venerdì 21 novembre 2008

Le radici

I nonni....che belli i nonni, mi ricordo che da piccola ero molto orgogliosa di dire che io avevo ben quattro nonni...ora non c'è più nessuno...volati lontano, tornati fra le nuvole.
C'erano i nonni paterni: sempre vecchissimi, vivevano nella loro casetta al secondo piano di un piccolo condominio, a me sembrava che non uscivano mai da lì e sgranavo gli occhi se mi dicevano che il nonno era arrivato fino alla casa della zia. La nonna era una tipetta, che quasi non si muoveva più, che mi raccontava dei suoi momenti di pazzia ed allegria, come quando era piccolina e correva tra le valli della sua montagna o sulle sponde del lago dove ha vissuto o come quando perdeva i cinque minuti e si stizziva. Mi ricordo quando rimasta sola, un giorno per caso sono passata con mia sorella trovandola in lacrime, perché sentiva la mancanza del suo tenero amore.
I nonni materni erano due tipi inconsueti, dal carattere forte e spigoloso, due solitari ed indipendenti che non ho mai capito come erano finiti insieme, infatti insieme non ci stavano...vivevano nella stessa casa divisa a metà, concordando l'uso della cucina, parlandosi malissimo alle spalle. La nonna era un po' magica, una strega dolce e buona ma asprigna e ruvida...poteva far star malissimo con le sue parole, ma quante estati di gioia e verde mi ha fatto passare su a Casale, regalando a me e a mio cugino una libertà selvaggia. Aveva le mani d'oro, lavorava ai ferri velocissima...e si sentiva le cose. Era magica.
Poi il nonno, il nonno sempre con la pelle olivastra perché aveva fatto la guerra in Africa...quante volte negli ultimi anni, quando stava a casa dei miei, mi raccontava con una lenta monotonia le sue avventure, le sue storie, quello che i suoi occhi avevano visto da uomo bambino, vissuto solo per troppo tempo.

I ricordi dei miei nonni sono vaghi, mi rimprovero di essere stata una bambina e un'adolescente troppo concentrata su sé stessa, per rendersi conto che sarebbe stata una dolce ricchezza donare a loro parte del mio tempo.
Ma delle mie nonne mi ricordo la morte, perché sono stata lì con loro mentre succedeva, mentre l'ultimo soffio usciva leggero...piano piano quando niente di razionale le abitava, ma solo sangue e calore dava a loro la forza e io cercavo con il mio cuore, il mio pensiero, la mia energia di coccolarle mentre andavano...

I nonni, biricchini, invece sono spariti così, sfuggiti...uno quando ero ancora una ragazzina e non sapevo cos'era la morte e il suo sentore mi è rimbalzato addosso, l'altro dopo avermi salutato felice in ospedale, con la promessa di rivederci a casa, per poi andarsene, in un attimo, forse perché
a casa non ci voleva tornare...
A volte credo che di notte, non tutti insieme, ma ogni tanto uno, ogni tanto l'altro, mi vengano a trovare, per posare quel bacio lieve, ognuno portando con sè il suo personale profumo.
-------------------------
Mara e Giùgiù hanno aperto un nuovo blog dove tutti possono dare il loro contributo, un blog che attreaverso i rcconti, le ricette, le parole e le testimonianze vuole raccolgiere lo spirito leggere che i nonni portano con sè, un blog che è fatto di coperte sulle ginocchia, latte caldo con il miele e di tutte quelle saggezze che dobbiamo fare nostre, per permettere alle nostre origini di vivere ancora. Desiderno il controbuto di tutti noi e io vi invito a visitarlo: Il Diario di Nonna Papera.
Io ho partecipato con una vecchia ricetta pubblicata qualche temp fa tratta proprio dal mitico Manuale di Nonna Papera, vecchio e unto che sta ancora sulla mensola della mia cucina!



TORTA DI RISO

300 gr di riso
2 uova
1 patata
1 broccolo
150 gr di caciocavallo
sale
pepe
pane grattato

Lessare il riso, la patata e i broccoli. Io ho cucinato tutto insieme, aggiungendo tutto quando l'acqua ha cominciato a bollire. Scolare e lasciare raffreddare. Nel frattempo sbattere le uova, tagliare a dadini il formaggio. Mischiare il riso alle verdure, con il formaggio e le uova sbattute con un pizzico di pepe. Ungere una teglia e cospargerla di pane grattato, aggiungere il composto e livellarlo, coprendo con altro pane grattato, cuocere in forno a 200° per 15 minuti.

