venerdì 26 settembre 2008

Alla ricerca del tempo perduto


Ed ecco, macchinalmente, oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa. M’aveva subito reso indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità inoffensive, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi d’una essenza preziosa: o meglio quest’essenza non era in me, era me stesso. Avevo cessato di sentirmi mediocre, contingente, mortale. Donde m’era potuta venire quella gioia violenta? Sentivo ch’era legata al sapore del tè e del biscotto, ma lo sorpassava incommensurabilmente, non doveva essere della stessa natura. Donde veniva? Che significava? Dove afferrarla?
La ricerca del tempo perduto. - M. Proust

Sunny mi ha invitato ad un meme dolce e profondo: "E a voi quale profumo/odore fa tornare alla mente qualcosa di magico? cos'è che vi fa scorrere quel brividino lungo la schiena e vi porta in su gli angoli della bocca in un'espressione da ebete anche se siete alla fine di una faticosa giornata o vi siete appena alzati dal letto. Mi pacerebbe entrare con voi in quell'angolino segreto dove la vostra mente raccoglie i ricordi e poterne spolverare qualcuno insieme." Pensare e ripensare a quello che Sunny voleva scoprire, mi ha riportato alla mente questo episodio vissuto molti anni fa, quando ero dentro ad un'altra vita, in un'altra casa e in un'altra famiglia. Lo riporto così come mi si è ricostruito nella mente, perché è la prima volta che traduco in parole l'emozione di quel momento

Ero in camera, presa dal solito noiosissimo cambio dell'armadio, con il solito poco tempo, la stanchezza con cui combattere, i pensieri delle mille cose da fare...immersa in quel trantran che rende tutto uguale...apro un sacchetto...e ancora prima di vedere, sento quell'unico e indistinguibile profumo di nonna...quello che, tra un misto di saponetta e tabacco, giocava sulla sua pelle e la rendeva unica. Quell'odore che riempiva la casa quando veniva a trovarci e che cercavo con affanno nelle ultime settimane, prima di morire. Un profumo buono, speziato che racchiudeva esattamente lei...saggia, ma indomabile, buona ma selvaggia, diceva senza peli sulla lingua tutto ciò che pensava, ferendoti di strappi, ma poi ti coccolava.
Raccontava di tante cose senza mai annoiare: le mille avventure della sua vita, di cui ho solo sensazioni e spezzoni...il suo profumo era identico ai suoi lineamenti spigolosi, alla sua voce rauca, ma avvolgente, alla sua fantasia. Magica...mi aveva confezionato a maglia lo splendido vestito rosa di lana che tenevo tra le mani, che oramai non indosso più...ma tengo segretamente nell'armadio, perché il profumo di nonna sia dappertutto. Ho dormito quella notte, sentendo qualcuno vicino, mi pareva di vedere una piccola luce brillare nella stanza, ma il sonno era cosi ristoratore che non volevo interromperlo...al mattino al risveglio...di nuovo quell
'unico e indistinguibile profumo di nonna...quello che, tra un misto di saponetta e tabacco, giocava sulla sua pelle e la rendeva unica.

Passo il meme, se hanno voglia di farlo, a Silvia e Vera e a Mariluna.

MACCHERONI DI CUCUZZA E POMODORI, CON SEMI DI GIRASOLE

250 gr di maccheroni
20 pomodorini
1 cucuzza o zucchina lunga
rosmarino
lemoncina
semi di girasole
1 cipolla piccola
olio extravergine

Pulire la cipolla e tagliarla sottilmente, metterla a dorare un una padella con un cucchiaio di olio extravergine d'oliva. Pelare e tagliare a fettine la cucuzza , aggiungerla alla cipolla e cuocere a fiamma alta per 5 minuti. Aggiungere i pomodorini tagliati a pezzi, i ciuffetti del rosmarino e la foglia di lemoncina . Cuocere a fiamma viva fino a quando i pomodori non rilasciano l'acqua, quindi abbassare al minimo e proseguire la cottura per 15 minuti. Mettere una manciata di semi di girasole in una pentola antiaderente e tostarli per pochi minuti. Nel frattempo lessare la pasta, scolarla e aggiungerla alle verdure, saltare tutto in padella per qualche istante, servire nei piatti e distribuire i semi di girasole.

