lunedì 3 novembre 2008

Castagna: castanea sativa

Aspettavamo l'autunno noi bimbi...per andare con il papà nel bosco, per metterci gli stivaloni di gomma, cercare il nostro bastone e andare in cerca di castagne...lui ci portava nei boschi più belli, mi ricordo il sole che giocava con i suoi capelli biondi e la certezza che ci avrebbe salvato da qualsiasi insidia. Raccoglievo anche i ricci per portarli a scuola dalla maestra e lui mi insegnava a schiacciarli con i piedi, per tirare fuori i frutti. Era immensamente bello trovare le castagne con i segni dei dentini di qualche scoiattolo. Io non li vedevo, ma sapevo che erano lì...mi immaginavo che saltellavano tra i rami sulla mia testa e ci osservavano per controllare che non rovinassimo nulla...l'odore dell'umido di sottobosco, le foglie gialle alte dove camminare con passo lungo per sentire il rumore strusciante...come nel mare. E poi di corsa a casa con il bottino, da mostrare alla mamma, le castagne da tagliare, la brace da accendere, la pentola bucata nerissima e vecchia, le scintille che saltellavano, le castagne nei fogli di giornale e tutti intorno al tavolo, con le mani nere mentre le sbucciavamo e si rideva e si parlava.
---------------
Con l'appellativo di "albero del pane" il castagno ha avuto un ruolo fondamentale nell'economia della montagna fino a pochi decenni fa. L'albero ha pregi per il legno, che è ricco di tannino, resistente, di lunga durata, buono per la costruzione di travi, mobili e infissi, ma il valore del castagno è dato soprattutto dal frutto.

La castanicoltura da frutto, ebbe un grande impulso nel Medioevo per volere della contessa Matilde di Canossa, e la castagna, è stata subito soprannominata "pane dei poveri", prestandosi ad innumerevoli forme di consumo.

La castagna è un alimento sano, digeribile, di alto valore nutritivo e calorico, e può essere consumata sia fresca che secca, cuocendone il frutto, aggiungendolo come ingrediente principale o condimento in svariate preparazioni, facendone farina, creme e dolci.

La raccolta delle castagne è sempre stato una momento di aggregazione e festa a cui partecipavano anche anziani e bambini. Questa la descrizione tratta da un testo di "mestieri e storie" compilato in una scuola di Dicomano, in provincia di Firenze: "Ad ottobre i contadini, con delle grosse canne a pertica, "battevano" i marroni dalla pianta. Alcuni ammucchiavano i ricci con dei grossi rastrelli tutti insieme e poi li battevano in modo che i marroni uscissero fuori dal riccio.
Altri invece, o con le mani o con delle molle, aprivano i ricci e prendevano i marroni."

Il castagno era comunque, e rimane in parte, un vero protagonista intorno al quale ruotava l'intera attività economica, l'alimentazione, ed i rapporti sociali. Gli abitanti dei paesi adeguavano i propri ritmi a quelli naturali e vegetativi: dalla manutenzione della selva, alla raccolta dei frutti, dall'approvvigionamento del legname per la fabbricazione degli utensili, all'estrazione del tannino per la concia delle pelli.

Attualmente sono circa trecento le varietà di frutti esistenti in Italia. Tra questi il marrone si distingue dalla castagna per la forma e per la qualità della polpa, a grana fine e di gusto molto dolce, che è il risultato di fattori naturali ed umani, ottenuto seguendo una precisa metodologia che vieta l'uso di fertilizzanti e di fitofarmaci di sintesi.

da Lifegate.it

TORTA DI CASTAGNE

300gr castagne lesse
100 gr mandorle
50 gr cioccolato fondente
100 gr zucchero mascobado
2 uova
1 yogurt
pizzico di sale

Lessare le castagne (io l'ho fatto sulla mia Solar Cooking) con una foglia di alloro. Spellare le castagne e ricavarne la polpa, schiacciandole o frullandole per avere un purè. Frullare le mandorle e il cioccolato. Aggiungere al purè di castagne tutti gli ingredienti, versare in una teglia imburrata e infarinata, livellare l'impasto e cuocere per 40 minuti a 180° (prova stecchino).