Ho preso ispirazione per questa ricetta da una proposta su Cucina Naturale del mese di ottobre. L'originale prevede di usare i funghi e del ragusano dop. E' piaciuta così tanto, che ora quando faccio il riso, ne faccio sempre tanto per poi averne un po' per prepararla. Secondo me è buonissima anche con tante altre verdure. Stasera ho scritto con ai piedi un paio di pantofole brutte e pelose, che erano della mia nonna e che oggi la mia mamma ha voluto darmi...

44 commenti:

  1. I nonni....che perle di saggezza e che tesori...ti accorgi di quanto sono importanti quando vengono a mancare...a me la mia nonna manca così tanto...
    bacione

    RispondiElimina
  2. quanti ricordi cara....nn tornano piu'ma nn possono cancellarli..i ricordi piu'belli,teneri ed innocenti :)

    RispondiElimina
  3. Come sempre, quando si parla di nonni, mi hai fatto piangere. Anche i miei nonni erano simili ai tuoi: quelli paterni che non si muovevano mai di casa, tranne per le rare visite del nonno alla zia (la nonna, come la tua, sembrava un essere mitologico, metà donna e metà divano); la nonna materna mezza strega, dalla lingua pungente, che quasi non parlava col marito (anche loro dormivano separati), che raccontava (poco, perché non amava parlare) della Calabria, del duce che faceva arrivare i trni in orario e dei tentativi di evasione, quando era prigioniero degli alleati, in Texas... e allora piango, cara Lo, perché anch'io, come te, sono stata una bambina capricciosa e un'adolescente egoriferita e non ho saputo apprezzare il tesoro della memoria e le splendide storie che la presenza dei nonni mi ha regalato, per troppo poco tempo, senza darmi la possibilità di raggiungere la maturità e apprezzarlo

    RispondiElimina
  4. I ricordi sono l'impronta che lasciamo dietro di noi, nel nostro cuore e in quello di chi ci ama.
    Anche a me manca tanto mia nonna Anna, per fortuna c'è la mia bimba a ricordarmela ha lo stesso carattere forte e deciso, la mia piccola Anna!
    baci

    RispondiElimina
  5. hai ragione Lo, i nonni sono unici. Non so perchè ma il rapporto fra nonni e nipoti è speciale, diverso da quello che loro stessi hanno avuto con i figli. I miei, i due che ho conosciuto, mi mancano molto e ongi tanto di notte li sogno. buona giornata! Silvia

    RispondiElimina
  6. Cara Lo devo dire che mi sono tanto emozionata! vedi, io distinguo nonni buoni materni da queli str... paterni purtroppo! questi ultimi vivono nel molise ma se ne son sempre fregati di me (come mio padre tra l'altro).. ed io ad oggi non so nemmeno se sono ancora vivi.. Di quelli buoni materni ricordo il mio nonnino quando ero piccola che dalla ciociaria veniva a Roma a trovarmi, portandomi ravanelli e le salsiccie che io tanto adoravo.. Ho lontani ricordi indelebili però.. l'ho perso che non avevo nemmeno 5 anni, mia nonna è volata via prima che io nascessi... :-( è fortunato chi nella sua infanzia ha potuto godere della loro vicinanza!e magari ce l'ha tutt'ora!un abbraccio cara Lo...

    RispondiElimina
  7. che bei ricordi LO, che belle parole... anche io ho delle immagini dolcissime dei miei nonni, dei 2 che ho conosciuto, e anch'io li sento vicini, a volte credo mi tengano per mano, so che mi proteggono, erano speciali, ognuno a suo modo.

    RispondiElimina
  8. Lo, grazie per aver condiviso questi ricordi.. e con tale poesia.

