lunedì 10 novembre 2008

Quel che è fatto è fatto io però chiedo scusa...

Perdono... si quel che è fatto è fatto io però chiedo
Scusa... regalami un sorriso io ti porgo una
Rosa... su questa amicizia nuova pace si
Posa... perché so come sono infatti chiedo...
Perdono...
(Tiziano Ferro)

Al mercoledì sera ho l'onore di ritirare, post catechismo, la gnoma e l'amica gnoma...mini donne concentrate in un metro e trenta di centimetri circa.
Accompagniamo l'amica gnoma, nel buio a casa, e intanto riflettiamo sui casi della vita...soprattutto alla luce di quanto appena sentito.
L'ultima volta la gnoma era coinvolta in un litigio personale con la borsa dei compiti, quella del catechismo, il gatto Silvestro sull'ombrello, un pezzo di riso soffiato al cioccolato e la mia mano.
Mentre l'amica gnoma, assaporando lo stesso riso soffiato, divagava sulle difficoltà della vita sotto l'ombrello rosa e dentro una giacca rosa.

Amica gnoma: "Cavoli l'impegno che ci hanno dato questa settimana è davvero difficile, non so come farò"
Lo: "Cosa devi fare?"
Amica gnoma: "Perdonare qualsiasi cosa ci viene fatta...io non so se ce la farò!"
Lo: "......"
Amica gnoma: "Non trovi sia difficile?"
Lo: "Lo trovo enormemente difficile..."
Amica gnoma: " Forse per voi grande è più facile, ma a volte io non so come fare..."
Lo: "Credo sia davvero difficile, ma conoscendoti qualcosa riuscirai a fare"
Amica gnoma: "Tu ne sei capace?"
Lo: "No"
Amica gnoma: "Mai?"
Lo: "Vuoi la verità?"
Amica gnoma: "Certo!"
Lo: "A volte certe cose le perdono, a volte proprio non ci riesco e ho la testa che mi scoppia e il cuore che urla, altre la mia testa mi dice che non lo devo fare, per non dimenticare..allora non lo faccio."
Amica gnoma: "......bhe allora sono grande anche io"
Lo: "Già!"
Amica gnoma: "Gnoma...ricordati che mi devi già due pezzi di riso soffiato al cioccolato"
Gnoma: "Lo so...a domani, ciaoooooooo"
Amica gnoma: "Ciaoooooooooooo"
Profusione di baci.

TORTA DI CIME DI RAPA E FETA

per la pasta
300 gr di semola
5 cucchiai d'olio extra vergine d'olive
sale
acqua q.b.

per il ripieno
cime di rapa
feta
pepe e peperoncino
sale

Preparare la pasta velocemente e metterla a riposare in frigo per mezz'ora. Nel frattempo lessare le cime di rapa in una pentola d'acqua, quindi frullarle con il feta. Aggiustare di sale e insaporire con pepe e peperoncino in base ai gusti. Stendere la pasta e farcire con il composto di verdura. Cuocere per 30 minuti a 180° forno ventilato.

Ho trovato un mazzo verde e corposo di cime di rapa dai contadini e le ho prese. Una parte le ho usate per fare le tradizionali orecchiette, che la gnoma si è mangiata gustandosele tutte. La seconda parte sono finiti in questa torta semplicissima, che voleva mischiare il sapore di due paesi di sole...il feta ha accompagnato le cime di rapa con ardore e delicatezza. Semplice, ma mi ha sorpreso.

54 commenti:

  1. Cara Lo tema delicato e difficile....deve almeno prima passarmi la rabbia...non sò se perdono , non ho mai comunque poi negato l'aiuto se richiesto , è solo come dire , che poi mi sento " distaccata" dalla persona che mi ha ferito .Buona settimana!!!

