mercoledì 19 novembre 2008

Quando fui A60


Quel momento l'ho rimandavo da giorni.
Così sono partita con tutte le armi necessarie nella borsa.
All'ufficio postale ho per prima cosa recuperato il bigliettino con il numero per prenotare il posto. Mi trasformo, non sono più Lo, ma mi chiamo A60!
Alzo lo sguardo e mi rendo conto che l'atrio è densamente abitato da una folla di persone. Alzo ulteriormente lo sguardo sul tabellone luminoso, con i numeri e scopro che nessuna A è chiamata, ci sono solo H che devono fare i versamenti e P che devono fare raccomandate.
Mi siedo, pensando qualcosa succederà.
Proprio in quel momento percepisco il borbottio continuo, basso e greve della folla...un sacco di ma, di però, di non è possibile.
Ad uno sportello c'è una coppia, all'altro un sacco di H.
Aspetto, la simpaticissima vecchina di fianco a me mi spiega che lei la Telecom potrebbe pagarla alla Sisal, ma aveva voglia di venire in posta.
L'altra signora di fianco a me si agita sulla sedia.
Ad un certo punto una voce irata attira l'attenzione di tutti, la dipendente postale grida fortissimo: " Ma ti pare il caso??? ...e io che gli indico pure che c'è uno sbaglio e questo si lamenta??? Ma stiamo BABBIANDO?"
Quindi si accorge che c'è giusto un pelino di gente e chiede scusa.
La coppia ha di fronte un cartonato robotizzato, che ad ogni loro domanda si alza, va via e poi torna indietro. Sempre in silenzio. Sempre con la stessa espressione.
E' l'espressione dei due che cambia, da rilassata, passa ad incupita, a furente, a rassegnata...
Un signore, timidamente, fa notare all'impiegata urlante che sono 45 minuti che non chiamano una A, lei stizzita spiega che i correntisti H hanno la precedenza , gli altri devono andare dal cartonato inespressivo. Il panico serpeggia...la folla si muove prima tutta a destra e poi tutta a sinistra.
La signora anziana mi spiega che la signora F., che vede da tanto lì alla posta si è proprio arrabbiata, che non sa il nome del cartonato, ma che è li da sempre e quindi il lavoro dovrebbe saperlo e che quel signore con gli scatoloni vende pettini.
L'altra vicina ha un guizzo: si alza silenziosa, pigia un bottone e mi torna con un biglietto H.
La coppia dice al cartonato di lasciare perdere tutto, che la posta è bloccata e qui inizia l'auto organizzazione.
Ci sono quelli che intonano le proteste con tono basso e ripetitivo, perché è l'unico modo per raggiungere quell'unico neurone che è in cooperativa fra le due impiegate. Le tipe ricevono il mantra e, miracolo, il cartonato libera la coppia, l'urlante fa l'ultima correntista e inizia a chiamare delle A.
La signora dal doppio biglietto si affranca grazie al fattore H e, felice di aver raggiunto l'obiettivo, mi regala il suo A55.
La vecchina mi dice mesta mesta. "Ora mi passi avanti" e io faccio scambio con lei :gli do A55 per il suo A57, un'altra sorridendo mi chiede cos'ho, ma non patteggia e tiene il suo A56, io ho anche A60, adocchio altre due simpatiche donne con un A68 e gli regalo il mio A60.
Scoppiamo a ridere, è troppo divertente, ma devo correre: l'urlante ha chiamato A57, ma anche il cartonato ha chiamato A57.
Pericolo blocco del neurone e definitivo stand by ...ma un colpo d'occhio con A58 salva la situazione: io al 2 lei al 4, il neurone è stato dribblato e riesco a pagare il bollettino p
ostale. Urlante mi consegna la mia ricevuta, con il volantino pubblicitario degli sbalorditivi servizi della posta che abbandono con eleganza per scappare fuori!
Torno ad essere Lo.