    Ho conosciuto solo 3 dei mii nonni, il padre di mia madre aveva abbandonato la famiglia quando mia madre e mia zia era piccina e di lui non si è saputo più nulla fino alla sua morte, quando avrebbe voluto le figlie al suo fianco.. Ma mia madre non se l' è sentita di andare.
    Ho amato tanto la mia nonna materna, nonna Lucia.. con lei sono cresciuta, vivevamo con lei.. una donna dal carattere di ferro, ma capace di estrema dolcezza con noi nipoti.. è lei che mi ha trasmesso l' amore per la cucina, per le cose buone.. è grazie a lei che sono diventata quello che sono oggi.. con tutti i miei limiti ed i miei difetti.. Credo di aver ricevuto da lei un' eredità immensa, la sua forza d' animo e la solarità.. ed anche la sua voglia di " mettere pace2 tra le persone :-)
    Della nonna paterna non mi va di parlare, è stata la nonna " cattiva".. quindi... la liquido così ;-)
    Nonno Goffredo, invece, è stato, da quando ero piccinissima, il mio folle amore.. mia madre mi racconta che avevo appena pochi giorni e lui, che veniva in città in Tribunale ( era un notissimo civilista), passava a trovarmi.. ed io, al suo fischiettare, giravo gli occhietti verso il suono :-)
    Ormai sono morti tutti e tre, il primo ad andare è stato proprio mio nonno, avevo 8 anni e, per lui, scrissi la mia prima poesia (L)
    Poi, nonna Lucia, ad 8 giorni dal mio 28esimo compleanno.. la sera prima avrebbe voluto mi sedessi in braccio a lei :-))) le ho dato un bacio, e al mattino l' abbiamo trovata.. addormentata per sempre .
    Infine , l' altra nonna, il 26 dicembre di 9 anni fa.. mi vergogno a dirlo, ma .. non ho versato una lacrima, mi è solo dispiaciuto tanto per mio padre..
    sarò arida e cattiva, forse, ma.. non voglio dire bugie.

    RispondiElimina
  9. eh già, quanti ricordi belli sono legati ai nonni!!!! sono unici!!
    un bacione e buon fine settimana!
    p.s. complimenti per la ricetta, la proverò, non la conoscevo!

    RispondiElimina
  10. Eh sì, i nonni sono davvero preziosi! Io ha la fortuna di averli quasi tutti, uno purtroppo non c'è più e se ne è andato quando ero ancora troppo piccola... I miei nonni paterni abitano sopra di me, coccolano me ed il mio ragazzo come se fossimo ancora bimbetti. Lei mi insegna spesso qualche trucco in cucina e lui è tenerissimo, basta fargli un complimento per vedere che ha le lacrime agli occhi... Mia nonna materna invece è un tipo rustico, a volte molto dolce a volte invece un po' troppo impicciona, ma ha un cuore grande come il mondo!
    Mi segno la ricetta della torta di riso, mi ha colpita moltissimo! Qui da noi con questo nome si intende un dolce tradizionale chiamato anche torta degli addobbi...
    Buon fine settimana, un bacio!

    RispondiElimina
  11. I nonni sono insostituibili ed unici!Spesso mi accorgo di provare tenerezza per questi due anziani, di cui conservo tanti felici ricordi di bimba...
    La torta è buonissima poi!
    Buon we cara!
    bacione

    RispondiElimina
  12. il tuo racconto mi ha emozionato e mi ha fatto raffiorare tanti bei ricordi...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  13. Simo tesoro lo so che ti manca la tua nonnina speciale...un abbraccio

    Mirtilla che tesoro sei...hai ragione un bacio

    Onde...la nonna mezza donna e mezzo divina è fantastica...che triste vero rendersi conto di ciò che aveva valore e abbiamo lasciato andare...

    Laura che meraviglia riconoscere in tua figlia i tratti dei nonni che dono prezioso!

    Silvia hai ragione il rapporto è diverso...lo vedo con i miei genitori che fanno i nonni alla gnoma...a volte rimango di stucco!

    Claudia sai io penso che i legami di sangue sono importanti...ma sono fondamentali se si nutrono di affetto e di amore

    Vera vero che sono qui vicino?

    Elle grazie a te...del racconto stupendo...delle tue parole di un altro pezzetto prezioso di te

    Micaela...grazie...la ricetta è davvero comoda...io faccio dose doppia di riso così ho il pranzo per il giorno dopo!