    RispondiElimina
  2. Ma che vuol dire perdonare? Sentirsi più buoni e migliori perchè non ti faccio pesare quello che mi hai fatto? Forse semplicemente non tenere rancore? Forse comprendere il perchè mi hai fatto quella cosa? Insomma non è vero che per noi grandi è più facile..anzi. Ma questo lo avevo capito da piccolina: alla domanda -cosa farai da grande io rispondevo - ma io non divento grande!! e invece..
    Buona settimana Caty2

    RispondiElimina
  3. Che bella torta! inoltre la pasta con la farina di semola ha sempre un suo gusto particolare!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. ...il perdono....ahimè argomento scottante cara Lo...ma che grande saggezza e semplicità hanno sempre i bambini, come sanno essere profondi molte volte!
    Io saprei perdonare....????
    Forse si, forse no......
    Complimenti per la bellissima torta salata...sai che la pasta con la semola non la faccio mai? E tu la fai sempre, porca l'oca devo proprio provarla pure io! Mi dà l'idea di essere leggera e croccantosa...che dici?
    bacio, ciau!

    RispondiElimina
  5. Lo certe volte i bambini mi spiazzano, questa bambina è davvero molto saggia, ha sollevato una questione non facile... nemmeno io riesco a perdonare tutto e tutti...
    Un bacio grande

    RispondiElimina
  6. Per me é difficilissimo perdonare..e quando ci sono riuscita me ne sono pentita!
    Bacio!

    RispondiElimina
  7. Il vero perdono, secondo me, richiede grande saggezza, serenità d'animo, un equilibrio interiore stabile, perchè se poi perdoni ma ti rimane l'amaro in bocca quando vedi quella persona ... non so che senso abbia!Certo dipende anche da ciò che si deve perdonare, ci sono certi torti, certe dimenticanza che sicuramente si possono perdonare, poi ... altre cose, come una che è capitata a noi in famiglia, che siamo stati costretti a far finta di perdonare, ma ... sinceramente io non ho perdonato e sto male per non poterlo esprimere perchè le conseguenze di quel torto ancora oggi gravano sulla nostra vita! scusa lo sfogo Lo!
    ora veniamo alla ricetta ... interessantissima, la pasta con la semola non l'ho mai fatta, devo provare, poi con questo ripieno potrebbe anche essere considerata un pò light ... che ne dici? ehm... si, io da oggi sarei a dieta, ma qui non vedo poprio tanti grassi!!!
    baci ebuon inizio settimana
    dida

    RispondiElimina
  8. Mi cia hai fatto pensare sai?
    So perdonare? Forse...però il discorso che certe cose me le ricordo anche a distanza di 20 anni vuol forse dire che ho perdonato con la testa ma non con il cuore....comunque bisogna essere veramente forti...Bacioni
    Marty

    RispondiElimina
  9. ma quanti anni ha l'amica gnoma??? troppo forte!!! risponderò alla tua richiesta di parlare un po' di me, del motivo del mio blog. Solo che voglio farlo quando sono pienamente predisposta. mi dai qualche giorno? vieni da me che c'è un premio!

    RispondiElimina
  10. Da catechista devo dire che l'impegno è forse un po' "troppo": i bambini hanno un senso della giustizia molto marcato, soprattutto se sono loro i colpiti.
    Forse era più semplice invitarli a pensare a quanto uno sgarbo fa male e da lì camminare verso il concetto di perdono...
    vabbè idea mia...

    RispondiElimina
  11. Oh, Lo, se cominciassi a dirti la mia sul perdono temo non mi parleresti più... Ma sulla quiche sono molto curiosa, perché non ho mai assaggiato le cime di rapa... Come sono?

    RispondiElimina
  12. l'argomento e' impegnativo... :))

    Il mio problema e' che riesco a perdonare nel senso che non porto rancore, ma se si tratta di rapporti di amicizia alzo dei muri che difficilmente abbatto, o almeno ne deve passare di tempo :))

    PS: ottimo questo impasto per la base della quiche....adattissimo per le cime di rapa! :)

    RispondiElimina
  13. è vero che bisogna perdonare sempre ma a volte è difficile!!! :-)un bacione e buon lunedì