TORTA DI FARRO E MELE

2 mele
1 arancia
zenzero
150 ml di latte
200 gr di farina di farro
100 gr di farina 00
80 gr di zucchero
80 gr di cioccolato fondente
2 uova
4 cucchiai di olio di semi di girasole
1 bustina di lievito per dolci

Sbucciare le mele e tagliarle a dadini, spremere il succo di un'arancia e condire le mele con succo, una grattugiata di zenzero e un cucchiaio di zucchero. Lasciare a marinare.
Battere bene le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungere l'olio, miscelare le due farine con il lievito e aggiungere al composto, setacciandole. Mescolare bene. Aggiungere il cioccolato tritato e la frutta marinata e scolata. Imburrare e infarinare uno stampo da ciambella e infornare a 180° per 45 minuti circa.

La ricetta l'ho trovata sul numero di ottobre di Cucina Naturale, ma dopo aver provato con le dosi indicate e un consulto su facciadalibro con Cristina e , ho capito che qualcosa non anadva...troppi liquidi, così ho aumentato la farina. Grazie Ragazze!
Partecipo alla raccolta di Laura...finalmente!

56 commenti:

  1. Mi fai morire A60 ... da oggi in poi ti chiamo così!!!
    SCHERZO!!!
    un abbraccio di solidarietà
    dida

    RispondiElimina
  2. A60, sei una forza!!!
    E...buona la tortona!!! Mi sa che è proprio bella pucciosa, eheheheh!

    RispondiElimina
  3. Dopo lo stress della fila alla posta, un ciambellone ci sta sempre bene!!!

    RispondiElimina
  4. Io ho smesso di andare alla posta!!!!
    Sembra che quando uno va alla posta tutto il giorno non ha niente da fare se non stare seduto li ad aspettare loro.

    RispondiElimina
  5. ahahahahaah ossignur Lo, sono stata a ridere da sola davanti al monitor.. anche se non ti consoco ho cercato di imamginarmi una povera cristiana alle prese con la fila, i numeri postali, il baratto dei numeri.. ahahah troppo divertente! io odio la posta, mando sempre la mia povera mamma ihhihihihhii
    La tua torta al farro è davvero invitante, dentro sembra viola può essere? o sono io che sto diventando daltonica? un bacione

    RispondiElimina
  6. Tutti ci trasformiamo dentro alla posta, ma tu mi fai sempre morire dal ridere! Bella la torta, rustica e profumata! Elga

    RispondiElimina
  7. Capisco lo stress da fila alla posta (anche se non la faccio spesso perchè sono "raccomandata" mio padre ci lavora, ihihihihh)
    Cmq la torta mi sembra proprio buona:)

    RispondiElimina
  8. ahahaha che ridere! grazie, mi hai fatto incominciare la giornata con un sorriso :-) SMACK!
    Bella la torta, e dev' essere anche buonissima :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. E quando potrei mangiarne una fetta?
    Ah, devo prendere il biglietto? Va bene...
    Ho C11, tra quanto mi tocca?

    :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  10. CIao A60, ehehe mi hai fatto ridere un sacco! Beh prova ad immaginare un pò quando vado io alla posta del mio piccolo paese e le cose non vanno bene, e li tutti a parlare bergamasco, ed io sorrido per non far capire che sono l'unica scema che non ha capito un tubo (tranne le parole poco carine :P)...
    Comunque la tua torta è bellissima, e molto coreografica! un baciotto

    RispondiElimina
  11. Che bello questo racconto alla posta! Succedono sempre un sacco di cose divertenti alla posta... o almeno, bisogna prenderle come divertenti, è l'unico antidoto... comunque, soprattutto quando vivevo a Trieste, mi è capitato spessissimo di fare belle amicizie con vecchietti alla posta. Tutte queste lettere e questi numeri che hanno introdotto a volte creano davvero confusione! Comunque mi questo racconto mi è piaciuto davvero! ciao A60! Silvia

    RispondiElimina
  12. Ciao Lo!Sono una nuova visita(o meglio scrivo solo ora)...mi hai fatto rivivere scene che ho visto, le poste qui a milano sono surreali a volte!
    La torta è magnifica, ti linko subito!
    Buona giornata
    saretta

    RispondiElimina
  13. Andare alla posta è una di quelle cose che è capace di trasformarmi il morale... è una prova di nervi per me!
    Mi sa che la torta sia davvero buona, con il farro non ho mai provato... Bella anche la foto sulle mele, complimenti!
    Un bacio A60!

