martedì 9 settembre 2008

Non sono capace di stare a guardare....

"Oramai mi pareva di conoscere quella sottile e innocua forma di follia: la dissociazione. Nessuno è mai a suo agio nella propria pelle, nessuno è contento di essere chi è, soddisfatto di quel che fa. Mai nessuno è felice di essere dov'è."
Un altro giro di giostra - Tiziano Terzani

Per me il vero inizio dell'anno è questo, quello in cui faccio bilanci e propositi, quello che sento forte incombere nella quotidianità, quello che mi lascia più segni e mi porta più cambiamenti, quello che è reale. E' sicuramente quello che sento di più...perché non è semplicemente una data, una notte, una festa da evitare...ma è una porta aperta, una curva a gomito, di quelle che se ti guardi indietro non vedi più quello che hai fatto, ma solo ciò che è avanti.
E' sicuramente carico di promesse, si sa che è inevitabile, ma è faticoso...sarà che amo troppo il sole e il caldo per lasciarlo andare....
Mi faccio l'elenco di tutte le cose fantastiche che verranno, di quelle a cui ho intenzione di dedicarmi, alle facce di chi incontrerò, mi concentro pensando a quanto sarà piacevole....ma l'istintivo godimento del sole, dei profumi dell'aria, dei grilli che friniscono....il primordiale bisogno di legarmi alla natura urla forte...lascio i colori forti, gli odori pungenti, il brulichio del vivere e mi devo fare piacere il lento appassire, il caldo che si spegne nei marroni e nei rossi, l'aria che diventa umida e fresca, lo scuro che si insinua lento e ruba il tempo.
Mi devo abituare all'oscillare delle scadenze, degli impegni, agli orari, agli obblighi, al fatto che chi amo deve ubbidire più di me, e anche per me, al mondo umano, alle sue regole e alle sue esigenze.
Sono infastidita, come lo si è ad ogni nuovo cambiamento, quando la testa dimentica che un inizio è anche occasione, opportunità, quando si è comodi come si è e ci si chiede perché...ma indipendentemente da me, enormemente piccola, il tempo mi guarda, ride e scorre...e io, capricciosa e mai contenta del niente, bisognosa di tutto, alla fine stizzita, mi alzo, il cuore stringe, il pugno nello stomaco si chiude, lentamente appoggio la mano su quella maniglia, ancora penso a piani di fuga, ancora provoco e minaccio di evadere, abbasso la guardia e apro, oltrepasso.
In un attimo ho addosso l'odore di tutto, in un attimo è dentro ai pori, scorre veloce, è parte di me...dove volevo fermarmi? Dove non volevo andare?

CRUMBLE DI PESCHE
100 gr di farina 00
100 gr di fiocchi di avena piccoli
80 gr di zucchero di canna grezzo
80 gr di mandorle tritate
90gr di burro

4 pesche
2 cucchiai di limoncello
zenzero
2 cucchiai di miele


Tagliare le pesche a fette e metterle a marinare con il limoncello, due cucchiai di miele e lo zenzero grattugiato (Bri consiglia di usare quello fresco, ma io non l'avevo così ho messo quello secco e ho abbondato).
Unire farina, fiocchi, zucchero, mandorle grattugiate e il burro, iniziare a mischiare e amalgamare con le mani, fino a formare tanti grumi. Ungere con il burri un pirex di vetro (22 cm), disporre tutte le pesche e distribuire il composto di farina sopra, compattarlo con le mani e livellarlo. Cuocere per 30 minuti a forno già caldo a 180°.