    RispondiElimina
  14. che belli questi racconti della gnoma... mi ero dimenticata gli "impegni" di catechismo.. ma quelli che davano a me non era così profondi...dovevo imparare le preghiere, cose così... mi ricordo che quando dovevo imparare la "salve o regina" la ripetevo a mia mamma per strada mentre mi accompagnava all'oratorio e io dicevo sempre "...dementi (invece di gementi) e piangenti in questa valle di lacrime" e mia mamma si faceva grasse risate, ma io facevo apposta, non sapevo cosa volesse dire gementi nè tanto meno dementi...hihihi! ciaooo! Silvia

    RispondiElimina
  15. ♥♥♥ Ciao Lo ,complimenti hai proprio una gnometta favolosa ...e che tenere che siete ...mi avete fatto sorridere e commuore allo stesso tempo . Cmq è difficile dare i giusti imput agli nomi (^_^) ma a me è sembrato l'approccio giusto il tuo ...io perdono sempre tutti e tutto non riesco a stare arrabbiata e poi è troppo faticoso ihihihi!!!! cambiando discorso mmm ottima la torta con le vedure mmmm ma la gnometta la mangia ? mi sa di si perchè è proprio grande ormai (-_^) ciao e per il meme sono lieta d'esserti stata utile ciao un bacione e buon lunedì ♥♥♥

    RispondiElimina
  16. come hanno ragione le due gnome! hanno assegnato un compito davvero difficile!
    ma poi il perdono serve di più al perdonato o chi perdona?!mah!

    hai preparato un tortino con i fiocchi, brava!!!

    ps: sto meditando sul compito che ci hai dato tu... anche quello non è affatto semplice!

    un bacione!

    RispondiElimina
  17. Sempre complimenti alla gnoma,molto umana.

    Perdonare?

    Non so cosa significhi per me.

    Mi fanno del male e col tempo lo rimuvo.

    RispondiElimina
  18. bella domanda....una domanda a cui non so rispondere....a dire il vero non so nemmeno se ho avuto tanto male da dover poi perdonare....mi hai confusa:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  19. Caty...anche iomi sneto così...magari fino ad un attimo prima ho lottato con i denti, ci ho pravato...ma quanto sento dentro quello strappo..lo so per quanto tempo passo a convincermi...non c'è più nulla da fare...la totale indifferenza mi vive...un bacio a te!

    Caty...(però l'altra ;)...forse vuol dire comprendere il perchè...forse...non so io non perdono sempre...anzi...

    Manu, Silvia...grazie...sapete io la semola la metterei ovunque anche nel caffè... :)

    Simo ...io sono ferma ancora alla domanda ma devo SEMPRE perdonare no????????...eheh infatti non lo faccio...sono stata onesta con l'amica gnoma...per la pasta ci hai azzeccato in pieno croccantosa e deliziosa! :) bacio

    Camo...a chi lo dici...io ho apprezzato la sua onestà e poi che ne volesse parlare con me...un baciottohttps://www.blogger.com/comment.g?blogID=2595172066714360793&postID=2334210815070213789&pli=1

    Fatina dolce...infatti ...è su questo che comunqeu ci tenevo a far riflettere le gnome...ma perchè è così scontato che si deve perdonare..perchè? un bacio

    Dida non sai quanto ti capisco...quel perbenismo quella faccina bella...ma non è meglio accettare la realtà... bho...io sono così...non so...vabbbèèèèèèèèè pensiamo alla dieta...dieta??? io con il freddo sto andando in letargo e mangio tantissimo...però dai secondo me la crostata è light...se poi l'accompagni con un insalata...abbraccione e sfogati finchè ti pare :)

    Clamilla...o talmente sereni ed equilirati...a me chi riesce a perdonare sempre mi sembrano in una sorta di bolla di sapone distanti e poco vissuti

    Dodò...fai pure con calma..c'è tutto il tempo e grazie per la disponibilità..le gnome hanno 9 anni...bacione

    Cri...forse si...io onestamente non so esattamente cosa è stato detto...so quello che ha capito l'amica gnoma..però certo quanto ha capito dipende molto da lei, ma molto anche da come ha ricevuto la comunicazione...

