martedì 21 ottobre 2008

Cooking Solar

Quasi non ci credo...ma questa creaturina....questa splendida parabola color argento dalle mille viti malefiche è nel mio giardino...siamo diventati solar cooker! Insomma quest'affare mi permetterà di cucinare senza accendere il gas, me l'ha regalata il mio galletto ....non possiamo produrre il gas? ehehe e noi raggiriamo l'ostacolo.
La cucina si ordina qui , in tre giorni arriva tramite corriere, poi in un pomeriggio la si monta (bisogna recitare molti mantra quando si prendono in mano quelle minuscolissime viti con quei nanissi bulloncini...ma anche imparare a respirare regolarmente serve per controllare istinti primordiali di distruzione). Poi ci si alza il mattino dopo tutti agitati ,e si scopre che è nuvolo: pessimismo e fastidio! Ma ecco che finalmente una domenica mattina il sole, splende e si può sperimentare.
Preparo la pasta fatta in casa e metto la pentola nella cucina. Il sole non è ancora pieno pieno...in realtà quello più caldo da me arriva dopo le 13.00.
Comunque in 3o minuti l'acqua è pronta, io per preparare la pasta fresca ci metto di più!
Poi mi preparo un sughetto di funghi e via...
Abbiamo cucinato la pasta, poi fatta saltare nel sughetto, preparato il caffè e poi bollito le castagne....io ci sogno di fare dei legumi o dei cereali...cucinandoli piano piano, magari prendendomi la pentola in terracotta che ho sempre sognato, ma in realtà si può fare di tutto...e io voglio sperimentare, giocare e divertirmi!
Vi ho incuriositi un po'?

Come funziona?

La cucina ad energia solare non funziona a pannelli solari, ma tramite un riflettore parabolico che concentra i raggi del sole sulla pentola e la riscalda.
E' possibile raggiungere le stesse temperature delle cucine tradizionali (c.a. 200 ºC ), e conseguentemente, oltre a cucinare, è possibile infornare e friggere.
Data la profonda curvatura del riflettore, il foco calorifico si trova in posizione sicura, all’interno della parabola della cucina. La pentola è di facile accesso, pertanto il cuoco può continuare a cucinare le proprie ricette abituali: occorre solo Il riflettore è orientabile rispetto del sole: è pertanto possibile cucinare dal mattino fino al pomeriggio, e sfruttare anche piccoli periodi di insolazione. Combinando la cucina con semplici contenitori isolanti (es. cesti di fieno), si può finire la cottura nell’interno degli stessi e lasciare così libera la cucina parabolica per preparare altri cibi. Il cesto isolante permette di mantenere la temperatura del cibo durante diverse ore, e ciò permette di servirlo alla sera, ancora caldo.
La cucina ad energia solare parabolica è pertanto molto adatta per famiglie e, particolarmente, per piccole istituzioni.
Grazie ai notevoli miglioramenti apportati negli ultimi anni, si è riusciti ad avere tutti i requisiti per la loro distribuzione a livello mondiale.
Gli attuali modelli di cucine ad energia solare sono infatti caratterizzati da:

- Basso costo
- Peso contenuto
- Facile trasporto
- Montaggio semplice
- Manutenzione

Per il montaggio di una cucina ad energia solare parabolica di alta qualità è necessario poco tempo. I kit contengono tutti i pezzi necessari, sono maneggevoli e possono essere trasportati in qualsiasi punto del mondi.
Sono già state costruite oltre 15.000 cucine paraboliche, e distribuite in oltre 80 paesi di tutto il mondo

Fonte Il portale del sole

---------------------------

Intanto volevo dirvi che partecipo con I ravioli di verdura al vapore alla Raccolta di ricette dal mondo di Laura.

--------------------------

Ringrazio la mia
Mikamarlez preferita e la dolce Silvana per avermi gnomata...e io adoro essere gnomata: prova ne è che coltivo una vera gnoma in casa! Un abbraccio

52 commenti:

  1. Sei davvero marziana. complimenti.
    Facci sapere come va.
    Un saluto Sisifo

    RispondiElimina
  2. tesoro ma io ti ammiro tantissimo!!!!
    sei una donna piena di inventiva...grazie!!!
    qui ci permetti sempre di imparare ;)

    RispondiElimina
  3. Eccome se mi hai incuriosito!!! Non ne conoscevo minimamente l'esistenza! Comunque, Lo, hai proprio un animo verde, complimenti! Cat

    RispondiElimina
  4. Lo, ma anche il tuo galletto non scherza in fatto di regali...e questo è strautile e fantastico!
    Non ho ancora capito bene come funziona, ma presto mi documenterò per benino.
    Intanto allora facciamo la danza del sole!
    Baciotti

    RispondiElimina
  5. cacchio!! è fichissima!! cucina solare per persone solari!! comunque io già l'avevo inventata nel 1985 quando all'età di 6 anni mi misero gli occhili da vista. Sotto il sole siciliano, puntavo la lente e burRRnn!! piccoli pezzetti di carta, paglia e tutto ciò che si incendiava prendeva fuoco!! funziona!!

