giovedì 7 agosto 2008

Where are you, Bambi?


Che i Mondiali di Ciclismo fossero un avvenimento "emotivamente forte" per Varese l'avevo intuito già qualche mese fa, quando, andata a vedere Fabio Volo a Tradate, l'ho visto, con la faccia stupita, dover posare con la bandiera dell'evento....
Certo, l'ho capito anche quando, all'impazzata, hanno iniziato ad asfaltare tutte le strade e tutte in un colpo, isolando i varesini un un mare di asfalto liquido...
Ieri sera, gaudente, sono andata a cena con un amico, ritrovo al Lido della Schiranna, lido cittadino sul Lago di Varese e, addentrandomi nella "metropoli", scopro che l'evento ciclistico lascia molti segni e che ha evidentemente segnato la mente degli abitanti locali.
Capisco: un evento come i mondiali di ciclismo è eclatante.
Capisco: il desiderio di far vedere che non siamo provinciali esplode.
..ma ragazzi, dai non è che il tipico abitante locale si distingue per genio creativo ed artistico, per gusto estetico e armonia...cioè...ragazzi...è imbarazzante!
Dovete sapere che da quando c'è l'innovazione delle rotonde, qui si esce pazzi a trovare un modo per decorarle. So per certo che alcune amministrazioni comunali hanno chiesto la consulenza di storici o artisti per farlo....cioè mica hanno deciso soli, hanno proprio chiesto aiuto....e posso immaginare che questi esperti hanno fatto un discorso condito e riverito con paroloni tipo tradizioni, tipico, tessuto sociale....e che chi li ascoltava forse pensava ai magazzini pieni di aerei vecchi che ingombravano...perché all'impazzata hanno messo aerei in tutte le rotonde...e oramai ho l'occhio, ma vi garantisco che la prima volta che spunti da una discesa, fai una curva e ti vedi un MB326, rimani un attimo perplessa....
In altri posti hanno preferito la decorazione "mucchio di ferro" arrugginito, che poi vabbè per me che sono gallina è ferro arrugginito, ma nella realtà sono i preziosi macchinari che servivano per le preziose attività dei preziosi tempi che furono....
...ma è UNO il ricordo legato all'estro geniale che ancora mi fa sorridere, che mi scalda il cuore: ricordo quello che mi è successo la mattina del 29 luglio 2005, mentre andavo al lavoro e alla rotonda della Schiranna...mi accoglie il sorriso un po' mellifluo e lo sguardo assente di un cervo....si un cervo placidamente seduto al centro delle rotonda e che non era nemmeno solo...dall'altra parte della rotonda c'era il suo fratello gemello in persona...
I cervi, per quanto si è detto e fatto un sacco di storie, e per quanto abbiamo tentato di dimostrarci che è proprio nel DNA del varesino essere un po' cervo (no comment please) alla fine stavano simpatici a tutti....erano spesso invitati a feste e loro ne portavano i segni....cartagienica, nastrini, palloncini...e tutti i Natali qualcuno ci metteva alle cornine le palline rosse....vi dico che nessuno aveva capito che ci stavano a fare alle porte della città, ma stavano simpatici.....qualcuno si è preso pure le corna e se le è portate a casina...poveri cervi scornati...
Bene, dicevo che ieri arrivo a Varese...e sotto il caro MB326 ci sono delle sagome tutte impacchettate che nascondono degli evidenti finti ciclisti su finte biciclette..."ora alla faccia della creatività" ho pensato ".....festeggiare i mondiali di ciclismo con le sagome ciclistiche è un messaggio simbolico molto diretto e innovativo...e soprattutto direi elegante e fine... "(oggi ho scoperto che è proprio vero quando si dice "si stava meglio quando si stava peggio" : le sagome non sono esseri qualsiasi, ma rappresentano le faccine allegre dei politici locali)
....ancora li che riflettevo sulle allegre sagomine...quando mi vedo spuntare a destra e a sinistra una nuova luccicante segnaletica stradale...ora io so che sono gallina e che tutto non si palesa a me con chiara lucidità...anzi...ma quei nomi indicati doverosamente in italiano e il dialetto cosa sono? ...cioè bello sapere che "Bio" in dialetto è "ul bio", ma "ul bio" cusa lè?....ahhh è un corso video di dialetto locale??? ahhhhhh
mi perplimo e il mio neurone lotta con l'immagine delle sagome e le pronunce dialettali...quando arrivo alla rotonda, alle porte della città...e ...e ...e ma i cervi dove sono?
Perché al posto dei miei due amici cervi ci sono sei cipressi dritti e svettanti?? Perché hanno messo dei simboli fallici e non hanno lasciato i cervi dalle corna perse???
Ragazzi, su su non scherziamo pleaseeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee....liberate i cervi! Sigh Sigh!
p.s. per condividere con voi la frustrazione vi faccio pure sentire l'inno mondiale...tiè! e ricordatervolo qui si respira aria pura e libertà tiè!