    Ondina....lascia star eil perdono...s enon fila e concnetrati sulle come di rapa...dolci croccantose e saporite...un richiamo frizzantino alla famiglai dei cavoli...eheh

    Elvira...eh si chi fa del male, chi non rispetta è difficile da perdonare...ma poi che vuol dire...che dopo che qualcuno mi ha triturato, mi ha mancato di rispetto, mi ha fatto male io devo volergli bene come prima...io non ce la faccio...ti perdono ma non mi parlare...il sentimento cambia...e lasciamo stare e mangiamo sta torta! :)

    Micaela buon lunedì...accidenti è quel sempre che mi fa più pensare.. a me...un abbraccio

    Silvia dementi e piangenti mi fa spataccare dal ridere...passala al nostro presidente del consiglio gli può essere d'aiuto eheheh

    May che forza hai...la rabbia a volte non si gestisce...la gnoma se la mangia adi gusto...ero dubbiosa ma lei gluglu l'ha mangiata felcie...e pur ele orecchiette!

    mah Laura mah...io dico che se uno non si fa divorare dal rancore...l'aiuta anche riflettere a pensarci su...su quello che trova giusto...mah....per il resto vai tranquilla c'è tutto il tempo...un abbraccio

    Stella sai te l'ho già detto io sono molto simile a te...questa volta era un'amica gnoma...bellissima anche lei!

    Anna...che bello quello che hai detto...non ho avuto tanto male...sicuramente sarai stata fortunata, ma altrettanto sicurmaente sei molto molto saggia...per apprezzare la tua fortuna! un bacione

    RispondiElimina
  20. anche se con un po' di ritardo, se passi da me c'è un premio che ti aspetta! bacioni

    RispondiElimina
  21. bellissimo questo dialogo!!!!! che bei ragionamenti....
    buona la torta e che bella pasta croccante mi sembra :-) ho sfacchinato davvero dalle 8 alle 12 per una ..... vedrai prossimamente!!!!
    baci amica mia!!!!!
    devo venire a trovarti mannaggia!!!!

    Ely

    RispondiElimina
  22. tosto come argomento eh??!! già è difficile per noi grandi figuriamoc per dei bambini.
    sono d accordo con cristina ^_^
    compliemnti per la torta.
    baciotti lo
    veronica

    RispondiElimina
  23. Che racconto dolce..... ^_^
    Interessante l'abbinata cavolo+feta.....scopiazz.....

    RispondiElimina
  24. cavoli... se è difficile perdonare... che braav che sei con i bambini.. e con le torte!! :)
    un bacio amorrr :**

    RispondiElimina
  25. Ciao Lo. Sono stato immobile a riflette per parecchio tempo davanti a questo tuo post. Perdonare?!?!!?? Ci sono alcune frasi fatte, del tipo "chi lavora può sbagliare chi non lavora non sbaglia mai" ed anche "sbagliare è umano, perseverare è diabolico". Perdonare... La religione che ci hanno insegnato a catechismo ti dice di perdonare, di porgere l'altra guancia. Impari poi che il "diavolo" è in realtà un angelo che non ha rispettato le regole ed è stato punito e quindi non è stato perdonato. Lo ammetto, nella mia vita ho perdonato molto ma non tutto. Certi torti ti lasciano un segno così profondo nell'anima che ogni volta che rivedi quella persona ti senti bruciare dentro. Perdonare.... su certe cose proprio non ci riesco.
    Luca
    Sabrina&Luca


    PS
    Ti farò rispondere anche da Sabrina appena torna dal lavoro.
    Argomento molto interessante su cui ci sarebbe molto, troppo da dire!

    Come al solito hai fatto una ricetta veramente interessante e, se devo dirla tutta, mi ha messo l'acquolina in bocca!
    Luca
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  26. Lo pillole di saggezza le tue...!!
    D'altro canto sarebbe ipocrita dire che perdoni se poi non è vero.
    Non tutti ci pensano.
    Perdonano con la bocca e non con il cuore..e poi succede il finimondo.
    E con i gnomi la sincerità è la prima regola.