63 commenti:

  1. Buonissima Lo!!!!!!!!
    Anche se la Simo pigrona non ama sbucciare le castagne lessate, eeheheheheheh....
    bacione e buon lunedì!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Che bello andare a raccolgiere le castagne! Non sapevamo che ce ne fossero veramente così tante varietà!!
    La tua torta con el castagne devv'essere buonissima!! Sopratutto perchè ha anche cioccolato e mandolre....
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Non amo molto le castagne, ma l'idea di fare una passeggiata in un bosco per raccoglierle mi sorride non poco... Bellissima la descrizione delle tue gite con il tuo papà e dei dentini degli scoiattoli. Per i cachi sott'olio ti farò sapere presto, spero di riuscire a pubblicarli!

    RispondiElimina
  4. tu si che ci auguri un buon inizio settimana con questa favolosa torta ;)

    RispondiElimina
  5. Simo eheh ti capisco ...ma siccome qui servono in purè...puoi tranquillamente massacrarle le castagne che tanto non ti servono perfette e non si diventa pazzi!

    Manu, Silvia si sono tantissime...mi sono dimenticata di dire che le mie castagne sono tipiche di qui si chiamano rossine e sono molto dolci!

    Onde...la passeggiata in effetti è molto piacevole...aspetto per i cachi grazie! Buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Grazie Mirtilla...è semplice ma davvero sorprendente! :)

    RispondiElimina
  7. buona questa torta! devo provarla! brava!
    ciao
    laura

    RispondiElimina
  8. Buona la devo provare io adoro tutto ciò che è con le castagne

    RispondiElimina
  9. Non ho mai fatto una torta con le castagne (con la farina si però è mi è piaciuta tantissimo), quindi penso che anche questa sarebbe di mio gradimento:)

    RispondiElimina
  10. Lo, anche per me le castagne sono legate al ricordo di mio padre, che amava tanto questa pianta (si, più la pianta del frutto) da volerne piantare 3 davanti alla casa ...il fatto che siano cresciute è stato quasi un miracolo visto che viveva quasi sul mare e le poche castagne che producevano le considerava una specie di tesoro che ci regalava orgoglioso:) ...l'altro giorno ho saputo che 2 sono seccate e la terza lo è quasi ...mi è venuta una tristezza, mi sembrava di aver tradito papà...

    RispondiElimina
  11. Che bello andare a castagne! L'ho fatto poche volte da bambina, ma ricordo che andavamo con la classe, noi bambini delle elementari, con la maestra Barbara! E poi la castagna è il simbolo dell'autunno, ripreso nei disegni e nei temi di scuola. Quanto tempo è passato... sarà ancora così magico per i bambini di oggi?

    RispondiElimina
  12. Ciao Lory, in effetti la cosa piu bella è passare una giornata in spensieratezza a raccogliere castagne, la cosa piu brutta, pulire le castagne dalla pellicina ecc...comunque copio la torta, che noi qui amiamo i dolci con le castagne!
    Un bacio grande!

    RispondiElimina
  13. Una volta erano veramente bei tempi!

    Buon inizio di settimana,lo.

    RispondiElimina
  14. Qui nessuno va matto per le castagne... uffa...
    Pasiensa, mi consolerò col radicchio :-P

    RispondiElimina
  15. Questa non me la lascio sfuggire.... io di castagne ci potrei vivere!!!!
    bACIO

    RispondiElimina
  16. non sono mai andata a raccogliere castagne:-) buonissima la torta:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  17. Io adoro le castagne, da poco mi sono fornita di un ricettario per utilizzarle anche per primi piatti e secondi, non vedo l'ora di utlizzarlo! Il tuo dolce deve essere ottimo!

    RispondiElimina
  18. Bella ricetta LO...adoro le castagne!!!

    RispondiElimina
  19. Ciao Laura..Buona giornata!

    Zagara provala...e poi mi dici!

    Sweet...si credo di si le castagne sono golose.

    @nn@..mi dispiace per gli alberi e capisco perchè tuo padre ne era orgoglioso...averli in Sardegna è davvero eccezionale..il ricordo a loro legato è prezioso! un abbraccio

    Vera...so che qualcuno qui si organizza per andare a castagne...per alcuni bambini è così magico...spesso porto lo gnomo nel bosco, a volte porto anche i suoi amici...sta allo spirito dei grandi...credo..

    Michi...eheh ma come dicevo a Simo ...siccome di serve la polpa puoi anche andare giù un po' così...tagli e spolpi tieni solo la polpa...eeheh ti sembro un concentrato di pazienza??? ;)

    Ciao Stella...una volta...no dai io voglio che anche questi tempi siano belli per la mia gnoma..per questo mi organizzo per farle viviere attimi che saranno ricordi preziosi...