Ho inventato questo sugo quando tra le mani avevo la mitica cucuzza, trovata dai miei contadini, raccontata da Vivi qui....i maccheroni sono di semola e farina e li ho fatti proprio con la vecchia, cocciuta, indomabile Pastamatic della mia nonna. La passione per la Pastamatic era proprio della mia nonna, che quando ci si metteva produceva quintalata di pasta fresca...mi ricordo la casa sembrava una fabbrica, vassoi di carta ovunque e mia nonna e mia mamma impegnatissime per ore. ...funziona una volta su tre, ma non smetterò mai di usarla.

38 commenti:

  1. grazie di regalarci una così preziosa parte di te ,un abbraccio forte forte dolce Lo

    RispondiElimina
  2. Mi hai regalato un brivido, il primo di stamani che non sia di freddo: grazie per aver fatto ricordare anche a me che il profumo che aleggia in casa mia è quello della mia adorata nonna, che tanto mi sembra simile alla tua, che ha trascorso in quelle stanze gli ultimi anni sereni della sua impareggiabile esistenza

    RispondiElimina
  3. Bellissimi ricordi sono legati ai profumi, LO, molti più di quanto crediamo... :-D
    E molto bello il tuo....
    Jacopo

    RispondiElimina
  4. Bello, tutto bello car Lo, grazie per avermi invitata a ripescare odori nella mia memoria che fanno parte della passione che ho dentro da sempre.
    Con grande piacere a presto.
    Mariluna

    RispondiElimina
  5. Lo.. scrivi veramente bene.. complimenti.... E sono passata anche per avvisarti che ti ha assegnato un meme..
    Buona giornata
    P.S. conosci la canzone che ho citato sul mio??? Jovanotti chiaramente

    RispondiElimina
  6. richiami alla memoria momenti che sono in uno dei cassetti del cuore, più privato di ognuno di noi.....mi hai regalato una lacrimuccia....che però voglio subito tramutare in bei ricordi da spolverare da quel cassetto.....baci.

    RispondiElimina
  7. Ciao Lo, grazie di averci passato il meme, e' un meme molto bello, io adoro annusare... forse l'ho imparato dalla mia cagnolina quando ero piccola, ma trovo che l'olfatto sia una senso sottovalutato. Quindi accolgo con particolare piacere questo meme, anche se credo ci vorro' pensare un po'. Bellissimo il racconto della nonna... anche mia nonna aveva un odore particolare che ricordo perfettamente, sara' l'eta', saranno le esperienze, che ti lasciano addosso gli odori della vita, ma le nonne hanno sempre un profumo che si ricorda!... molto belli i tuoi ricordi mi hanno fatto tuffare in un mare di miei... ma purtroppo dopo questa piacevole pausa nel passato, devo riconcentrarmi sul lavoro, a presto! Silvia

    RispondiElimina
  8. il tuo ricordo è dolcissimo e pieno di emozione...
    belle le tue parole!
    buona giornata! a presto!

    RispondiElimina
  9. i profumi sono molto importanti ed rievocano dei ricordi che non immaginiamo!!!
    un bacione e buon weekend!!

    RispondiElimina
  10. Anche noi abbiamo vecchi ricordi legati all'infazia, però ci riteniamo fortunate nel poter dire che le persone a cui sono legati ci sono ancora....
    Caspita che bella questa ricettina, peccato non avere i semi di girasole...

    RispondiElimina
  11. Lo il tuo racconto è molto bello, denso di ricordi e profumi... mi ha toccata nel profondo!
    A presto!!!

    RispondiElimina
  12. che bello!!!
    grazie per averci regalato queste splendide parole ;)

    RispondiElimina
  13. un racconto molto emozionante;-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  14. Ogni volta che ti lasci andare ai tuoi sentimenti mi emozioni sempre, sempre
    Elga

    RispondiElimina
  15. Un abbraccio Caty

    Onde..è buono quel profumo...che si scova così all'improvviso...io tuffo sempre il naso in quellabito per ritrovarlo

    Grazie Jajo...bisogna fare come Proust e cercare...cercare...

    Mariluna...sentivo che questo meme era per te! un abbraccio

    Grazie Maya...è un complimento che prendo volentieri...conosco la canzone ;)

    Marta quel cassetto è un cassetto prezioso penso sia un bene a volte guardarci dentro e cercare bene un abbraccio

    ...anche per te Silvia e per Vera...sentivo che era il meme giusto...legato all esensazioni che fanno nascere gli odori..sono felice che ti piace...fai con calmissima!