    RispondiElimina
  27. Cara Lo, ci sarebbero un sacco di postille e di parentesi che dovrei aprire, riassumendo posso dire che non sono e non sarei capace di perdonare tutto a prescindere. Sì, il buon cattolico dovrebbe farlo, ma le imposizioni le vivo male, ho bisogno di sentirle io le cose, di filtrarle attraverso la mia coscienza, di farle collidere anche contro i miei limiti. Di sicuro cercherei di capire i motivi che hanno spinto una persona a ferirmi, a tradirmi, a farmi del male, sono abituata a mettermi in discussione, non ho prese di posizione ferree ed assolute, nè penso di avere la mente chiusa o recintata col filo spinato. Di sicuro ci sono cose che non potrei mai perdonare. L'essere usata, l'essere tradita da un amico e da chi amo. Come potrei metterci una pietra sopra se poi non sarei più spontanea? Chi mi ha fatto veramente del male è fuori dalla mia vita, non mi vendico, lo ripago con l'indifferenza e col distacco. Perdono tante cose se so che in fondo non c'è la volontà di fare del male, se so che c'è la buona fede dall'altra parte. Sbagliare è umano, gli sbagli, gli errori sono fondamentali secondo me, sono parte di noi, di ciò che siamo. Sì Lo, perdono e perdonerei tante cose, ma su alcune proprio non transigo. Al di là del personale, basta guardare fuori nel mondo, nelle nostre città, ci sono violenze, ci sono atrocità che non possono essere perdonate, come fai a perdonare certe cose?
    Un abbraccio
    Sabrina
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  28. Che bello sarebbe una vita senza odio e rancore.
    Si, perdonare è difficile ma è molto più bello sentire il proprio cuore leggero, sereno e felice per essere riusciti "a perdonare"!
    Io naturalmente predico bene ma razzolo male...
    cambiando discorso sono stata da Marco, il miele è buonissimo e poi è così bello parlare del lavoro faticoso delle apine (e di Marco), tu che sei molto brava nello scrivere perchè non dedichi un post a questi instancabili lavoratori (dopo la tua tesi)...dai, dai .
    Baci

    RispondiElimina
  29. A volte i ragionamenti degli gnomi spiazzano di brutto:)) Bisognerebbe avere sempre i 10 secondi di tempo per rispondergli! Bella la torta salata, un bacio, Elga

    RispondiElimina
  30. perdoanre è davvero diffcile, non sono mai riuscita completamente a farlo con chi mi ha ferito, certe volte quando certi rapporti devno esserci mio malgrado provo a dimenticare, a soffocra ma ciò va solo a mio discapito :s

    RispondiElimina
  31. Isabel grazie mille!!

    Ely...troviamoci..da me da te..a metà strada...ora sono curiosissima!

    Ciao Veronica...difficile per tutti perchè il perdono non è automatico ma vibra nelle corde di ciascuno...troppo sangue e carne per essere facile

    Scopiazz Susina è buonissimo!!

    Vivi..io non sono una di grande pazienza..ma sono onesta con loro..e devo dire che è un piacere il confronto!! bacissimo

    Luca...è così...frasi fatte il perdono automatico..ma chi l'ha detto?? e perchè poi?..poi non so credo si confondano i concetti..ho sofferto...posso evitare di incaponirmi, di continuare a sbattere la testa, di rimuginare...posso...ma io ad esempio non ce la faccio a stare vicino a chi ha abusato di me...dentro mi si rompe il legame, il rispetto...non trovo giusto far finta di sorridere, di accettare, di chiedere come stai..se non mi interessa...so che per perdonare devo anche lasciare andare..se no mi viene un nervoso...

    Brava Michela con gli gnomi...devonos tare in questo cavolo di mondo che noi ci ostiniamo a confezionare nel peggiore dei modi...inutile fare credere loro fandonie...credono abbiamo più rispetto di qualcuno che capiscono..