    RispondiElimina
  14. Ps. sul mio blog c'è una sorpresa per te, e non è un premio ^^

    RispondiElimina
  15. Ciao!
    Pensa che giusto ieri sera stavo polemizzando con l'uomo-anti-gatto dopo aver visto uno spot alla tv sulle poste ... possibile - ho detto - che qui da noi la posta arriva una sola volta alla settimana (quando va bene e non piove), possibile che devo ricevere ancora tre pacchetti (spediti settimane e settimane orsono) per non parlare di lettere varie, possibile che sono mesi e mesi che non ricevo piu' la rivista a cui sono abbonata, possibile che ogni volta che mi arriva una raccomandata devo girare per 3/4 uffici postali prima di riuscire a recuperarla ... e le poste che cosa fanno?!?!? Offrono ulteriori servizi per snellire gli altri enti!! Ma, dico io, se non sono nemmeno in grado di svolgere bene i loro servizi!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Lasciamo stare, che forse e meglio!
    Lo sai che anche a me piace molto la rivista "cucina naturale"? E' una delle mie preferite perchè ci trovo sempre ricette interessanti e non troppo elaborate :o)
    Buona giornata
    *Cinzia*

    RispondiElimina
  16. Hai ragione:-)))) è un avventura andare alla posta
    Annamaria

    RispondiElimina
  17. odio fare la fila alla posta!!! :-P che buona questa ciambellona!!! devo provare anch'io il farro!!!

    RispondiElimina
  18. Lo,sei una forza!!!
    ...per il racconto, esilarante!!!
    e per la torta... è proprio il caso di dire che il galletto l'hai intortato bene bene!!!

    l'ha mangiata, si??|

    un bacione!!!|

    RispondiElimina
  19. Lo,gioca quei numeri al lotto...non si sa mai.
    Hai descritto alla perfezione i vari personaggi alla post e mi sembra di vederli.

    Ecco ,hai colto pure un lato psitivo, una risata, in una coda chilometrica.

    Sei forte...

    RispondiElimina
  20. Ultimamente alle mie proteste per il disservizio, L'Urlante di turno (esiste in tutti gli uffici postali) mi ha detto - voi pensate che siamo ancora statali invece ora siamo un'azienda privata, le cose non funzionano più come prima.... -
    Ma prima quando? Non ho memoria di Uffici Postali funzionanti, ed essere azienda privata significa non dover preoccuparsi del "cliente" ? Ho la mente confusa... Ciao ciao Caty2

    RispondiElimina
  21. Perdonatemi perdonatemi sono alle prese con gli esami ecdl non ci capisco nulla di acces...sto studiando e ho un'ansia addosso...che se non capisco qualcosa grrrrrrrrrrr
    per questo non vi rispondo ad uno ad uno...anche se vi ho letto:
    benvenuta a Saretta nel pollaio,
    grazie per la solidarietà post coda..e vedo che la posta fa un servizione su tutto il territorio nazionale....mamma mia come siamo messi...
    perdonatemi
    che corro
    un bacione a tutti
    p.s. grazie Michi

    RispondiElimina
  22. AHAHAH!!
    Chissà perchè in certe situazioni di coda vien fuori la casinara che c'è anche in me!!
    E poi finisce tutto a pane e salame con gli amici di sventura ed a sberle almeno a parole con gli impiegati.