    Camomilla...ma che bella questa cosa dei tuoi nonnini che sono i tuoi vicini di casa ..siete i vostri reciproci angeli custodi! Ci farai vedere la torta degli addobbi?

    Saretta è vero la tenerezza è uno dei sentimenti dominanti

    Che bello Anna...ne sono felice un abbraccio

    RispondiElimina
  14. MA COME?
    La verza no ed i broccoli si?
    eheh!
    Copio tutto mi pare bella..e poi che bei ricordi..le radici..son tutto di noi.

    RispondiElimina
  15. Anche in casa mia il manuale di nonna papera sta in bella vista accanto a signori come Donna Hay e l'Artusi, per citarne due a caso:) Evviva i nonni, sempre
    Elga

    RispondiElimina
  16. mi hai colpito in mezzo al petto, perché se c'è qualcosa di cui ho sempre sentito la mancanza sono i miei nonni. nel senso che non li ho mai conosciuti. l'ultimo è morto 2 mesi prima che nascessi io. e forse per questo mi innamoro dei nonni degli altri, li ascolto, ci parlo. ho fatto miei quelli del mio pseudomarito. parlano solo in siciliano stretto. è una gioia per me sentire quella strana cantilena di cui afferro solo la metà delle parole e immaginarmi piccola :)

    RispondiElimina
  17. A mio nonno (93 anni) è rimasto solo un dentino. Spezza il pane e lo mette nel bicchiere di Gassosa per ammorbidirlo e poi lo mangia col cucchiaino.
    Teneroooo! *___*
    Quanto gli voglio bene!

    RispondiElimina
  18. Lory che bei ricordi hai dei tuoi nonni...le mie due nonne sono ancora in vita, mentre i nonni non ci sono più...quello a cui ero più legata era nonno Michele, ero la prima nipote con il suo nome e lui mi voleva tanto bene...se n'è andato il gg prima del mio compleanno e per questo quando si avvicina la data (tra qualche giorno) ci sto male...mi mancano tanto, anche se non ci sono più, il loro ricordo rimarrà sempre nel mio cuore!
    un bacione :)

    RispondiElimina
  19. Lo potrebbe essere interessante per te.

    Vai al blog :Mestolo e paiolo.

    RispondiElimina
  20. cara Lo quanti ricordi che ti fanno ricca ! penso che quando si è giovani si è giovani è solo questo non è che non vogliamo aprezzare certe cose , è solo il tempo della gioventù!! ma godiamoci la tua ricetta e un sorriso!!!

    RispondiElimina
  21. Lo.. al di là del fatto che sei davvero dolcerrima..grazie :)

    RispondiElimina
  22. Anche io non ne ho più, e pensare che ci son cresciuta insieme, due vivevano con noi...peccato....mi mancano tanto....
    :-((

    RispondiElimina
  23. ciao Lo!
    io ho avuto la grandissima fortuna di stare molto a contatto con i miei 4 nonni...praticamente sono cresciuta con loro!
    ho ancora la nonna materna... una donna di 81 forte e indipendente, guida, coltiva il suo orto, prepara delle tagliatelle spettacolari e lavora ai ferri con una bravura magistrale!

    il tuo racconto è molto bello e coinvolgente!
    un bacione!

    ah! ottima la torta di riso!!!

    RispondiElimina
  24. Ecco un altra figura mancata nella mia vita, ho conosciuto, ma troppo piccola e per poco tempo, solo i nonni materni,i ricordi che ho sono legati al posto in cui sedeva mio nonno nella sua casa e i racconti divertenti legati alla sua giovinezza di mia nonna ma non ho condiviso con loro un lungo tempo.
    Mi piace il tuo racconto e sono certa che davvero di tanto in tanto vengano a trovarti, un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Caspita che nonni da romanzo del verismo... ti ho già detto tante volte che i vecchietti mi incuriosiscono e mi attirano: ma la tua torta di riso la rimaneggerei volentieri... ho giusto dei funghi che avvizziscono in frigo!

    RispondiElimina
  26. i nonni sono bei ricordi...del nonno
    ricordo i baffi pungenti e per questo speravo non mi baciasse....
    il riso me lo puoi propinare in tutte le salse, che io trangugio...