    Sabri condivido il tuo atteggiamento...è quello che faccio...io non sono nemmeno cattolica..ma devo sentire devo filtrare..io non posso perdonare chi mi succhia, chi mi usa, chi prende...odio gli ignavi e non ce la faccio a considerarli nella mia vita...non sopporto chi obbliga gli altri a fare i soldatini..ma nememno chi si mette a fare il soldatino...

    Un bacio Sabri e Luca...vi ho stordito di parole...

    Gallinella quel cuore leggero l'ho avuto quando ho compreso le ragioni dell'altro...ma passando a Marco...mi hanno detto che sei passata...ero un po' dispaiciuti temevano di non averto dato abbastanza attenzione...perchè erano purtroppo nella tragedia di portare un cane abbandonato al canile

    Ehh Elga io ho raccolta le idee mentre masticava riso soffiato eheh

    Ecco Panettona...è così..perdonare per obbligo è così...non capisci non comprendi...

    RispondiElimina
  32. premio per te!!! queste piccole donne mi spaventano!!! sono troppo tutto!!! baciotti

    RispondiElimina
  33. Buona questa tortina salata !! Ciao !!

    RispondiElimina
  34. Ciao acra, sotto al tuo post el meme ho lasciato il link con la mia testimonianza.
    Felice di aver partecipato!

    bacioni

    Laura

    RispondiElimina
  35. Manu...si queste piccole donne fanno un po' tremare ma sono così belle...io sono stata felice di parlare così...perchè finchè non si è lasciata andare non mi era simpaticissima :)

    Grazie Lisa :)

    Grazie Laura..ho visto :)

    RispondiElimina
  36. Tesorino mio!!!! Sarei felicissima di aiutarti per la tua tesi...anche io sono in fase di preparazione e capisco cosa significa...ti giuro che appena ho un minuto di tempo ti mando un messaggio in privato ok???Sono in ritardo??? un bacio patata

    RispondiElimina
  37. Che belle gnome Lo....e che bella Gallina che sei!
    Sai avendo anch'io una gnoma della stessa "taglia", posso capire e riascoltare con la mente anche le nostre chiacchierate: che bellezza!
    Trovo siano una delle cose più belle della giornata, fino a quando non ce la faccio più a rispondere.......

    Bacioni,
    B

    RispondiElimina
  38. Risposta difficile a darsi,cara Lo:Si può perdonare? Si deve perdonare sempre? Per chi come me è credente la risposta è univoca,cioè sì,ma umanamente parlando le cose cambiano...!
    Catechismo a parte,la tua gnoma e la sua amica sono sensibili al problema,e questo dimostra che in casa regna un clima disteso quindi educativo,o mi sbaglio?
    Penso di no.

    Ciao,buona giornata!

    RispondiElimina
  39. Ciao Lory, io sono una di quelle che predicano bene e razzolano male, perdono si, ma non dimentico, qundi non so se è un vero e proprio perdono...
    Ps. vado a scrivere il raccontami...
    un bacione e buona settimana
    Rips. Bellissima torta!

    RispondiElimina
  40. ciao lo c'è un dolce premio ke ti aspetta baci buona giornata
    very

    RispondiElimina
  41. Lale...stai tranquilla c'è tutto il tempo...fino a fine dicembre...grazie!

    Barbara...è vero...a volte rimani un po' frastornata..ma quei momenti sono speciali... :)

    E' vero Sirio...già il fatto che ci riflettono è segno che ci pensano, che qualcosa è entrato e cresce!

    Grazie Michi....eheh proprio così non si dimentica...io pure! un bacione

    Grazie Veronica..tu sei dolcissima...arrivo

    RispondiElimina
  42. non avrei mai pensato di mescolare le cime con la feta, magari proverò l'abbinamento con la pasta!

    RispondiElimina
  43. Ecco da chi avevo preso l'idea della semola per l'impasto! Urca... torta salata che merita!
    Io perdono per sfinimento. Spesso.
    Mi sfinisce non riuscire a voltar pagina... e allora, mi perdono per il fatto che non sono capace di perdonare.
    Forse così in parte si risistema un minimo di quilibrio.