    RispondiElimina
  23. buona giornata e studia !! a dire il vero a leggere A60 pensavo ad un 'autostrada ....!! non è facile , nessun lavoro è facile ...ma cuciniamo che è meglio !!!! baci

    RispondiElimina
  24. ah ah aha h aha ha h
    tesorooooo di A60 diventata A57 ...che forte che sei!!!!!
    :*****

    RispondiElimina
  25. anche qui a Palermo, le cose vanno più o meno così!
    anzi no, direi meno!
    pensa che io A60 non ho mai avuto la fortuna di prenderlo!
    ah quindi c'è, mi manca! bene che vada ho preso da A99 in sù!
    e poi detesto tutti quei telefonini che suonano contemporaneamente,suonerie dalle musiche più svariate-da ufo robot,al Tema di Lara, alla musica tecno, alla risata isterica di un bimbo!
    terribile!
    alla tua torta un 10 e lode!
    un bacio giusy

    RispondiElimina
  26. Prrrrrrrrrrr!!!!!11 Che bella la ciambella A60. Prrrrrrrrrrr!!!!!!!!1 Ma era meglio la A57? PRRRRRRRRRRRR!!1
    Ma che splendore quelle scritte a bassorilievo come le hai messe? PRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Lo ne è capitata una anche a me in posta, vado a pagare un bollettino ma non va il Bancomat l' impietata mi dice che devo prelevare allo sportello bancomat e poi ritornare perchè avendo inserito il bollettino non me lo può restituire,e già qua cominciano a girarmi le scatole.... vado di corsa allo sportello a prelevare e lo trovo fuori servizio (era sabato per cui non posso entrare in banca) ritorno in posta e mi dice che allora mi da un bollettino in bianco da compilare a sto punto non ne posso più ed esplodo... che non sono capaci di fornire un minimo servizio sebbene li paghiamo ed anche bene.... e l' episodio non è raro perchè mi era già successo di andare a prelevare per poi ritornare per non parlare di quando non avevano il bollettino per pagare le tasse scolastiche e sono dovuta andare al paese vicino.... Che bella torta per addolcirci un po????

    RispondiElimina
  28. adesso studia.. ma quando puoi passa a ritirare il criceto goloso da me ;-)

    RispondiElimina
  29. Ottimi questi dolci, ma per tornare alla posta ti posso assicurare che qui da me, a meno che non vai il primi giorni del mese, quando ci sono le pensioni, non c'è certo tutta questa confusione. Maria

    RispondiElimina
  30. non ci posso credere Lo!!! ho appena sfornato una ventina di dolcetti al farro e mele!!! siamo telepatiche!

    RispondiElimina
  31. la cosa ke mi diverte di più alla posta è vedere come gli anziani, uomini e donne indistintamente, sparlino di altri coetanei presenti!!! mamma che torta! qst weekend compro FINALMENTE lo zucchero!
    ps nn ho dimenticato di raccontare il perchè del mio blog! solo un po' di pazienza!

    RispondiElimina
  32. Racconti di quotidiana follia postale ;-) mangiamoci un bel pezzo di questo ciambellone e non pensiamoci più!!

    Ops dimenticavo che ho eseguito i miei compiti se ti va passa a sbirciare, baci

    RispondiElimina
  33. Il tuo racconto mi ha divertito tantissimo.Qui da me non ci sono biglietti, siamo in un piccolo paese della tuscia, però il nostro ufficio postale a l'impiegati che vanno a rallentatore. Stamane avevo tre persone avanti e, ho dovuto fare 1 ora di fila visto che l'impiegata mentre lavora si fa una bella chiacchierata con tutti. Mi piace anche la torta ciao

    RispondiElimina
  34. eccomi di corsa...ho la testolina in palla....

    Michela se finiamo insieme in un ufficio postale scoppia un casino...ma qui era un muro di gomma l'unica l'auto organizzazione :)

    Caty studio studio...e so che ogni lavoro è faticoso...so anche che quando nel lavoro si entra in certe dinamiche è la disperazione ;)

    Vivi e per un secondo sono stata A55 che soddisfazione! bacio

    Susina eh si!