    RispondiElimina
  27. ma...Lo... che post meraviglioso.... è un post da Nonna Papera. Lo devo avere.... a tutti i costi.
    Pensaci, ti prego, è quello che cerco.
    Mara

    RispondiElimina
  28. Lo, sei stata davvero fortunata con ii nonni! Io invece ho conosciuto soltanto 1 nonna, ma in fondo avrei forse preferito di non conoscerla affatto. Mi dispiace, suona stonato rispetto agli altri commenti, ma è la realtà..

    A proposito, bella versione di torta di riso!

    Baci!

    RispondiElimina
  29. Pensando ai nonni penso alla mia infanzia... I loro ricordi erano i racconti più belli.
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  30. Michela...eheh i broccoli anche tanti e in tutte le versioni...e sempre...ma la verza bleahhhh
    Le radici siamo noi! :)

    Che bello Elga! Anche il tuo è vecchissimo?

    Che bello Bea...innamorarsi degli anziani...bisogna concedersi il tempi di farlo...

    Ines...che bello il tuo nonnino...ma la gazzosa brrrrrrrr

    Michi scommetto ch eanche tu hai dei ricordi e che se vuoi puoi scriverli

    Stella sono andata ma non ho capito...

    Caty...un po' lo penso anche io, ma rimane che ora mi dispiace

    Elle adoro chi dice dolcerrima...un bacio

    Susina...un abbraccio

    Laura...ma che meraviglia...io voglio essere una vecchina come la tua nonna...speriamo!

    Trangugi riso??? eheh Marta Martella...mi metterò i baffi finti sabato!

    Mara è per voi! un bacio

    Rossa perchè ti dipsiace...è la tua vita...e quel ricordo, senza calssificarlo nè giusto nè sbagliato, è un tuo ricordo..merita ogni onore...un bacio

    Che bello Silvia i racconti!

    RispondiElimina
  31. Ciao Lo ... il tuo post è stato pubblicato .... Grazie
    Ti lascio il link del mio sito, ho pubblicato una raccolta ... Se ti va di partecipare ...
    un bacio e grazie ancora per il tuo racconto ..
    Giugiù (http://lemilleeunadelizia.blogspot.com/2008/11/la-mia-prima-raccolta.html)

    RispondiElimina
  32. Cara Lo,
    io ho conosciuto 3 nonni, quello paterno è volato in cielo due mesi prima che nascessi, sono cresciuta nella stassa casa con i nonni materni, vivevamo tutti insieme e ciò è durato fino ai miei 10 anni, ma io ho continuato a passare intere settimane a casa loro anche se era a poche centinaia di metri di distanza, per me loro erano come i miei genitori ... anzi ... di più perchè stavano con me tutta la giornata invece, mio padre lavorava e io lo vedevo solo la sera e in casa c'era, spesso, un'aria pesante perchè c'era anche la sorella di mia madre che aveva una forte depressione ma allora sai era definita semplicemente 'esaurimento nervoso' e queste persone erano trattate come pazzi da internare e, infatti, mia zia c'è stata in uno di questi posti, ha subito pure tante torture, dagli elettroshock alla cura di glucosio e tutto ciò le ha fatto peggio, ma questa è un'altra storia ... dicevo in casa ... immagina ... vivere in sei in 120 mq non è semplice, ma i miei nonni hanno saputo rendere strardinaria la mia infanzia, nonno Giovanni soprattutto, fortissimo, vorrei anch'io tanto dedicargli un post e... Lo, anch'io ho forte forte la sensazione che a volte, soprattutto la mia nonna materna, che era tanto protettiva, sensibile, forte ma silenziosa, sieda sul mio letto e vegli su di me ... che dici non ci sbagliamo, vero?
    tvb
    dida

    RispondiElimina
  33. mi piacciono questi tipi di blog... dove si inizia con parlare di una cosa, in questo caso dei nonni per poi terminare con delle ottime ricette.... ciao e buon fine settimana da Maria.

    RispondiElimina
  34. grazie Giùgiù....ora passo :)

    Dida che emozione un bacio tvb

    grazie Melina...:)

    RispondiElimina
  35. Belle queste iniziative blogghistiche che con la scusa delle ricette ci permettono di conoscerci meglio!