    RispondiElimina
  6. Ma guarda che questa è una cosa geniale! E'utilissima!!! Certo, ci vuole forse un po' più di tempo e devo capire se funziona la sera (io cucino solo la sera, perché a pranzo non ci sono), ma ci penserò seriamente...

    RispondiElimina
  7. grazie per la ricetta! in bocca al lupo! ciao

    RispondiElimina
  8. Pazzesco (ma l'avevo già vista in foto "di là" :-D).
    Ma per un pranzo completo ne servirebbero due o tre, con campo di calcio annesso per installarle :-D
    Comunque potrebbe essere un'ottima risorsa in situazioni particolari, camping, ecc. (ma se non hai un cacciavite rimani a digiuno hehehehehe)
    Jacopo

    RispondiElimina
  9. ma pensi che si possa usare sempre d'abitudine?....i tempi saranno sempre questi? è interessante quello che hai scritto.-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  10. eheh Sisifo...grazie per il complimento! ;)

    Mirtilla grazie...devo dire che però l'inventivo è il galletto lui ha deciso di farmi questo regalo!

    Cat..queste cucine possono essere utili a noi, ma pensa in quei paesi dove non c'è nulla se non il sole..

    Simo praticamente la parabola concentra tutti i raggi nel punto in cui si trova la pentola e in poco tempo raggiunge un'elevata temperatura che ti permette di cuocere...balla balla che qui continua ad essere nuvolo!

    Ines ehehe da piccola tentavi di fare l'incendiaria? io la torvo pure bellissima!

    Onde a pieno sole il tempo è identico...però ecco a pieno sole, di sera non si può :(

    Grazie a te Laura!

    Jajo...ma nooooooooo...bisogna usarla in modo un po' creativo...imparare anche a mettere da parte il cibo perchè continui la cottura da solo..pensare a pietanze che non devono essere servite subito...io mi immagino di cucinare i cereali e i legumi dedicandoci il tempo tradizionale, poi mi piacerebbe provare con la polenta, le marmellate...insomma da sperimentare davvero...il sugo comunque si è scaldato in 5 minuti!

    Anna penso si possa usare ogni volta che c'è il sole...purtroppo per la legge di Murphy da quando ce l'ho è sempre nuvolo...però ho provato anche ieri...l'acqua bolle in 20 minuti... però giuro che sperimenterò tantissimo e vi racconterò ogni cosa...
    domenica ho lessato le castagne nel pentolone..un'ora abbondante...ma del resto anche sul gas! un bacione

    RispondiElimina
  11. Ma è meravigliosa sei un genio ma dove l'hai scovata è perfetta per mia mamma che abita in villetta e da noi con il sole che c'è avoglia di cucinare

    RispondiElimina
  12. ma...ma...ma...devi cucinare all'aperto o con qualche marchingegno trasferisci l'energia in casa?
    In estate mi tornerebbe utile....ma in inverno...boh!
    Comunque l'ho fatta vedere a maio marito, compreso il passaggio del montaggio fai da te....non ho nemmeno domandato che mi guarda e mi fa"toglitelo dalla testa!"
    Uffa!
    Marty

    RispondiElimina
  13. grande lory!!!!!
    flo ti fa i suoi complimenti!!
    brava la nostra gallinella superecologica.
    la pentola in terracotta...o la tofeja come la chiamano in piemonte..è una pentola magica...cuoce che è una meraviglia.
    da un sapore diverso al cibo.
    e poi quando lo metti in tavola...ti dà l'idea di essere in un altro posto..un'altro mondo.
    una tovaglia a quadretti, un addobbo con foglie autunnali, qualche candela e ti sembra di essere tornata indietro nel tempo...
    oooops...ecco che mi son fatta trasportare!!!

    bacioniiii

    RispondiElimina
  14. Ciao Lo, tempo fa avevo visto un programma su discovery dove cucinavano paella per tutto il paese con una tecnica semplicissima, come quella che ci proponi te...e ci erano riusciti, questo dimostra che nulla è impossibile (tranne per me che non ho un giardino ^^'). Bravissima, dovremmo prendere esempio da te ;-)

    RispondiElimina
  15. queste foto sono veramente futuristiche, che figo lo, secondo me d'estate ci puoi cucinare pure i vasi di terracotta!
    eheheh
    PS ma come la regoli la temperatura?