    Cristina...mannaggia....

    Maya ...eh si ho visto quante cose...dai provala!

    Anna...mi fa strano leggere di chi non ha mai raccolto castagne, come nello stesso tempo mi ha meravigliato sentire di chi va a noci...qui i castagni sono tantissimi...ed è assolutamente normale...ma mi rendo conto che il castagno non è dapertutto! un bacione

    Camomill allora aspetto le tue proposte! :)

    RispondiElimina
  20. che buonaaaa! posso rubarti una fettona?? un bacione e buon lunedì!

    RispondiElimina
  21. Conosco bene il legno di castagno....peccato che non sia adatto per fare fuoco nel camino.....

    Bellissimo post, proprio ieri ho fatto un dolce con la pasta fillo e le castagne, ma di passato di castane ne ho congelato abbastanza per provare anche la tua torta! Un bacio :))

    PS: ho ricordi simili e paralleli ai tuoi....metti la primavera al posto dell'autunno ed i fiori al posto della castagne!

    RispondiElimina
  22. Lo la tua gnoma è fortunata. Ho pronto un post sui bimbi di città che non conoscono per niente la natura, ma non è colpa loro.

    RispondiElimina
  23. anche noi da quest'anno abbiamo un castagneto privato! Siamo all'inizio, ma promette una buona produzione!
    Ciao e mi copio la torta che sembra buonissima!
    Marty

    RispondiElimina
  24. Micaela ovviamente si!! buona giornata un bacio

    Elvira...ho scoperto il tuo nome! ;) che bello questo ricordo vero...perchè il ricordo vero è legato al mio papà le castagne sono una scusa!

    Stella...è fortunata...o forse sappiamo guardare un pochino più in là ;) aspetto il post un bacione

    Marty...accidenti un castagneto privato...che sogno....allora aspetto da te il trucco per seccare le castagne! :)

    RispondiElimina
  25. Quest'anno non abbiam trovato molte castagne buone, devo dire..se l'autunno sarà più generoso d'ora in avanti sperod i riuscire a provare la tua torta!

    RispondiElimina
  26. è bello avere questi ricordi , scaldano il cuore e nella complicata strada della vita ti regalano una grande forza ;sono come il riccio che si apre e ti porge la castagna , così loro si aprono e ti regalano calore e conforto . un abbraccio e buona castagnata!

    RispondiElimina
  27. uff!!
    domani dovevamo andare raccogliere castagne su a san zeno, ma diluvia..quindi si rimanda!
    beh..pasiensa (come dice cristina)...quando ci andrò..ho pronta la tua ricettina!!
    ps. come mi piacciono questi tuoi posts!!
    ti auguro una sfavillante settimana!
    bacioniii

    RispondiElimina
  28. ;-) che bei ricordi! a me piace anche adesso andare nei boschi in cerca di castagne sentire quel rumore sordo dei rami e delle foglie secche che si schiacciano sotto i piedi quel profumo di muschio.......;-) che tortina interessante.....le castagne con il cioccolato...... una libidine! heh
    a presto Pippi

    RispondiElimina
  29. Oggi ho mangiato le mie prima caldarroste :-)

    RispondiElimina
  30. Il ricordo più recente, si fà per dire perchè risale a quando avevo 14 anni, è di un pomeriggio autunnale, nelle piccole montagnole che circondano Pisa, io e qualche amico con il ciao della piaggio e la vespa 50 special, a far castagne....ricordo inoltre che non aspettammo di mangiarle a casa bensì accendemmo un fuocherello tra i boschi (incoscenti!!!) e le arrostimmo su una pietra, che non era una pietra bensì una lapide del 1700... eravamo capitati in un cimitero abbandonato....quindi raccogliemmo tutti i nostri arnesi, spegnemmo il fuoco e come superman, alla velocità della luce corremmo verso la valle, un pò impauriti da quella "profanazione!!" Che risate però dopo!! ^_^

    RispondiElimina
  31. non ho mai mangiato un dolce alle castagne, mi hai incuriosita!!voglio provarla

    RispondiElimina
  32. che bello le castagne!!! ricordano tanto anche a me le castagnate nei boschi da piccola! Tra l'altro venivamo verso la Brianza a cercarle! Anche voi scendete in Brianza da Varese?
    Poi mi ricorda anche gli autunni a Padova e anche qui a Zurigo ad ogni angolo le vendono!!! Non mi piace tantissimo mangiarle, ma mi piace tutto quello che ci sta intorno: la raccolta, i venditori con i cartocci, il profumo per le strade, il caldino quando passi davanti al banchetto... ciao! Buona settimana! Silvia

    RispondiElimina
  33. Night...anche io ho sentito che non era un grande anno per le castagne...ma io sono stata fortunata...le ha scelte per me il papà del galletto! ;) Come stai fatina? un bacio

    Caty...io sto imparando a recuperarli questi ricordi per non lasciarli andare...abbraccio!