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  36. i nonni... sono magici!!!!!
    Un abbraccio Lo!!!

    RispondiElimina
  37. Non te lo meriti ma... ti ho lasciato un prrrrrrrrrrremio da me :p

    RispondiElimina
  38. i nonni sono bellissimi..se si potesse tornare indietro sarebbe il più prezioso tra i regali...mapossiamo sempre farlo coi nostri ricordi..ti abbraccio forte, Lo..un bacino.La tua lety

    RispondiElimina
  39. Ho conosciuto solo le nonne...che tenerezza!
    Purtroppo se ne sono andate presto anche loro,avevano vissuto la guerra in diretta e una addirittura aveva perso un figlio,fatto prigioniero e deportato chissà dove...fece delle ricerche,si fermarono tutte al confine con la Polonia.
    Non aggiungo altro cara Lo,la storia penso che tu la conosca bene!

    Ciao,buo inizio di settimana.

    RispondiElimina
  40. Cara Lo, ci siamo emozionati leggendo le tue parole, i miei nonni paterni mi hanno cresciuta come se fossero loro i miei genitori, mia mamma studiava quando sono nata, mio padre lavorava 12 ore al giorno. Mia nonna, io la consideravo una mamma, è lei che mi leggeva le favole, che si occupava di me, che mi ha insegnato tante cose, che mi ha insegnato a cucinare, che mi ha lasciato in eredità la sua dolcezza e quando l'ho persa, dieci anni fa, ho provato un dolore senza fondo, vivo, feroce. Dopo la sua morte, ho cominciato ad avere una paura folle, quella dell'abbandono,di essere abbandonata dalle persone più importanti della mia vita. Lo, penso che sia questa la mia più grande paura. Mio nonno paterno ha passato gli ottanta, ma è ancora in gamba, anche se ogni tanto perde qualche colpo. Mi ha sempre trattata come una principessa,la sua nipote preferita. I miei nonni materni li ho persi che ero piccola, ho pochi ricordi legati a loro, anche perchè li vedevo raramente. Penso anch'io che mia nonna mi venga a trovare quando dormo, penso anch'io che continui a seguirmi, come ha sempre fatto!
    La tua torta sa di buono, per noi è qualcosa di nuovissimo perchè non abbiamo mai assaggiato niente del genere e come tutto quello che non conosciamo, ci intriga terribilmente.
    Se passi da noi, c'è un premio speciale per te!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  41. studia !!studia !!si , sono l'ecooooo.....!ti mando un abbraccio forte forte che ti accompagni per tutta la settimana .Lo sò hai così tante cose in mente ...che non sai più dove scriverle!!

    RispondiElimina
  42. Io mi sono goduta solo due nonne sigh!

    RispondiElimina
  43. Quanto é vero!!! i nonni sono stati molto importanti nella mia vita l'ho raccontato in un post. Sono preziosi, ci arricchiscono di cose pulite,vere. peccato che i miei nonni sono andati via molto presto ed ero troppo piccala per capirne l'importanza anche se certe cose, consigli e profumi sono ancora dentro di me.

    Non ho il manuale di nonna Papera, ma qualche ricetta di nonna l'ho conservata anch'io. Vado a visitare il blog che consigli e ci pensero'.
    Un'abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  44. Aiuolik..hai ragione...sono davvero carine ti danno uno spunto e via :)

    Un abbraccio Maya

    Mucchinaaaaaaaaaaaaa prrrrrrrrrgrrrrrrrrrrazie :)

    Lety hai ragione...i ricordi hanno questa magia...un bacione grande

    Si Sirio purtroppo la so la storia...grazie per il tuo racconto un abbraccio

    Sabrina..anche il tuo racconto è prezioso, soprattutto perchè scava così tanto dentro di te...lasciandoti magari la paura di essere sola, ma anche un sacco di altri meravigliosi talenti! Grazie per il premio passo! un abbraccio

    Grazie caty...studio studio...

    Tati..però te li sei goduta un bacio

    Mari i nonni sono preziosi...sono la nostra storia nel bene e nel male..quella che dobbiamo passare ai nostri figli perchè loro possano dire io sono
    un abbraccio

    RispondiElimina