    Buona giornata Essenza e grazie!

    Micaela un bacione e buon wend a te!

    Manu e Silvia...benvenute nel pollaio...i ricordi vanno nutriti...e grazie per i complimenti per la ricetta...i semi danno un sapore particolare, ma si trovano facilmente! a presto

    Grazie Camomilla..un abbraccio

    Un bacino Mirtilla

    Grazie Annamaria! :)

    Elga...sei così gentile...grazie per l'emozione che mi rimandi

    RispondiElimina
  16. Molto profondo questo ricordo, grazie per averlo condiviso con noi!

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  17. bellissimi i ricordi, poi i nonni sono i nonni, un detto dice che i genitori ti educano, ma i nonni ti viziano;))ed è così baci

    RispondiElimina
  18. i ricordi sono l'unico tesoro che nessuno può toglierci e che rimarranno sempre con noi....i nonni sono sempre i nonni...io i miei i adoro!!!

    bellissimi i tuoi ricordi e le tue parole Lo, un bacionissimo e Buon week-end ^_^

    RispondiElimina
  19. cavolo!!! ma sei mitica!!!! un bacio e buon w.e.

    RispondiElimina
  20. Mi piace tanto leggerti! un abbraccio con affetto

    RispondiElimina
  21. Che bel racconto!!!! Mi ci sono immersa completamente leggendolo tutto d'un fiato ... e la Pastamatic che ricordi!!! Tutto sommato mi maca la mia vecchia Pastamatic :-) Un bacio Laura

    RispondiElimina
  22. Quanti odori,quanti profumi risvegliano il ricordo di pensieri,parole,ambienti e persone. La tua descrizione dettagliata è emozionante.

    RispondiElimina
  23. Gallinella mia mi hai fatto piangere :(
    Guarda (tu che puoi.Ih!Ih!) che io sono una mucca dalla lacrioma facile :)

    RispondiElimina
  24. A me piace moltissimo l'odore di stampa fresca, quello che c'è in molte librerie ma che è in fondo l'odore anche del giornale appena stampato, un misto di carta ed inchiostro che mi allinea, mi fa stare bene.
    Anch'io comunque ricordo l'odore di nonna, anzi delle "nonne", delle "case di nonna". Ciascuno ha il suo.

    RispondiElimina
  25. Aiuolik grazie a te che sei stata a leggerlo!

    Pamy...i nonni...però a saperlo quando altre cose avrei chiesto!

    è vero Sara...sono un tesoro...ci dicono chi siamo..buon week end a te con bacione

    ahahah Manu macchè mitica!!! prrrrrr

    Grazie Zagara un abbraccio a te!

    Laura....la pastamatic...davvero è stupenda...funziona una volta su tre e guai se non azzecchi l'impasto...per è bella! :)

    Stella credo che in ognuno di noi ci siano questi depositi...questi cumuli...basta seguire la sensazione ch e avolte nasce e provare a fermarli

    ihihi Mucchina io guado m asono occhialuta...però tu non piangere....daiiiiiii vuoi un fazzoletto?

    Tonino...è vero ognuno al suo.

    RispondiElimina
  26. Quando ero piccola e tornavo a casa da scuola, poiché i miei lavoravano fino alle sette di sera, io mi parcheggiavo con gioia dai vicini... c'era la mia amichetta del cuore e poi c'era sua nonna. Sotto sotto ho sempre pensato (non ho conosciuto i miei nonni) che più che il complesso di Edipo avrei sviluppato quello di suo nipote! Sono una gerontofila: di solito sono impaziente, ma con le persone anziane mi diverto moltissimo. Anche con la nonna della mia amica, che c'è ancora...
    Mi hai fatto venire le farfalle nello stomaco, con questo tua post.