    Giusy...cavoli A99 mi mettevo a piangere....disperata...inzuppando il bollettino postale...fortunatamente non c'erano concerti di suonerie varie ...

    Muccaprrrrrrrrrrrrrrrr....grazieeeeeeeeeprrrrrrrrr
    per le scritte bisogna avere photoshop se no nada! prrrrrrrrrrrr

    Rosy miiiiiiiiiiiii che nervi...a me fa impressione il muro di gomma delle tipe...sguardo inespressivo deng deng parole e concetti rimbalzano.....lontanoooooooooooooo


    Elle grazie di cuore! un bacio

    Maria meno male...perchè non volevo davvero generalizzare...ma quell'ufficio è pazzesco...non è la prima volta..

    Babi voglio vederli :) i dolcetti!!

    Dodoò un quarto d'ora con questi vecchietti e sai tutto di tutti...divertentissimo....poi mi meravigli con lo zucchero :)

    Crepi il lupo Silvia (povero lupo però)

    Ele arrivo subito grazie

    Sorby il rallentatore è un altro elemento caratterizzante ahhhhhhhhh

    RispondiElimina
  35. Non c'è che dire, bisogna portare tanta pazienza! Ma il robottino??? ma davvero??? sono trasecolata!

    RispondiElimina
  36. ciao Lo tutto bene spero!!!!! un sorriso.....

    RispondiElimina
  37. smack!smack!smack! saranno sufficenti per un giorno? spero di si e tieni duro! nonostatente tutto studiare è una cosa bellissima! un abbraccio alla gnoma .

    RispondiElimina
  38. Le tue disaventure alle poste mi ricordano le mie, oggi devo proprio pagareun bollettino! help! e pensare che ho fatto la novantista allo sportello, ma da me non c'era nessuno che aspettava più di 5 minuti, infatti mi hanno anche premiata come migliore impiegata! Basta un sorriso, un pò di voglia di lavorare e un pò di pazienza!Ma oggi le persone allo sportello sembrano tutti ammalati di lentaggine!
    bella la tua torta! ciao

    RispondiElimina
  39. ciao Lo! finalmente ti ho scritto il post che aspettavi! spero di non essere stata troppo noiosa!

    RispondiElimina
  40. Lo la torta deve essere deliziosa e devo farla anche io!! ma il tuo racconto delle poste è esilerante! :D
    dovrei avere il tuo carattere.. io sono provvista di un buon senso dell'humour.. ma quando vado alle poste mi trasformo in una donnaccia arrabbiata che chiede fuoriosamente i nomi alle (povere) sportelliste, minacciandole di denuncia...
    come devo fare???

    RispondiElimina
  41. buauahauah! vita da poste!! anche se ci sarebbe poco da ridere, ma tu sei fantastica nel raccontare questi scorci di vita!
    sai che dalla prima foto pensavo che fosse un biscottone? tipo una "macina"? invece è una bellissima ciambella :)
    un abbraccio immenso!

    RispondiElimina
  42. Ciao A60!
    Ma ti rendi conto in che paese viviamo???? SIiiiiiiii
    Mi sembra che le poste siano tutte uguali!
    In compenso questa torta la farro deve essere buona...ho visto che pure babi ha preparato dei dolcetti al farro..bisogna che li sforni pure io queste dolcezze...
    Ah dimmi, ma la scritta galline second life sulle foto l'hai fatta con photoshop?
    E' molto carina:D
    Un bacio CArla

    RispondiElimina
  43. A modo mio
    ho bisogno di una gallinella anch'io
    a modo mio
    io la mia gallinella non la cambierò mai mai
    a modo mio
    ti faccio un PRRRRRRRRRR!!! Anch'io :p

    RispondiElimina
  44. Che ridere!! ma allora non è così solo alla posta di Calenzano!!!

    RispondiElimina
  45. Vera giuro...sguardo perso nel vuoto e movimenti da automa....brrrrrrr

    Dani io tutto bene e tu??? e d aun po' che non ci sei sul blog! un bacione

    Caty sono stati sufficienti....grazie mille!