    Grazie Bri...dai riuscirai a fare scorta di castagne fra qualche giorno..felicissima settimana anche a te!

    Pippi hai ragione quelle sensazioni nel bosco sono davvero unihe...delle percezioni che siregistrano nel cuore un bacione

    Che bello Aiuolik! :)

    Susina mia bella streghetta...che avventura...ahah davvero diabolica...ti vedo correre via impaurita e poi scoppiare a ridere con tutti i riccioli che saltano!!! :) come sei bella

    Pamy dai provala...io ero dubbiosa...non tanto per me ma alla prova pollaio...invece l'hanno davvero apprezzata, spazzolata...

    Silvia..eheh no no praticamente noi viviamo in mezzo ai castagni...i nostri boschi sono di castagni...e assolutament enormale uscire di casa per andare a raccogliere..pensa che fino a 2 anni fa vivevp in una casa proprio nel bosco e nel mio giardino c'erano due castagni...praticamente uscivo con la padella! La castagna della nostra zona si chiama rossina! un bacione

    Grazie a tutti quelli che mi lasciano un loro ricordo!

    RispondiElimina
  34. quante cose si imparano! bella la torta...mannaggia sto zucchero che non si trova...!!!

    RispondiElimina
  35. ciao!!!
    grazie mille per tutto e scusa la latitanza, ma è un periodaccio!!!
    adoro i dolci con le castagne!!!
    a presto!

    RispondiElimina
  36. che buona!!! adoro le castagne!!!un bacio buona settimana

    RispondiElimina
  37. Ciao Dodò....grazie! Cercalo lo zucchero!!

    Panettona auguri anche da qui e non ti preoccupare! ;)

    Ciao Manu buona settimana anche a te!!!

    RispondiElimina
  38. Gallinella!!!!!!!!!1 Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!
    Mi rubo la torta di castagne e ti lascio un PRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!

    RispondiElimina
  39. Lo, proprio oggi mi sono decisa di comprare le castagne ed eccoti qua con la torta! Mi sa tanto che la faccio per il finesettimana..

    A presto!

    RispondiElimina
  40. Mucca!!! Allora vuoi una sfida...ti aspetto sull'aia del pollaio e combatteremo in un duello di prrrr e prrrrrrrrrr! ;)

    Rossa se la provi poi mi fai sapere tutto...buona giornata

    RispondiElimina
  41. Ti aspetta una sorpresa da me

    RispondiElimina
  42. Ho solo un problemino quest'anno, io quando mangio le castegne mi immagino di accompegnarle con un buon bicchiere di vin brulè, ma con questo caldo come si fa!!!!

    RispondiElimina
  43. Adoro le castagne...ehm un pò meno il mio intestino :)
    Baci

    RispondiElimina
  44. Ciao cara Lo,
    anch'io quest'anno ha avuto delle bellissime castagne, raccolta in piena libertà dal mio galletto in provincia di Avellino, le ho fatte sciroppate al cioccolato ... una vera bontà e mi dispiace che siano già finite perchè le avrei provate con questa tua bellissima torta, grazie sempre di tutte le tue preziose informazioni, sei un tesoro!
    un abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  45. forse la castagna è il mio frutto preferito, se la batte con l'uva...
    non parliamo poi dei dolci con le castagne, monte bianco in primis... mi fanno letteralmente impazzire!
    questa tua torta già l'ho salvata e la farò quanto prima!

    la curiosità sulle tue origini mi è nata leggendo nel precedente post le parole:

    "na capa tanta" e "pazziare"...
    non mi sembra varesino (si dice così?) ;-)

    anche mio marito ha origini napoletane e anch'io ormai parlo per metà abruzzese e per metà napoletano!