    RispondiElimina
  16. Zagara bellissima...l'ho scavata nel sito che ho lincato...lo conoscevamo già perchè avevamo preso il carica batterie solare...ma si ordina via internet e arriva a casa...secondo me l'uso dell'aggeggio è paragonabile alla cucina sulla stufa a legna!

    Marty...eheheh io pensavo di cucinare in giacca a vento...dai montarla non è complicato bisogna essere oslo pazienti..ma in poche ore è fatta...la cucina deve stare fuori...ma non ha bisognodi grandi controlli...solo ogni tanto aggiusti la parabola verso il sole...nelle istruzioni sottolieano che non è necessario controllare spesso e girare spesso...insomma metti su e lasci fare!

    Bri lo sapevo che mi capivate al volo...che capivate l'emozione...si la pentola di terracotta è la degna compagna di questa cucina ne ho già vista una splendida...io voglio proprio recuperare quei sapori dati da queste cotture speciali...con il gas e i suoi costi non mi sono mai permessa di provare ricette che richiedevano troppo tempo...andavo di pentola pressione...ora posso recuperare un po' di tradizione ti abbraccio fortissimo

    Michi in effetti io sono fortunata ad avere lo spazio adeguato...per il resto tutto è possibilissimo un bacione

    RispondiElimina
  17. Arancionissima...la temperatura non si regola...come sul gas...credo che l'esperienza sia l'amica migliore...ora io provo con le ricette più semplici...ma addirittura parlano di cucinare il pane!!! Vi racconterò tutto

    RispondiElimina
  18. Oh, cara Lo,
    che magnifico regalo!!!
    Non sapevo dell'esistenza di una tale possibilità, sei proprio una forza!!! Ad avercele tante Lo ... in giro per il mondo, non vedremmo tanti disastri!
    grazie cara per il tuo impegno, dovremmo tutti prendere esempio da te!!!
    baci
    dida

    RispondiElimina
  19. non conoscevo questa cosa ma è veramente geniale , sopratutto perchè noi siamo abituati semplicemente ad aprire il gas ma mi rendo conto che in moltissime perti non è così.in quanto hai tempi credo hai ragione tu quando dici che aiuta a recuperare i sapori di una volta!buona giornata e aspettiamo sole e aggiornamenti!

    RispondiElimina
  20. non ci posso credere... mi informo subito su questo aggeggio! è bellissima l'idea! grazieeeeeee :D

    RispondiElimina
  21. Sei incredibbbile, troppo avanti!!!

    Sul numero del Gambero Rosso di un paio di mesi fa c'era un servizio sulla cottura "nell'ombrello", era in sostanza una parabola fai-da-te ottenuta rivestendo un ombrello rovesciato con la carta stagnola, ma non pensavo che producessero qualcosa di simile! :)
    Baci :))

    RispondiElimina
  22. Lo ciaoooo si incasinta ma sono venuta a vedere che mi combini, o meglio il galletto!!! splendida idea!!!!! che meraviglia ma cucini fuori quindi???? baciii
    p.s. ricevuta mail ti rispondo oggi se ce la faccio :-)
    Ely

    RispondiElimina
  23. sei unica Lo!!!!! ineguagliabile!

    un bacione

    RispondiElimina
  24. Lo sei grande! Devi sapere che io e Uncle, poiché viviamo in Sardegna, terra di sole, siamo moooltooo interessati alle energie alternative che sfruttano il sole per cui questo glielo faccio vedere di sicuro e proviamo a informarci :-)

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  25. Looooo!! grandissima....!!!! caspita la voglio anche ioooo!!! questa è una cosa grandiosa!!!
    Bacio

    RispondiElimina
  26. Infatti...il segreto se non puoi superare degli ostacoli è aggirarli..brava!
    Cuoca super-tecnologica...

    Bacioni
    Laura

    RispondiElimina
  27. Beh, mi piaceva il dolceforno... ma il tuo forno solare mi fa impazzire!!