Ho fatto questa torta prendendo spunto dalla meravigliosa torta che Bri mi ha regalato per il mio compleanno, seguendo i consigli che mi ha dato per renderle la copertura più croccantosa proprio come piace a me!
Per la parte di frutta ho invece seguito la meravigliosa idea di Precisina...in questa torta, molto simile, che mi aveva subito stregato...non avevo le pere come detto da Bri, ma tante pesche fresche...
Le foto sono della Gran Cosse -St.Pierre la Mer

37 commenti:

  1. buongiorno bellissima!!!
    per me invece il momento in cui tiro le somme e'poco prima che scatti la mezzanotte a capodanno,in quella occasione sono infatti sempre mogia,penserosa e scontrosa...mi vedo passare un anno davanti agli occhi e so che contiene emozioni e sensazioni che nn trovero'mai piu'...certo ne provero'di nuove,ma mai uguali ;)

    RispondiElimina
  2. una torta a più mani e...il risultato è splendido...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  3. Interessante questa ricetta, ho delle pesche da consumare e non so decidere come, mi hai dato una grande idea.
    Buona giornata:-)

    RispondiElimina
  4. Ciao Carissima Lo...quanto mi piacciono le tue riflesioni, sono anche le mie sai??? al ritorno dalla vacanze...al ritorno dalle mie radici, mi rimetto in ordine dopo...ci vuole un bel po' di tempo...in questo periodo, il susseguirsi di eventi (compleanno, anniversario di matrimonio,ritorno ad un paese che non mi appartiene integralmente) mi fà riflettere molto sulla mia vita passata, sulle mie decisioni e sul fututo, non troppo lontano, pero', non riesco a progettarmi troppo lontano...sono un po' restia al futuro lontano...metto via cose che mi disturbano, ogni anno, elimino qualcosa dal mio presente che mi disturba, piccole cose quotidiane, magari un contattatto telefonico che sento non sincero...un fornitore che non rispetta orari e consegne, una padella che non mi dà più le prestazioni giuste in cucina, un 'oggetto che resta li' inutile senza emozionarmi...e mi dà l'impressione di rigenerarmi di rinascere un pochino più nuova e ricominciare ad affrontare l'inverno che piano piano arriva.

    Sei bravissima a scrivere, ti leggo sempre molto volentieri e mi trascini in senzazioni mie...hai mai pensato di fare un libro???

    Le pesche...dolcissime e molto buone cosi' come tu le hai presentate.

    RispondiElimina
  5. il crumble mi ha sempre incuriosito!! devo provarlo! baci

    RispondiElimina
  6. Ciao Lo! Ti sembro un'aliena se ti dico che il crumble non l'ho mai fatto? Non ti so dire il perchè... devo rimediare al più presto!
    Un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  7. Per me invece il momento dei resoconti è pressochè giornaliero...ma il momento più critico in assoluto è la settimana precedente il mio compleanno..lì proprio faccio la somma di quanto fatto e di quanto non ho fatto e di quanto vorrei fare...e mi deprimo.
    Mai contenta anche io.
    Sempre insoddisfatta.
    Sto imparando a tenermi occupata per pensare il meno possibile così non cado nel baratro della depressione che è sempr e lì dietro l'angolo.
    E non posso permettermi di deprimermi con i bambini non voglio trasmettere insicurezze o depressioni o malesseri che sono solo miei...per cui non devo averli e mi sto obbligando a non averli.
    Un po' paranoica no?
    Però il tuo crumble mi farebbe sentire in pace con il mondo per qualche minuto...

    RispondiElimina
  8. Buongiorno cara! Meno male che ci sei tu a tradurre in parole quello che io riesco solo a sentire dentro, mi sembra di leggere nella mia anima...
    Il crumble l'ho fatto tempo fa, ma credo non mi sia riuscito benissimo, lo riproverò con la tua ricetta :-)

    RispondiElimina
  9. Bellissime le tue riflessioni Lo!
    Quest'anno io cerco di non tirare le somme... Per noi settembre e' l'inizio dell'anno e facciamo progetti e ci proponiamo nuovi propositi.... Io per il momento aspetto, almeno per questo mese... Tutto quello che dici lo sento mio, il dover ubbidire alla societa'.... o a un certo tipo di persone, ho cercato.... me ne sono andata.... sempre... so che non e' facile per tutti, per tante problematiche che la vita ci presenta, pero' sento che al tuo fianco hai una persona che ti comprende e ti e' vicina... nei momenti difficili, appoggiati a lei e fatti cullare. La felicita' o meglio la serenita' e' nelle piccole cose e dobbiamo impare a guardarle ed apprezzarle.