    Mirtilla: A60 a rapporto!

    Laura...e come è andata??? mamma mia che programmino...anche io sono convinta che non ci voglia molto e mi chiedo perchè la motivazione di questi sia sotto i piedi!

    Grazie Dodò è stupendo! un bacio

    Cicciuz è prorpio per evitare di lasciare troppi cadaveri sul selciato che la metto sul ridere..se no poi perdevo troppa energia a farmi venire i nevi, confesso che avere molto tempo rende le cose più facili

    Arietta...grazie..che bello sentirsi dire così....però un enorme biscottone da mangiare slurpssss

    Carla che tristezza...qui solo Melina mi ha detto che da lei va tutto bene....la scritta l'ho fatta con photoshop...è carina...se ti interessa dimmi pure provo a spiegarti...ma magari sai già tutto!

    Mucche che pagano il mio pranzo non ce n'è
    sulle panchine in Piazza Grande,
    ma quando ho fame di galline come me qui non ce n'è.
    prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  46. Sara...sembra che sia quasi sempre così pauraaaaaaaaaa!!!

    RispondiElimina
  47. La mia posta è differente...
    ... ci sono solo due impiegate e un super manager-direttore-minculprop che gira come una trottola valzerando i super premi del bancoposta e la raccolta punti miagola del correntista felice. Se riesci a driblarlo l'impiegata bionda sorride, strizza l'occhio (giuro: non è guercia) e ti addita con fare allusivo... ed è subito il tuo turno!
    La mia posta è differente...

    RispondiElimina
  48. Ci hai fatto sorridere, ma hai toccato una piaga che ogni mese si rinnova, si riapre e ci costringe a vivere la tua stessa odissea. Abbiamo aggrottato la fronte leggendo della vecchina che aveva voglia di venire in posta. Io , quando mi tocca, metto già in conto che perderò minimo un'ora se mi va bene, altrimenti è una scommessa. Tre sportelli aperti, due per le H e uno per le A, guarda caso ogni H impiega un'eternità, mi chiedo sempre perchè! L'unico pensiero mio, che si fa strada tra il crescente nervosismo, è....voglio uscire! Ho rivissuto quei momenti, mi hai smosso l'adrenalina, ma la torta che fa capolino lì sotto, mamma mia, quella sì che ti coccola e ti riconcilia col mondo! Grazie Lo, per essere così speciale!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  49. Buona, deve essere proprio buona.
    Tu la fai con la farina di farro, io proprio con i chicchi di farro.
    Proverò anche la tua ricetta.
    Grazie

    RispondiElimina
  50. per la tua torta sono A 53, mi sa che non ci rimangono neanche le bricciole. Colgo l'occasione di farti i complimenti perchè ho visto che i tuoi "raccontami" sono favolosi, ne ho letti due questa mattina di giusy e anice stellato, veramente molto belli, grazie perchè hai fatto venire fuori il meglio di noi

    RispondiElimina
  51. Claud...cavolo peccato che però nella tu aposta non riesco a venire in bici ;)
    (mi hai fatto troppo ridere)

    Luca, Sabrina...la vecchina mi sa che aveva voglia di vedere qualche faccina in più...allora a lei andava bene anche la posta...però certe situazioni sono deliranti! Dai mangiamoci una torta che speciali siete voi

    Laura con i chicci? come i dolcetti di Babi? slurps

    Grazie Gunther a te...sono sbalordita anche io del tempo, dell'attenzione e della tenerezza che mi avete dedicato con i vostri racconti e ne sono molto emozionata! :)

    RispondiElimina
  52. Lo, sei Unica... mi hai fatto spanciare dalle risate fino al crescendo finale... sei terribile!
    Grazie, mi ci voleva proprio!
    Un abbracccio
    :)

    RispondiElimina
  53. ehehe che bello far ridere qualcuno Serena...un baciotto

    RispondiElimina