    RispondiElimina
  28. Cosa mi racconti.
    Stasera faccio leggere all'omo.

    RispondiElimina
  29. Lo siete due grandi! tu e il galletto! :)
    ne avevo sentito parlare e mi aveva incuriosito.. certo averci il giardino :(
    ma presto ce la farò anche io! ;)
    ...prima però vorrei impegnarmi a diventare una ecomamma quando qualcuno lassù vorrà ;)

    RispondiElimina
  30. LO... UNA DONNA...UNA SCOPERTA... posso chiamarti Indiana Jones??
    Bacioni

    RispondiElimina
  31. Cavoli ... sei troppo avanti!!
    Come direbbe la mia figlioccia :o)
    Io cerco di esere ecologista nel mio piccolo (raccolta differenziata, spreco d'energia al minimo, e via dicendo) ... ma questi livelli sono "oltre" :o)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  32. p.s. dimenticavo:
    1) la mostra di Ligabue a Palazzo Reale è stata prorogata fino al 4 novembre ... e, se ti interessa l'artista, merita una visita.
    2) per quanto riguarda il libro "le amiche del venerdì sera", invece, l'ho finito ieri sera ... e va a finire male!! Uffi!!! Comunque è bello ...
    3) che lana hai comperato al mercato? Che cosa vorresti realizzare?

    RispondiElimina
  33. Lo,non finisci di stupirmi !

    L'arte culinaria ti attira proprio,e di conseguenza tutto quello che è innovazione tecnologica la fai tua!

    Sei fantastica.

    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  34. Dida grazie...questo è davvero un regalo unico e un po' fuori dall'ordinario, ma si possono fare tantissime piccole cose...un bacione

    Caty infatti credo che il vero valore di questa cucina non è dato dal fatto che è nel mio giardino, ma si trova anche in paesi dov eil sole è una risorsa gratuita a differenza di altre...un abbraccio

    Salsina...trovi tutto sul link...pregooooooooooo

    Ciboulette è prodotta in germania...e poi oltre alla cucina c'è anche il forno solare..ehehe

    Ely cucino proprio fuori dalla cucina...ora che fa ancora caldino mi diverto a stare proprio fuori anche a preparare...in inverno terrò la giacca a vento vicino...aspetto mail! un bacione

    Sara no dai ineguagliabile no....un bacione

    Aiuolik dai dai informatevi...se riusciamo a sfruttare il sole noi a varese...chissà cosa mi combinate voi...e ti giuro che noi andiamo molto a sole...non solo per la cucina!!! Se poi vuoi qualche info io ci sono un bacione

    Maya è vero è grandiosa! e anche la più costosa non è costosa se pensi ai costi del gas annuali...

    Laura eheh grazie...

    Claud a questo punto dobbiamo pensare ad un dolce forno solare!

    Michela fammi sapere cosa l'omo dice! ;)

    Ciciuzza incrocio l'incrociabile per convincere lassù! un bacione

    Mara ...ehehe meglio gallina jones!

    Zrinka...tieni conto di una passione di coppia per queste cose..che quindi sono il nostro
    hobby!
    La mostra di Ligabue mi interessa davvero e cercherò di organizzarmi...mi piacerebbe portarci la mia gnoma! Con la lana sto confezionando un gile semplice con il collo a V su esplicita richiesta del mio galletto...il problema è che nonho mai fatto un collo a V ehehe un bacione

    Grazie Stella!

    RispondiElimina
  35. A me hai incuriosito tantissimo! Il mio compagno si intrippa sempre in queste cose, magari si innamora di questa cosa e me la regala pure!! Mo stasera lo informo:) Un bacio, Elga

    RispondiElimina
  36. ..e che adesso mi intrippo io con la firma??!!! Sono Elga

    RispondiElimina
  37. figata!!!! non sapevo neanche che esistesse!!!! ^_^

    RispondiElimina
  38. Quindi se piove si digiuna? Io pensavo di mettermi i panelli solari o le celle fotovoltaiche sul terrazzo!
    Cosi cucino anche con la pioggia!

    RispondiElimina
  39. buoni i ravioli!!!!! baciotti tesoro

    RispondiElimina
  40. Ciao Lo! Sono tornata... quanti post che mi sono persa!!! Interessante quello della spesa equo-solidale...chissa' se ci sono iniziative di questo genere anche quissu'!!! In Italia usavo sempre la guida al consumo critico, anche se era difficile essere sempre aggiornati... adesso vado a guardarmi il link che hai dato!! ciao! S.