    Anche io ho fatto il crumble e sono sul punto di postarlo.... una nota dolce che mi rasserena durante le mie giornate "solitarie"

    RispondiElimina
  10. Anche per me settembre è l'inizio di un nuovo periodo..
    Mi fai sempre riflettere,grazie per le perle quotidiane che ci doni!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. ciao Lo...è proprio vero...anche per me questo è l'inizio dell'anno...e che dire delle sensazioni che hai descritto? di quel non volere abbandonare l'estate e del fatto che in un attimo ci troviamo già dentro alla routine con tutte le scarpe e quasi non ci ricordiamo più dei pensieri di pochi giorni fa?! hai descritto benissimo quello che anche io provo ora...ma devo dire che quest'anno, tutto sommato, sono contenta di ricominciare!
    Il crumble non l'ho mai fatto, ma è tra i miei desideri, anzi tra i buoni propositi per l'autunno!

    RispondiElimina
  12. Siamo pensierose in questo periodo?.....belle riflessioni, credo che il tirare le somme sia fisiologico per qualsiasi persona, ma cambia la lettura del tirare le somme....un po'quel che si dice del mezzo bicchiere vuoto o pieno....e io per natura lo voglio vedere mezzo pieno.....quindi anche il tirar le somme è un passaggio che ti permette di migliorare i progetti del futuro al meglio...
    senza per questo avere aspettative
    sensazionali, e partendo semplicemente dalle cose quotidiane che ti danno soddisfazioni......
    come ti avrà dato questo crumble:-)
    ....e dato che, la vita ci pone già dei quesiti a cui a volte non sappiamo dare risposte e ci obbliga ad accettare eventi tristi che eviteremo volentieri...sfrutto al meglio i momenti sereni.....ehhh quanto ho scritto? Bacioni

    RispondiElimina
  13. Tesorina, prendo un pezzo di torta e ti ho rispedito la mail, se anche stavolta non arriva é una congiura! :-p

    RispondiElimina
  14. eheh la fine delle vacanze è il momento in cui si deve iniziare di nuovo...quindi le riflessioni sono inevitabili!!

    bellissima la ricettinaaaa!!! un bacione Lo!!! Smackkkkkk

    RispondiElimina
  15. Anche per me settembre è sempre stato un mese di bilanci, altro che 1 gennaio!!! Vediamo cosa ci riserba il futuro...progetti tanti, soldi pochi....bha? Speriamo perlomeno nella salute....
    :-))))

    RispondiElimina
  16. ...sediamoci sulla panchina e aspettiamo , il lago ha i colori rossi del tramonto e non ci sono parole da dire .Possiamo non essere noi stessi ? giammai .A volte la dolcezza induce in noi solo per farci ritrovare quello che già sapevamo. un caro saluto

    RispondiElimina
  17. Pesche e zenzero... ma dici che li posso mettere insieme anche per la macedonia?! Che idea!
    (Il crumble mi capita di farlo con i fiocchi di mais... e il malto... e... poco olio di mais.... mi parli ancora?!!)

    RispondiElimina
  18. Capisco la sensazione!
    E sperimenterò la ricetta!!
    Ciao

    RispondiElimina
  19. uhhhh oggi tempo denso...ma quante riflessioni....

    Mirtillina...ecco io invece per capodanno non ho questa sensazione, ma prorpio perchè mi strugge ora lasciare l'estate, m aper il resto è esattamente così...sapere e non sapere

    Annamaria...si era veramente buona...anche lo zio goloso del pollastro...dopo averla mangiata mi ha aperto le porte della famiglia...

    Sweet dai prova....vedrai che roba...

    Mari questa idea pratica di mettere via le cose che distrubano è bellissima, non l'ho mai fatto con consapevolezza pensandoci...decidendo di farlo...
    Tu sei una donna forte e splendida e le radici le troviin te....un abbraccio
    p.s scrivere un libro??ahhahah credo che ci si addormenterebbe alla seconda pagina

    Micaela provalo...è davvero una soddisfazione...era il mio primo crumble...poi in francia mi sono presa un libretto

    Camomilla macchè aliena....era il mio primo e se non c'erano Precy e Bri...mica lo facevo!

