all'interno della doccia ,ti consiglio in plastica così se dovesse cadere non si fanno danni.ciao ps:vai a vedere il post della catalogna.Ariciao Teresa

    RispondiElimina
  40. si si lo so qual è, ma non le ho trovate con la gommina...io cercavo quelle...poi però ripeto non che sono andata con il chiodo fisso a cercarla....ma vedrai ci riuscirò ;)

    RispondiElimina