    RispondiElimina
  46. Stella arrivo! Grazie

    Bhe Spirito Vivo passa da qui che invece fa freddo e il vinbrulè non stona ;)

    Gallinella in effetti nonostante l'alloro.... :(

    Dida ...mamma mia che pazienza...io per fare il purè le ho massacrate...ho pravato a tenerne qualcuna intera....era delirante...sei proprio brava!

    Essenza...si dice proprio varesino...eheh mi sono fatta contaminare anche io dal mio mezzo partenopeo...adoro quando dice che "schizzicheglia" mentre pioviggina...se provi la ricetta fammi sapere! :)

    RispondiElimina
  47. Ciao lo...tutto bene????

    Non ho ancora comprato castagne....sono pigra a sbucciarle, da mia mamma le aveva preparate al forno e come le prendevo per mangiarle le lasciavo per via della difficoltà a togliere la buccia e tutti ridevano intorno a me...ma che fai??? non le mangi??? insomma le lasciavo a metà senza sbucciarle...mi hanno detto che qui li vendono già sbucciate devo provvedere altrimenti resto senza mangiare castagne.
    Tortina deliziosa se voglio assaggirla devro' sacrificarmi a sbucciare no????

    Un bacio Lo.

    RispondiElimina
  48. adoro le torte di castagne, sono tutte molto goduriose!
    Un bacio e buona serata.

    RispondiElimina
  49. Non finisce di piovere,di continuo.ne ho abbastanza,ora mi metto fuori e resto così,sotto l'acqua a prendermela tutta..poi entro in casa e mi metto davanti al camino ad asciugare..quando lo vorrei fare se non ci fosse l'ipotesi di prendersi una broncopolmonite!Un bacio castagnetta..

    RispondiElimina
  50. io le ho comprate, e sono delle nostre montagne, ieri sera messe al forno e pappato....è un frutto che è ancora meglio se mangiato in compagnia e con un gosseto de vin....allora arrivi?

    RispondiElimina
  51. Ciao cara Mari...si si tutto bene...che ridere che sei pigra con le castagne...in ogni caso per questa torta serve la polpa...quindi puoi andare anche poco precisa...lessi tagli a metà e scavi per estrarre la polpa...insomma non era terribile eheh e te lo dice una pigra! un bacione

    Ciao Maddea :)

    Silvietta ti immagino sotto l'acqua...brrr però mi vengono i brividi...però qualche giorno fa un giro sotto la pioggia in bici io e la gnoma l'abbiamo fatto...corto corto, ma quanto ridere! :)

    Allora tienile da parte cara Marta che arrivooooooooooooooooooo!!! abbraccio!

    RispondiElimina
  52. Quanta poesia nel tuo ricordo, davvero emozionante..e che bella torta la vorrei tanto assaggiare! Elga

    RispondiElimina
  53. ciao dolcezza, i tuoi racconti sono sempre delicati ed emozionanti e i tuoi resoconti sugli ingredienti molto interessanti :) le castagne le raccoglievo anche io, da piccina, quante cose si perdono crescendo accidenti :(
    mi piacciono tanto arrostite, lesse no, mai capito perchè ihih!
    un grosso abbraccio, tesorona!

    RispondiElimina
  54. Grazie dolcissima Elga! Mi piacerebbe preparartela apposta per te!

    Arietta grazie anche a te...per la tua attenzione...nemmeno a me piacciono lesse...le preferisco arrosto...un bacione

    RispondiElimina
  55. Che bella, me la segno !!! Ciao !!

    RispondiElimina
  56. miam,miam e rimiam!!
    le castagne le adoro, se poi sono nelle torte...me le mangio anche con gli occhi!!!devo provare la tua torta...

    RispondiElimina
  57. Nini benvenuta nel pollaio e se adori le castagne questa torta è per te! :)

    RispondiElimina
  58. bella!!!questa torta la devo proprio provare!!!

    RispondiElimina
  59. dai Nini ti aspetto per sapere com'è! :)

    RispondiElimina
  60. Complimenti, ottimo sito, ricco di ricette interessanti!

    http://www.ricette-dolci-ricette.com
    http://www.le-ricette.it

    RispondiElimina
  61. With havin so much content do you ever run into any problems of plagorism or copyright violation? My site has a lot of
    unique content I've either created myself or outsourced but it
    appears a lot of it is popping it up all over the internet without my agreement.
    Do you know any solutions to help stop content from being ripped off?
    I'd definitely appreciate it.

    my blog; Come Dimagrire

    RispondiElimina