    Bene Michela...ecco un'altra pensatrice...ma ch ece lo fa fare di pensare tanto, di pensare sempre, di pensare anche per gli altri? resistiamo dai!

    Onde...che bello quello che mi hai detto...io gioco con le parole per trovare il mio filo...un bacio

    Dani è giusto...prendersi il tempo...è giusto sapere quando non bisogna fare ma non è da tutti riconoscere il fatto che è necessario stare sospesi...sai che durante le giornate solitarie quando ne hai voglia io prendo la mia bici e ti raggiungo per un giro al mare un bacio

    Silvietta...ma grazie di che??? grazie a te che sei splendida

    Ecco Pollinia è proprio così...il torvarsi subito in mezzo e sentire un urlo....e essere anche un po' arrabbiati perchè sai che è anche colpa tu ase un po' si dimentica

    Marta tesoro...pensierose ma positive..riflessive....il bicchiere è mezzo pieno...e le cose piccole sono il nostro tesoro segreto...anzi il nostro giardino segreto...

    Night la torta è tutta per te...mail ricevuta questa volta un bacio

    eh si Saretta...pensi pensi e ripensi...

    Grazie MissK!

    Susina....per i soldi non pensarci cura i progetti e la salute? buona!!!! ;)

    Hai ragione Caty forse è proprio ora di una passeggiata sul lago...ma ora qui è il lago è sottostress...me lo stanno torturando per i mondiali di ciclismo...un bacio

    Claud ovvio che ti parlooooooooooooooo no! Anzi ricetta on your blog...ok baby?

    Matteooooooooooooooo benvenuto nel pollaio...ci stai comodo? se sperimenti poi mi dici nèèèèèèèèèèèèè! a prestissimo

    RispondiElimina
  20. uhhhhhhhhhhhh Claud pardon...per la macedonia è perfetto! smuacks

    RispondiElimina
  21. eh si.... amica mia..... pensandoci bene... sono d'accordo, in effetti il vero inizio dell'anno, anche per me è proprio adesso (che coincide con l'inizio della scuole e di una marea di impegni in un qualche modo collegati)..ma non la vedo proprio come una curva a gomito, diciamo solo una curva dove ...girandomi a guardare indietro, posso ancora scorgere i bei ricordi dell'estate che ci ha appena lasciato... vedo però che hai scelto un'ottimo "dolce" modo per rendere meno amari i giorni che verranno, che sicuramente ti aiuterà ad accettarli con più serenità!!! (e poi..per i rigori della brutta stagione....cosa c'è di meglio dell'amicizia, per riscaldare il proprio cuore?)
    un baciotto!

    RispondiElimina
  22. Cara Lo, per me è la sera il momento in cui tiro le somme. In realtà non è un tirare le somme, ma è una sensazione di malinconia per quello che verrà dopo il mio passato, il mio presente e il mio futuro. Cioè il mio nulla. E' l'unica cosa che mi rattrista davvero. E' come se la sera volessi fermare il tempo prima che faccia notte. Un abbraccio, Cat

    RispondiElimina
  23. Si, Lo è vero...anche per me questo è momento di bilanci, del si ricomincia, dei propositi, del.. del...chi più ne ha più ne metta...il nuovo anno per me comincia ora.........e chissà....
    Quel crumble dev'esser splendido...
    un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
  24. tesoro leggerti è sempre una grande emozione!!!

    RispondiElimina
  25. per me questo, nonostante i tanti bellissimi avvenimenti è il periodo più brutto dell'anno dove la malinconia prende il sopravvento ...
    spero che arrivi prosto natale, così mi tiro un po' su ...

    RispondiElimina
  26. Eccomiiiii, wow!!! Mi piace un sacco, la (ri)mangerei all'istante!!! Bellissimo il libro di Terzani, anche la figura degli sportivi che s'affannano correndo sul tapis-roulant... per non arrivare mai da nessuna parte (emblema dei nostri giorni)... che dire, fantastico!!! Viva i bilanci settembrini... e che siano sempre in attivo, mi raccomando!!!