    RispondiElimina
  44. Quel che per i bambini è semplice avvolte per gli adulti è impossibile, il contrario non credo che esiste. Quello del perdono è un concetto con così tanti asterischi che crederci diventa fede....se ti guardi dentro scopri che avvolte neanche a te stesso perdoni granchè!!!

    RispondiElimina
  45. sei davvero brava..
    niente bugie...
    niente mi e mo
    niente giritondi
    niente doppisensi..


    per il perdonare...
    io provo, ma più delle volte non ci riesco..
    allora preferisco andarmene, chiudere, cambiare e dimenticare.
    all'inzio, resta aperto un piccolo spiraglio perchè fa male separarsi, i ricordi buoni si affollano e premono per uscire, la voglia di illudersi che non sia vero è fortissima...
    ma poi il tempo passa e la porta si chiude da sola..
    poi le cattiverie e i rancori altrui ti fanno solo sorridere tristemente..

    le esperienze negative ci insegnano molto di più di quelle positive..

    ma prima o poi, per fortuna, la mente umana dimentica, il sole torna splendere e noi siamo di nuovo liberi!!

    buonissimo san martino cara loryy...
    bacionii

    RispondiElimina
  46. Ma come non perdoni?!?
    Ma creto che sei un gallinella monella!
    Allora non mi perdonerai per questo Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr?
    No?
    allora eccotene subito un altro
    PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!
    PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!

    RispondiElimina
  47. Geillis ci sta benissimo! :)

    Claud...cavoli ottima tattica...nememno io riesco a voltar pagina...anzi si la volto ma cambio i protagonisti eccchecavoliiiiiiii

    Dea...accidenti
    non ci avevo pensato al perdono verso sè stessi...ci devo pensare...

    uhhh un premio gallinoso grazieeeeee

    Mucchinaaaaaaaaaaaaaaa mucchinaaaaaaaaaaaa mucchina perdo la pazienza....tutto il pollaio con me per un coro di prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  48. Bri...no girotondi e favolette non li racconto...sempre stata sincera...mi rispecchio nelle tue parole...tantissimo! un bacio

    RispondiElimina
  49. tesoro ti civo per dirti ce sono latitante ma c sono, ho ricevuto la tua richiesta d'aiuto e farò presto quel che mi chiedi, solo un poco di pazienza per i miei tempi stretti stretti..scusami!!!
    ed ora se puoi passa da me che ho un premo per te!!!

    RispondiElimina
  50. è una bellissima ricetta questa torta complimenti, non ho dimenticato la tua richiesta tra un po arriva

    RispondiElimina
  51. Si io perdono ma deve passare tempo, devo ritrovare in quella persona l'animo che avevo perso il momento dell'affronto,del tradimento, della cattiveria fino a quel momento resto rigida e distante.

    Tema difficilissimo ma sento la gnoma preparata alla vita

    RispondiElimina
  52. Grazie Polinnia...sei un tesoro...non ti preoccupare c'è tutto il tempo e grazie anche per questo con tutto il cuore!

    Grazie Gunther...fai pure con comodo...non ho fretta...e grazie anche per la torta...è davvero semplice ma i gusti stanno benissimo tra loro!

    Mari..in poche parole hai espresso un concetto che a me sfuggiva, che tentavo di acchiappare..che mi serviva...ritrovare l'animo della persona...è esattamente questo...io mi prendo tempo per capire, per non farmi influenzare dalla mia delusione e cercare ancora quell'animo...raramente l'ho ritrovato però...grazie, mi hai aiutato parecchio con queste poche parole! un bacio

    RispondiElimina
  53. Non perdono quando subisco ingiustizie, non perdono quando vengo accusata di cose che non ho fatto e di parole che non ho detto, non perdono quando vengo fraintesa e ferita, non perdono di non essere perdonata, a volte non perdono i miei per avermi messa al mondo per farmi poi queste domande.
    Non perdono quelli che ce l'hanno con me senza spiegarmene i motivi..insomma avrai capito che sono "SOLA" ;-)
    Ciao Lo..ho giocato un pò, ma solo un pò ;-)

    RispondiElimina