    (PS: ho visto CousCous, il film... eeeeee, beeeeeeh, mi è venuta l'ansia! Ho adorato però la scena con i musicisti pettegoli assisti fuori dall'albergo. Ho riso da matti)

    RispondiElimina
  27. Bellissima esperienza cara Lo,le nonne sono un patrimonio in tutto.
    Le mie purtroppo le ho conosciute poco,ma di una (quella materna) conservo degli asciugamani ricamati da lei,lo faceva per mestiere...
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  28. Bellissimo post, meme e Proust!
    I nonni sono così importanti nella vita di un nipote che i loro ricori rimangono sempre nel nostro cuore.
    Io ho avuto un nonno davvero unico per me, l'ho amato e lo amerò sempre e ogni volta che lo penso mi si riempono gli occhi di lacrime...
    Di lui mi ricordo tutto...e ogni cosa che vedo intorno alla casa dei miei genitori mi ricorda lui...perchè lui era come me o io sono come lui...cioè creativo, ha fatto tante cose di sua inventiva
    ed era dolcissimo e spiritoso.
    Al mio compleanno, mi portava in cameretta un bigliettino, con accanto un fiore raccolto dal giardino e con dentro 10 mila lire, scrivendomi con una calligrafia non molto perfetta perchè non aveva studiato, delle parole tenere e affettuose e scusandosi che non aveva di più da darmi...
    Ma quello a me non importava, quello che mi interesava era il suo amore che me lo dimostrava con un gesto dolcissimo.
    Il cibo che mi riorda il mio adorato nonno? I pomodori fatti alla brace (senza molliche)ma con aglio e rosmarino!
    Semplici ma buonissimi!
    Notte cara Lo!
    Carla

    RispondiElimina
  29. A causa tua sono andata in fissa con la Pastamatic e sto facendo un'asta su Ebay !!! eheheheh Dopodiche se mi aggiudico l'asta mi devi spiegare tutto per benino sull'impasto! Un bacione Laura

    RispondiElimina
  30. ihihi Claud...hai visto che filmome...però quella scena è veramente buffa! Dai praticamente è tua nonna...io ho lavorato pe run secolo in unmcentro diurno anziani: ho avuto nonne e mamme a bizzeffe...ed era stupendo!

    Sirio questi oggetti che parlano delle persone della nostra vita sono meravigliosi! Un bacio

    Carla che racconto emozionante...anche tu dovresti scrivere di tuo nonno...mi sono rimepita di tenrezza pensando a quel foglietto, alle parole scritte...grazie per avermelo raccontato! un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Laura se la trovi fammi sapere...possiamo fare delle sedute di pastamatic a distanza, ma in mondovisione! ;)

    RispondiElimina
  32. perdonami se arrivo in rityardo ma ho avuto ed ho qualche problemino.
    che bello il tuo ricordo e grazie per averlo condiviso.
    bello anche l'abbinamento alla ricetta della pasta matic per restare legata a quel dolce ricordo.
    grazie davvero Lo..

    RispondiElimina
  33. oh Sunny non mi fare preoccupare...che succede? un abbraccio

    RispondiElimina
  34. io ti ho ispirata?
    nooo...mi sento così confusa e persa in questo momento.
    ci credi che anche stamattina sono partita con l'agitazione?
    eh si..che il sentiero lo so a memoria..e anche cosa dire.
    ma ogni volta è come la prima volta..perchè è così per le persone che vengono con me.
    ed oggi ho davvero faticato..visto che il nostro bellissimo lago non ha collaborato e si è nascosto dietro una luminosa nebbia.
    ma non ho mollato..e ho portato il mio gruppo fino in fondo.
    e..alla fine...il premio...
    quando mi dicono..."quando è la prossima uscita??"
    allora..so che è andata bene..che anche se faticando si sono divertiti. che sono riuscita trasmettere un pò della gioia e la felicità che sento mostrando le bellezze che ci circondano.
    sono contenta...e so che anche giovedì mi agiterò ancora!!
    hihi
    sono felice..e sono gnomaaaaaaaaaaa!!!
    grazie loryyyy...
    bacioniii

    RispondiElimina
  35. Mi hai fatto venire i brividi.......Lo ....tu sei magica!!!!!
    ti adoro in tutte le tue mille sfaccettature!!!!!un abbraccio PIppi

    RispondiElimina
  36. Bri tesoro tu mi hai ispirata e in un sacco di cose..forse proprio perchè sei così serenametne confusa e persa e sempre printa a ritrovarti...proprio come piace essere a me...e poi la tua torta di compleanno per me....il l'adoro! un abbraccio

    Laura....magica??? no!!!! sfaccettature si quelle tante...un abbraccio

    RispondiElimina