    RispondiElimina
  41. Lo sei straordinaria, oltre che unica..
    La cucina solare è una cosa eccezionale, chissà se va bene anche un balconcino invece del giardino?...
    Una volta facevo un sacco di scolli a V, forse mi ricordo qualcosa... devi calcolare metà maglie del davanti e iniziare lo scollo chiudendo proprio quella che sta nel centro.
    A questo punto dovresti proseguire sulle due metà contemporaneamente ma con due gomitoli separati, scalando nei due lati centrali ad ogni due giri una maglia o più a seconda del tipo di V stretto o meno stretto che vuoi ottenere.
    Oddio, non so se mi sono capita... gulp!
    :)

    RispondiElimina
  42. che bella questa cucina solare non sapevo nemmeno che esistesse una cosa cosi`ma dove vivo? bhooo vedo che gia l`hai provata epoi il tuo galetto ch e regali particolari che ti fa bravo ciaooooo cucina cucina e facci sapere

    RispondiElimina
  43. Interessantissimo questo post sulla cucina solare! Pensavo che si trattasse di pannelli solari, invece mi sbagliavo... Sei troppo avanti Lo!!!
    Baci

    RispondiElimina
  44. Ciao Lo, questa proprio non la sapevo!
    Poi ci fai sapere se hai cucinato altre cose ehhh...
    Ti è arrivata la mia mail?
    Mi fai sapere?
    grazie Carla

    RispondiElimina
  45. Ciao Lo meravigliosa, sei riuscita ad avviare il lavoro lanoso? come procede??
    un bacione.

    RispondiElimina
  46. ciao Lollina mia....che bella questa cucina solare e non costa nemmeno una fortuna come pensavo..Mimino ha sbavato pure lyui, da buon ecologo-riciclologo etc..etc...vediamo quando le nostre finanze ce lo concederanno..magari prima o poi inventeranno pure il forno..o esiste già??? Bacini-...lety

    RispondiElimina
  47. Elga ehehe ci si incasina a vicenda...la cucina solare io trovo che possa essere tranquillamente usata...basta abituarsi...quindi mostra e fattela regalare ;)

    ehehhe Susina!

    Senza panna davvero pensavi ai pannelli: noi abbiamo fotovoltaico e termico d aun anno e ne siamo felicissimi...e così se piove (come oggi) cucino tranquilla nel forno!

    Baciotto Manu e grazie

    Silvia se fanno qualcosa in svizzera fammi sapere che è la mia seconda casa...proprio ieri facevo shopping svizzero e ho trovato i jeans per la gnoma biologici e a prezzi normali uhhhhhhh un abbraccio

    Serena edvi valutare lampiezza la mia ha un diametro di un metro e quaranta, quella più piccola non so...ma nel balcone si puo mettere il forno solare...per il collo tengo a mente anche se a leggere ora mi viene l'ansia eehehhe grazie

    Silvana...in realtà non è conosciutissima...ma invece bisogna far sapere che c'è! un baciotto

    Camomilla...è un pezzo in più...un abbraccio

    Carla tesorooooooooo scusami...ma corro da lunedì...domani ti rispondo sicuro perdonami un abbraccio

    Ines il lavoro lanoso è a metà del dietro...procede...nonostante il gatto! poi ti racconto bene un bacio

    Lety...ehehe e bravo Mimino..ora sai che c'è metti l'idea da parte e appena puoi sforni una zuppa solare! un abbraccio

    Vera siiiiiii è una meraviglia!! ieri sera zuppa di piselli solari wow!

    scusatemi tutti ma ho una fretta terribile, un abbraccione di corsa e da domani respiro!

    RispondiElimina
  48. Ciao Lo finalmente eccomi di nuovo da te!!! mi sono letta le ultime cose che hai pubblicato dal pane, alla marmellata di uva fragolina.....poi questa cucina solare è una strafigatissima......ovviamente la tieni in giardino vero? sei sempre piena di sorprese tu!!!
    ti abbraccio fortissimo!
    Pippi

    RispondiElimina
  49. ciao cara Laura...come stai? sei riuscita a fermarti un attimo? la cucina solare è in giardino proprio come dici te...fortuna la mia cucina ha la porta finestra sul giardino e sono abbastanza comoda! un abbraccio

    RispondiElimina
  50. ciao tesoro buona serata!!!

    RispondiElimina