    RispondiElimina
  27. Un inizio di post un po' triste.....le pesche lo hanno addolcito parecchio :))

    Io il ritorno alla quotidianit' lo vedo coem una cosa positiva, da sempre...per me settebre e' un mese tranquillizzante, anche se mi dispiace che torni il buio, proprio perche' ci si mette di buzzo buono, che tutto ricomincia, e con i migliori propositi ovviamente! :)
    Ho anche ricominciato a sfruttare quella cosa strana con i pedali che staziona in casa mia, pensa un po' :))))

    RispondiElimina
  28. mirtillina ha un premio per te ;)

    RispondiElimina
  29. Dario sono abbastanza d'accordo su tutto tranne che sul dire a priori che ci saranno giorni amari...visto che poi li attribuisci a me...io me li scrollo da subito via.....

    Cat hai descritto bene quella sensazione....la stessa forse che prova un bimbo prima di addormetnarsi, la stessa che ci fa odiare i lunedì...non è una sensazione negativa. non è nè bene nè male...semplicemente è

    Simo e sarà un anno grande...che porterà un sacco di cose che come al solito affronteremo e ne saremo capaci...ora è semplicemente tutto di fronte

    un bacio bella Manu

    dai panettona....forza...sai come dobbiamo fare...dobbiamo lasciare andare...non opporre resistenza...far scorrere...se blocchi il flusso ti pesa

    Precy....allora hai letto questo libro...è stupendo...mi accompagnato su quelle spiagge...circolando nel sangue...ora ho iniziato Un indovino mi disse...e già sono emozionata...alla fine pensando quanto imparo anche quando le cose non girano, ho bilanci attivissimi! grazie per la ricetta!

    Ciboulette...i propositi li ho fatti ahahah e stamattina mi sono macinata pur eio km in bici....che soddisfazione....niente auto! ...è quella sottile malinconia, che però è anche serenità...quella della riflessione....quella che hanno raccontato un po' tutti in questi commenti :)

    uhhhhhhhhhhhh Mirtillina arrivooooooooooooo

    RispondiElimina
  30. ma nooooo Lo!!!! non volevo assolutamente attribuirti giorni amari!! ci mancherebbe!!!!!
    mannaggia... purtroppo in poche righe è facile farsi capire male!!!

    RispondiElimina
  31. Sono veramente tentato di provare una delle tue ricette, ma se mia moglie scopre da dove vengono e perché mi fa nero. In questo periodo è inspiegabilmente gelosissima... meno male che vado in giro in bici! Se avessi la ferrari...

    RispondiElimina
  32. sarebbe bello indugiare ancora un po' prima di ripartire, vero?
    per me questo periodo è come il salto in alto di un gatto: ci si raccoglie lentamente sulle zampe posteriori, si valutano bene la meta e la distanza, si annusa l'aria e... slam! ecco che si è già pronti per il nuovo inizio.
    e che inizio con queste tue pesche! le proverò certamente sabato e poi ti scrivo in quanto le avrò divorate:-P

    RispondiElimina
  33. Anche me l'inizio anno è questo. Mannaggia! Mannaggia! Rivoglio l'estate!
    Caro lo sapevo che non avresti gradito un'altra gallina vecchia nel pollaio ma lo giuro lei non fa un buon brodo come il tuo :p
    Magari domani guardandola meglio potrei scoprire che è un altro animale... fammi ritrovare gli occhiali da vista e poi ti dico :)

    RispondiElimina
  34. ihihiih Antò dille che l'hai trovata su una rivista...ahahah e poi se cucini per lei secondo me dimentica tutto!

    esattamente così Sunny :)
    p.s. passerei lì a mangiarne un po', ma sai che forse sabato ho degli amici...allora la rifo!

    Eh Mucchina...in effetti dov'è il mare???????????'''sigh sigh....si dai secondo me è foca e cavolinaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  35. Mi intrigano le penne allo zafferano ma, chiedo scusa se riporto qui la domanda, ad evitare che vada persa, cosa è la "feta"?

    RispondiElimina
  36. la feta è un formaggio greco...sodo e saporito, lo trovi tranquillamente in tutti i super nel banco frigo, di solito è in una confezione di plastica, un rettangolino preciso preciso....è tra i sapori che preferisco, da provare!

    RispondiElimina