11 commenti:

  1. ahah!!!anche io ho visto le rotonde con gli aerei (in effetti la prima volta pensavo di avere sbagliato strada e di essere entrato in un aeroporto..)

    mmmmmmm.....ma...non è che ...per guardare un po' troppo le rotonde... va a finire che non guardi più la strada???????

    RispondiElimina
  2. Lo!! I mondiali di ciclismo: caspita.
    Noi qui abbiamo avuto solo un raduno nazionale degli alpini e un concerto degli U2, lontanamente classificabile come affine ai mondiali di ciclismo a Varese!
    Per le rotonde... qui ne abbiamo con vigna, con orto, con sassi bianchi (tipo pollicino)...
    Le tue sono imbattibili!

    RispondiElimina
  3. ahahahah!
    Certo che siamo proprio in belle mani..a me bastano le rotonde..mi gira la testa quando arrivo a casa ovunque anche nelle strade dove non ci stanno ma quelle decorate qui non le abbiamo no no no.
    Voglio anche io le rotonde con le decorazioni

    RispondiElimina
  4. Ciao Lo,mi schiero dalla parte dei bambi sfrattati!
    Le rotonde? si si,fanno diminuire la velocità ma quando sei abituato a percorrere una strada fatta in un certo modo e d'improvviso ti trovi davanti la rotonda?!?! gli mandi gli accidenti quadrati...!!
    Buona serata,da un appassionato tifoso del ciclismo nostrano,pur con le recenti ultime delusioni...!

    RispondiElimina
  5. No scusa, se qui vogliamo fare corso di lingua ti ricordo il barese-franses...
    Comunque io voto per la liberazione dei cervi scornati anche se... insomma... io incomincio ad avere qualche dubbio sulla scomparsa delle loro corna... non è che sono finite sulle teste delle sagome dei politici? Ih!Ih!Ih!

    RispondiElimina
  6. Dario...accidenti...dici che basta guardare una rotonda per uscire fuori strada??? fortuna allora che te l'ho detto io delle rotonde così tu non rischi nulla....

    uhh Claud...guarda per quanto mi riguarda l'unico evento mondiale degno di nota sarebbe un cocnerto di Lorenzo...hihihii....in ch esenso avete la rotonda con l'orto????

    Vedi Michela....qui c'è un esubero di creatività ahahha

    Sirio le rotonde spuntano come funghi...ma in effetti sono utili...è l'aereo in mezzo ch enon capisco.... :|

    Mucchina...ma tu ce l'hai il corso bares - frances sull eindicazione stradali??? ahahah effettivamente le corna lì non starebbero male....uhhhhhhhhhhhh

    RispondiElimina
  7. ciao Lo ..si letto il libro di Volo , mi son fatta anche qualche bella risata..in quanto alle rotonde sembra funzionino ( quando non ci passano direttamente sopra )ma a volte non capisco più dove mi trovo!!:-))

    RispondiElimina
  8. ahah Caty...si le rotonde funzioano...poi meno semafori, mena manutenzione, meno corrente.....è lo spreco di energia dedicato alla decorazione che mi strabilia ;)

    RispondiElimina
  9. C'è una rotonda con l'orto: pomodori, zucchine, ecc...
    quali finalità abbia, non saprei dirtelo, ma ti giuro che la gente frega la verdura (che deve essere "gasatissima")!

    RispondiElimina
  10. mmmmfinalità didattica??? certo che quelli ch esi rubano le verdure...oltre ad essere veramente fetenti ...si strafanno di skifezze....

    RispondiElimina
  11. mi fai morire...sei troppo simpatica!!!

    RispondiElimina